Jump to content
Sign in to follow this  
purospirito

MOVIES & VISIBILITY, The Queer Side On The Screen

Recommended Posts

purospirito

Nell'ambito delle attività del Circolo di cultura omosessuale - Mario Mieli, un "nutrito" gruppo di forumini partecipa attivamente alla rassegna cinematografica di proiezioni a carattere Queer.

 

In evidenza il sito dell'attività : http://www.moviemieli.eu/

Dove potete trovare le informazioni inerenti e le date delle proiezioni con titoli e descrizione dei film.

 

Il luogo delle attività è ovviamente la sede stessa del Circolo, sita in via Efeso 2A.

L'appuntamento si tiene ogni mercoledì a partire dalle 19:30. La proiezione è preceduta da un consistente aperitivo, preparato con cura e con amore da due ragazzi dell'organizzazione, molto simpatici e con alte capacità culinarie. In questo tempo, quindi, c'è modo per conoscersi e scambiare opinioni o fare quattro chiacchiere da corridoio!

 

Dopodiche si da il via alla proiezione con una prima presentazione del film, note sul regista e sugli interpreti. Nel frattempo viene indetta una riffa che ogni settimana vede estratti ricchi premi.

 

Per chiunque volesse partecipare, siamo lì ad attendervi, con gioia e giubilo, offrendo sempre un bicchiere di vino e l'immancabile sorriso di Zigulì.

 

Allora buona visione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bea

...in aggiunta al sorriso di Zigulì, c'è anche la meno gradita faccia da culo della sottoscritta. :dancing:

 

Tornando seri, sottolineo che per poter partecipare ad ogni attività del Mieli, e quindi anche a questa, è necessario tesserarsi.

Costo tessera mensile: 3€

Costo tessera annuale: 20€

Share this post


Link to post
Share on other sites
purospirito
  • Topic Author
  • Ringrazio la mia precisa e avvenente segretaria per essere come al solito tempestiva e puntuale!

    Brava, stasera ti do il cioccolatino.

     

    Il film che sarà oggetto di discussione questa sera, sì perchè dopo ogni proiezione c'è un piccolo dibattito di confronto, si intitola:

    Amore in sciopero. Nel link potete trovare tutte le informazioni inerenti e prendere visione degli orari.

     

    Mi piacerebbe, qualora lo vogliate, di potere portare anche qui la discussione, a mente fredda per i partecipanti, con coinvolgimento per quelli da casa, per poter confrontarci sui temi e le modalità con cui vengono trattati nei film e gli spunti di riflessione che danno.

    Sono i soliti temi è vero, ma un film ti lascia, di solito, delle emozioni che ti trasportano sull'onda emotiva e ti vien voglia di confrontarti.

     

    Allora per chi volesse l'appuntamento è stasera alle 19:30 alla sede del CCO.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Ziguli

    Bravo @purospirito, hai dimenticato però di aggiungere, aggettivi quali: simpatico, bono, intelligente e tagliente XD

    Quella faccia di cu...oricino di @@Bea inizia a venire meno! Vieni più spesso brutta stronza @@rohs ha bisogno di te!

     

     

    Ieri son dovuto andare via prima... come è finito il film (che non mi è piaciuto molto, ma si lasciava guardare) ?

    Per @Silverserfer2 credo sia stato il film della sua vita, l'ho visto commosso!

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Bea

    Caro, hai ragione!

    In verità sono a Pisa da Madoka, torno oggi pomeriggio.

     

    Sono curiosa di sapere del film, ma soprattutto della presunta commozione del barbagianni (Silverselfer).

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    purospirito
  • Topic Author
  • Comunicazione di servizio... Zigulì hai il solito culo sfondato! Hai vinto alla riffa!!!

