Jump to content
davydenkovic90

Mano nella mano

Recommended Posts

davydenkovic90
Mano nella mano

Per una volta cedo alla discussione intellettualoide a tema "amore romantico", più volte portata avanti su questo forum e da me sempre ritenuta poco appassionante, a meno che uno non sia  un professore di antropologia culturale, di sinistra, sui sessant'anni, che quindi ha già avuto il suo bel passato di sesso, droga e rock'n'roll.

Vengo al punto: di tutte le manifestazioni dell'amore tra coppiette che vedo in giro (e parlo di tutto il repertorio: peluche a forma di cuore, promesse d'amore eterno, regali di san valentino...) quella che mi è più incomprensibile è il camminare tenendosi per mano. Ora, a me piace tenere la mano o le mani se sono seduto o sdraiato, e anche durante un bacio o il sesso, ma mentre cammino è davvero scomodo e fastidioso per più di pochi secondi. E quindi perché tante coppie, dalle più giovani alle più attempate, si autoimpongono questo martirio, entrambi ben coscienti che la cosa sia fastidiosissima?

Uno spunto me l'ha dato una ragazzina (sconosciuta) che ho incontrato per strada in questi giorni... aveva il fidanzato (molto carino) accanto e gli stava dicendo, incazzatissima, "Io ti do la mano e tu invece la togli!" E il ragazzo un po' stupito borbottava qualcosa del tipo "Io sono tranquillo". E' una sorta di guinzaglio, una sicurezza psicologica per uno dei due o entrambi, e quindi, oltre che un modo per far capire alle altre persone che si è costituita una coppia, anche per ricordare al partner, ad ogni passo, che fa parte di una coppia. Possono esserci anche ragioni di esibizionismo, di emulazione di un atteggiamento visto fare ad altri o idealizzato. Come gli altri rituali classici da fidanzati (il viaggio di nozze in crociera, ecc. ecc.)

Per noi gay, però, assume anche un valore ulteriore e tutt'altro che frivolo e ne parliamo più spesso degli etero (Quante volte abbiamo sentito declamare la rivendicazione di essere liberi di camminare mano nella mano senza beccare commenti, occhiatine o peggio?). Per noi è anche una sorta di coming out pubblico e di rivendicazione politica.

Io non lo faccio praticamente mai, preferisco prendere a braccetto o mettere un braccio attorno al collo (comuqnue per pochi secondi e la seconda cosa la fa più lui che io perché sono più basso)... il braccetto l'ho sperimentato tante volte con mia nonna e le mie zie, e adoro, fa molto vecchietta borghese con abitino e borsettina griffati chanel che va a mangiare la fetta di torta con le amiche. Faccio le prove per quando sarò una favolosa settantenne trans e nessuno potrà più fermarmi.

La mano nella mano la trovo davvero scomoda, ripeto, e non fa parte delle mie abitudini ( e preciso che non è mia intenzione criticare chi lo fa, altrimenti poi mi trovo risposte al vetriolo dei soliti  noti)

A voi!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Almadel

Se non vuoi "criticare chi lo fa" ti consiglio di evitare frasi come "una sorta di guinzaglio"

e giudizi sull'insicurezza, sull'esibizionismo e sulla tendenza all'emulazione di chi si tiene per mano.

Share this post


Link to post
Share on other sites
faby91
4 hours ago, davydenkovic90 said:

quindi perché tante coppie, dalle più giovani alle più attempate, si autoimpongono questo martirio, entrambi ben coscienti che la cosa sia fastidiosissima?

Molto banalmente, perché per tantissime persone é un gesto normalissimo tutt'altro che fastidioso. Io da giovane con le mie ex lo facevo praticamente sempre e non c'era nessun fastidio. 

Ovviamente non sono d'accordo sulle tue teorie del guinzaglio ecc. 

Una cosa che trovo fastidiosa (e poco rispettosa in generale) é quando vedo una signora che tiene la mano nella tasca sul retro dei pantaloni di lui, sí sul culo. Io vorrei capire per quale arcano motivo devi camminare tenendo una mano sul suo culo! Capisco l'infoiamento ma basta aspettare di essere a casa. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
marco7

Tu @faby91 suppongo che col tuo ragazzo ora non tieni la mano quando vai in giro con lui e suppongo pure che se in futuro avrai una relazione con una donna potresti di nuovo tenerla per mano.

perche' dunque questa differenza di comportamento ?

