Jump to content

Se fossi etero, sarei più felice;


Doctoralf88

Recommended Posts

Inizio a credere che sia così;

Non riesco a trovare una persona, e se fossi etero sarebbe senza dubbio tutto più facile;

Quasi mi odio;

Scusate per lo sfogo;

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 63
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • PietroUomoDiPietra

    18

  • Almadel

    4

  • marcCA

    3

  • yalen86

    3

Lo penso anch'io, anzi ne sono convinto, mi basterebbe anche essere bisessuale (e forse lo sono boh), ma purtroppo sono fatto così e non posso cambiare, o ti rassegni o passerai un'esistenza di cacca :\

 

Non odiarti perchè non hai colpe e non ha senso XD

Edited by Hefes
Link to comment
Share on other sites

@Dragon Shiryu a volte penso che tutte le ragazze che mi corrono dietro siano sprecate, perchè perdono tempo per qualcosa che non potrebbero avere :\ l'essere bsx, in un certo senso, impedirebbe questo spreco :asd:

Link to comment
Share on other sites

"Con i se ci si fanno i palazzi", così si dice di solito. Anche io penso spesso che se pesassi come una persona normale avrei anche una vita normale; ma la situazione ora è questa.

Link to comment
Share on other sites

Per me devi prima fare pace con te stesso.

 

Quando hai capito chi sei, cosa sei, e cosa vuoi.. Puoi iniziare a cercare una persona da avere al tuo fianco,.

 

 

 

xoxo

Link to comment
Share on other sites

PietroUomoDiPietra

Mi è capitato spesso di pensare a "se fossi etero....". Ma dopo aver perso un bel po' di tempo a liberarmi dell'influenza nefasta delle letture di psicoanalisi che mi sono autoinflitto in gioventù, sono arrivato alla conclusione che se anche fossi etero... sarei sfigato lo stesso, punto e basta. In effetti se osservate con attenzione il mondo etero troverete moltissime persone che, a parte l'andare con una persona dell'altro sesso anziché con una del proprio, vivono esattamente allo stesso modo di tantissimi gay: nessuna relazione stabile, nessuna reale capacità di pianificare una vita privata a lungo termine, una forte o anche fortissima promiscuità ecc.... e dulcis in fundo (si fa per dire), turismo sessuale a tutto andare, soprattutto per chi ha soldi da spendere. Ingine, buon ultimo, un cospicuo aumento di storie, unioni e matrimoni che naufragano una volta che i vincoli a mantenere in piedi un rapporto (non ultimi quelli economici) si allentano o saltano del tutto.

 

Insomma non facciamoci prendere dalla versione "gay" del vecchio vizio di vedere l'erba del vicino come più verde della propria perché non è affatto così: per far funzionare le cose anche per gli etero ci vuol ben altro che un pisello che tira da una parte piuttosto che dall'altra...

 

Ciao

Link to comment
Share on other sites

Pensare che basterebbe accettarsi pienamente per essere allo stesso livello degli etero, non dico felici perché non esistono persone felici.

Link to comment
Share on other sites

PietroUomoDiPietra

beh nel mio caso non c'è neanche una ragazza che mi corre dietro... :/

 

Perché di solito sono loro che si aspettano di essere rincorse! ;) Comunque le ragazze guardano tutti quelli che gli piacciono, gay compresi... solo che questi ultimi non se ne accorgono. Un'estate di qualche anno fa ho fatto un piccolo esperimento: mi son vestito in maniera maschile molto spinta, con le gambe pelose messe bene in evidenza da un paio di jeans rotti e tagliati poco sotto l'inguine in modo che sottolineassero a tutto spiano quel che ancora riuscivano a nascondere davanti e dietro... Il tutto mi dava un aspetto molto alla Burt Reynolds (per chi non se lo ricorda, era ai miei tempi un gran bell'attore, molto uomo e pochissimo tendente alle pose da eterno ragazzino tipico di altri "bellocci" hollywodiani che hanno preso piede da Tom Cruise in poi) e me ne sono andato in giro con un mio amico etero, chiedendogli di prender nota discretamente dell' "impatto" che il mio aspetto registrava sul gentil sesso. 

