Jump to content
Laen

Rinunciare ad un amore per lavoro/carriera

Recommended Posts

Laen

Vi è mai capitato di dover rinunciare ad una persona verso cui siete stati affezionati al fine di inseguire una grande opportunità di lavoro magari all'estero o distanti dal vostro nucleo sentimentale?

Su che basi avete preso la vostra decisione? Ve ne siete pentiti?

Share this post


Link to post
Share on other sites
R.POST

Vi è mai capitato di dover rinunciare ad una persona verso cui siete stati affezionati al fine di inseguire una grande opportunità di lavoro magari all'estero o distanti dal vostro nucleo sentimentale?

 

si

 

 

Ve ne siete pentiti?

niente pentimento, semmai dispiacere per aver lasciato una persona cara quando tutto andava bene. ma la carriera in quanto realizzazione personale (se l'opportunità è solida ovviamente) è più importante di una relazione che magari due anni dopo finisce.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Gulp!58

Non mi è mai capitato ma essendo uno che perlomeno per i prossimi anni di studio vuole viaggiare molto, ho pensato a cosa fare se la situazione dovesse presentarsi... adesso ti dico che sceglierei la carriera perchè voglio cercare di raggiungere il massimo in quell'ambito. Ma non so se la mia decisione sarebbe la stessa se dovesse accadere davvero.

Share this post


Link to post
Share on other sites
parole_alate

Quando ero alle superiori, avrei scelto il lavoro. Lo vedevo come il modo migliore per realizzare me stessa, per esprimere e inseguire le cose che amo, e l'idea di metterlo da parte per qualcuno mi inorridiva addirittura. Si cambia: da qualche anno ho scoperto che i rapporti umani che riesco a creare mi interessano e mi rappresentano molto di più del lavoro che faccio, e a conti fatti è su quelli che preferisco investire.

Poi è ovvio, ci penserei bene e mi chiederei se ne vale la pena, e non rinuncerei ad una grande opportunità per una storiellina. Ma per un amore... non vedo neanche il motivo di chiedermelo. :sorriso: Cercheremmo una soluzione insieme.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Blink

Mai capitato per fortuna, ma molto probabilmente ne sarò vittima a breve visto i progetti del mio ragazzo di specializzarsi all'estero...

Io personalmente non lo farei..sono troppo attaccato agli amici e alle persone che ho qui...e boh è brutto da dire ma ho poche ambizioni... :(

Share this post


Link to post
Share on other sites
Quistis

Non mi è mai capitato ma è qualcosa a cui ho sempre pensato molto.

Una delle mie paure è proprio questa, io desidererei andare a vivere all'estero o trasferirmici per un periodo e intraprendere una relazione seria e duratura sarebbe conflittuale questo desiderio.

Se stessi con una persona e mi proporrebbero un lavoro o se avessi l'occasione di andare via, mi dispiace dirlo infrangendo i sogni dei romantici ma sceglierei la seconda. Forse sono troppo egoista ma è cosi. Poi ovvio uno ci si deve trovare in una situazione del genere, adesso ragiono razionalmente.

Una relazione può finire e a meno che io non abbia trovato la donna della mia vita (caso rarissimo e nemmeno ci credo a queste cose) non rinuncerei a un'opportunità del genere.

se la persona con cui sto mi ama veramente e vuole seguirmi allora è un altro discorso.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Blink

se la persona con cui sto mi ama veramente e vuole seguirmi allora è un altro discorso.

 

eh quello sarebbe bello, ma dovrebbe avere delle possibilità che la maggior parte delle volte non è possibile avere, e non parlo solo di denaro..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Fra86

Mi è capitato di dover scegliere e all'epoca scelsi la persona che mi stava accanto. Dopo anni ci lasciammo, quindi, alla fine dei conti, ci rimisi due volte. Ora come ora credo che valuterei comunque la situazione, però sceglierei di seguire i miei sogni. Sperando che la persona con cui sto mi voglia seguire, ma se non volesse, amen. Altrimenti, si potrebbero trovare soluzioni alternative. Del tipo: ogni tot tornare a casa e vedersi o incrociarsi a metà strada, ma credo che alla lunga, anche questa alternativa, logori.