Perche' non sei abituato, per non dare nell'occhio o per evitare eventualmente di venir pestato da qualcuno ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ghost77

In passato l'ho fatto, più per esigenza del mio partner, attualmente invece no. È un gesto di intimità, per me, al punto che va fatto appositamente quando ci si sente nel mood. Forse per una coppia che passeggia ci può stare e in effetti noi non passeggiamo mai col fine di passeggiare e basta, ma lo facciamo per spostarci. E uno spostamento non ha nulla di romantico o tenerello.

Mano nella mano con la borsa piena del Lidl, aww so cute 🤔

Al cinema, su un treno o un bus al lunga percorrenza, in auto, ecco lì si è più rilassati e ogni tanto ci si tocca ma è quasi una conferma di un "io ci sono, ti sto pensando", non è darsi continuamente la mano. A volte ci diamo una sgrattata sulla gamba come i cani. Frr frr. 

Di tutti gli amici avevamo solo una coppia che ogni tanto lo faceva - ora si sono lasciati-, tutti gli altri non lo fanno ma non so dirne il motivo. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
wwspr

Un aneddoto raccontato da mia nonna vuole che una coppia attempata camminasse mano per la mano lungo il borgo del suo paesino. Una malelingua appostata dietro una colonna urlò: "ça è la, ziga?!" ("cos'è, cieca?!"), suscitando l'ilarità dei passanti.

Penso che camminare mano nella mano sia un gesto piuttosto stucchevole, anche se non gli attribuirei particolari significati sociologici reconditi.

Personalmente sono allergico al romanticismo affettato, quindi non è qualcosa che mi si addice, ma concordo sul fatto che camminare a braccetto sia più dignitoso.

Share this post


Link to post
Share on other sites
freedog

mah..

a me è capitato/capita di farlo anche con amici.

esattamente come il prenderci sottobraccio per parlare fitto fitto (non vedo sta grande differenza tra le due cose, nè dò tutto sto valore sociologico al gesto)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Hinzelmann

Può starci anche la ragazzina che vuole esibire il fatto di essersi messa con un ragazzino molto carino? 

Se è la loro prima passeggiata insieme in centro, la loro prima uscita in pubblico durante lo struscio, certamente sì ; poi se resteranno fidanzati diventerà un gesto di intimità che può esprimere affetto, familiarità, protezione

Non ci vedo niente di particolarmente condannabile,  per noi gay prevale ancora nettamente l'aspetto del CO e quindi grava su di noi l'imputazione potenziale di "esibizionismo" ogni volta che mostriamo l'omosessualità in pubblico, per cui sarebbe anche controproducente fare le pulci all'esibizionismo degli altri.

Come sappiamo nel mondo islamico è radicalmente vietato tenere la mano ad una donna a cui non si sia legati da legami di parentela, il gesto è totalmente desessualizzato tanto che in qualunque strada del medio oriente vedremo solo maschi tenersi per mano. Tuttavia sono società che per lo stesso motivo l'omosessualità la criminalizzano, la condannano.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Almadel
21 minutes ago, Hinzelmann said:

tanto che in qualunque strada del medio oriente vedremo solo maschi tenersi per mano

Anche nel mio quartiere, prima che qualcuno gli spieghi che così sembrano gay 🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites
Uncanny

Non capisco tutte queste teorizzazioni da sociologo della domenica per cui tenersi per mano sarebbe un guinzaglio, una sicurezza psicologica, esibizionismo ed emulazione. Qual è la differenza in termini di significato fra il tenersi per mano e il prendersi a braccetto? Perché il primo è un guinzaglio, etc. mentre il secondo no?

Tenersi per mano e prendersi a braccetto sono dei semplici gesti d'affetto amicale (questo però solo fra donne per pregiudizio machista) o romantico codificati in tal modo dalla nostra cultura. Né più né meno. I russi si baciavano sulle labbra fra uomini come gesto amicale. Mica erano gay repressi o chissà cosa, semplicemente la loro cultura aveva codificato in quel gesto un dato significato. 

Comunque personalmente trovo molto più comodo camminare mano nella mano che a braccetto. Stare a braccetto è più fisicamente "invasivo" e limita i movimenti. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Almadel
9 minutes ago, Uncanny said:

Perché il primo è un guinzaglio, etc. mentre il secondo no?