Ebbene dopo aver girato per quasi un intero pomeriggio per supermercati e grandi magazzini per curiosare e... per sfruttare a sbafo i loro condizionatori (era un'estate molto calda, quasi insopportabile e io per di più, dopo essere stato praticamente "rapinato" da bollette e spese di casa, non avevo più neanche un centesimo da spendere per andare in vacanza) il mio amico mi riferì senza mezzi termini che, anche se io non mi ero accorto di nulla, l'impatto che avevo avuto su cassiere, commesse e altre disgraziate come me costrette a lavorare in pieno agosto, era stato tale che, semmai mi fosse venuto l'uzzolo di "diventare etero" avrei avuto da scopare per mesi e mesi a venire anche solo limitandomi a rispondere alle telefonate che mi avrebbero fatto, un carniere niente male per essermene andato in giro "su di giri" soltanto per un pomeriggio! :)

 

Solo che appunto io non mi ero accorto di nulla. E ciò che in effetti mi ha "salvato" da possibili "conversioni" è stato unicamente il fatto che in genere le donne si aspettano che il primo pass sia l'uomo a farlo. Cosa che non ho fatto e non avevo alcuna intenzione di fare...

 

Però ripensandoci... quante possibilità sprecate! ;)

 

Ciao

Edited by PietroUomoDiPietra
Link to comment
Share on other sites

PietroUomoDiPietra

Pensare che basterebbe accettarsi pienamente per essere allo stesso livello degli etero, non dico felici perché non esistono persone felici.

 

Fin quando in un modo o nell'altro i gay, anche inconsciamente, penseranno di essere dei minus habens a prescindere rispetto ai "superiori" etero, non si accetteranno mai. Per riuscire ad accettarsi peraltro non è sufficiente dirsi "valgo quanto gli altri" ma occorre arrivare anche a un punto di rottura in cui si riesce a vedere chiaramente gli eterosessuali per quello che sono almeno per l'80 per cento: dei puri e semplici bluffeurs che, messi alle strette (e magari costretti a vivere una situazione sociale equivalente alla nostra) semplicemente non se la saprebbero affatto cavare meglio di noi, anzi! Personalmente ci ho messo del tempo a capirlo... ma quando l'ho capito ho provato qualcosa di molto simile al tipo di "scarica" che prova per esempio uno studente di fisica la prima volta che ci capisce veramente qualcosa della teoria della relatività o di fisica quantistica: semplicemente non sei più capace di vedere il mondo come lo vedevi prima!

 

Ciao

Link to comment
Share on other sites

Mi dispiace che tu ti senta così, ma secondo me associ due cose che in realtà non sono così correlate tra loro: se ho capito bene, incolpi la tua omosessualità come causa del fatto che tu non sia felice ed automaticamente pensi che se non lo fossi tutto sarebbe più facile. Sei veramente sicuro che sia così? Hai scritto che non riesci a trovare una persona, ma questo può dipendere da tantissimi motivi, che magari si ripresenterebbero in chiave eterosessuale.

Link to comment
Share on other sites

Per le persone eterosessuali forse c'è più possibilità di trovare qualcuno, ma in una società in fase di apertura come la nostra non cambia molto, l'etero medio non conosce persone facilmente per diversi fattori dal gay medio (non menziono i bisessuali perché secondo me sono un caso a parte) che abita nelle province rurali. Quello di essere etero e felici è un falso mito, fatevene una ragione, chi è bono rimorchia a priori, non ha importanza il tuo orientamento sessuale. Quindi trovo assolutamente idioti questi desideri di cambiamento di sessualità, anche io sono single da sempre e a volte mi sono pianto addosso, ma desiderare di essere tutt'altro da quello che sono perché non trovo qualcuno è da clown.

Link to comment
Share on other sites

PietroUomoDiPietra

Non credete che essere etero sia più facile. 

Anche loro hanno i loro problemi. 

 

Esatto... Mettersi insieme a qualcuno e continuare a starci insieme è sempre un casino per tutti. E se è vero che per gli etero è più facile trovarsi (solo per ragioni numeriche però) è anche vero però  che i "concorrenti" sono molto più numerosi. Tra l'altro ormai vedere coppie etero che, immigrati a parte, si sistemano sentimentalmente prima dei trent'anni sta diventando sempre meno frequente, mentre dall'altro lato della collina coppie e matrimoni che scoppiano stanno diventando talmente numerosi in proporzione al totale, da indurre a chiedersi seriamente se, al di là delle tutele giuridiche per la prole e il coniuge più debole, oggi abbia ancora un senso, tra gli etero, considerare il matrimonio (e l'aver figli) come una soluzione valida a prescindere e non soltanto come una soluzione da  prendere in considerazione solo per situazioni che offrano ragionevoli garanzie di consistenza e durata, sconsigliandola invece apertamente per tutte le altre. 

