Jump to content
Guest Irish Dragon

Gay-Forum.it e il Mario Mieli!

Recommended Posts

Eucalipto86
8 minutes ago, castello said:

NO, TU SEI UNA PERSONA MOLTO SUPERFICIALE

una persona tanto superficiale e ignorante che sarebbe capace di mandare al macero tutta la filosofia greca (e buona parte di quella romana) per condannare la pedofilia

A parte che l'ideologia di Mieli è un accrocchio pasticciato tra le già ridicole teorie della scuola di Francoforte e teorie psicologiche ad oggi ormai considerate pseudoscienza (tipo l'inconscio freudiano) però ovviamente serve una cultura per fare questo tipo di analisi che tu non hai e non voglio sprecare troppo tempo perché alla tua età ormai niente potrà redimerti dalla tua mediocrita, sei destinato a morire stupido e incapace di ragionare.

Nella filosofia greca e romana la pedofilia non fa parte integrante di questi sistemi filosofici, è un vizio privato di aristocratici disumani, invece per Mieli è uno dei mattoni del suo impianto di ragionamento... Ma porco dio non so neanche perché ti rispondo, con te neanche i fumetti basterebbero. 

Edited by Eucalipto86

Share this post


Link to post
Share on other sites
davydenkovic90

Ho già avvertito l'admin, perché vedo che è stato inutile ricordare le linee guida del forum a determinati utenti. 

Va bene qualsiasi opinione, rispettando le diverse opinioni degli altri, a cui si può ribattere senza offendere.

E' così difficile da capire?

 

Edited by davydenkovic90

Share this post


Link to post
Share on other sites
castello
3 minutes ago, davydenkovic90 said:

Ho già avvertito l'admin, perché vedo che è stato inutile ricordare le linee guida del forum a determinati utenti. 

Va bene qualsiasi opinione, rispettando le diverse opinioni degli altri, a cui si può ribattere senza offendere.

E' così difficile da capire?

colpa tua!   

          8)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Eucalipto86
4 minutes ago, davydenkovic90 said:

Ho già avvertito l'admin, perché vedo che è stato inutile ricordare le linee guida del forum a determinati utenti. 

Va bene qualsiasi opinione, rispettando le diverse opinioni degli altri, a cui si può ribattere senza offendere.

E' così difficile da capire?

Io sono stato offeso e allo stesso modo ho ribattuto, per il resto le argomentazioni ci sono. Si chiama discussione animata, però lascia stare, immagino che nella vita reale quando due persone discutono un po' animatamente ti rifugi sotto il tavolo piangendo incapace di sopportare dei toni un po' più alti di quelli da damina ottocentesca che tu vorresti...

Edited by Eucalipto86

Share this post


Link to post
Share on other sites
castello
Just now, Eucalipto86 said:

Io sono stato offeso e allo stesso modo ho ribattuto, le argomentazioni ci sono. Si chiama discussione animata, però lascia stare, immagino che nella vita reale quando due persone discutono un po' animatamente tu ti rifugi sotto il tavolo piangendo incapace di sopportare dei toni un po' più alti di quelli da damina ottocentesca che tu vorresti...

colpa tua Davy

                  :party:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Eucalipto86
1 minute ago, castello said:

colpa tua Davy

                  :party:

Ma tu l'hai conosciuto dal vivo a questo qua? È così sfigato come appare da ciò che scrive? Cazzo quasi ogni post suo che leggo mi metto le mani nei capelli, penso ammazza che sfigatone... Chissà quante bullismo deve aver subito, non del tutto immeritato mi pare. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
castello
1 minute ago, Eucalipto86 said:

Ma tu l'hai conosciuto dal vivo a questo qua? È così sfigato come appare da ciò che scrive? Cazzo quasi ogni post suo che leggo mi metto le mani nei capelli, penso ammazza che sfigatone... Chissà quante bullismo deve aver subito, non del tutto immeritato mi pare. 

colpa tua Davy

             :party:

Share this post


Link to post
Share on other sites
davydenkovic90
13 minutes ago, Eucalipto86 said:

Io sono stato offeso e allo stesso modo ho ribattuto, le argomentazioni ci sono. Si chiama discussione animata, però lascia stare, immagino che nella vita reale quando due persone discutono un po' animatamente tu ti rifugi sotto il tavolo piangendo incapace di sopportare dei toni un po' più alti di quelli da damina ottocentesca che tu vorresti...