Quello di cui mi sono resa conto, dall'esperienza vissuta, è che se si rinuncia ai propri sogni alla lunga ne risente tutto il rapporto, perchè la prima che ci ha rimesso e ne risente sei tu. Se una persona ti ama veramente, al di là del legame che c'è, ti rende libera e ti permette di realizzarti. Anche seguendoti. O lasciandoti andare.

 

Non credo che l'amore comporti rinunce, ma rischi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Laen
  • Topic Author
  • Se stessi con una persona e mi proporrebbero un lavoro o se avessi l'occasione di andare via, mi dispiace dirlo infrangendo i sogni dei romantici ma sceglierei la seconda. Forse sono troppo egoista ma è cosi.

     

    No non sei egoista quistis, credo che

    ragionerei anche io alla stessa maniera. Voglio dire, ok l'amore ma non credo che valga la pena

    sacrificare la propria soddisfazione personale per una persona che magari cornifica il giorno dopo

    Quindi prima prediligere se stessi, poi gli altri. Se il partner invece volesse seguirci, beh, sarebbe

    una grande prova d'amore!

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Isher

    Alla vostra età, tra i 20 e i 30, non c'è questione: si sceglie il lavoro. Anche fino a 40 io sceglierei

    il lavoro. Dopo, la prospettiva tenderebbe a ribaltarsi. Sarebbe facile scegliere se si dessero due

    condizioni:

     

    1 quello che ho raggiunto finora nel campo lavorativo, è oggettivamente qualcosa di molto

    soddisfacente, anche se non è il massimo.

     

    2 la relazione che vivo è per me qualcosa di profondo ed essenziale, una condizione di base

    del mio benessere, è un amore forte e ricambiato.

     

    Il problema angoscioso nascerebbe se non si dessero insieme le due condizioni. Il che significa

    che si darebbe la 2, ma non la 1, perché, se non si desse la 2, il problema sarebbe molto meno

    difficile (ma non, comunque, facile) da risolversi.

     

    In questo caso mi deluderei se, dandosi la 2, ma non la 1, non scegliessi di partire. Ma potrei

    deludermi se la mia relazione fosse una buona relazione, basata su una buona e gradevole

    consuetudine di vita.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    davi89

    Questo secondo me è molto importante per una relazione duratura...

     

    Secondo me bisogna avere chiaro che per quanto l'altro ci completi, e arrivati a un certo grado di maturazione, vogliamo magari condividere se non la vita un lungo tratto con lui, rimaniamo persone che inevitabilmente desiderano dare compimento a propri sogni, a proprie aspirazioni indipendenti dalla coppia.

     

    A mio parere, non c'è un'alternativa così netta fra: seguo il lavoro, o scelgo l'altro.

    Secondo me, arrivati come ho detto a un certo grado di maturazione nel rapporto don l'altro, stare insieme significa anche fare progetti insieme, condividere... Allora se c'è vero amore le soluzioni si trovano, e magari si sopporta anche di stare lontani per parecchio tempo. Ma ovviamente è necessario essere in presenza di sentimenti forti e veri. Oltre che di una forte volontà e motivazione di stare insieme.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Quistis

    eh quello sarebbe bello, ma dovrebbe avere delle possibilità che la maggior parte delle volte non è possibile avere, e non parlo solo di denaro..

     

    hai perfettamente ragione, non è facile mollare tutto così. famiglia amici parenti...cambiare completamente vita. lo capisco. io qui non ho radici, non ho una famiglia unita quindi per me sarebbe molto più facile andarmene. mi dispiacerebbe solo per alcuni amici.

     

    @@Fra86 purtroppo è sempre una scelta difficile, se in quel momento l'hai presa evidentemente pensavi fosse la scelta giusta poi bisogna pure considerare il coinvolgimento sentimentale che prevarica su quello razionale. però anche io penso sia meglio inseguire i propri sogni, non voglio vivere di rimpianti e se vado all'estero e non mi dovesse piacere amen, almeno l'ho fatto, so com'è stato e non ho rinunciato a qualcosa che volevo fare. sono perfettamente d'accordo con quello che hai scritto.

    io penso che le persone debbano essere seriamente motivate ad una storia a distanza e non sempre le persone si vogliono impegnare.