Perché il secondo piacere farlo anche a Davi 🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ghost77

Come fate a camminare a braccetto? È scomodo, e ricorda i fidanzatini di Peynet. Non vi date le gomitate? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
wwspr
Posted (edited)
27 minutes ago, Uncanny said:

Qual è la differenza in termini di significato fra il tenersi per mano e il prendersi a braccetto?

La prima immagine che viene in mente pensando alla prima è il genitore che cammina tenendo per mano il bambino. Per questo il gesto risulta più stucchevole del camminare a braccetto. Secondo me questa è l'unica differenza.

27 minutes ago, Uncanny said:

codificati in tal modo dalla nostra cultura

Non mi sembra che Davy abbia elevato la sua interpretazione del gesto a universale. Si riferisce al camminare mano nella mano in Italia nell'anno del Signore 2019 quando dice che secondo lui il gesto è carico di possessività e quant'altro. Il fatto che in altri tempi e in altri luoghi il gesto abbia significati diversi non detrae nulla dalla tesi iniziale, mentre tu impugni la cosa come fosse la confutazione definitiva.

Edited by wwspr

Share this post


Link to post
Share on other sites
Hinzelmann

Però al di là delle preferenze personali io non credo che se un fidanzato cammina mezzo passo avanti tenendosi per mano venga interpretato come "trascinare il partner come un cane al guinzaglio" in genere chi sta mezzo passo avanti ha un atteggiamento protettivo e basta essere andati a spasso con un bambino che ti è stato affidato, per assumere "naturalmente" questa posizione del corpo. Certo può capitare che il bambino non ne voglia sapere di essere accompagnato e allora magari si fa trascinare...a quel punto in effetti può sembrare che io lo stia tenendo al guinzaglio, perchè effettivamente lui non collabora, ma fra persone adulte non funziona così...se i passi sono diversi le mani si staccano

Non ci vedo niente di stucchevole però, se mi è stato detto di accompagnare un bambino in un posto l'ho visto più che altro come una scocciatura

Insomma, come spesso gli capita@davy esaspera le caratteristiche negative di ciò che non gli piace.

Io credo che fra gay venga più naturale camminare affiancati tenendosi per mano, ma non a braccetto non avrei elementi per affermarlo mi pare una impressione

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bloodstar
Posted (edited)

Io sono logorroico e gesticolo tantissimo: anche volendo (e non voglio, perché la trovo una cosa veramente stucchevole) non potrei mai camminare mano nella mano con qualcuno. 

Edited by Bloodstar

Share this post


Link to post
Share on other sites
Uncanny
Posted (edited)
21 minutes ago, wwspr said:

Non mi sembra che Davy abbia elevato la sua interpretazione del gesto a universale. Si riferisce al camminare mano nella mano in Italia nell'anno del Signore 2019 quando dice che secondo lui il gesto è carico di possessività e quant'altro. Il fatto che in altri tempi e in altri luoghi il gesto abbia significati diversi non detrae nulla dalla tesi iniziale, mentre tu impugni la cosa come fosse la confutazione definitiva.

Non hai capito. Ho semplicemente detto che non c'è bisogno di ricercare dietrologie particolari in gesti che hanno un significato molto semplice derivato dalla cultura di riferimento. Come non c'è bisogno di vedere omosessualità repressa nei baci sulle labbra russi o negli arabi che si tengono per mano, così non c'è bisogno di vedere "un guinzaglio, una sicurezza psicologica, esibizionismo ed emulazione" nel tenersi mano per mano fra occidentali, che è un banalissimo gesto d'affetto amicale o romantico nella nostra cultura. 

Edited by Uncanny

Share this post


Link to post
Share on other sites
Hinzelmann

@bloodstar a questo punto immagino tu sia il mio +1 ed invece di stare mezzo passo avanti tenendoti per mano, per presentarti a persone che non conosci ti vedo gesticolare come il diavolo della Tasmania ed io imbarazzato a spiegare che purtroppo anche i gay possono fidanzarsi con "Teresina un ti ci porto più"

Share this post


Link to post
Share on other sites
LocoEmotivo

Io vivo il rapporto in maniera estremamente fisica: mi piace il contatto, sempre. E l'amore mio, grazie al cielo!, la pensa come me.

Quando siamo a letto ad esempio, e i nostri piedi si cercano. Mentre siamo sdraiati su un muretto o un divano e ci ritroviamo comunque abbracciati. Lo tocco durante i pasti, per una carezza o un bacetto. Lo abbraccio se siamo in piedi, e magari mi parte pure un grattino sulla sua testa.

