Jump to content
Roxas97

Non c'è più sentimento tra i giovani?

Recommended Posts

castello
43 minutes ago, FreakyFred said:

Comunque castello mi ha dato un'idea. Ecco una cosa che mi interesserebbe leggere davvero: vorrei sentire i resoconti di chi ha una relazione ma ci è arrivato per una via NON "liquida".

Una mia relazione nata per via non "liquida" risale al 2004/2005, durata solo poco più di un anno; non porta bene come modalità! a me!

Un amico gay di un mio carissimo amico etero; conosciuto al compleanno di quest'ultimo. Poi frequentati, inizialmente andando al cine insieme a vedere film horror, poi una cena e passeggiando sotto la pioggia, galeotto su l'unico ombrello: ci scappò il bacio! (presi io l'iniziativa…)

In verità, ho amici gay che frequento, e ovviamente compleanni pieni di froci!  xD   Assai poco associazioni o simili; di più locali (gay street romana o eventi culturali frocieschi, tipo qualche anno fa una bella e lunga rassegna di film gay in un cinema del Pigneto).  Quindi occasioni di conoscenza soft, non mirata , sono ben presenti nella mia vita, anche quotidiana; hanno però avuta poca fortuna alla nascita di relazioni sentimentali….

Share this post


Link to post
Share on other sites
davydenkovic90
48 minutes ago, Ghost77 said:

Hmm tutte le mie storie sono iniziate così come le descrivi. Ma d'altronde qui simile attrae simile, quindi difficilmente mi sarei trovato a frequentare un "liquido" per più di due settimane senza scontrarmi. 

Idem, anche tutte le mie relazioni hanno seguito quell'iter lì, non ho mai fatto sesso con altri ragazzi quando frequentavo uno (a parte una volta ma quando la precedente relazione era ormai conclusa), non mi sono mai sentito liquido né frequentato ragazzi che lo fossero, e non è che sia stato tanto difficile trovarne, anzi.

Non sono neanche mai uscito con più ragazzi contemporaneamente tramite app, per esempio. Ne ho sempre preso uno alla volta (anche uno ogni due settimane, cioè, non stavo a fare i casting!) e dato valore a ogni incontro. Se mi piaceva e se a lui piacevo io, uscivo di nuovo con lui e non andavo di nuovo sull'app, sennò uscivo con un altro.

Edited by davydenkovic90

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ghost77
13 minutes ago, FreakyFred said:

non ti scoccia parlare in pubblico

Ma figurati 😄

In effetti nei calcoli ne mancava uno, il primo, presentatomi in un'associazione da un ragazzo con cui stavo uscendo. Altri tre in chat di cui due su irc e uno su me2.

L'ultimo nonché attuale l'ho conosciuto in un'associazione lgbt, sebbene non avessi mire perché era giovane, carino e pensavo di non interessargli neppure. Sta di fatto che quel giorno l'ho "salvato" da un vecchio bavoso che lo ammorbava mettendomici un po' in mezzo, poiché era palese lui fosse a disagio e non in grado di toglierselo di torno. E da lì qualcosa è scattato. Poco tempo dopo peraltro scoprii che il tipo non era solo bavoso ma pure psycho poiché aveva pure ricattato, anni prima, un altro mio amico ai tempi neo diciottenne. 

I miei amici invece si sono tutti conosciuti su romeo. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Almadel
2 hours ago, Uncanny said:

Per il resto quello fra mercato e sesso era un parallelo, non una metafora, quindi hai completamente frainteso. Era come già ho detto un parallelo per dire che quella che è una libertà individuale su cui in sé non c'è nulla da obiettare, se ha una certa diffusione a livello sistemico ha degli effetti che siano positivi, negativi o entrambi. E quelli negativi si possono criticare

Intanto se vuoi farmi un pippone di economia politica, ti prego almeno di proseguire col parallelismo a cui tieni.

Di PaP o del modello scandinavo non mi importa una sega se non mi espliciti cosa c'entri nel discorso.

Io non ho ancora capito quali siano secondo te gli aspetti negativi della libertà sessuale.