Regola numero uno: se sei stato offeso, segnala e non rispondere. Altrimenti il forum non è vivibile. Se qualcuno dice qualcosa che non ti trova d'accordo, ribatti, anche in modo acceso se il tema ti appassiona, ma senza offendere.

In questa community ci sono delle regole, se anche vuoi rimanere anonimo devi comunque rispettarle per il quieto vivere della community stessa. Ti ho segnalato, poi deciderà l'admin.

Ah, non raccolgo la provocazione, ma ti ricordo che l'unico che si rifugia - dietro ad un avatar, per trollare meglio senza metterci la faccia - sei tu.

9 minutes ago, Eucalipto86 said:

Cazzo quasi ogni post tuo che leggo mi metto le mani nei capelli, penso ammazza che sfigatone...

Questo sentimento è reciproco. :D 

Edited by davydenkovic90

Share this post


Link to post
Share on other sites
Almadel

Ma potete tranquillizzarvi?

Questo non è il posto giusto per discutere del personaggio Mieli.

Vi ho già invitati a parlarne nella sezione cinema dove di tratta de "Gli Anni Amari"

o di aprire una discussione fuori da qui.

E poi state calmi. Se si discute di un autore con qualcuno che non lo conosce

si citano i brani, si parla del contesto e si fissano i proprio paletti di ideologia e di metodo.

E se si bestemmia lo si fa per importanti questioni nel merito della discussione 🙂

Il tema è interessante e delicato e ci sta che urti che la sensibilità degli utenti.

Cerchiamo però di incazzarci argomentando con un minimo di rigore.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tyrael
1 minute ago, Almadel said:

E se si bestemmia lo si fa per importanti questioni nel merito della discussione 🙂

Imho la parte più bella :sisi: 

Liberatoria e goduta. Adoro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
castello
13 minutes ago, davydenkovic90 said:

Questo sentimento è reciproco. :D 

Davy mi dispiace,

ma ti ho segnalato

14 minutes ago, davydenkovic90 said:

Regola numero uno: se sei stato offeso, segnala e non rispondere. Altrimenti il forum non è vivibile. Se qualcuno dice qualcosa che non ti trova d'accordo, ribatti, anche in modo acceso se il tema ti appassiona, ma senza offendere.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
LocoEmotivo

Le parole disvelano i nostri pensieri e i pensieri rivelano chi siamo realmente.

10 hours ago, Eucalipto86 said:

atteggiamento radical shit di una certa sinistra da salotto

10 hours ago, Eucalipto86 said:

Invece tu puzzi di rincoglionito

Grazie per averci chiarito chi sei e con chi abbiamo a che fare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Eucalipto86
9 hours ago, Almadel said:

Cerchiamo però di incazzarci argomentando con un minimo di rigore.

Io ho argomentato in modo rigoroso, se tu non capisci le mie argomentazioni mi spiace per te. 

Comunque ecco qua:

<<

«Noi checche rivoluzionarie sappiamo vedere nel bambino non tanto l'Edipo, o il futuro Edipo, bensì l'essere umano potenzialmente libero. Noi, sì, possiamo amare i bambini. Possiamo desiderarli eroticamente rispondendo alla loro voglia di Eros, possiamo cogliere a viso e a braccia aperte la sensualità inebriante che profondono, possiamo fare l'amore con loro. Per questo la pederastia è tanto duramente condannata: essa rivolge messaggi amorosi al bambino che la società invece, tramite la famiglia, traumatizza, educastra, nega, calando sul suo erotismo la griglia edipica. La società repressiva eterosessuale costringe il bambino al periodo di latenza; ma il periodo di latenza non è che l’introduzione mortifera all’ergastolo di una «vita» latente. La pederastia, invece, «è una freccia di libidine scagliata verso il feto» (Francesco Ascoli)»

