Jump to content
Sign in to follow this  
freedog

Come reagiscono nei paesi CIVILI davanti all'omofobia

Recommended Posts

freedog

Leggo sul blog di un vecchio amico il resoconto di un'aggressione omofoba (fortunatamente solo verbale)

http://anellidifum0.wordpress.com/2014/07/28/che-cose-lomofobia-il-racconto-di-federico/

e, dopo essermi mentalmente congratulato con la reazione che ha avuto TUTTA la spiaggia davanti alle berciate del matto di turno, mi chiedo:

quale sarebbe stata la reazione degli astanti se una scena del genere fosse capitata in un italico lido?

 

Beh, ho avuto un brivido freddissimo sulla schiena pensando alla risposta che mi sono dato..

Share this post


Link to post
Share on other sites
alex6998

In Italia? Tutti a fare video ridendo, ecco cosa succederebbe ed è già accaduto a due povere ragazze.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pix

In Italia non c'è rispetto per il prossimo, non si tratta solo degli omo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Dragon Shiryu

purtroppo ha ragione @Pix...

basta vedere i tg o anche leggendo le news su giornali o internet.... :/

Edited by Dragon Shiryu

Share this post


Link to post
Share on other sites
Almadel

Bisognerebbe anche chiedersi quanti di noi

difendono gli stranieri quando qualcuno li offende...

Share this post


Link to post
Share on other sites
prefy

Bisognerebbe anche chiedersi quanti stranieri sono omofobi

Share this post


Link to post
Share on other sites
Almadel

@prefy, no.

Io se devo difendere un gay da un'aggressione non chiedo se è razzista o meno

e - allo stesso modo - se devo difendere uno straniero non mi domando se sia omofobo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
freedog
  • Topic Author
  • Bisognerebbe anche chiedersi quanti di noi

    difendono gli stranieri quando qualcuno li offende...

     

    vero anche questo;

    e ti dirò di più: potresti sostituire a "stranieri" anche "ragazze" quando vengono insultate e/o aggredite in pubblica via.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    prefy

    @Almadel

    Ma cicci, il mio istinto sarebbe sempre quello di difendere chi vedo vessato, nel caso mi trovassi davanti un fan di Ahmadinejad, tu pensi che potrei permettermi di reprimere questo istinto?

    perchè se è vero, come è vero, che allorchè tu mi insulti il fatto che io ti risponda è nell'ordine naturale delle cose...ci stà anche che se io so che tu mi vorresti vedere morto in quanto gay, ti stai comportando come il tuo aggressore ed è conseguenza logica che non abbia voglia di prendere le tue difese

     

    questa benedetta reciprocità...

    Edited by prefy

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
  • Topic Author
  • Dillo a quelli che ciarlano di dittatura gay, lobby e quant' altro

    tipo http://www.agenparl.com/?p=77830

    ma secondo te, se sta fantomatica lobby gay esistesse in per sul serio (nb: è un periodo ipotetico dell'irrealtà questo!),

    staremmo combinati ancora così?

     

    Sinceramente, manco spreco il fiato a rispondere a gente così ottusa: l'ho fatto per troppi anni e m'hanno sfibrato!

    Se vi va, insultateli voi anche al posto mio.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Hinzelmann

    Una soluzione ci sarebbe scegliere un paese

    civile in cui emigrare

     

    Ah, no i gay italiani sono antisionisti dimenticavo XD

    beh allora non ci resta che la diaspora

     

    Ci disperdiamo nel mondo...certo intendo il 25%

    dei gay italiani che non si nasconde

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
  • Topic Author
  • Una soluzione ci sarebbe scegliere un paese

    civile in cui emigrare

     

    Ah, no i gay italiani sono antisionisti dimenticavo XD

    beh allora non ci resta che la diaspora

     

    Ci disperdiamo nel mondo...certo intendo il 25%

    dei gay italiani che non si nasconde

    tempo fa mi pare di aver letto diversi articoli proprio su questa "diaspora rosa",

    che analizzava le storie di tanti italici ricchioni che alla ricerca di una vita decente (lavorativa E affettiva) se ne sono andati nei 4 angoli del globo.

     

    Per quanto poco possa aver valore statistico la mia esperienza, ne conosco a decine;

    e ti dirò, la tentazione di far fagotto e andarcene ogni tanto ci viene..