     

     

    Io ho avuto un'esperienza del genere al contrario. c'era una ragazza con cui uscivo a dicembre del 2010 che voleva andare all'università a londra nel settembre successivo. dopo un mese mi disse di rimanere soltanto amiche, ci rimasi un po' male perchè mi piaceva. Se fosse andata avanti la nostra frequentazione non l'avrei condizionata a restare qui in italia per me ad esempio, le avrei detto di inseguire i suoi sogni anche se faceva male a me perchè quella era la vita che voleva fare. se si fosse instaurato un rapporto molto forte l'avrei seguita a londra. ora lei studia là all'università e sono contenta che abbia realizzato questo suo desiderio.

     

    un'altra esperienza che voglio raccontare è la madre del mio ex. lei voleva andare a vivere in germania o in inghilterra ma poichè era fidanzata con l'attuale marito non lo fece. qui in italia aveva un buon lavoro e un fidanzato quindi una certezza, all'estero l'ignoto. quindi forse è stato anche questo a frenarla.

     

    @ sai dipende anche cosa metti tu prima nella tua vita, c'è gente che si accontenta di una vita modesta rinunciando alle proprie ambizioni per avere una persona accanto e c'è gente che mette al primo posto la carriera e la realizzazione professionale o anche il semplice desiderio di andarsene da qui. ognuno fa le sue scelte.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Laen
  • Topic Author
  • @Quistis

    Certo, infatti non esiste una regola univoca per tutti, altrimenti

    non avrebbe neanche senso questo topic. :D

    Oddio ora noto che l'ho impostato male, cioè ho dimenticato di chiedere "cosa fareste" e non solo "v'è capitato",

    ma credo che il senso si capisca XD

    In base a come ognuno forma la sua scala di priorità decide. Io porrei l'amore davanti alla mia soddisfazione personale

    (espressione del proprio amor proprio - cacofonia, occhei) solo se questi valesse tantissimo e mi caratterizzasse

    giorno, notte, anima, cuore, routine e compagnia. Tutto, praticamente. :D

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Blink

    boh io una cosa del genere so solo di averla "pregustata" questa estate dove per 3 mesi ci siamo sentiti solo per cellulare / skype. Sì ok, si sopravvive e i compromessi si trovano, ma solo perchè poi torna e sai che tornerà tutto come prima e ci saranno molte cose da dirsi...altrimenti non vedrei una ragione per mantenere un rapporto, alla fine una storia a distanza per me è uno "spreco di tempo", un 'inseguire un illusione...

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Quistis

    è una questione difficile e spinosa in tutti i casi.

    Comunque complimenti per il topic! :)

    ma vorrei chiederti, ma si parla solo di estero o anche italia? trasferirsi in un'altra città..in quel caso forse sarebbe leggermente più facile forse!

    io ho provato a dare un'interpretazione alla cosa...

    posso aggiungere un'altra cosa. ad aprile dell'anno scorso sono uscita con una ragazza e anche qui dopo poco mi liquidò e ad agosto si trasferì a londra (ma vanno tutte a londra??? XD) ora vive e lavora là però ecco se si fosse creato un rapporto più forte e avessi avuto le possibilità l'avrei seguita e sarebbe stata un'ottima scusa per andarmene anche io, però ci sono persone che non se ne vogliono andare dall'italia a cui piace vivere qui quindi dipende...

     

    spero di non dovermi trovare in una situazione del genere...a dover scegliere. spero di essere single quando accadrà XD

     

     

    @@Blink anch'io sono scettica sulle storie a distanza (soprattutto tra altri stati la vedo tragica) e la penso come te. io ho bisogno di rapporti umani non virtuali, se non c'è un riavvicinamento è difficile che continui...

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Laen
  • Topic Author
  • Comunque complimenti per il topic! :)

    ma vorrei chiederti, ma si parla solo di estero o anche italia? trasferirsi in un'altra città..in quel caso forse sarebbe leggermente più facile forse!

     

    Grassie!

    Sì comunque sì, intendo qualunque punto che sia sufficientemente distante da poter mettere in crisi la stabilità

    e quindi inducente ad una scelta.