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Ziguli

    SIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII ahahah me lo ha detto stamattina Andrè :D

    sta parlando quello che vince i biglietti al Mucca :-P

     

    Anyway...

    in modalità bimbo minkia antipatico, saltellando e cantando:

    "io vado a vedere il film di Ozpetek e voi noooo

    pa pa pe ro"

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Ziguli

    Cmq puro ha vinto anche rohs perché i biglietti erano nostri non solo miei.

    Bea, io sono uscito prima e ho visto Silver che si tirava cazzotti sui testicoli per il divertimento, ecco la sua commozione :D

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    purospirito
  • Topic Author
  • Nuovo appuntamento mercoledì 4 aprile.

     

    Verranno proiettati 2 episodi di 2 differenti serie tv di largo successo che riguarderanno il tema del mondo del lavoro e di alcune circostanze a volte spiacevoli con le quali ancora si devono fare i conti!!!

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Ziguli

    Trasmetteranno il mio amato Brothers&Sisters *_*

    visto che l'argomento è il lavoro penso già di sapere quale sarà la puntata, anche molto bella :)

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Quistis

    io causa studio per esame mastodontico non posso venire, ma dalla prossima settimana torno regolarmente sempre che non mi spostino l'esame :)

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    messermanny

    Aggiorno io in ritardo per mancanza di Puretto.

    Ieri è stato proiettato "Addio mia concubina".

    Film cinese, del 1993. Ne consiglio la visione a chi vuole un'opera dalla forte spinta dadaista.

     

    La trama:

     

    La storia inizia nel 1924, quando Douzi, bambino figlio di una prostituta, viene lasciato dalla madre alla scuola di recitazione dell'Opera di Pechino, diretta dal maestro Guan. Qui, Douzi fa amicizia con Laizi e Shitou. L'allenamento è molto duro e severo, e Douzi viene destinato ad interpretare ruoli femminili, cosa che si rivela non facile per il bambino. Douzi riesce comunque a dimostrare un grande talento nella recitazione. Questa notorietà però lo porterà ad essere violentato da un vecchio signore a casa del quale si esibisce. Shitou e Douzi crescono e diventano dei famosissimi attori dell'Opera di Pechino, recitando sempre insieme; Shitou assume il nome d'arte di Duan Xiaolou, mentre Douzi diventa Cheng Dieyi. La parte che li ha resi famosi e che interpretano è Addio mia concubina, in cui Xiaolou interpreta il re Xiang Yu, il cui esercito è stato sconfitto dalle truppe Han e che si trova ora accerchiato da queste, e Dieyi la sua concubina Yu Ji che, pur di rimanergli fedele fino all'ultimo, si uccide con la spada del suo re. Dieyi è chiaramente innamorato di Xiaolou, ma il suo amore non gli viene corrisposto; anzi, quest'ultimo si sposa con la prostituta Juxian, scatenando una forte gelosia in Dieyi. Fra i tre personaggi si hanno quindi relazioni complesse, a volte di vicinanza, a volte di scontro, a seconda del contesto storico in cui si trovano. Devono fronteggiare prima l'arresto di Xiaolou da parte dei giapponesi, che intanto avevano invaso la Cina, in quanto si era rifiutato di recitare davanti a loro; Dieyi riesce a farlo liberare esibendosi per gli invasori. Ripristinata la Repubblica sotto il Kuomintang, Dieyi dovrà rispondere delle accuse di tradimento proprio per quell'esibizione, accusa che porterà alla sua condanna; comunque, nel 1949 Pechino viene conquistata dal Partito Comunista Cinese (che nello stesso anno assume il potere in Cina) e Dieyi viene liberato. La relativa calma che si viene ad instaurare dura poco: l'amante di Dieyi (un nobile) viene giustiziato ed, inoltre, il nuovo regime è ostile rispetto alla forma d'arte interpretata dai due attori per motivi ideologici, e Dieyi viene allontanato dalla compagnia teatrale. Ancora più drammatici sono gli avvenimenti della Rivoluzione culturale nel 1966, quando l'intera compagnia teatrale, compresi Dieyi e Xiaolou, vengono derisi e processati pubblicamente dalle Guardie rosse; spinti l'uno contro l'altro, si tradiranno a vicenda e Xiaolou ripudierà Juxian, portandola al suicidio. L'ultima scena avviene a seguito della liberazione di Dieyi e Xiaolou nel 1976; recatisi in un teatro buio e con un solo spettatore di cui si sente solo la voce, interpreteranno per l'ultima volta Addio mia concubina. Proprio come nella storia raccontata, in un momento in cui il re-Xiaolou è distratto, la concubina-Dieyi gli sfila la spada e si uccide veramente tagliandosi la gola.