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Hinzelmann

    In effetti è ciò che sta accadendo

     

    Ma l'aspetto triste è che avviene troppo in silenzio

     

    Si dovrebbe far sapere quanti gay se ne stanno andando dal paese

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
  • Topic Author
  • Cmq, per onestà intellettuale, la Spagna non è solo quel paradiso dei diritti che noi ci sognamo:

    purtroppo è anche questo

    ---

    Gay: Spagna, aggressioni in aumento, e' allarme
    235 attacchi omofobi in 6 mesi, ma il 75% vittime non denuncia

    https://www.ansa.it/ansamed/it/notizie/rubriche/cronaca/2014/07/28/gay-spagna-aggressioni-in-aumento-e-allarme_ec586b6a-d231-4738-b349-2a727f9e490c.html

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Sampei

     

     


    Ah, no i gay italiani sono antisionisti dimenticavo XD
    beh allora non ci resta che la diaspora

     

    OT---Beh se il sionismo predica di andare in un territorio in cui gli ebrei sono odiati, ci manca solo che i gay debbano introiettare la norma secondo cui devono cercare fortuna in Iran, in Russia o in Uganda... (non potevo non risponderti <3) --- fine OT

     

    Noi italiani abbiamo questa atroce condanna, quella di avere ufficialmente la peggior classe dirigente di tutte le civilità occidentali.

    Chissà se un giorno questa tendenza smetterà. Non credo però, perché servirebbe una Rivoluzione che comporti l'eliminazione fisica dell'integralità degli esponenti politici, ma questo non avverrà mai perché gli italiani per motivi culturali sono profondamente ed irreversibilmente prosistema con una perseveranza indefessa e come unico valore centrale il tornaconto economico individuale.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    NewComer

    Rajoy in Spagna sembra stia dando una notevole svolta a destra

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Hinzelmann

    Beh comunque la diaspora di fatto c'è 

     

    Anche io conosco una decina di gay che vivono all'estero

    fra cui anche un mio ex dei tempi dell'università

     

    E non necessariamente tutti vanno in paesi molto avanzati

    alcuni scelgono anche in base alle opportunità lavorative

    soprattutto i single

     

    Molti vanno anche in paesi in cui ci "odiano", ma il problema

    è quando tornano indietro XD

     

    [ Scalfarotto ha lavorato anche in Russia Lol ]

     

    Sono sicuro che chiunque - più o meno dichiarato e di età

    superiore ai 30 anni - ne conosce qualcuno

     

    Dovrebbe rimanere una testimonianza, visto che è una

    emorragia che inevitabilmente implica una perdita di identità

    almeno una contabilità

     

    Non dovremmo rimanere invisibili anche in questo

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Sampei

     

     


    Dovrebbe rimanere una testimonianza, visto che è una
    emorragia che inevitabilmente implica una perdita di identità
    almeno una contabilità

    Tempo fa avevo letto un articolo su un sito delle istutuzioni europee che si occupava dei giovani expat italiani, e nel calderone delle motivazioni si analizzava anche il fattore omofobia, però non ho mai visto delle statistiche numeriche sul fenomeno. chissà se esistono.

     

    Non vorrei dire una cosa orribile, ma il fatto che non esistano statistiche di questo genere può anche essere la tragica spia che l'emigrazione dei gay tutto sommato NON è per niente percepito come un problema sociale dai media fascioitalioti... anzi.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
  • Topic Author
  • Non vorrei dire una cosa orribile, ma il fatto che non esistano statistiche di questo genere può anche essere la tragica spia che l'emigrazione dei gay tutto sommato NON è per niente percepito come un problema sociale dai media fascioitalioti... anzi.

    probabilmente invece è così.

    Purtroppo

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Fabius81

    toh! manco a farlo apposta, guardate un po' che è uscito oggi:

    "Omofobia, la mappa dell'odio in Europa E l'Italia è il Paese che discrimina di più"

     

    http://espresso.repubblica.it/inchieste/2014/07/28/news/omofobia-la-mappa-dell-odio-in-europa-e-l-italia-e-il-paese-che-discrimina-di-piu-1.174696

     

    Indubbio che siamo ai primi posti, anche se il titolo è fuorviante, è dove c'è più discriminazione da parte dei politici, su altre siamo messi leggermente meglio, il vero inferno sembra essere l'area balcanica (Grecia e Cipro comprese), un gay albanese a cui ho detto "da voi penso che la società sia più tollerante" si è messo a ridere dicendo che avevo detto una scemenza assurda.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Lavipera

    Berciamo insieme: 1,2,3 behehehehe!