Devo quindi pleonasticamente affermare che ci siamo praticamente consumati le mani?

Camminiamo stretti, quasi appiccicati, con ogni tempo e temperatura - e questa è la cosa che mi mancava di più quando, approcciato alla sponda omo, ho dovuto fare i conti con l'omofobia interiorizzata che mi portavo dietro e mi tenevo a debita distanza dal ragazzo del momento (cosa che succedeva anche col mio ex).

9 hours ago, davydenkovic90 said:

la cosa sia fastidiosissima

Permettimi di evidenziare una ovvietà: la cosa è fastidiosissima per te.

Io potrei cassare una relazione anche solo per questo dettaglio.

9 hours ago, davydenkovic90 said:

E' una sorta di guinzaglio

Da qui in poi sei veramente e del tutto fuori strada, ragazzo mio. Capisco che sia un atteggiamento che non rientri nelle tue corde, ma sei comunque fuori strada.

9 hours ago, davydenkovic90 said:

Per noi è anche una sorta di coming out pubblico e di rivendicazione politica

Per quanto riguarda questo punto, credo di essermi già debitamente esposto nei vari thread: prenderci visibilità vuol dire compiere tanti piccoli Pride ogni giorno, vuol dire rompere quel muro di invisibilità che per troppo tempo abbiamo dovuto costruirci intorno.

E più di una volta ci siamo esposti volutamente, come quella volta in metropolitana che un signore anziano ha cominciato a borbottare verso di noi e ci siamo messi a limonare più forte.

3 hours ago, Ghost77 said:

A volte ci diamo una sgrattata sulla gamba come i cani

Cucciolo, lui! :asd:

2 hours ago, freedog said:

a me è capitato/capita di farlo anche con amici

Il fatto di essere d'accordo con te mi spaventa, sai?

Io ho sempre avuto rapporti amicali ricchi di contatto fisico, così come ho riempito di abbracci persino le mie colleghe (i colleghi sono inevitabilmente più intrisi di idiota machismo).

1 hour ago, Ghost77 said:

camminare a braccetto [...] ricorda i fidanzatini di Peynet

Perché noi siamo poesia :sisi:

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
freedog
13 minutes ago, LocoEmotivo said:

Il fatto di essere d'accordo con te mi spaventa, sai?

sapessi a me...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bloodstar
1 hour ago, LocoEmotivo said:

o sempre avuto rapporti amicali ricchi di contatto fisico, così come ho riempito di abbracci persino le mie colleghe (i colleghi sono inevitabilmente più intrisi di idiota machismo)

Sono contento di constatare che non ho con te rapporti amicali. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
LocoEmotivo
14 minutes ago, Bloodstar said:

Sono contento di constatare che non ho con te rapporti amicali. 

Ho sorvolato sulle tue osservazioni una volta: non tenterei nuovamente la sorte, se fossi in te. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
castello

mano nella mano solo con nipotini, quindi potrei dire che per me è un pochino una sorta di guinzaglio, per dirla alla Davy

scomodissimo mettere, e trattenere, un braccio intorno al collo; e non per problemi di altezza

a braccetto o sottobraccio coi vecchietti della famiglia oppure con gli amici - stile Freedog - per parlare intensamente, intimamente, senza pause , appunto "fitto fitto"

l'atto che preferisco è decisamente cingere col braccio la vita del ragazzo col quale passeggio

e, se in vena proprio, la mano sul culo, magari nella tasca di dietro  ;P

Share this post


Link to post
Share on other sites
davydenkovic90
  • Topic Author
  • Posted (edited)
    9 hours ago, Almadel said:

    Se non vuoi "criticare chi lo fa" ti consiglio di evitare frasi come "una sorta di guinzaglio"

    e giudizi sull'insicurezza, sull'esibizionismo e sulla tendenza all'emulazione di chi si tiene per mano.

    Dove sono i giudizi, scusa?

    Ho scritto che è orribile/sbagliato tenere al guinzaglio, essere insicuri (poi io, che sarei il primo della lista), esibizionisti o emulare i cliché dell'amore romantico?

    Tutto è giusto e sbagliato allo stesso tempo, dipende dalle singole esperienze e dal combaciare delle reciproche volontà.

