Jump to content
NewMarc

Situazione dei diritti LGBT nel mondo.

283 posts in this topic Last Reply

Recommended Posts

Mario1944
1 hour ago, Uncanny said:

L’unione civile che avevano celebrato, infatti, non garantiva loro il riconoscimento del loro legame come stabile, duraturo ed esclusivo al pari del matrimonio. Il codice civile austriaco recita infatti: “I rapporti di famiglia sono fondati sul matrimonio. Nel contratto di matrimonio due persone di sesso diverso dichiarano, conformemente alla Legge, la loro volontà di vivere un’inscindibile comunione di vita, di generare ed educare figli, e di prestarsi reciprocamente assistenza.

Ed è proprio su quel “di sesso diverso” che è sorto il dubbio di costituzionalità. I giudici costituzionali hanno ritenuto ammissibile il ricorso delle due donne per quanto riguarda il codice civile austriaco.

Il problema è che la causa del matrimonio è indicata in:

"vivere un’inscindibile comunione di vita,  generare ed educare figli e prestarsi reciprocamente assistenza".

Generare figli necessariamente implica che i membri della coppia siano di sesso diverso.

Quindi, delle due l'una:

o la Costituzione austriaca prevede un matrimonio senza generazione di figli ed allora certo il Codice civile contrasta con la Costituzione oppure non lo prevede ed allora non si capisce dove sia l'incostituzionalità del Codice civile.

Share this post


Link to post
Share on other sites
marco7
2 hours ago, Mario1944 said:

Generare figli necessariamente implica che i membri della coppia siano di sesso diverso.

Non sai che una lesbica e dello sperma umano sono sufficienti per generare un figlio ?

o che in alcuni paesi i gay uomini li possono adottare, come fanno pure delle coppie etero ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mario1944

Sic ut in tenebris caeci ....

Edited by Mario1944

Share this post


Link to post
Share on other sites
marco7
On 23/11/2017 at 1:43 PM, Mario1944 said:

Sic ut in tenebris caeci ....

Ammiriamo tutti queste citazioni dotte che nessuno capisce (o meglio: che capiscono i preti e i vescovi).

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rotwang

TPI

La Chiesa luterana di Svezia non userà più le parole “Signore” e “Lui” per riferirsi a Dio.

La decisione di non utilizzare più termini maschili per indicare la massima entità religiosa è arrivata il 23 novembre, al termine di un’assemblea durata otto giorni tra i 251 esponenti più importanti della Chiesa evangelica-luterana nazionale che ha aggiornato alcuni aspetti inerenti gli inni, la liturgia e il linguaggio da adottare nelle messe officiate dai sacerdoti.

Le modifiche introdotte, discusse dal clero svedese per oltre 30 anni, entreranno in vigore il 20 maggio 2018, in occasione della festa cristiana della Pentecoste.

La Chiesa di Svezia ha la sua sede ufficiale a Uppsala, la quarta città svedese per popolazione, e conta poco più di sei milioni di fedeli in un paese di dieci milioni di abitanti.

A capo della Chiesa di Svezia c’è una donna, l’arcivescova Antje Jackelén, che ha motivato così la scelta di non utilizzare più termini maschili per parlare di Dio: “A livello teologico sappiamo che Dio è al di sopra di determinazioni di genere. Questo perché non è umano.”

La vera e propria rivoluzione annunciata dalla Chiesa svedese è stata accolta da forti critiche.

Christer Pahlmblad, professore associato di teologia alla Sweden’s Lund University, ha detto al giornale danese “Kristeligt Dagblad” che l’abbandono dei termini “Signore” e “Lui” “rappresenta un danno alla dottrina della Trinità e a tutta la comunità religiosa”, i cui rapporti con i cristiani di altre Chiese potrebbero adesso incrinarsi.

“Non credo sia saggio da parte dei rappresentanti della Chiesa di Svezia farsi conoscere come coloro che non rispettano le tradizioni teologiche comuni”, ha aggiunto Pahlmblad.

Edited by Rotwang

Share this post


Link to post
Share on other sites
Uncanny

Il Senato australiano ha approvato il matrimonio egualitario con 43 Sì, 12 No e 17 astenuti. 

Tutti gli emendamenti peggiorativi proposti dai conservatori, riguardanti in particolare la c.d. "libertà religiosa", sono stati respinti. 

La legge sarà introdotta nella Camera dei rappresentanti, la camera bassa del parlamento australiano, all'inizio della prossima settimana per l'ultima lettura e l'approvazione definitiva.

A breve il matrimonio egualitario sarà realtà in Australia. 

http://mobile.abc.net.au/news/2017-11-29/same-sex-marriage-bill-passes-senate/9202478?pfmredir=sm&sf174657159=1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mario1944

Certo che la natura umana è ben strana:

si va da un estremo all'altro, non solo in fatto di omoerotismo.

Un medesimo comportamento che da alcuni è aborrito come gravemente offensivo per la moralità e perfino dannoso per la salute fisica e spirituale degli uomini e della loro civiltà, da altri  è giudicato pienamente lecito moralmente e perfettamente naturale fisicamente.

Mi ricorda la storia dei Callati in Erodoto che mangiavano i cadaveri dei genitori, facendo perciò indignare i Greci, ma a loro volta indignandosi che questi li bruciassero o seppellissero:

potrà mai esserci una convivenza pacifica universale se tanto profonde e persistenti sono le nostre differenze culturali e quindi comportamentali?