     

    ad aprile dell'anno scorso sono uscita con una ragazza e anche qui dopo poco mi liquidò e ad agosto si trasferì a londra (ma vanno tutte a londra??? XD) ora vive e lavora là però ecco se si fosse creato un rapporto più forte e avessi avuto le possibilità l'avrei seguita e sarebbe stata un'ottima scusa per andarmene anche io, però ci sono persone che non se ne vogliono andare dall'italia a cui piace vivere qui quindi dipende...

    Certo, è verissimo... però in questo caso bisogna avere le palle di prendere e rompere tutto

    Ok, non è facile, chiaro... Però secondo me dovrebbe venire sempre prima la nostra persona,

    a meno che come ha giustamente detto Isher il rapporto non sia diventato così routinoso

    (passatemi tutti il termine XD) da essere vitale, ma vitale nel vero senso del termine! :)

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Ilromantico

    L'amore ovviamente! Fortunatamente nella vita non ho mai avuto ambizioni proprio per il fatto che ho sempre avuto il timore che mi avrebbero condizionato. In realtà le poche ambizioni che avevo le ho soddisfatte ampiamente nonostante tutto e paradossalmente anche grazie all'amore (no nessuna raccomandazione da parte del mio ragazzo. Ci occupiamo di lavori del tutto opposti!). Semplicemente queste ambizioni sono coincise nel momento in cui iniziavamo a frequentarci, robe dell'altro mondo. Però davvero, io sono del partito "si lavora per vivere" e non il contrario. La realizzazione fa piacere, ma se mi devo accontentare di qualcosa di modesto che però mi permette di vivere bene, ma chissene frega sinceramente della carriera, l'importante è avere l'amore e gli affetti quali gli amici.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Fra86

    io penso che le persone debbano essere seriamente motivate ad una storia a distanza

    Si, se poi c'è amore una delle due secondo me si sposta. Il più è capire che si può costruire una vita insieme in qualunque luogo, se c'è la volontà di farlo e se la persona è pronta a farlo in quel momento. Se non fosse pronta logicamente sarebbe più difficile, ma non impossibile.

    Secondo me, se un legame è forte, ma ci si è incontrate in fasi diverse della propria vita e quindi si è in tempi dispari, non è detto che poi quei tempi, in futuro, non coincidano. Non è detto che chi parte non ritorni o chi è rimasta a casa non parta, per raggiungere la partner e costruire un nuovo concetto di casa altrove. O che anche dopo anni non ci si senta ancora legate. Se un legame c'è, rimane anche dopo anni, percorsi differenti, km di distanza. Ma se una delle due, in quel momento, non è disposta o pronta a rischiare qualcosa, è giusto che lasci libera l'altra. Nella distanza si può capire pure cosa si è lasciato e/o perso, nel bene o nel male. E si può pure andare avanti.

     

    @@Isher, penso che il tuo schema logico, oltre che funzionare, esemplifichi abbastanza bene le possibilità.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Quistis

    è vero, oltre all'amore la volontà è importante, in tutto quello che si fa nella vita. se non c'è la motivazione e la voglia di affrontare i problemi non si va da nessuna parte.

    più che altro dalla parte della persona che non parte tu puoi sembrare un'egoista e una menefreghista, una materialista e una superficiale.

    io penso che molto spesso le persone non siano pronte a rischiare, lasciare tutto quello che hanno qui preferiscono rimanere con le certezze. scelgono la strada "più facile".

    ma infatti ci sono tanti casi, metti caso che segui il tuo amore e poi vi lasciate nessuno ti obbliga a rimanere là, puoi sempre tornare se ne senti il bisogno.

    Continuo a concordare su quello che scrivi. Dipende tutto dal legame e soprattutto se il sentimento è reciproco.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    FreakyFred

    Ho sempre scelto la carriera, l'ho messa prima di tutto. E ho sempre ottenuto buoni frutti in tal senso, anzi, eccelsi. Questo finché l'insoddisfazione profonda non si è impadronita di me e mi ha lasciato svuotato. Alla fine quello che faccio non mi rende felice... E non solo. Alla fin fine, potevo e posso avere, al momento, numerose alternative. Invece l'amore non mi ha mai dato granché, malgrado attese, aspettative e illusioni.