Sulle libertà economiche (come la globalizzazione) posso arrivarci: senza il protezionismo un povero coltivatore di fagioli che non sa fare nient'altro

verrà spazzato via dalla concorrenza di un Paese estero con costo della vita più basso, migliore tecnologia e maggiore produzione.

Ma per la libertà sessuale? Quale punto della teoria redpill vuoi difendere di preciso?

Che senza la monogamia obbligatoria le ragazze preferiscono farsi scopare

una volta l'anno da un bello (prendendo il numeretto) piuttosto che fidanzarsi con un brutto?

Non è più probabile che - pur di non fidanzarsi con un brutto - rinuncino anche a quell'unica scopata?

O ti riferisci a qualche effetto negativo che non ho colto e che non vuoi esplicitare?

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
LocoEmotivo
36 minutes ago, FreakyFred said:

vorrei sentire i resoconti di chi ha una relazione ma ci è arrivato per una via NON "liquida" [in cui] si sono frequentati per un periodo con intenzioni ben chiare ("corteggiamento", se vogliamo usare il termine), senza vedere al contempo altri o fare sesso con altri, e dopo un lasso di tempo ragionevole per rendersi conto se ci si piace trascorso in questa situazione - dunque massimo massimo direi un mese - ufficializzazione del rapporto

Tutte le mie relazioni, etero- ed omo-sessuali.
Fa un po' eccezione il mio ex storico, perché ci siamo frequentati per cento giorni (quindi ben oltre il limite da te indicato) prima che lui rispondesse positivamente alle mie proposte ripetute di metterci insieme, però credo che rientri comunque nella casistica. La nostra prima uscita fu abbastanza "liquida", in realtà, perché ci scappò un pompino non previsto (e molto sorprendente) che però non incrinò affatto il reciproco interesse e, anzi, accrebbe la voglia di continuare a sentirsi e vedersi il prima possibile. Proposito che, in effetti, attuammo una o due sere dopo.
Per quanto riguarda il mio ragazzo attuale (che spero sia l'ultimo), avevo in ballo quattro tizi (più le scopatine) prima del suo arrivo: quando è (ri)comparso lui, nessun altro ha più avuto importanza. In questo caso, il sesso è arrivato "tardi", un po' perché il corteggiamento è avvenuto sulla lunga distanza (lui a Napoli ed io a Roma), un po' perché puntavamo entrambi più sull'intimità che sul getto seminale.
L'esclusività vale anche per tutte le storielle (e sono state tante, rispetto ai miei ritmi molto blandi) che ho collezionato tra il 2015 e il 2016: ogni volta che mi sono imbattuto in un ragazzo che destava la mia attenzione, automaticamente mi concentravo su di lui e lasciavo perdere ogni possibile distrazione. In alcuni casi lasciavo Grindr sul telefono a mo' di scaramanzia, in altri lo cancellavo quando l'interesse appariva chiaro, ma comunque non accedevo e men che meno imbastivo altre uscite. Solo alla fine del 2016 avevo in contemporanea Galba, Otone, Vitellio e Costantino senza che però nessuna Ponte Milvio potesse colpirmi particolarmente: c'è voluto un quinto imperatore per capire chi era l'unico porfirogenito in mezzo a tutti quei finti pretendenti, come dicevo nel paragrafo prima, e il suo arrivo ha fatto immediata e indolore tabula rasa di ogni altra presenza.

Dunque, nel primo caso parliamo di una relazione sbocciata nel 2011 dove avevamo 28 anni (io) e 25 lui.
Nel secondo, parliamo del 2017 ed io ero prossimo ai 34 e lui ai 25 (visto che lo cercavo coetaneo, ma tant'è).
Nel terzo, io avevo dai 32 ai 33 anni e i malcapitati ne avevano... boh, si andava dai coetanei ai 18enni, con una marcata presenza di tizi con dieci anni di meno.

Se serve altro, fai un fischio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
FreakyFred

Ragazzi, mi interessano tutte le più variegate esperienze, però la domanda che ho fatto io ha confini precisi. 

 

1 minute ago, LocoEmotivo said:

però credo che rientri comunque nella casistica.

No. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
LocoEmotivo
1 minute ago, FreakyFred said:

la domanda che ho fatto io ha confini precisi

E allora escludi il mio ex storico.
Non credo che lui se la prenderà a male :asd:

Edited by LocoEmotivo

Share this post


Link to post
Share on other sites
FreakyFred
1 minute ago, LocoEmotivo said:

Per quanto riguarda il mio ragazzo attuale (che spero sia l'ultimo), avevo in ballo quattro tizi (più le scopatine) prima del suo arrivo: quando è (ri)comparso lui, nessun altro ha più avuto importanza. In questo caso, il sesso è arrivato "tardi", un po' perché il corteggiamento è avvenuto sulla lunga distanza (lui a Napoli ed io a Roma), un po' perché puntavamo entrambi più sull'intimità che sul getto seminale.

Quindi ha partecipato al "torneo", ha semplicemente avuto la fortuna di vincerlo subito. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
castello
1 hour ago, davydenkovic90 said:

Be', in effetti hai ragione, sul forum dei brutti non potrei andare a scrivere quanto sono felice con la mia ragazza e quanto mi riempie di attenzioni. Verrei mangiato vivo. 

E' però anche molto singolare che io debba censurare la mia relazione attuale proprio qui, su un forum gay, in nome di questa falsa sociologia fai-da-te corredata da percentuali (quelle non mancano mai!) che fa pendant con le psicosi del momento quando del gay non dichiarato, quando del gay (poverino) giovane e immaturo, quando del gay psichiatrico  incel (poverino anche lui, entro certi limiti).

Ne faccio pochissimi accenni qua e là, non sapete quasi niente della mia relazione, eppure ogni volta che accenno, salta fuori qualcuno che scrive che mi vanto, che sono cheap oppure, come qui, che non è un tema serio. 

 

Oddio! Ora lamenti anche tu una censura???   Questa volta sono io il censore?   ahhahahahhahah

Pensa che a me fai anche molta tenerezza quando parli del tuo ragazzo…..   :pop:

Share this post


Link to post
Share on other sites
LocoEmotivo
1 minute ago, FreakyFred said:

Quindi ha partecipato al "torneo", ha semplicemente avuto la fortuna di vincerlo subito. 

Quale torneo?
No, no.
Lui era fuori gara.
Non ha avuto nessuna fortuna: il suo era puro merito.
I quattro giravano perché nessuno aveva niente di interessante da offrirmi: lui, al contrario, aveva tutto un mondo. E mi ci sono fiondato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
davydenkovic90
Just now, castello said:

Oddio! Ora lamenti anche tu una censura???   Questa volta sono io il censore?   ahhahahahhahah

No, sono io che mi devo autocensurare, e ci riesco bene, fino a che non mi ricordo che, nel rivolgermi a un nuovo utente, leggono i soliti troll frustrati vari e cominciano a frignare

Share this post


Link to post
Share on other sites
FreakyFred

Ragazzi, ok facciamo come se non avessi detto niente, va bene? xD

I dati sono chiaramente inquinati. Ma apprezzo che siamo riusciti almeno a riportare dieci minuti di civiltà nel caos totale in cui era sprofondato il topic. 

Edited by FreakyFred

Share this post


Link to post
Share on other sites
LocoEmotivo
2 minutes ago, FreakyFred said:

Ragazzi, ok facciamo come se non avessi detto niente, va bene? xD

Col ca**o!

2 minutes ago, FreakyFred said:

I dati sono chiaramente inquinati

Ora ti spieghi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
castello
4 minutes ago, FreakyFred said:

Ragazzi, ok facciamo come se non avessi detto niente, va bene? xD

I dati sono chiaramente inquinati. Ma apprezzo che siamo riusciti almeno a riportare dieci minuti di civiltà nel caos totale in cui era sprofondato il topic. 

in effetti neanche io ho capito cosa vorresti sapere… cosa non ti è stato detto...