Share this post


Link to post
Share on other sites
davydenkovic90
8 hours ago, Mario1944 said:

Mi ricorda la storia dei Callati in Erodoto che mangiavano i cadaveri dei genitori, facendo perciò indignare i Greci, ma a loro volta indignandosi che questi li bruciassero o seppellissero

Quali comportamenti, nello specifico, paragoni a questa storia?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Uncanny

L'Austria ha legalizzato il matrimonio egualitario.

La Corte costituzionale austriaca ha dichiarato incostituzionali perché discriminatorie le norme legali che impediscono alle coppie dello stesso sesso di sposarsi, di fatto aprendo così il matrimonio anche a quest'ultime. 

Le coppie potranno sposarsi a partire dal 2019. 

Allo stesso tempo le unioni civili riservate oggi alle coppie dello stesso sesso saranno aperte anche alle coppie di sesso diverso. 

https://www.politico.eu/article/austria-gay-marriage-legalizes-same-sex/

Share this post


Link to post
Share on other sites
Uncanny

Usa, arriva alla Corte Suprema una torta per un matrimonio gay

Pasticcere si rifiutò di confezionarla: fu discriminazione?

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha appena iniziato a esaminare il ricorso di un pasticcere del Colorado, che perso una causa nei primi due gradi di giudizio perchè si è rifiutato di confezionare e una torta nuziale per una coppia gay, sostenendo che la loro scelta andava contro i suoi principi religiosi.

Il ricorso fa riferimento alla libertà di religione ed è promosso da Jack Phillips, il proprietario di Masterpiece Cakeshop di Lakewood, in Colorado: l’uomo è stato ritenuto responsabile di discriminazione in una causa civile promossa da David Mullins e Charlie Craig, i due gay, e per questo motivo ha deciso di portare il caso alla Corte Suprema.

La coppia aveva fatto ricorso alla Commissione diritti civili del Colorado, che aveva stabilito che Phillips aveva violato una legge anti-discriminazione statale. Il pasticcere aveva fatto a sua volta ricorso alla Corte d’appello del Colorado, sostenendo che la richiesta di fornire una torta nuziale alla coppia violava il suo diritto costituzionale alla libertà di parole e al libero esercizio della religione. La Corte d’appello ha stabilito che la legge anti-discriminazione è neutrale, applicabile in linea generale e non obbliga Masterpiece a “sostenere un punto di vista religioso particolare”. Semplicemente impedisce a Phillips di escludere potenziali clienti sulla base dell’orientamento sessuale.

Ma il caso è soprattutto un importante prova per capire quale sia ora la linea della Corte Suprema, che due anni fa aveva legalizzato i matrimoni tra persone dello stesso sesso negli Stati Uniti. Alcuni attivisti per i diritti gay temono che se i nove giudici dovessero dare ragione a Phillips segnalerebbero una retromarcia rispetto alla storica decisione del 2015. Inoltre fornirebbero un precedente a chi intende invocare la loro libertà di religione per negare servizi a coppie omosessuali.

La vicenda risale al 2012, quando la coppia si presentò nel negozio di Phillips per chiedere la torta nuziale. In quel periodo i matrimoni gay non erano ancora legali in Colorado.

http://www.askanews.it/esteri/2017/12/05/usa-arriva-alla-corte-suprema-una-torta-per-un-matrimonio-gay-pn_20171205_00245/

Share this post


Link to post
Share on other sites
Uncanny

In Australia il matrimonio egualitario è stato approvato in modo definitivo, dopo l'ultimo voto nella camera bassa del parlamento. ^_^

Manca solo la firma del governatore generale, il rappresentante della monarchia per conto della regina Elisabetta II, che è data per scontata e dovrebbe arrivare domani. 

Le coppie potranno cominciare a sposarsi a un mese dall'approvazione, quindi dall'8 gennaio. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mario1944
On 5/12/2017 at 8:30 PM, Uncanny said:

La coppia aveva fatto ricorso alla Commissione diritti civili del Colorado, che aveva stabilito che Phillips aveva violato una legge anti-discriminazione statale. Il pasticcere aveva fatto a sua volta ricorso alla Corte d’appello del Colorado, sostenendo che la richiesta di fornire una torta nuziale alla coppia violava il suo diritto costituzionale alla libertà di parole e al libero esercizio della religione. La Corte d’appello ha stabilito che la legge anti-discriminazione è neutrale, applicabile in linea generale e non obbliga Masterpiece a “sostenere un punto di vista religioso particolare”. Semplicemente impedisce a Phillips di escludere potenziali clienti sulla base dell’orientamento sessuale.

Certo che un pasticciere che non vuol vendere una torta ai clienti per l'uso che ne faranno....

Chissà se non venderebbe una torta se sapesse che gli acquirenti, invece che mangiarsela, la vorrebbero usare per tirarsela in faccia ;-)

Comunque, a parte le norme antidiscriminazione, la cui invocazione francamente mi sembra esagerata per il caso specifico, basterebbe, almeno  iure italico, il semplice obbligo, ovviamente per chi abbia un'attività aperta al pubblico, di non negare a qualcuno la prestazione della sua opera o la vendita dei suoi prodotti, se non per ragioni strettamente connesse con la solvibilità del cliente o con l'eseguibilità ordinaria dell'operazione.

Edited by Mario1944

Share this post


Link to post
Share on other sites
Hinzelmann

In realtà il caso dimostra che bisogna stare molto attenti a prevedere eccezioni religiose rispetto a leggi che intendano proteggere gli omosessuali dalla discriminazione e dall'omofobia

Che è esattamente il problema emerso nel dibattito sulla cd legge Scalfarotto, impantanata proprio su questo punto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Who Viewed the Topic

    8 members have viewed this topic:
    Hinzelmann  camillomago  Mak  Capricorno57  Rotwang  Tex  Almadel  Salamandro 
×