Jump to content
Paedicator1987

Gay, etero e complicità maschile.

Recommended Posts

Kador88

Beh, valutando la mia compagnia, effettivamente erano sempre le tipe a rompere su quello che facevamo, ma non nego che ce ne mettevano del loro anche i miei amici omo, a volte risultando quasi più insopportabili delle ragazze stesse venendo fuori con delle scuse assurde per non fare qualcosa.

 

Di solito la complicità tra ragazzo etero e tipa non dura  a lungo, perché uno dei due lo fa per interesse di tipo romantico nel 99% dei casi...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Yukio_

Vedendo le mie amiche che inseriscono nel gruppo anche i loro ragazzi, non credo ci sia cameratismo. Possono capire cosa provano, possono confrontarsi coi dolori mestruo, si imprestano vestiti e assorbenti, ma portano nel gruppo "estranei" per farsi abbracciare.

Non mi è mai fregato nulla che al nostro cerchio si aggiungesse l'amante di turno, però io non porterei dentro il gruppo di miei amici la persona che frequento, un po' perché voglio tenere i due mondi separati, un po' perché voglio qualcosa di solo mio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pix

Da me non c'è divisione tra maschi e femmine. Potete usare quanti paroloni volete ma si tratta di misoginia!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Hinzelmann

 

 


io non porterei dentro il gruppo di miei amici la persona che frequento

 

In realtà credo sia la scelta più diffusa, a meno che il gruppo non sia

un gruppo di ragazze amiche di gay dichiarati...certo se uno decide così

- e può essere anche saggio farlo - non si può però rimproverare niente

ai maschi etero

Share this post


Link to post
Share on other sites
Almadel

Per me la compatibilità tra amici e fidanzato è fondamentale

e anche per i miei amici etero vale lo stesso.

E' anche vero che abbiamo passioni molto unisex

e non andiamo a giocare a calcetto la domenica

né a fare shopping in centro il sabato pomeriggio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Hinzelmann

Lo shopping in parte è diventato unisex, con la genialata demoniaca

del centro commerciale oramai le resistenze maschili sono crollate, è

bastato collocarci dentro il negozio di elettronica ed il negozio sportivo

e il maschio etero è crollato..vedi questi poveri mariti e fidanzati trascinati

come sacchi di patate e poi lasciati come bambini negli unici due negozi che

gli interesserebbero

 

Cioè l'unisex - visto da fuori - è insidioso perché è anche-soprattutto un marketing

di allargamento della platea del consumo, direi che occorra un minimo di cultura per

salvarsi da questa operazione ed allora si possono condividere passioni effettivamente

non connotate ( senza che implichi di fatto....spendere )

Share this post


Link to post
Share on other sites
Yukio_

In realtà credo sia la scelta più diffusa, a meno che il gruppo non sia

un gruppo di ragazze amiche di gay dichiarati...certo se uno decide così

- e può essere anche saggio farlo - non si può però rimproverare niente

ai maschi etero

Ma non c'entra se etero o meno. Conosco etero che mi amano così come sono, confuso e felice, ma è proprio la cosa di dover inserire il proprio amante nel gruppo di amici... Mi fa arretrare. Non mi vergogno di nessuno, ma è più un voler tenere per sè.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Hinzelmann

Non so cosa implica "confuso e felice"....se non ti spieghi ( ammesso che tu voglia )

 

Però non ho scritto che ti vergognavi di qualcosa, forse semmai ho preso spunto per

generalizzare, sacrificando un po' il significato individuale della tua scelta, che magari

c'è ed ha un suo valore specifico ( non intendevo banalizzare...ma se si generalizza è

un po' necessario....vedi anche sopra - intendo il sacco di patate XD E' ovvio che non

tutti i mariti-fidanzati sono effettivamente solo dei sacchi di patate...è per dare l'idea di

un fenomeno generale )