Share this post


Link to post
Share on other sites
FreakyFred

Che poi, per ridere: mi ricorda molto il mio lavoro questa cosa. Quando dobbiamo fare le schede sui pazienti che i medici devono riempire facciamo di tutto perché inseriscano esattamente ild ato che gli abbiamo chiesto, non di più e non di meno. Roba tipo: 

"Inserire la conta delle piastrine; inserirla SOLO SE È STATA FATTA, se non è stata fatta LASCIARE VUOTO; scriverla SOLO IN FORMATO NUMERICO senza NESSUNA AGGIUNTA, e SOLO NELL'UNITA' DI MISURA RICHIESTA (milioni mm3). Riportare solo la misurazione fatta nella PRESENTE VISITA, non contano visite precedenti, né medie né nessun altro valore. Se qualcosa non è chiaro LASCIARE VUOTO." 

E quelli ci scrivono in corsivo:

"scusate non abbiamo fatto la conta delle piastrine, però nella visita precedente abbiamo fatto quella dei globuli  rossi, ed erano quattrocentocinquantamila (non mi ricordo l'unità di misura), spero vada bene lo stesso. PS: abbiamo dei dubbi su come riempire il resto della scheda, quindi per sicurezza abbiamo scritto dappertutto ND, spero che abbiamo fatto bene"

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
castello

mi sento una cavia...

chissà perché ?!

ahahahhahahahaha

Share this post


Link to post
Share on other sites
FreakyFred
4 minutes ago, castello said:

mi sento una cavia...

chissà perché ?!

ahahahhahahahaha

Tutti sono cavie per me. Anche io stesso xD 

Dai, @LocoEmotivo, te l'abbuono. Devo riconoscere che tu hai rispettato almeno formalmente le mie "regole"... Anche se frequentare quattro persone in contemporanea è l'epitome della liquidità, quindi la tua testimonianza non può che sembrarmi un pochettino "inquinata", diciamo. Ma vabbe', registrata, meglio di niente. Grazie del contributo :D

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
castello

mmmmmm

allora, per dirla tutta,

'sto ragazzo l'ho conosciuto ai primi di settembre e il bacietto, galeotto per le sue conseguenze, c'è stato a fine ottobre….

nel frattempo, un paio di incontri li ho avuti (neanche propriamente cercati a dire il vero; contatti già esistenti..)

forse potrei dire che il fidanzamento è partito dal bacio…  (monogamia assoluta per quell'anno e mezzo circa)

 

Mentre x esempio col mio ultimo ragazzo, conosciuto su romeo ( e consumato già al primo incontro), non ho avuto altri incontri dal momento che ci siamo conosciuti ( fidanzamento  non so neanche io quando… natale? san valentino? anche lui conosciuto a  settembre, il 13, e quella era la nostra data ufficiale) ; da quando l'avevo incontrato, ho fatto sex con un altro ragazzo solo l'agosto dell'anno successivo, perché ci eravamo lasciati un brevissimo periodo. Unico diversivo negli anni che siamo stati insieme

 

Detta così sembra più seria e impegnativa la seconda; ma non è così: nel primo caso è stata una cosa graduale, non c'è neanche stato esattamente un corteggiamento, è stato più un evolversi spontaneo…   Devo anche dire che col bel romeo ho avuto subito una frequentazione assidua, quasi quotidiana….

Share this post


Link to post
Share on other sites
Krad77
2 hours ago, FreakyFred said:

Se c'è qualcuno che ha una relazione e ci è arrivato più o meno in questo modo qui, sono sinceramente interessato a sentire la sua storia.

Credo di starci dentro. Ma era il 2006... non so davvero a chi possa interessare la mia storia

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ghost77
6 hours ago, Krad77 said:

non so davvero a chi possa interessare la mia storia

Credo che le storie personali siano di gran lunga più interessanti di 13 pagine di fumo, non per nulla è calato di botto un silenzio di tranquillità e son spariti gli insulti, quindi dacci dentro pure tu 😁

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bloodstar
9 hours ago, FreakyFred said:

c'è anche gente che non ama parlare dei fatti propri senza che ciò significhi che ha robe da nascondere

Temo di rientrare in questa categoria. Ma...

