Jump to content
Fox85

Il mio NON - Coming Out

Recommended Posts

Fox85

Vediamo se riesco a risparmiare la psicoterapia prendendo magari qualche consiglio qui, per evitare di sembrare prolisso vi riassumo in concetti la situazione.

 

Vivo con mia madre e mia sorella con le quali ho un pessimo rapporto praticamente da sempre, forse da quando in fase di crescita mi resi conto di essere gay e quindi capii che in una famiglia dove regna la discriminazione razziale, sessuale e sociale non mi sarei mai potuto aspettare anche in un futuro lontano una situazione alla Will&Grace. Di conseguenza da circa 10 anni si litiga tutti i giorni per i motivi più disparati, il telefono mi serve.. l'estathé è finito... gira su italia1... etc. Non credo che farò mai un CO in famiglia o almeno non prima di avere una mia casa e un mio reddito visto che dirlo equivale implicitamente a dover fare i bagagli.

 

Frequento gli stessi amici praticamente da 20 anni, con alcuni andavo all'asilo insieme, ma nessuno di loro sa di me, o meglio... tra di loro ne parleranno certamente e credo ne abbiano la certezza al 99.9% ma non gli ho mai dato conferma perché sinceramente non ci riesco e quando sto con loro e ipotizzo un dialogo mi sale il nervoso e rinuncio.

Diciamo che i motivi credo siano due, questi miei amici 4 anni fa andarono a fare un viaggio a Medjugorie... da allora sono diventati totalmente fissati con la chiesa... il peccato... la bibbia... e tutto l'armamentario. Considerando quindi che la Bibbia dice molto chiaramente che io sarei un abominio, non so fino a che punto potrebbero mettermi sopra alla sacre scritture in fatto di importanza.

 

Si le so le frasi classiche "se sono tuoi amici ti accetteranno"... ma essendo io realista penso: se io sono amico di X e allo stesso tempo ritengo che essere omo sia un abominio... E X mi dicesse di essere omo... reagirei in due modi, o lo allontanerei... O farei l'ipocrita per convenienza fingendo che non me ne importi. Quindi visto che non è l'ipocrisia quella che voglio e allo stesso tempo non voglio perderli visto che li conosco da 20 anni, me li devo tenere così come sono.

Ho detto che c'erano due motivi, io ritengo che certe cose le si dovrebbero capire senza doverle necessariamente rivelare. Anche a me capita di capire molto dalle persone senza che loro mi dicano "A", potrebbero fare anche loro lo stesso con me.

 

L'unica persona a cui ho fatto il CO fu una mia ex collega di lavoro che da me ha avuto solo la conferma perché lo sapeva già da sola. In pratica uscii con un ragazzo, questo ragazzo era il parrucchiere di questa mia collega... il resto della storia è ovvio "W l'inciucio"... Quindi una sera lei me lo disse e io le dissi la verità, ci rimasi male per una cosa che mi disse "non ti preoccupare per me non ci sono problemi sono tranquilla su queste cose, io rispetto tutte le scelte"... Il fatto che lei pensi che la mia sia una scelta mi fece innervosire e pensai che se "una collega" (che nei parametri d'importanza affettiva è a pari merito con la Zanicchi) mi diceva questo e ci stavo male, figuriamoci se fossero stati gli amici d'infanzia a dirmi la stessa cosa...

 

Come vorrei procedere, allora... al momento non sono in cerca e non mi intriga fare la vita gay in locali e discoteche (anche perché dalle mie parti non c'è niente), se però conoscessi un ragazzo a cui io piaccio e che resistesse alle fatidiche 24 ore dopo un rapporto sessuale... Si potrebbe senza problemi andare anche a vivere assieme, sarà l'evidenza dei fatti a concretizzare il CO.

Che ne pensate?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Casper

Ciao Fox...

mi spiace dover leggere di questa tua situazione che stai vivendo così male. Il CO in famiglia è sempre un passo impegnativo (il termine "difficile" ha delle connotazioni quasi negative...) perchè implica lo sconvolgimento di un rapporto non solo amicale, ma familiare, con tutti gli annessi e connessi.