     

     

    Prendo le redini del topic dicendo quelle che sono le mie impressioni, che ieri mi son tenuto per me:

    Il film è una lezione di storia, fondamentalmente si esce dalla sala - se non con una vaga idea della storia contemporanea cinese - perlomeno con una considerazione in più.

    Essendo una lezione di storia, la videocamera è usata in modo dadaista, non è funzionale al racconto in certi aspetti ed i primi piani della concubina si ripetono fin troppo spesso, e nonostante il soggetto interessante, annoiano o almeno ti fanno chiedere: E mo che centra?

    Alla fine dopo 3 ore, comunque sia ben spese, arriva l'agognato finale. Sputtanato all'inizio, ne bene o nel male.

    Ma ripeto, è una lezione di storia.

     

     

    ... E manco una scena di kung-fu ç_ç

     

     

    @Dogville: La tizia alla fine è la miglio dell'attore che fa il Re, se te lo fossi scordato :-P

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Ziguli

    Mi è piaciuta molto la prima parte del film.

    Fa notare la severa disciplina orientale, ai limiti del disumano per noi poretti europei.

    Il finale iniziava a stancarmi perché effettivamente era un po' troppo lungo il film.

    Ottima la scelta di fare tutto un percorso storico incentrato nella vita dei protagonisti.

    La concubina era praticamente @@purospirito :D

     

    ... E manco una scena di kung-fu ç_ç

    Ma c'era no tante acrobazie :D

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Silverselfer

    Il film è stato bellissimo ... non ne sono certo, ma secondo me la versione che ci hanno proiettato era una copia ridotta per il pubblico occidentale. Ecco, tre ore vi fa capire che il cinema cinese non ha subito l'influenza americana e soprattutto non tiene conto dei ritmi moderni e quanto si può liquidare in quattro sequenze, lo tratta in lunghi, silenti fermi immagine d'interminabili quarti d'ora.

     

    Ho un debole per l'opera cinese, di cui è chiaro il diverso rapporto con gli accordi musicali, in quanto non avendo sillabe, si sviluppa in maniera totalmente diversa ... quindi gli "ooooooiii ... mo .. ci, o... ooo... i" ci suonano alieni ai nostri orecchi abituai al do re mi fa sol ...

     

    Quello che mi ha particolarmente colpito è stato il capovolgimento culturale che ha sempre visto la cina dominare sul giappone, invece nel film si mostra come alla vigilia del nazi fascismo nipponico, la cina fosse in pieno marasma culturale, con le spinte nazionalistiche interne che separavano la Manciuria mandarina dal resto dell'antico regno cinese ormai in disfacimento.

     

    Il cuore della trama non era la tematica gay che ci volevano propinare. Il protagonista, la concubina, cioè l'attore che la interpretava, era certo omosessuale e nella sua pure chiara verità di cui tutti abusavano, nessuno lo riconosceva come tale. Stop. La tematica gay finiva qua. Il resto era pregno della paura di affermare se stessi e dell'accettazione del proprio destino.