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Krad77

    In effetti è ciò che sta accadendo

     

    Ma l'aspetto triste è che avviene troppo in silenzio

     

    Si dovrebbe far sapere quanti gay se ne stanno andando dal paese

    Ma se non riusciamo a dichiararci conviventi nemmeno quando l'Istat ci garantisce l'anonimato...

    Chi se ne va sogna una vita da gay libero e dichiarato nel paese in cui arriva

    Per l'italico paesino di origine rimane etero

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Ilromantico

    @freedog sono dati reali, ma per nulla preoccupanti. Semplicemente all'aumentare la visibilità gay ne aumentano i delitti, ma 200 e passa tra cui 150 e più in Andalucia non sono proprio dati così allarmanti considerando la vasta popolazione gay visibile. La maggior parte di questi casi poi non scade nella violenza fisica, ma si tratta di insulti, vessazioni, bullismo. E lo dico perché le rare volte che succedono episodi violenti fanno abbastanza scalpore e notizia. In realtà leggendo le fonti originali, e non questi articoli da giornaletti italioti, vi dico il vero motivo di questa notizia :). La "lobby gay" spagnola da gran furbona vuol montare un "allarmismo" omofobo per spingere l'approvazione di una legge anti-omofobia all'avanguardia e unica al mondo(in sintesi chi compia qualsiasi azione omofoba avrebbe seri guai tra multe, prigione e aggravanti pesanti). Per ora ne stanno discutendo in alcune comunidades (catalunya, madrid e galicia), ma al momento non c'è stato nulla da fare. Bisognerà aspettare il nuovo governo...manca poco e dita incrociate ;)

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    schopy

    quale sarebbe stata la reazione degli astanti se una scena del genere fosse capitata in un italico lido?

    Beh, ho avuto un brivido freddissimo sulla schiena pensando alla risposta che mi sono dato..

     

    Non credo ci siano molte spiagge naturiste in Italia, ma potrei sbagliarmi.

    Ma non credo nemmeno che un'aggressione di questo tipo suggerisca agli italici astanti sentimenti di solidarietà per le vittime purtroppo.

    Io son stato aggredito verbalmente più volte da adolescente, un paio in età adulta...solo molta rabbia, purtroppo nel tempo ho "macerato" un po' quella rabbia anziché dirigerla contro i diretti responsabili.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Hinzelmann

     

     


    Per l'italico paesino di origine rimane etero

     

    Sono perfettamente consapevole del fatto che molti sarebbero capaci

    di rimanere velati, pur in Canada, perché non l'hanno detto al paesino

     

    Oltre al fatto che non tutti quelli che emigrano si iscrivono all'associazione

    italiani residenti all'estero e quindi sono rintracciabili

     

    Credo però che per quanto riguarda il governo o gli etero in generale, il

    problema non si ponga neanche : cioè se ne fregano, per loro che i gay

    se ne vadano è nella migliore delle ipotesi del tutto irrilevante, nella peggiore

    un bene ( semmai guarderanno le zone di emigrazione o il lavoro etc )

     

    E - di fatto - anche le associazioni LGBT non mi sembra abbiano preso delle

    iniziative in merito ( suppongo non gli sia mai neanche venuto in mente al di

    là della fattibilità )

     

    Se non abbiamo coscienza noi del problema, come possiamo pretendere ce

    l'abbiano gli etero?

     

    In linea del tutto teorica se io mi fido di come il circuito dei locali gestisce i miei

    dati personali quando mi tessero, potrei fidarmi anche di un registro associativo

    di gay emigrati...ma è chiaro che nel secondo caso non ci si "guadagna" niente

    lo si dovrebbe fare solo per un movente politico quindi è facile immaginare un tasso

    di adesione basso

     

     

     


    Non credo ci siano molte spiagge naturiste in Italia, ma potrei sbagliarmi.

     

    La risposta non sta in questo e lo sai...ma nel livello di autocensura

    a cui i gay italiani sono costretti o indotti dalla pressione omofobica

     

    Ma vorrei dire di più e se vogliamo di peggio, purtroppo ci sono tanti

    gay che danno ragione agli aggressori

     

    Quante volte abbiamo letto: "ma se non c'è violenza fisica non è omofobia" 

    " ma se uno va in giro la notte lo fa a suo rischio" " se uno esce coi rumeni

    se la cerca" "non bisogna provocare con l'esibizionismo" etc

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
  • Topic Author
  • volevo postare un esempio di "diaspora rosa" andato in tv; strano ma vero, addirittura da Giletti.