58 minutes ago, Ghost77 said:

Credo che le storie personali siano di gran lunga più interessanti di 13 pagine di fumo, non per nulla è calato di botto un silenzio di tranquillità

Ergo, la mia la dico. Anche se non credo che la mia vicenda ricada dentro i confini posti di FreakyFred.

Io ho conosciuto il mio attuale ragazzo tramite un comune amico . Al momento dell'incontro nessuno dei due aveva altre mezze storie in ballo. Io venivo direttamente da un periodo di sesso occasionale su Grindr, lui no. Il "corteggiamento" è stato assurdamente lungo, protraendosi per sei mesi. Si è fatto sesso, ci si vedeva, ci si sentiva lungamente e giornalmente senza però arrivare a definirci una coppia, pur essendolo de facto. In questo lasso di tempo non ci furono altre frequentazioni per entrambi e ci fu un solo, isolato, "episodio di liquidità". Sul finire dei sei mesi io, dopo aver previamente avvertito quello che da lì a poco sarebbe divenuto il mio ragazzo, mi riscaricai Grindr e finii a letto con un partner occasionale. Sull'onda di questo episodio, ci siam messi insieme ufficialmente.

 

Edited by Bloodstar

Share this post


Link to post
Share on other sites
davydenkovic90
13 hours ago, Krad77 said:

non so davvero a chi possa interessare la mia storia

Probabilmente al topic starter, che farebbe meglio a leggere il tuo racconto (o uno qualsiasi che sia reale) piuttosto che immedesimarsi in fuffe catastrofiche dei brutti articoli cui si appassiona perché ancora non vede nulla oltre al suo orizzonte di provincia e alle poche esperienze che ha avuto.

Poi io mi trovo d'accordo con Almadel che ci sono alcune persone che se la prendono con falsi fantasmi - la società liquida - perché non accettano limiti personali, ad esempio quello banalissimo di essere poco attraenti, che non è nemmeno una colpa, ma una sfiga alla lotteria genetica.

Mi chiedo quanto viziati si debba essere stati nella vita per addossare sempre sull'universo la responsabilità dei nostri insuccessi. E soprattutto, a che serve?

E' la domanda che mi sono posto anche nel forum dei brutti. Posso certamente capire la grande sofferenza data dalla solitudine, come la frustrazione di sentirsi sempre dire da delle ragazze "non sei il mio tipo", "non mi interessa fare sesso con te", ecc. ma lo sfogo e le teorie virtuali campate in aria, le sigle che si inventano, i voti che si danno, quanti e quali risultati concreti producono, se non psicosi, frustrazioni, problemi relazionali ulteriori? 

Nel caso gay tutto questo è amplificato, perché a furia di passare il tempo a prendertela con altri gay dei tuoi insuccessi, è facile che tu diventi omofobo e quindi ancora più antipatico di quanto tu fossi in partenza, quando già eri un macigno sui coglioni.

La cosa buona è che, in questo caso, e a differenza di quanto affermano sul forum dei brutti, certe condizioni non sono malattie terminali, nel senso che basterà a qualcuno (al topic starter, per esempio) un unico incontro positivo, o un numero molto esiguo, non soltanto per smentire l'articolo iniziale, ma anche per scoraggiare l'interesse per il solito continuo repertorio di frustrazione mal nascosta dietro finta sociologia, percentuali, con allegati brutti articoli a uso e consumo incel, omofobo, vendicativo, viziatello.

E chi è venuto ai raduni mi stupisce ancora di più. Perché cavolo, non voglio essere troppo esaltante nei confronti del forum e neanche troppo di parte, ma come fai, una volta che sei stato qualche volta a cena con Almadel, Demò, Sampei, Locoemotivo, Freedog, Blood e molti altri utenti carini e coccolosi, a uscirtene proprio su queste pagine che i gay sono una massa indistinta di liquidi marci e disonesti che meriterebbero di bruciare all'inferno. 

Potrei capirlo da un ventenne che per avere qualche chance gay ha provato certe discoteche dove il massimo della carineria è stato un invito a infrattarsi in qualche dark room oppure ad andare a quella data festa e comprare la droga per l'orgia bb chemsex... allora lì sì, da quell'unico orizzonte lì, saresti titolato a dire che il mondo gay è squallido e pure a insultare i gay. Altrimenti no.