(Elementi di critica omosessuale, pag. 62, 2002)

Nella nota 88 si legge:

«Per pederastia intendo il desiderio erotico degli adulti per i bambini (di entrambi i sessi) e i rapporti sessuali tra adulti e bambini. Pederastia (in senso proprio) e pedofilia vengono comunemente usati come sinonimi»
(Elementi di critica omosessuale, pag. 62, 2002)>>
1 minute ago, LocoEmotivo said:

Le parole disvelano i nostri pensieri e i pensieri rivelano chi siamo realmente.

Grazie per averci chiarito chi sei e con chi abbiamo a che fare.

Guarda che ho fatto militanza rivoluzionaria per 14 anni della mia vita, quindi so bene di cosa parlo. Dubito tu abbia altrettanto capacità critica sulla tua parte politica, anche perché immagino che di quella sinistra fighetta ti faccia parte. Quella sinistra che giustifica l'apologia di un pedofilo mentalmente disastrato e ne fa un ideologo... Questa la dice lunga sulla bancarotta intellettuale della tua specie 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bloodstar
4 minutes ago, Eucalipto86 said:

Guarda che ho fatto militanza rivoluzionaria per 14 anni della mia vita

Me cojoni, militanza rivoluzionaria.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Almadel
1 minute ago, Eucalipto86 said:

Io ho argomentato in modo rigoroso, se tu non capisci le mie argomentazioni mi spiace per te.

Smettila di essere inutilmente aggressivo 🙂

Conoscevo le citazioni e mi aspettavo che tu le postassi per aprire la discussione,

visto che magari non tutti le avevano presenti.

Ero solo curioso di conoscere quelle sullo "stupro degli etero", visto che non mi viene in mente nulla.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Eucalipto86
Just now, Bloodstar said:

Me cojoni, militanza rivoluzionaria.

Sì, niente PD per me. Io milito dalla parte della razionalità, quella che non ha chi difende il pensiero di un pedofilo.

2 minutes ago, Almadel said:

Smettila di essere inutilmente aggressivo 🙂

Conoscevo le citazioni e mi aspettavo che tu le postassi per aprire la discussione,

visto che magari non tutti le avevano presenti.

Ero solo curioso di conoscere quelle sullo "stupro degli etero", visto che non mi viene in mente nulla.

Non è un impianto teorico di Mieli che in realtà gli eterosessuali siano repressi e che possano liberarsi prendendolo in quel posto? Invece io sono curioso di sapere come giustifichi il fatto che i circoli intellettuali LGBT giustifichino il pensiero di un apologeta della pedofilia.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Almadel
34 minutes ago, Eucalipto86 said:

Non è un impianto teorico di Mieli che in realtà gli eterosessuali siano repressi e che possano liberarsi prendendolo in quel posto?

Sì, lo è.

Peraltro basato su una falsa dicotomia tra eterosessualità maschile versus analità,

che direi che oggi abbiamo largamente superato; sia attraverso il coming-out degli attivi che si dichiarano gay

(e non più "etero" o "trasgressivi" come accadeva nella "omosessualità mediterranea" in cui era "frocio" solo il passivo)

sia attraverso la diffusione della pratica del "pegging" tra i maschi etero,

che si vergognano sempre meno di ammettere di farsi penetrare dalle compagne.

Questo però NON significa AFFATTO che Mario Mieli parli dello STUPRO degli eterosessuali;

se non mi sai portare nessuna citazione a favore di questa tua interpretazione capisco perché non la ricordo.

Ed è per questo che ti invitavo a un certo rigore.