    Purtroppo la prima parte è stata rimossa, cmq il ricercatore universitario intervistato era n'acidone nevrotico con la classica scopa bella su nel q.

     

    Reintervistato l'anno dopo, lavorava in the USA, ed era tanto più rilassato e tantissimo più se stesso, gayezza palesata compresa.

    http://youtu.be/TMCP76hl-Cc

    Anche se non fa a chiare lettere il suo CO, non serve il microscopio per scovarlo..

     

    Ora, ceramente non è scappato SOLO per essere se stesso in tutto & per tutto, magari questo è stato solo un "effetto collaterale" dell'espatrio, però..

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    NewComer

     

     


    La "lobby gay" spagnola da gran furbona vuol montare un "allarmismo" omofobo per spingere l'approvazione di una legge anti-omofobia all'avanguardia e unica al mondo(in sintesi chi compia qualsiasi azione omofoba avrebbe seri guai tra multe, prigione e aggravanti pesanti).

     

    E nessun politico ha avuto da ridire perchè "lede la libertà di parola/espressione e discrimina gli eterosessuali?" :D non c'è più religione

     

    comunque concordo con Krad77, molti forse se ne vanno, più che per le condizioni oggettivamente migliori di altri paesi, perchè iniziare una nuova vita da dichiarato partendo da zero e lontano da casa, magari rimanendo l'etero scapolo dopo al proprio paese, è più semplice (o meglio, più comodo, per certi aspetti) rispetto al dichiararsi con famiglia, amici di lunga data e parentame vario stando in patria.

     

    Sarebbe interessante a questo proposito confrontare i dati dell'"emigrazione rosa" italiana con quelli di paesi ben più omofobi (russia, area balcanica, o anche l'ungheria che ultimamente, con il governo di estrema destra non scherza quanto a omofobia), per provare a togliere ai pochi dati che si hanno il bias dell'emigrazione per motivi di lavoro (che poi magari per i lavoratori LGBT si traduce anche in migliori condizioni di vita sociale, ma senza che la motivazione sociale costituisca il motivo principale dell'emigrazione).

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
  • Topic Author
  • Sarebbe interessante provare a togliere ai pochi dati che si hanno il bias dell'emigrazione per motivi di lavoro (che poi magari per i lavoratori LGBT si traduce anche in migliori condizioni di vita sociale, ma senza che la motivazione sociale costituisca il motivo principale dell'emigrazione).

    credo che un aspetto non escluda l'altro,

    anzi li vedo molto intrecciati tra loro!

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites

    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Reply to this topic...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

    Sign in to follow this  

    • Who Viewed the Topic

      260 members have viewed this topic:
      Isher  Luck  Mario1944  Saramandasama  Dragon Shiryu  Vivacia3But  Pugsley  Faceless  marco7  Aschenbach  Eirene  busdriver  Micioch  schopy  stronghold7  Cesco00  fra1991  pb98  clockietockie98  Mirko03  Rocco88  bydysawd  Mercante di Luce  blaabaer  Capricorno57  Tyrael  Lyronesium  Secretwindow  SempliceBoy  scorza  Fulmine81  Bullfighter4  Sokka99  Marte29  Priscilla160  Lor24  Uncanny  MARIO8530  SabrinaS  Babadook  pianist93  Almadel  Bloodstar  metalheart  davydenkovic90  DandyLion  TuoFratello  AndrejMolov89  Iron84  Skeletor  SINE  Krad77  Indice  Kiul27  paraspera  Neko  Oscuro  conrad65  Paedicator1987  Duma  freedog  Faceless  Sbuffo  cornyear  Finisterre  wwspr  gallinaCEO  LocoEmotivo  FreakyFred  Eddh828  castello  vielseitig  Quasar91  Catilina  Rocknroll  Insanity  gfy  SALMO  Skerd  seawing  Nicholas97  ByWord  lax3y  Mak  Aspis  misterbaby  Beppe_89  Dubbioso94  G4nimede  MicFrequentFlyer  ldvrsp  BeeFree  gianduiotto  Frank6835  Logo  Renton  OrfeoEuridice  Legolas69  Max11  Wildhorse  and 160 more...
    ×
    ×
    • Create New...