Più avanti c'è Pepsi.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Hinzelmann
33 minutes ago, Bloodstar said:

Il "corteggiamento" è stato assurdamente lungo, protraendosi per sei mesi

Per come la vedo io, i gay intanto tendono a corteggiarsi in modo "riservato"

Sia rispetto agli etero, a cui eventualmente viene detto dopo o al massimo  è fornita la notizia di una "frequentazione" ad alcuni amici selezionati ( confidenti a cui si dice il minimo ) sia rispetto ad amici e conoscenti gay rispetto a cui in genere si consuma una sorta di pausa, di distacco, che corrisponde abbastanza all'intensificazione dei rapporti con la persona corteggiata.

Ovviamente a seconda dei casi, cioè della vita sociale che si conduce, gli amici gay se ci sono, capiscono tutto subito al primo apparire del corteggiato nel gruppo ( pettegoli come siamo figuriamoci se non viene commentata la comparsa di una persona nuova accompagnata...) ma direi che questo distacco, che a volte scarta ad aperta diffidenza per protezione del conosciuto nei confronti del nuovo, tende a mantenersi ugualmente.

47 minutes ago, Bloodstar said:

Sul finire dei sei mesi io, dopo aver previamente avvertito quello che da lì a poco sarebbe divenuto il mio ragazzo, mi riscaricai Grindr e finii a letto con un partner occasionale

E poi è inevitabile che la comunità gay, per quanto virtualizzata, costituisca sempre il campo di una serie di "tentazioni", forse meno melodrammatiche oggi, rispetto a delle frequentazioni reali ( Tizio che ci prova con la persona che mi interessa pur sapendo ciò che fa, Caio che mostra interesse per me perchè mi vede interessato da un altro )

Questa fase di "indecisione" non so se sia corretto definirla "corteggiamento" - anche tu ci metti le virgolette

Da un lato si fa già sesso, dall'altro proprio perchè per proteggere la relazione nascente si è riservati, la relazione dobbiamo convalidarcela da soli.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
davydenkovic90
7 hours ago, Bloodstar said:

Al momento dell'incontro nessuno dei due aveva altre mezze storie in ballo. Io venivo direttamente da un periodo di sesso occasionale su Grindr, lui no. Il "corteggiamento" è stato assurdamente lungo, protraendosi per sei mesi. Si è fatto sesso, ci si vedeva, ci si sentiva lungamente e giornalmente senza però arrivare a definirci una coppia, pur essendolo de facto. In questo lasso di tempo non ci furono altre frequentazioni per entrambi e ci fu un solo, isolato, "episodio di liquidità". Sul finire dei sei mesi io, dopo aver previamente avvertito quello che da lì a poco sarebbe divenuto il mio ragazzo, mi riscaricai Grindr e finii a letto con un partner occasionale. Sull'onda di questo episodio, ci siam messi insieme ufficialmente.

Anche a me è andata quasi nello stesso modo nella mia ultima relazione.