45 minutes ago, Eucalipto86 said:

Invece io sono curioso di sapere come giustifichi il fatto che i circoli intellettuali LGBT giustifichino il pensiero di un apologeta della pedofilia.

Il Circolo Mario Mieli è stato fondato nel 1983.

Il Movimento LGBT prende definitivamente le distanze dalle posizioni pro-pedofilia (consensuale) all'incirca nel 1994,

nonostante un posizionamento crescente contro il NAMBLA (North American Man/Boy Love Association)

cominci già ai suoi esordi nel 1979 e prosegua durante tutti gli anni Ottanta.

Semmai io mi chiederei se non possa essere venuto il momento di cambiare nome al circolo,

visto che tali idee oggi sono repulsive. A mio avviso ciò non avviene per un misto di ignoranza e di pigrizia.

Vi fossi io iscritto vorrei che il direttivo mettesse all'ordine del giorno tale proposta in riunione plenaria.

Da fuori posso solo limitarmi a stimolare un dibattito in tal senso.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mario1944
48 minutes ago, Eucalipto86 said:

Io milito dalla parte della razionalità, quella che non ha chi difende il pensiero di un pedofilo.

Be' suppongo che così, come l'essere, anche il pensiero pedofiliaco, sia pure inteso come semplice giustificazione del comportamento, si declini in molti modi:

sarebbe da capire a quale singolarmente tu ti riferisca, affinché si possa negare che l'eventuale apologia sia irrazionale.

D'altronde molte argomentazioni, che pur appaiono disgustose od inumane, non sono necessariamente irrazionali, anzi, spesso sono fin troppo razionali!:

semmmai l'avversione comune dipende dalla diversità dei principi posti, da cui  muove quell'argomentazione razionale;  principi che poi a loro volta possono o no essere stati posti irrazionalmente, ma non necessariamente sono farina del sacco di chi deduce argomentando e comunque sia possono pur essere principi di consenso diffuso.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
marco7

Mieli era gay (e aveva sesso con maschi adulti) o pedofilo (e faceva presumibilmente sesso con minori) ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Almadel
13 minutes ago, marco7 said:

Mieli era gay (e aveva sesso con maschi adulti)

Indubbiamente gay. La sua è una posizione stupida, ma assolutamente solo teorica.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Uncanny

La difesa della pedofilia non era prerogativa di Mieli, comunque. Tutto un filone di intellettuali di sinistra afferenti in particolare il postmodernismo e il decostruzionismo la sosteneva sulla scia del '68 e della liberazione sessuale, che per loro doveva essere universale

Foucault è probabilmente il più noto, ma ci sono anche Sartre, de Beauvoir, Derrida e molti altri. Al punto che nel 1977 attraverso le pagine di Libération e Le Monde firmarono un appello diretto al parlamento francese a sostegno dell'abrogazione delle leggi sull'età del consenso, con conseguente legalizzazione di tutti i rapporti sessuali che loro definivano "consensuali" fra adulti e bambini. E sostenevano inoltre la liberazione di tutti i pedofili condannati per avere avuto rapporti con ragazzini o bambini.

https://en.wikipedia.org/wiki/French_petition_against_age_of_consent_laws

Pure Vendola nel 1985 fece dichiarazioni di apertura in tal senso, che ancora oggi gli vengono rinfacciate

"Non è facile affrontare un tema come quello della pedofilia ad esempio, cioè del diritto dei bambini ad avere una loro sessualità, ad avere rapporti tra loro, o con gli adulti - tema ancora più scabroso - e trattarne con chi la sessualità l' ha vista sempre in funzione della famiglia e dalla procreazione. Le donne, da questo punto di vista, sono notevolmente più sensibili. Ma il Pci non è un organismo matriarcale"

https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1985/03/19/il-gay-della-fgci.html

 

 

Edited by Uncanny

Share this post


Link to post
Share on other sites
prefy
12 hours ago, Eucalipto86 said:

Invece tu puzzi di rincoglionito, io sono di estrema sinistra e contro la violenza sessuale, a maggior ragione contro quella pedofila che lascia i segni peggiori. Tu invece che giustifichi un pedofilo? 