    Per questo sceglierei quasi sicuramente l'amore, se finalmente arrivasse.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    penna

    Io non avrei nessun dubbio. Non ho mai assegnato un grande valore alla carriera, per quanto abbia le mie aspirazioni. Nella mia vita sono state sempre le relazioni a rendermi triste o felice, a essere il centro delle mie attenzioni, dei miei desideri - forse anche troppo?

    Quindi sceglierei senz'altro l'amore. Certo che la relazione può finire, ma perché, il lavoro non si può perdere? O non si può scoprire, alla lunga, che non soddisfa come credevamo?

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Fra86

    Certo che la relazione può finire, ma perché, il lavoro non si può perdere? O non si può scoprire, alla lunga, che non soddisfa come credevamo?

    Si, anzi..! Per me ha già riassunto tutto o quasi Isher nel suo schema.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Isher

     

    Per questo sceglierei quasi sicuramente l'amore, se finalmente arrivasse.

     

    Ti auguro che arrivi presto. Per qualche misteriosa ragione, se uno lo vuole intensamente,

    lo cerca, arriva. O meglio, ti metti tu stesso nella situzione per cui può di fatto accadere.

    In genere, l'amore è quella cosa, che rende tutto il resto (lavoro, studio, impegni di ogni tipo),

    più sereno, appagante, e anche facile.

     

     

     

    @@Isher,

    penso che il tuo schema logico, oltre che funzionare, esemplifichi abbastanza bene le possibilità.

     

    Grazie :sorriso:

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Icoldibarin

    Se fossi davvero innamorato credo non avrei molti dubbi, sono già molto legato alle persone che mi circondano e profondamente mammone. L'idea di non poter tornare più a casa mi inquieta parecchio anche se dall'altra parte del mondo avessi il lavoro più bello del mondo. Però mi piacerebbe fare un paio d'anni fuori dall'Italia, probabilmente in un paese nordico o in Sud Africa.

    La lontananza momentanea è ben altra cosa, sebbene a tratti difficile, può essere istruttiva. Spero comunque di non dover mai arrivare ad un out-out, le soluzioni se entrambi sono disposti a giocarci la loro parte si trovano.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    conrad65

    dipende da come accade la faccenda

    a volte siamo in un momento difficile, forse in difficoltà economiche

    cerchiamo a tutti i costi un lavoro ed ecco che il lavoro bussa alla porta...

    sembra tutto facile, magnifico, il nostro sogno che diventa realtà

    però c'è un (apparentemente) piccolo prezzo da pagare...

    questa è la scelta del diavolo :devil:

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Almadel

    "Se sei brutto, stai con un tipo fighissimo e innamorato

    e ti contendono le maggiori università del Mondo, scegli l'amore"

     

    "Se sei un figo con la Terza Media, stai con un tipo fastidioso

    e ti offrono un lavoro come modello in Canada, scegli la carriera"

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Isher

    Spero comunque di non dover mai arrivare ad un out-out

     

    OT Se vuoi andare in Sud Africa o in un Paese nordico, quando manderai il tuo CV non scrivere out-out,

    ma aut aut ! :D OT

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    claus

    si

     

     

     

    niente pentimento, semmai dispiacere per aver lasciato una persona cara quando tutto andava bene. ma la carriera in quanto realizzazione personale (se l'opportunità è solida ovviamente) è più importante di una relazione che magari due anni dopo finisce.

     

    beh ma si parlava d'amore non di una storiella perchè dispiacere è veramente riduttivo

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Icoldibarin

    OT Se vuoi andare in Sud Africa o in un Paese nordico, quando manderai il tuo CV non scrivere out-out,

    ma aut aut ! :D OT

    Oops :azz: Fucilatemi! :P

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    parole_alate

    Alla vostra età, tra i 20 e i 30, non c'è questione: si sceglie il lavoro. Anche fino a 40 io sceglierei

    il lavoro. Dopo, la prospettiva tenderebbe a ribaltarsi.

     

    Ma è una affermazione statistica o ritieni debba essere così? Nel secondo caso, dato quanto sono variabili le condizioni personali, non ne capisco il motivo. :sorriso:

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites

    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Reply to this topic...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


    ×
    ×
    • Create New...