Ci sono stati 6 mesi di sola amicizia, da quando ci siamo conosciuti alla prima volta che ci siamo baciati. Tra l'altro quando ci siamo conosciuti io ero fidanzato, e fra di noi, francamente, non c'era neanche tutta questa attrazione nei primi mesi, a parte quella superficiale, cioè, ci piacevamo esteticamente e forse ci stavamo anche vagamente simpatici, ma non andavamo d'accordo quasi su niente. Per 6 mesi dopo il primo bacio abbiamo vissuto quella che ironicamente io chiamavo una "non-coppia chiusa", nel senso che non ci volevamo definire una coppia, ma non per liquidità o per fare sesso con altri (infatti era "chiusa", per l'appunto) ma per paure e problemi da risolvere: io avevo avuto una storia precedente un po' sofferta e non volevo iniziarne un'altra subito per evitarmi altri terremoti, per giunta con un ragazzo con cui all'epoca non sentivo tutta questa sintonia o vicinanza, tranne che sul piano fisico (lì era molto facile sentire vicinanza, era talmente bono che non riuscivo a tenere le mani a posto). Mentre lui (tra le altre cose, poi non voglio parlare per lui) voleva prima fare coming out coi familiari e poi iniziare una relazione, in più c'erano dei cambiamenti di vita in ballo per cui forse non sembrava saggio (neanche a me) all'epoca, lasciarmi coinvolgere troppo in una relazione "ufficiale". Cioè, per me era un po' come aver vinto una somma alla lotteria: ero deciso a godermela fino in fondo ma sapevo che prima o poi sarebbe finita e cercavo di non abituarmici troppo. Scaricai grindr/romeo una volta in quei sei mesi di "non coppia", in un momento forse di eccessivo stress, ma uscii solo due volte, senza combinare granché: con un ragazzo molto gentile, in amicizia (tramite romeo) e con un altro invece in modo estemporaneo tramite grindr, solo perché era vicino a dove ero e insisteva moltissimo, ma questo era quello famoso delle foto false e del profilo fake, quindi fu una barzelletta e durò cinque minuti, non un'uscita vera e propria. 

Le mie precedenti relazioni erano state diverse perché ci eravamo piaciuti e "presi" fin dal primo momento della conoscenza, cioè: prima uscita, dopo poco (primo, max secondo incontro) bacio, dopo poco (secondo o terzo incontro) siamo finiti a letto e dopo un mese eravamo già  fidanzati da mo'. Poi alcune di queste storie sono durate pochi mesi (poche settimane, alcune), altre invece anni.

La mia relazione attuale, dopo essere stata ufficializzata, dura già da più di 2 anni.

E comunque, per la cronaca, e per Almadel, non è che voglio fare il paladino della monogamia. Come ha detto recentemente Lilli Gruber "quando mi sono sposata, non sono diventata cieca" e sono d'accordissimo con lei. Penso che capirei, sorvolerei (forse appoggerei, addirittura) eventuali sbandate del mio ragazzo (e viceversa lui sulle mie, credo). Semplicemente fino ad oggi queste sbandate non si sono avute, da parte mia anche perché tra l'altro un po' di esperienza ce l'ho, so di essere molto fortunato e che se mi buttassi sul mercato non troverei nulla di più piacevole rispetto anche solo ad andare a fare una banale passeggiatina col mio attuale. 

Devo dire che però mi divertirebbe molto, come scena comica, vedere uscire lui (cioè, che avesse un appuntamento) con uno molto "pittoresco", tipo Stefanino Carotino, tanto per citarne uno. (Linko, per chi non conoscesse... questi si che sono link importanti, altro che gli studi e le percentuali)

 

Edited by davydenkovic90

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bloodstar
9 minutes ago, davydenkovic90 said:

non ci volevamo definire una coppia, ma non per liquidità o per fare sesso con altri (infatti era "chiusa", per l'appunto) ma per paure e problemi da risolvere:

Per quanto mi (ci) riguarda, la non-definizione era più dettata da problemi d'ordine pratico e dalla quasi totale assenza di vita sociale per entrambi. Entrambi eravamo al primo anno di università, entrambi passavamo la maggior parte del nostro tempo a studiare, entrambi vivevamo soli e lontani dai nostri, entrambi eravamo sfigati e senza nessun giro di frequentazioni. 

Il problema della coppia non si era posto perché mettersi assieme ufficialmente non avrebbe cambiato minimamente la nostra routine e, anche volendo, non aremmo potuto dirlo a quasi nessuno.

Share this post


Link to post
Share on other sites
FreakyFred

@davydenkovic90, essere cattivi non è condizione né necessaria né sufficiente per essere tossici.

Comunque, Davy, @Bloodstar, abbiamo esaminato il vostro curriculum e le referenze fornite, e ci duole informarVi che altri candidati rispecchiano il profilo che cerchiamo ad un livello più elevato. Precisiamo che ciò non è da intendersi come un giudizio negativo sulla Vostra esperienza, e Vi auguriamo il massimo successo nella Vostra futura esperienza forumistica.