 

Ciao

Link to comment
Share on other sites

Vero che noi gay siamo meno rispetto agli etero.. ma quello che volevo dire è che loro non è che stanno ad aspettare l'amore della propria vita che passi sotto casa.
Vivono la loro vita: studiano, lavorano, stanno a casa ecc.. cercano l'amore o il sesso ovunque (anche su internet), si sposano, divorziano, muoiono ecc.
Sembra più facile solo perché uomo cerca donna e viceversa mentre i gay brancolano nel buio.. invece non è così: anche gli etero hanno i loro gusti, chi la vuole topa, chi la vuole santarellina, chi con i capelli corti, chi dotato ecc non si finisce più. Solo che prima o poi si accontentano, si affezionano, si innamorano. 

I gay partono in svantaggio solo perché nessuno ha un cartellino sulla fronte "sono gay".. e quindi non è facile trovare un "simile" per strada (poi beh uno ci fa l'occhio).. 

 

Poi chissà perché i gay pensano di avere l'esclusiva e vorrebbero sempre un ragazzo che rispecchia certi requisiti prestampati e se non ne rispetta nemmeno uno allora è fuori. 
Il mio ragazzo all'inizio non mi convinceva.. ma dopo 6 mesi ho capito che era la persona giusta.. e ci sto da 5 anni. Quindi mai fermarsi alle apparenze, come fanno molti. 


ps: perdonatemi i tanti "ecc".. ma non volevo mettere tutti gli esempi possibili :D 

Link to comment
Share on other sites

PietroUomoDiPietra

Quindi trovo assolutamente idioti questi desideri di cambiamento di sessualità, anche io sono single da sempre e a volte mi sono pianto addosso, ma desiderare di essere tutt'altro da quello che sono perché non trovo qualcuno è da clown.

 

Sono idioti perché una volta che vivi una sessualità al più ne puoi affincare (con molto sforzo e fatica) un'altra ma quella da cui sei partito, anche se decidi di non esprimerla più, te la tieni comunque (con buona di chi pretende di "curarla"). D'altra parte posso capire la sofferenza di doctoral che a 25 anni non sa (o non sa più) che pesci pigliare. Quando 25 anni li avevo io non è che stessi molto meglio. L'unica cosa che mi vien da dirgli per rincuorarlo è: "Forza! Non sei neanche entrato in mare aperto e già ti arrendi???"

 

Ciao

Link to comment
Share on other sites

io dico solo che poi vedo persone (uomini e donne) che stanno insieme magari da anni, che sono felici, visti bene da tutti.......

è inutile dire che, una coppia etero, sia sempre vista meglio rispetto a una coppia omosessuale;

gente che anche se si lascia poi, che dopo pochissimo riesce a trovare subito qualcun altro;

Non per qualcosa, ma personalmente so di avere ragazze che mi stanno dietro; ciò implica il fatto che se fossi etero starei già con qualcuna di queste ma da tempo;

Il fatto che mi piacciano gli uomini, invece, non riesco proprio a non vederla come qualcosa che mi porta a restare solo;

Link to comment
Share on other sites

PietroUomoDiPietra

 

Poi chissà perché i gay pensano di avere l'esclusiva e vorrebbero sempre un ragazzo che rispecchia certi requisiti prestampati e se non ne rispetta nemmeno uno allora è fuori. 

 

Infatti. Un punto che gli etero hanno innegabilmente a loro vantaggio è che, pur nella loro varietà, sono molto più flessibili e adattabili nei loro gusti mentre i gay in genere sono, da questo punto di vista esattamente l'opposto e spesso rigidi fino all'inerosimile. Ed è probabilmente questa la vera differenza sostanziale che spiega le "facilità" degli uni e le difficoltà degli altri a trovare partner stabili e affidabii: i primi sanno maggiormente accontentarsi di quel che  "passa  il convento" (anche perché passa tutt'altro che poco!) mentre nei secondi questa capacità è il più delle volte ridotta ai minimi termini. Con tutte le conseguenze che ne derivano... "Chi troppo vuole nulla stringe" si diceva una volta...

 

Ciao

Link to comment
Share on other sites

PietroUomoDiPietra

io dico solo che poi vedo persone (uomini e donne) che stanno insieme magari da anni, che sono felici, visti bene da tutti.......

è inutile dire che, una coppia etero, sia sempre vista meglio rispetto a una coppia omosessuale;

gente che anche se si lascia poi, che dopo pochissimo riesce a trovare subito qualcun altro.

 

A parte che questo è molto meno vero di quello che credi (la maggioranza degli etero che conosco infatti, quando è capitato che si lasciassero, ci hanno messo il più delle volte ANNI prima di rimettersi insieme a qualcun altro), il segreto di questo "successo" è semplicissimo: non fermarsi MAI a piangersi addosso e darsi da fare il più possibile. "Morto un papa se ne fa SUBITO un altro" si dice e anche se è più facile dirlo che farlo, è una strada senza alternativa: o quella o niente...