    Se ad esempio io mi fossi trovato un ragazzo che avesse avuto il desiderio di tenerci per mano mentre camminiamo (al netto del gesto per  rivendicazione politica, che avrei fatto senza batter ciglio) non credo avrei acconsentito perché la ritengo una cosa tra lo scomodo e l'inutile, che non mi dà alcun piacere e che non capisco (infatti ci ho aperto il topic)

    Sarebbe stato molto più interessante se tu avessi spiegato il perché a te piace.

    Edited by davydenkovic90

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Almadel

    Madonna quanta pazienza che bisogna avere con te :D

    No, io non cammino mano nella mano (ma mi sarà di sicuro capitato),

    io di norma cammino abbracciato, se ho voglia di contatto fisico.

    Sì, sei una persona molto giudicante, ma finché si tratta di sciocchezze come questa,

    è molto facile passarci sopra; quindi non serve che ti giustifichi se sei acidah  🙂

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    davydenkovic90
  • Topic Author
  • Posted (edited)
    4 hours ago, LocoEmotivo said:

    Io vivo il rapporto in maniera estremamente fisica: mi piace il contatto, sempre. E l'amore mio, grazie al cielo!, la pensa come me.

    Quando siamo a letto ad esempio, e i nostri piedi si cercano. Mentre siamo sdraiati su un muretto o un divano e ci ritroviamo comunque abbracciati. Lo tocco durante i pasti, per una carezza o un bacetto. Lo abbraccio se siamo in piedi, e magari mi parte pure un grattino sulla sua testa.

    Devo quindi pleonasticamente affermare che ci siamo praticamente consumati le mani?

    Anch'io sono molto fisico, pur non sentendo il bisogno di esserlo fuori contesto (per esempio se usciamo con altre persone qualcosa può scapparci ma non è che a pranzo col suo amico etero o a cena con Tipnick stiamo stati abbarbicati come scimmie, anche perché lo trovo maleducato ma, più che altro, fuori contesto, visto che esco a  cena per passare del tempo con terze persone, non per fare i grattini al fidanzato) 

    Capisco tutti i gesti teneri e piacevoli di cui parli, le carezze e gli abbracci sono piacevoli di per sé e io li elargisco a chiunque. E' il "mano nella mano" mentre si cammina che trovo - direi oggettivamente - piuttosto scomodo, non piacevole, anche solo il fatto di avere una mano sempre occupata, per esempio.

    Edited by davydenkovic90

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    LocoEmotivo
    5 minutes ago, Almadel said:

    io di norma cammino abbracciato, se ho voglia di contatto fisico

    O se è la sera milanese di un raduno del forum e fatichi un po' a reggerti in piedi :ghgh:

    9 minutes ago, davydenkovic90 said:

    fuori contesto

    Per me, noi siamo sempre in contesto (anche se questo dovesse dar fastidio, cosa che non escludo ma di cui mi impipo alla grande).

    Avere una sola mano libera è indubbiamente scomodo ed è il motivo per cui non uso gli ombrelli; però mi faccio ancora le seghe, quindi la questione perde la sua univocità :sisi:

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
    24 minutes ago, Almadel said:

    io di norma cammino abbracciato, se ho voglia di contatto fisico.

    se la mente non mi inganna, mi par di sovvenire che ad un raduno romano di 2-3 anni orsono noi due camminammo sottobraccio a lungo disquisendo di non ricordo cosa.

    o è un mio flash mentale?

    -data l'età avanzata, potrebbe pure esse, però st'immagine ce l'ho bella chiara in mente-

    16 minutes ago, LocoEmotivo said:

    O se è la sera milanese di un raduno del forum e fatichi un po' a reggerti in piedi 

    mò che mi ci fai pensà, effettivamente era dopo pranzo quella volta.

    che si sia appoggiato per non barcollà troppo, visto che c'aveva dato giù di alcoolici?

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    davydenkovic90
  • Topic Author
  • Posted (edited)
    36 minutes ago, LocoEmotivo said:

    Per me, noi siamo sempre in contesto (anche se questo dovesse dar fastidio, cosa che non escludo ma di cui mi impipo alla grande).