Share this post


Link to post
Share on other sites
Yukio_

Non so cosa implica "confuso e felice"....se non ti spieghi ( ammesso che tu voglia )

 

Però non ho scritto che ti vergognavi di qualcosa, forse semmai ho preso spunto per

generalizzare, sacrificando un po' il significato individuale della tua scelta, che magari

c'è ed ha un suo valore specifico ( non intendevo banalizzare...ma se si generalizza è

un po' necessario....vedi anche sopra - intendo il sacco di patate XD E' ovvio che non

tutti i mariti-fidanzati sono effettivamente solo dei sacchi di patate...è per dare l'idea di

un fenomeno generale )

Ma ci sono i sacchi di patate, eccome... Ne ho un esempio vivente nel fidanzato di un'amica.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mario1944

Di solito la complicità tra ragazzo etero e tipa non dura a lungo, perché uno dei due lo fa per interesse di tipo romantico nel 99% dei casi...

 

Che funambolico eufemismo!! ;-)

 

 

 

Beh, valutando la mia compagnia, effettivamente erano sempre le tipe a rompere su quello che facevamo, ma non nego che ce ne mettevano del loro anche i miei amici omo, a volte risultando quasi più insopportabili delle ragazze stesse venendo fuori con delle scuse assurde per non fare qualcosa.

 

Credo si debbano sempre considerare le singole persone indipendentemente dal sesso, dalla nazione, dal censo ecc., però è possibile che tendenzialmente un maschio si senta più a suo agio con altri maschi ed una femmina con altre femmine.

Ma in ogni caso secondo me è notevole che vi siano etero, siano pure solo cinque persone, i quali accolgano come pari i gay e non li assimilino alle proprie donne non solo (e non tanto) nell'astrazione ideologica, ma soprattutto nella prassi della vita quotidiana.

Edited by Mario1944

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pix

Ma in ogni caso secondo me è notevole che vi siano etero, siano pure solo cinque persone, i quali accolgano come pari i gay e non li assimilino alle proprie donne non solo (e non tanto) nell'astrazione ideologica, ma soprattutto nella prassi della vita quotidiana.

Rito tribale orgiastico tra 3...2...1...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mario1944

Le orgie erano riti sacri......

Share this post


Link to post
Share on other sites
Paedicator1987
  • Topic Author
  • Mi sembrava di avere scritto troppo per un post introduttivo, ma mi accorgo che avrei dovuto scrivere un romanzo per spiegare tutto per filo e per segno.

     

    Comunque cercherò di chiarire alcuni punti oscuri e di correggere interpretazioni sbagliate specialmente in ordine alla misoginia preventiva.

     

    1.  Il gruppo così com'è ora s'è formato negli anni per successive aggiunte e perdite.  E' arrivato a comprendere quasi venti compagni in teoria almeno, ma poi alcuno si sono dati latitanti, altri hanno rinunciato per impossibilità varie, altri sono stati esclusi per palese incompatibilità.  I componenti odierni in numero di dieci sono costanti da poco più di tre anni.

     

    2.  Del gruppo hanno fatto parte anche ragazze, alcune fidanzate ma non all'interno del gruppo, che si sono poi distaccate per ragioni varie, ma che io sappia non per misoginia più o meno dichiarata degli altri.

     

    3.  Non siamo un gruppo di trekking quanto meno non siamo specificamente orientati e  spesso stazioniamo in alberghi o in case di amici, Non abbiamo mai fatto comunque viaggi o escursioni che le compagne degli etero presenti nel gruppo non abbiamo mai fatto con i rispettivi compagni, a quanto almeno da questi riferito.