Share this post


Link to post
Share on other sites
davydenkovic90
6 hours ago, Bloodstar said:

Per quanto mi (ci) riguarda, la non-definizione era più dettata da problemi d'ordine pratico e dalla quasi totale assenza di vita sociale per entrambi. Entrambi eravamo al primo anno di università, entrambi passavamo la maggior parte del nostro tempo a studiare, entrambi vivevamo soli e lontani dai nostri, entrambi eravamo sfigati e senza nessun giro di frequentazioni. 

Il problema della coppia non si era posto perché mettersi assieme ufficialmente non avrebbe cambiato minimamente la nostra routine e, anche volendo, non aremmo potuto dirlo a quasi nessuno.

Sì, abbastanza diversa come situazione dalla mia. Noi eravamo già stati amici per un lungo periodo, e parlavamo in giro (anche con le famiglie) l'uno dell'altro come "amici", perché davvero non c'era nient'altro. Quando poi abbiamo iniziato a fare e provare altro che non fosse amicizia, c'era anche il problema di doverlo dire, ovvero, quando lui parlava di me (e viceversa) di  non dire più "il mio amico" ma "il mio ragazzo". Ed era un problema non da poco, soprattutto perché implicava il coming out con la famiglia, cosa che per lui era molto importante (torna a casa in media una volta ogni sei mesi e ha un legame molto stretto con tutti i familiari). Mi stupì molto quando fece coming out col padre, una volta che era ritornato a casa, senza dirmi niente prima e senza coinvolgermi, me l'ha detto solo a fatto avvenuto. Per lui fu quel momento lì, in effetti, a determinare l'ufficialità del nostro rapporto. Ed era tutta una cosa fra sé e sé, che evidentemente lui si era sempre immaginato di dover gestire in quel modo. Comunque ne ha scritto anche nel forum, mi pare.

Io ho una situazione familiare molto diversa. Per dire, ieri, 17 novembre, mia madre mi ha dato il regalo "di Natale" (parole sue, cerca solo eterne scuse per continuare a fare shopping da qui al 24) ed era il libro "Sex and the city... il sequel"...  Cioè, che ero frocio lo aveva capito prima di me e penso ne sia pure contenta, per qualche motivo naif, ma comunque contenta. Da parte mia quindi tutt'altro scenario (in quanto a remore nel definirsi fidanzati), come ho detto nell'altro post.

Ma comunque sono state remore durate sei mesi, che poi sono finite. Adesso stiamo insieme da due anni, la cosa più liquida che facciamo e abbiamo mai fatto nel nostro rapporto è il brodino la sera. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Almadel

Non mi è chiaro a che pro fare questo confronto di esperienze.

Se ci siamo fidanzati in modo "liquido" significa che la "Liquidità" non incide poi così negativamente nelle relazioni.

E se non ci siamo fidanzati in modo simile, significa che non è un fenomeno poi così tanto pervasivo.

L'unico modo per dargli ragione è dire che "Sì, in effetti finora anche io ho avuto al massimo delle scopamicizie;

i ragazzi con cui uscivo non si sono mai voluti impegnare perché speravano sempre di trovare qualcosa di meglio sui frocial".

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
marco7
3 minutes ago, davydenkovic90 said:

Sì, abbastanza diversa come situazione dalla mia. Noi eravamo già stati amici per un lungo periodo, e parlavamo in giro (anche con le famiglie) l'uno dell'altro come "amici", perché davvero non c'era nient'altro. Quando poi abbiamo iniziato a fare e provare altro che non fosse amicizia, c'era anche il problema di doverlo dire, ovvero, quando lui parlava di me (e viceversa) di  non dire più "il mio amico" ma "il mio ragazzo". 

 

Quel che non mi e' chiaro e' quando avete iniziato a fare sesso tra voi.

quando eravate 'solo amici' e non 'c'era nient'altro' (da quel che hai raccontato in precedenza sembrerebbe il caso) o quando avete iniziato a provare altro ?

qui si parla di amicizia e relazione ma non si capisce quando avete fatto sesso, se in amicizia o in relazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


  • Who Viewed the Topic

    2 members have viewed this topic:
    Krad77  castello 
×
×
  • Create New...