     

    Direi che il succo era proprio l'inevitabilità della propria fine e quanto sia dannoso rifiutarla. L'attore che sbaglia le strofe della concubina quando lei dice di essere monaca e ormai dimentica del proprio essere di ragazza che si sente donna / ragazzo che si sente donna; la puttana che cerca di diventare madre ma alla fine non è degna dell'amore di un marito che la spinge al suicidio; ma anche del bambino pezzente che trangugia le agognate mele candite per cui voleva diventare attore prima d'impiccarsi perché non sarà mai attore senza prendere le legnate del maestro; fino al bambino raccolto per strada da morte certa, si rivelerà il carnefice del suo salvatore. Tutto ci dice che non c'è scampo al proprio destino, lo stesso che la concubina accetterà nel momento che compirà il gesto che lo spartito gli impone, estraendo la spada del suo re e sgozzandosi.

     

    Sì, mi piace il cinema cinese.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Bea

    Anche questo mercoledì le attività del movie mieli proseguono...

     

    Prossimo film in programma : False verità

     

    Come al solito alle 19e30 presso la sede del CCO Mario Mieli!!!

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    messermanny

    Ovviamente per chi vorrà porteremo il dibattito anche in questo topic, sempre se me ne ricorderò XD

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Ziguli

    Bea lo so che verrà la tua principessa mercoledì, ma cosa scrivi se poi non vieni? :-Prrrr

    quindi fai in modo di esserci! è una minaccia! :)

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Bea

    Tutta colpa di @purospirito! ha postato dal mio account.

    Compatibilmente con l'arrivo della principessa pisana, vedrò di esserci!

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    purospirito
  • Topic Author
  • Alla fine del film di questa sera c'è stato un boato di sgomento ... quando si è scoperto che l'assassino era il maggiordomo ...

     

    Per fortuna che sullo schermo c'era lo score del minutaggio ... se non sono finito catatonico lo devo a quel delizioso acciottolare di granelli di noia ...

     

    La morale del film? Le benzedrina degustata con del vino del 59 fa diventare bisex ... e la poliomielite dopo tutto non sarebbe stata tutto quel gran flagello se non avesse causato l'avvento del Telethon che a sua volta ha salvato la vita a quella str... di ragazzina ...

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    messermanny

    Il film di ieri sera era incentrato sul fatto che una relazione omosessuale tra due personaggi famosi potesse portare a determinate conseguenze se scoperta, tra cui la fine della carriera, ricordiamo che è ambientato in america negli anni '50.

     

    Il perché venga catalogato "GLBT" viene scoperto verso la fine, tanto che uno si chiede prima: Ma, perché 'sto film sta qua?

    In compenso la tematica omosessuale non è dominante, è solo la "goccia che fa traboccare il vaso", un vaso già rigonfio di eccessi, vite portate allo stremo e Star in declino in cerca di soldi tra interviste nonché di sesso tra giornaliste.

     

    La regia è... bha.

    Il film viene affrontato come un romanzo, raccontato da una voce fuori campo, quella della giornalista. Intervallata da flashback (Che dovrebbero dare senso visivo alle parole della tizia) e da parti nelle quali ci troviamo nel presente (Tempo nel quale la giornalista sta scrivendo il suo libro proprio su questo caso).

    La cosa divertente è che i flashback sono troppo lunghi e non aggiungono pressappoco nulla alla voce fuori campo, che non ci da una traccia, ma bensì ci fornisce proprio indicazioni esatte. Questo ci "ammazza" la gioia di goderci il contributo filmato.

    Il ritmo nel compenso è tenuto su ritmi bassi/medi, ed è forse proprio questa la pecca, oltre la voce fuori campo troppo descrittiva.

     

    Il cliché del maggiordomo, ancora una volta, non viene superato.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Ziguli

    sintesi e critica perfette @@messermanny :o

     

    Aggiungo solo che Colin Firth fa proprio sesso... XD

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    messermanny

    buhahahahaha!