     

    4.  Le due coppie gay, di cui io sono in una, non si scambiano ordinariamente bacci, abbracci, carezze ed effusioni varie davanti agli altri per un normale senso del pudore e anche della misura e non per non urtare la sensibilità etero, come ha scritto più o meno esplicitamente qualcuno.  Questo penso avvenga comunemente in tutte le coppie gay ed etero o quanto meno avviene in quelle che conosco io, che non passano il giorno a stare abbracciati a limonare o accarezzarsi magari intimamente nemmeno davanti a parenti o amici. Talvolta accade che noi ci si scambi un bacio o un gesto d'affetto davanti agli altri, ma nulla di più di quello che farebbe una normale coppia etero non sfacciata.  Quindi il mio gesto d'affetto verso il mio ragazzo infreddolito non è stato un gesto liberatorio di chissà quale affettuosità repressa per la presenza di etero passibili di fastidio.  Del resto l'ho solo abbracciato come avrei fatto con un amico, non l'ho né baciato né accarezzato in parti intime.

     

    Se ho dimenticato di togliere qualche dubbio, fatemelo sapere.

     

    Grazie a tutti per le risposte, alcune molto interessanti.

    Edited by Paedicator1987

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Paedicator1987
  • Topic Author
  • Mi ero completamente dimenticato di questo topic!  lol

     

    A quanto sopra aggiungo che circa due anni dopo - credo nel 2016 - due donne parteciparono ad un'escursione con il solito gruppo consolidato, che aveva solo perso un membro, il gay senza fidanzato che si era stabilito all'estero per lavoro.

     

    Una delle due era la moglie del "filosofo", l'altra la già fidanzata di uno dei cinque etero, che nel frattempo l'aveva sposata.

     

    La loro partecipazione fu disastrosa...

     

    Le due donne che tra l'altro dicevano di essere amiche, si comportarono nel modo più odioso possibile non solo mettendosi in competizione tra di loro sulle cose più stupide  ma anche mettendosi sempre di traverso sulle decisioni prese di comune accordo da tutti gli altri.

     

    Una delle due, non la moglie del filosofo, arrivò anche a cercare apertamente di sedurre il mio ragazzo, che rimase molto imbarazzato, non chiaramente perché non avesse mai ricevuto avances da ragazze - è un uomo di notevole bellezza - ma perché temeva che il fatto potesse rovinare l'affiatamento del gruppo.

     

    L'anno seguente (2017) la mancata seduttrice non partecipò più mentre partecipò ancora la moglie del filosofo.

     

    Si sperava che la mancanza della concorrenza la inducesse a comportarsi in modo più consono allo spirito amichevole e collaborativo del gruppo ma sembrò invece che fosse stata stimolata a fare anche la parte di rompimento generale dell'altra.

     

    Comunque non fu più invitata dal marito.

     

     

     

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    ben81
    Posted (edited)
    On 7/6/2014 at 4:37 PM, Paedicator1987 said:

    “Voi uomini che amate ragazzi siete molto più fortunati di noi che amiamo ragazze, perché voi potete stare sempre insieme con il vostro amore, mentre noi in diverse occasioni, come questa, dobbiamo distaccarci da chi amiamo proprio per la sua diversità di sesso.”.

    Mi sembra un ragionamento piuttosto puerile: premesso che la comitiva "solo uomini" o "solo donne" sa tanto di teenager, perchè gli adulti normalmente escono in comitive miste, di solito createsi in base agli interessi, trovo offensivo il non voler da parte del tuo amico portare la moglie quando esce con i voi: evidentemente non la ritiene all'altezza per il gruppo che frequenta.

    Inoltre trovo in generale assurdo che una coppia, etero o gay che sia, abbia amici "separati": se io sto con una persona dopo un po' di tempo e di conoscenza è normale ed ovvio che i suoi amici diventino anche i miei, e viceversa...

    Edited by ben81

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Paedicator1987
  • Topic Author
  • On 3/6/2020 at 5:00 PM, ben81 said:

    trovo offensivo il non voler da parte del tuo amico portare la moglie quando esce con i voi: evidentemente non la ritiene all'altezza per il gruppo che frequenta.

    Probabile:

    ma è un problema suo.