Neanche mi abbasso ad interloquire con chi offende

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mario1944

Volendo procedere a rigor razionale, anche perché Eucalipto86 ha posta la questione dell'irrazionalità della difesa della pedofilia, se si divide la sessualità in potenzialità procreativa e potenzialità voluttuaria, ammettendo dunque che possano stare lecitamente separate, è difficile poi negare di principio che della sessualità potenzialmente voluttuaria possano godere anche coloro che non abbiano capacità d'intendere e di volere;

perché infatti non si nega loro la possibilità di godere di altri piaceri fisici, come gustare cibi od ascoltare musica o simili?:

certamente si può porre un limite di misura del piacere goduto, ad esempio perché troppo cibo, pur gradevole al gusto, porta danni alla salute, ma non si può razionalmente porre un limite di natura del piacere goduto.

D'altronde è probabile che la sessualità e dunque il piacere sessuale, essendo connessi con la riproduzione della nostra specie, non potranno mai essere considerati perfettamente pari agli altri piaceri fisici e questo implica che coloro, i quali propugnino la completa liberazione sessuale, o propongano argomentazioni razionali, ma irricevibili in gran parte delle culture umane presenti e forse future oppure propongano argomentazioni irrazionali rispetto ai principi che essi stessi pongono, per giustificarsi dinanzi all'opinione comune.

 

Edited by Mario1944

Share this post


Link to post
Share on other sites
Uncanny

Farò finta di non aver letto l'ultimo intervento. Troppi bicchieri di vino a pranzo, o almeno spero

Comunque quella lettera in difesa della pedofilia, poi sottoscritta da decine e decine di intellettuali quali quelli che ho nominato, era stata scritta dallo scrittore francese Gabriel Matzneff

Ed è giusto di attualità il fatto che ora, a 83 anni, sia finalmente finito a processo dopo che una sua vittima ha pubblicato a fine 2019 un libro che ha avuto molto successo in cui lo denuncia per essere stata abusata quando lei aveva 14 anni e lui oltre 50. 

Ma prima tutti muti, è sempre stato intoccabile e pure difeso. Stimato, premiato ed acclamato dal mondo dell'editoria e dell'accademia. Questo Matzneff già negli anni '70 raccontava nel dettaglio nei suoi libri i rapporti sessuali che intratteneva con bambini anche di 8 anni e del turismo sessuale che faceva in Asia. 

Come ha scritto il New York Times, la vicenda ha «alimentato un intenso dibattito in Francia sulla sua attitudine storicamente lassista verso il sesso con i minori e ha gettato una luce particolarmente aspra su un periodo in cui alcuni dei più importanti intellettuali e giornali – come Foucault, Sartre, Libération e Le Monde — promossero aggressivamente la pratica come una forma di liberazione, o quantomeno la difesero.

https://www.ilpost.it/2020/01/08/gabriel-matzneff/

Il problema non è solo Mieli, fra i sostenitori della liberazione sessuale c'era anche chi più radicale - e non erano pochi - sosteneva la pedofilia. Filosofi famosissimi, psicologi, testate giornalistiche, scrittori, politici (vedi Vendola) e sì, anche una parte non indifferente del movimento di liberazione omosessuale

Fortuna che ci siamo lasciati alle spalle simili aberrazioni

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Almadel
2 hours ago, Uncanny said:

Foucault è probabilmente il più noto, ma ci sono anche Sartre, de Beauvoir, Derrida e molti altri. Al punto che nel 1977 attraverso le pagine di Libération e Le Monde firmarono un appello diretto al parlamento francese a sostegno dell'abrogazione delle leggi sull'età del consenso, con conseguente legalizzazione di tutti i rapporti sessuali che loro definivano "consensuali" fra adulti e bambini. E sostenevano inoltre la liberazione di tutti i pedofili condannati per avere avuto rapporti con ragazzini o bambini.