    Avere una sola mano libera è indubbiamente scomodo ed è il motivo per cui non uso gli ombrelli; però mi faccio ancora le seghe, quindi la questione perde la sua univocità :sisi:

    A scanso di equivoci, penserei la stessa cosa se fossi etero, non è che con "fuori contesto" intendo per il fatto dell'essere gay (no, qui è bene specificare tutto perché non si sa mai cosa viene recepito). Intendevo dire (ma è un'opinione mia, ribadiamolo sempre) che se io esco a cena con il mio ragazzo più eventuali terzi, quarti, ecc. intanto esco per cena, e poi esco per relazionarmi anche con gli altri con cui esco e, stando insieme da più di due anni (?) non è che sento l'impellente necessità di darci i bacetti o stringerci le mani fra una portata e l'altra.

    Ah, comunque l'ho trovato un altro cliché dell'amore romantico che capisco ancor meno - strani siete qui sul forum, state a intellettualizzare ogni singolo vostro pelo pubico, e appena poi uno propone una discussione che vi tocca forse un po' sul vivo, uno diventa "una persona molto giudicante"... va be', stendo un velo pietoso -

    ... è quello delle scritte e le dediche d'amore nei luoghi pubblici. Cosa, anche quella, per me totalmente insensata e che non ho mai voluto fare né, ovviamente, mai fatto.

    Anni fa andai ad Auschwitz e la guida ci spiegò che molti visitatori avevano inciso i letti dei deportati con le solite frasi. Non si spiegava (la guida) com'è che queste persone trovassero in un luogo del genere tutto quel romanticismo. Ovviamente saranno stati ragazzini in gita scolastica e, al netto dell'atto vandalico in sé, può pure essere poetico dar vita in questo modo a oggetti che si trovano in un luogo di morte.

    Capisco poco il vandalismo nei luoghi d'interesse storico, mentre approvo murales e scritte di qualunque genere, spiritose oppure di protesta, che magari intrattengono o fanno riflettere i passanti... ma a prendere una bomboletta per scrivere "pallina e pallino 4ever" mi sentirei proprio insulso. Ma penso ci sia un bisogno psicologico, di qualcuno, anche dietro questo tipo di gesti (sempre ritornando ai cliché dell'amore romantico)

    @freedog tenersi a braccetto è una cosa ben diversa del "mano nella mano". E' meno scomodo (per uno - quello che si appoggia - è più comodo) e serve anche per avvicinarsi in un certo momento  e chiacchierare con più intimità. Infatti anche io lo faccio spessissimo. Il mano nella mano non dà nemmeno questo tipo di intimità, secondo me.

    Edited by davydenkovic90

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
    14 minutes ago, davydenkovic90 said:

    Capisco poco il vandalismo nei luoghi d'interesse storico, mentre approvo murales e scritte di qualunque genere, spiritose oppure di protesta, che magari intrattengono o fanno riflettere i passanti... ma a prendere una bomboletta per scrivere "pallina e pallino 4ever" mi sentirei proprio insulso. Ma penso ci sia un bisogno psicologico, di qualcuno, anche dietro questo tipo di gesti (sempre ritornando ai cliché dell'amore romantico)

    se ti fai una passeggiata fuori dal reparto maternità di un qsi ospedale, trovi millemila scritte a pennarello di neopapà completamente fusi che scrivono sui muri "oggi è nata la luce dei miei occhi" "cucciol* mi*, ti vorrò bene/ti proteggerò da qui all'eternità" e simili.

    al san camillo -quando ho fatto il presidente di seggio là- ho visto ste scritte pure colla vernice sull'asfalto stradale.

    chè uno lì si chiede "ma perchè??"

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    nowhere
    6 hours ago, LocoEmotivo said:

    Io vivo il rapporto in maniera estremamente fisica: mi piace il contatto, sempre. E l'amore mio, grazie al cielo!, la pensa come me.

    Amen fratello.

    Non capisco quale sia la scomodità di camminare mano nella mano rispetto al camminare vicini.

    A me piace ed è una cosa che mi viene spontanea, senza pippe sui guinzagli annessi.

    Sono semplicemente una persona fisica e mi piace il contatto delle mani quando si cammina assieme.

    Anche perché mi dovete spiegare a cosa vi servono entrambe le mani libere per camminare, perché la mia fantasia è estremamente limitata.

    E non paragonerei il mano nella mano agli atti vandalici """romantici""" come imbrattare i muri, incidere panchine o attaccà quei maledetti ed osceni  lucchetti in giro per la città con le iniziali scritte sopra.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites

    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Reply to this topic...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


    ×
    ×
    • Create New...