     

    @Zigulì, grazie caramella! *_*

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Jordanintheforum

    Prima di tutto vorrei dire che è stato un piacere per me partecipare al cineforum! bella esperienza, gente come si deve (finalmente) e sicuro tornerò =D (mi dispiace per voi ma vi siete beccati il tornato Jordan hahaha..pero Jordan non è troppo nome da tornado..chiamiamolo uhmmm Tornado Nancy haha :P) Cmq anche io avrei qualcosa da dire sul film... allora io penso che Atom Egoyan, dopo il parziale 'detour' di Ararat, torna ai suoi temi preferiti: l'ambiguità della vita, la ricerca della verità sin dall'inizio votata al fallimento, il tentare di rimuovere, sapendo già di non riuscirci, le apparenze di cui gli esseri umani si rivestono per non scoprirsi (nella sua visione) desolatamente 'nudi'. Cosa di meglio allora del mondo dello spettacolo con i suoi lustrini e con i suoi doppifondi dell'anima? Intrigante sin dal titolo ('lie' sta per 'mentire' e 'giacere' quindi il titolo può essere letto sia come "Dove si trova (giace) la verità" oppure "Dove la verità mente") con questo film il regista di Exotica e di Il Dolce Domani riaffronta le proprie (ormai quasi ossessive) domande sull'esistenza. Lo fa con uno stile che è ormai talmente personale da affascinare anche quando, come in questo caso, una parte della 'possibile' verità diviene prevedibile attorno a metà film.

     

     

     

    ....

    ...

    .....

    ....

    ....

    ....

    ........

    .......o......

     

    si è un copia e incolla xD

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Silverselfer

    Era un film brutto.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Ziguli

    Guarda lo si era capito che non ti era piaciuto.. la tua faccia era un libro aperto :D

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    messermanny

    Era un film brutto.

    ... ma degno di tre pallini, segno indiscutibile di una stampa libera ed obbiettiva. XD

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Silverselfer

    tre palle vorrai dire .. mi sono sentito crescere la terza quando Alice nel paese delle meraviglie si è attaccata alla pippa del bruco magico.

     

    Nb: Caramellina oramai capisco in che stato umorale mi trovo solo se ti guardo in faccia ...

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Ziguli

    ahah effettivamente....

     

    Comunque avevi gli occhi infuocati, i denti digrignati e i muscoli facciali insolitamente contorti...

    che tradotto significa: "mettete un altro film del genere e vi pesto a sangue!" :D

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Quistis

    il film di ieri "the beautiful boxer" mi è piaciuto tantissimo, tratto da una storia vera di un kick boxer thailandese Nong Toom che alla fine decide di operarsi e diventare donna.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites

    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Reply to this topic...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

    Sign in to follow this  

    • Who Viewed the Topic

      94 members have viewed this topic:
      d.gar88  castello  Mario1944  freedog  marco7  blaabaer  Almadel  Mercante di Luce  Eirene  Bttmfrancis9  Micioch  ldvrsp  Secretwindow  Iron84  Renton  Tyrael  davydenkovic90  nowhere  Uncanny  Spike88  SabrinaS  Rocco88  ddwasp  twink  Dubbioso94  Bullfighter4  conrad65  AndrejMolov89  Bloodstar  Sampei  Omni  nayoz  Sbuffo  schopy  metalheart  MicFrequentFlyer  Saramandasama  Hinzelmann  Orfeo87  prefy  Thebaios  Serpente  paraspera  Hazel226  matchcolor  Prince1999  Demò  Mako  yalen86  Echo1992  Dav1de  Isher  Paedicator1987  lollone  Luca022  bradipo  Faceless  Krad77  MdM  colera  Beppe_89  wwspr  Oscuro  luc00  Eucalipto86  Roxas97  Lor24  Paradigma  JohnDoo  Gondo  Marika00  Marion2189  LocoEmotivo  marce84  DanCritty009  iamtheibis  Aarwangen  Capricorno57  Icoldibarin  Pix  ShakiBoy  Duma  faby91  LuxAeterna  Lorenzo  MarkCaltagirone  elvino1983  Minamimoto  Catilina  ste25  luca63  Fergus  pianist93  Syfy 
    ×
    ×
    • Create New...