Ed è infatti questo il contesto che spiega la dedica a Mieli del circolo romano.

Per questo quando si parlava del fatto che da quegli anni ne sono passati quaranta,

a me sono sembrati davvero pochi.

Perché da quando mi parlarono per la prima volta di Mario Mieli sono passati vent'anni,

tanti quanti ne sono passati dalla sua morte al primo seminario su di lui a cui andai.

Tra la fine degli Settanta e la fine degli anni Novanta c'era già un oceano,

una distanza tale da far sembrare un rigagnolo gli ultimi vent'anni trascorsi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
marce84
14 minutes ago, Uncanny said:

Farò finta di non aver letto l'ultimo intervento.

Non fare finta, ma tieni sempre a mente: bisogna capire che tipo di persona c'è dietro ogni nickname. Poi sta al singolo se decidere di interloquirvi o ignorarne l'esistenza perchè non all'altezza di essere interlocutori (molti esistono solo come tali).

Share this post


Link to post
Share on other sites
Hinzelmann
20 minutes ago, Uncanny said:

Il problema non è solo Mieli

Su questo non c'è dubbio, ma come gay abbiamo il dovere di dire due cose

La prima è che fra i firmatari della petizione c'era Guy Hocquenghem, cioè un militante francese che potremmo ritenere l'equivalente di Mieli

La seconda è che in Francia la legislazione sull'età del consenso è sempre stata fortemente discriminatoria

Per dare una idea l'età del consenso passa da 11 ( 1832 ) a 13 anni (1863 ) e poi a 15 anni ( 1945 ) mentre per gli omosessuali era fissata a 21 anni poi abbassati a 18 anni nel 1974 ed infine equiparata a quella eterosessuale SOLO nel 1982

In parole povere il pregiudizio omosessuale sull'età del consenso muoveva non da posizioni post sessantottine E BASTA ma trovava fondamento nel fatto che esisteva una discriminazione legale abbastanza odiosa

La soluzione trovata nel 1982 grazie a MITTERAND ed alla prima presidenza socialista ha rappresentato una valida soluzione del problema MA la storia la dobbiamo raccontare tutta intera, la parte sfavorevole ma anche quella favorevole

Share this post


Link to post
Share on other sites
Uncanny

Non vedo consequenzialità né tantomeno correlazione fra critica della disparità di trattamento fra etero e gay nella legislazione sull'età del consenso e propugnazione della pedofilia

Come se oggi in Italia si sostenesse il matrimonio con i bambini perché c'è disparità di trattamento sul matrimonio che a noi gay non è permesso

Mieli la pedofilia la sosteneva in Italia dove non c'è mai stata discriminazione nell'età del consenso 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Hinzelmann

Non ho intenzione di scendere sul piano della polemica, che tanto vi appassiona e vi diverte

Chi legge questo topic ora ha gli strumenti per dare una interpretazione più corretta dei fatti

In Italia come noto i genitori di minorenni gay ricorrevano ad un'altra norma del Codice Penale e più precisamente quella del Plagio, chi vuole informarsi a riguardo può leggere del Caso Braibanti

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Uncanny

Sei tu l'unico a fare polemica qui 

E non capisco il motivo di cercare attenuanti facendo mirror climbing

 Una parte del movimento di liberazione sessuale compreso quello omosessuale sosteneva la pedofilia? Sì, è un dato di fatto

Accadeva in Francia, in Italia, negli USA (vedi il NAMBLA che fino a metà anni '80 partecipava ai Pride) e in molti altri paesi

Riconosciamo il passato e lasciamolo relegato alla storia di quegli anni

Poi nel dibattito pubblico è logico e strategico negare, non ha senso andare a dire che è vero a chi strumentalizza questi fatti per attaccare il movimento lgbt moderno come De Mari & Friends

Ma questo nulla toglie alla realtà dei fatti

Edited by Uncanny

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...