 

Ciao

Edited by PietroUomoDiPietra
Link to comment
Share on other sites

Non per qualcosa, ma personalmente so di avere ragazze che mi stanno dietro; ciò implica il fatto che se fossi etero starei già con qualcuna di queste ma da tempo;

Il fatto che mi piacciano gli uomini, invece, non riesco proprio a non vederla come qualcosa che mi porta a restare solo;

Quota Selezione

 

 

Mah.. credo che il problema sostanziale non sia il fatto che non trovi un ragazzo.. ma che tu non sappia stare da solo. 

I primi tempi della mia accettazione erano una ricerca frenetica di qualcuno che mi facesse stare bene, qualcuno ideale da viverci assieme per tutta la vita.. ma mi accorsi che in questo modo non vivevo la mia vita (università, amici, famiglia, palestra, viaggi ecc). 

 

Direi.. prima impara a vivere bene con te stesso, ad avere una tua vita.. impara a stare da solo con i tuoi hobbies. Un ragazzo non è per forza tutta la tua vita.. ma solo una parte se non la metà! Perché se ti fidanzi con un ragazzo o una ragazza e poi vi mollate.. tu cadi nel burrone, nella disperazione perché non sai a cosa aggrapparti. 

Anche una coppia che vive insieme, per funzionare bene ognuno vive la sua vita, si ritaglia i propri spazi. 

 

 

 

 

Molte donne commettono l’errore di cercare un uomo con cui sviluppare una relazione senza prima avere sviluppato una relazione con se stesse; corrono da un uomo all’altro, alla ricerca di ciò che manca dentro di loro. La ricerca deve cominciare a casa, all’interno di sé. Nessuno può amarci abbastanza da renderci felici se non amiamo davvero noi stesse, perché quando nel nostro vuoto andiamo cercando l’amore, possiamo trovare solo altro vuoto. (Robin Norwood -- Donne che amano troppo) 

Anche se è riferito alle donne... il senso è sempre quello. 

Edited by yalen86
Link to comment
Share on other sites

Non credo, sono orgoglioso di essere omosessuale e credo sia difficile trovare un il "partner ideale" in entrambe i casi.
Effettivamente, gli etero godono di più privilegi e, sicuramente, il cammino è meno ricco di ostacoli di quanto non lo sia per noi.
Ma che importa?
Il raggiungimento della felicità avviene per mezzo di noi stessi, anche io non riesco a trovare un partner e ne sono molto dispiaciuto. 
Tuttavia, nella vita ho altre prerogative, altri obbiettivi e solo una volta raggiunti potrò essere felice.

Link to comment
Share on other sites

io dico solo che poi vedo persone (uomini e donne) che stanno insieme magari da anni, che sono felici, visti bene da tutti.......

è inutile dire che, una coppia etero, sia sempre vista meglio rispetto a una coppia omosessuale;

gente che anche se si lascia poi, che dopo pochissimo riesce a trovare subito qualcun altro;

Non per qualcosa, ma personalmente so di avere ragazze che mi stanno dietro; ciò implica il fatto che se fossi etero starei già con qualcuna di queste ma da tempo;

Il fatto che mi piacciano gli uomini, invece, non riesco proprio a non vederla come qualcosa che mi porta a restare solo;

 

Io vedo un sacco di coppie etero infelici, l'adulterio è molto più commesso in ambienti eterosessuali, figli, divorzi, tragedie...tutto mondo è paese, idem le sessualità. Uno nasce in campagna e non c'è nessuno? Si trasferisce in una qualche metropoli e la gente la trova. Sii forte giovine! Te lo dice uno che molto spesso si è depresso! Impegnati e cerca di più.

Link to comment
Share on other sites

Mi sto immaginando un ragazzo africano

che in un forum di Neri scriva: "Se fossi Bianco, sarei più felice"

e sto cercando di pensare cosa potrebbero rispondergli.

Link to comment
Share on other sites

Doctoralf88 se il tuo problema è cercare una persona che faccia per te, ti posso assicurare che essere etero non ti facilita, anzi. Ti porto l'esempio di un mio amico che è stato per ben sei anni fidanzato con una ragazza ed è stato mollato sul luogo di lavoro perché secondo lei sei anni erano una storia di solo divertimento. Non demordere, la persona giusta c'è per tutti, bisogna solo avere la pazienza di continuare a cercare! E non ti fossilizzare sul quando, perché arriva quando meno te l'aspetti, senza aver programmato niente!
Se invece  il tuo discorso si riferisce al fatto che una coppia etero in pubblico è meno "vincolata" rispetto ad una coppia omo, allora su questo ti do ragione.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Unfortunately, your content contains terms that we do not allow. Please edit your content to remove the highlighted words below.
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...