    On 3/6/2020 at 5:00 PM, ben81 said:

    Inoltre trovo in generale assurdo che una coppia, etero o gay che sia, abbia amici "separati": se io sto con una persona dopo un po' di tempo e di conoscenza è normale ed ovvio che i suoi amici diventino anche i miei, e viceversa...

    Forse è vero per le coppie omo gay e lesbiche, mentre per le coppie etero non mi sembra tanto vero, quanto meno per quelle che conosco io.

    E poi comunque dire che sia assurdo non vuol dire niente, se agli interessati piace così.

    Al massimo puoi dire che sia vero o falso.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Lor24
    On 5/30/2020 at 5:08 PM, Paedicator1987 said:

    Probabile:

    ma è un problema suo.

    Forse è vero per le coppie omo gay e lesbiche, mentre per le coppie etero non mi sembra tanto vero, quanto meno per quelle che conosco io.

    E poi comunque dire che sia assurdo non vuol dire niente, se agli interessati piace così.

    Al massimo puoi dire che sia vero o falso.

    Be' dipende dalle coppie. In molte coppie, etero o omo, ognuno esce coi suoi amici. 

    Io ritengo che in una certa misura sia anche giusto che ognuno abbia i suoi amici, però a volte questa cosa avviene più spesso in chi è impegnato in relazioni non longeve e sa che prima o poi finiranno. Non avere amici comuni in questi casi è un modo molto più semplice di voltare pagina e si creano molti meno problemi.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    tbitch93

    Cose che gli uomini fanno e che le donne non possono fare credo ce ne siano ben poche... sul fatto della forza e della resistenza fisica in generale è vero ma bisogna vedere di quali donne e uomini stiamo parlando, ci sono donne allenatissime con molta più resistenza fisica dell’uomo medio.

    Io mi sento vicino a entrambi i generi, essendo trans sono un po’ un caso a parte, ma nonostante abbia molte amiche donne, a prescindere dall’affetto e dalla simpatia, non riesco a trovare la stessa complicità che ho con gli amici maschi. Anche se sono amiche le sento sempre un po’ distanti e se ho un problema non riesco a confidarmi con loro ma cerco sempre gli amici maschi. È un sentimento di appartenenza o di facilità di comunicazione.

    come non ho amici stretti etero, per vari motivi, il primo è che mi sono sempre trovato in situazioni dove c’erano tante donne e i pochi uomini in maggioranza erano gay, ma soprattutto perché mi sento più simile a loro perché non c’è la necessità di condivisione interessi maschili e un modo più aperto di porsi, di interagire e anche di manifestare il proprio affetto (almeno nelle persone che ho incontrato io).

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Paedicator1987
  • Topic Author
  • On 6/1/2020 at 11:21 AM, tbitch93 said:

    Cose che gli uomini fanno e che le donne non possono fare credo ce ne siano ben poche... sul fatto della forza e della resistenza fisica in generale è vero ma bisogna vedere di quali donne e uomini stiamo parlando, ci sono donne allenatissime con molta più resistenza fisica dell’uomo medio.

    Evidentemente una disparità fisica naturale c'è, altrimenti alle Olimpiadi ed in generale nelle gare atletiche uomini e donne non gareggerebbero separatamente e infatti nessuna donna - nemmeno femminista sfegatata - mi sembra si sia mala lamentata.

    On 6/1/2020 at 11:21 AM, tbitch93 said:

    Io mi sento vicino a entrambi i generi, essendo trans sono un po’ un caso a parte, ma nonostante abbia molte amiche donne, a prescindere dall’affetto e dalla simpatia, non riesco a trovare la stessa complicità che ho con gli amici maschi.

    Se lo dici tu che sei trans...

    Comunque il problema femminile nel nostro gruppo - stranamente - era degli etero, non dei gay.

    Questo fa riflettere proprio sulla complicità tra maschietti quando non i pensieri non siano distorti dall'omofobia.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites

    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Reply to this topic...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


    ×
    ×
    • Create New...