Oltretutto, per chi non è economicamente autosufficiente, il rischio di una reazione estrema come l'allontanamento da casa potrebbe essere veramente un bel casino da fronteggiare, quindi non biasimo mai chi non se la sente di rivelarsi in casa (io stesso, 33enne economicamente autosufficiente e casa-munito, in famiglia non do notizie della mia vita privata).

Per quanto riguarda gli amici, vero che "se sono amici veri ti accetteranno" è quasi una frase fatta... ma in fondo racchiude in se tutta l'essenza di un vero rapporto di amicizia, l'amico è quello che non ti giudicherà.

Concludi il tuo post con un proposito su come pensi di comportarti e ci chiedi un consiglio: se al momento quest'idea ti sembra la più confacente alla tua situazione perchè non provi semplicemente a seguirla? Più o meno è quello che, dopo un po' di mazzate sui denti, ho deciso di fare anche io... alcuni sanno perchè c'è stata l'occasione di aprirmi con loro, altri no... e sul fronte CO penso di continuare con questa filosofia.

Per l'argomento relazioni, se arriverà un boy importante che mi rapirà il cuore, lui verrà prima, in importanza, di possibili problemi in famiglia o cose simili: abbiamo una sola vita e non ha senso viverla da infelici, solo per compiacere gli altri.

 

Spero di essere stato, almeno un po', utile alle tue riflessioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sel

Caro Fox, intanto un abbraccio perché la situazione è pesantina. Mi spiace tanto.

 

Poi, quanto ti manca per una tua indipendenza economica? Credo che la prima cosa per te sia andare a vivere fuori di casa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Hinzelmann

L'indipendenza economica deve avere la priorità e deve contemplare

la possibilità-opportunità di un trasferimento.

 

Il fatto che tu sia omosessuale implica la necessità di assumere la tua

omosessualità, fartene carico e fare delle scelte per essa. Perchè questo

ti farà vivere meglio. Questo percorso può dar esito ad un CO o a altre

cose, non è necessario o obbligato l'esito, ma il percorso sì.

 

Nel tuo caso la scelta da fare mi pare sia andarsene e iniziare a vivere

una vita gay più libera.

 

Il fatto che i tuoi migliori amici siano degli integralisti cattolici :

Se tu sai che l'alternativa con loro è il rifiuto o l'ipocrisia, il  silenzio tra di

voi ti evita il rifiuto, ma non l'ipocrisia...che già c'è, visto che al 99,9% lo

sanno già. Questa situazione di sospensione del giudizio può andare bene

per loro, che sono etero, perchè è una situazione comoda. Per te, che

sei gay non è altrettanto comodo. In poche parole devi trovarti altri amici.

 

Quindi esci dal periodo ipotetico "se conoscessi" ed inizia a programmare

una serie di scelte funzionali a farti vivere meglio. Trovare un lavoro, se

possibile lontano da casa, anche a condizione di coabitare per ridurre i costi

etc. etc. E' dura, ma la strada è questa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sel

Concordo in pieno con quanto detto da Hinzelmann. Tornavo or ora per ampliare il mio discorso e farmi capire meglio, ma ci ha pensato Hinzelmann :pausa:. Fai sul pratico Fox, a passi: primo indipendenza economica e valutare dove vivere. Poi il resto, tenendo conto di ciò che dice Hinzelman sull'assumere il tuo orientamento sessuale - abbracciarlo, amarlo e farlo 'vivere' perché essere gay è parte di te e se non lo fai starai male alla lunga.

Share this post


Link to post
Share on other sites
hook

Hanno già detto tutto :pausa:

 

La situazione è ovviamente non delle migliori, inoltre tu non vivi pienamente la tua omesessualità, dunque e come se continuassi a reprimere tutto. Fatti avanti, e prendi in mano le redini del gioco. Non puoi, come dice Casper, sprecare certe occasioni, sei giovane e dunque vivi da giovane. Appena raggiunta l'indipendenza :asd:, non è detto che tu debba dirlo per forza, ma almeno vivi questa tua vita, in maniera serena con te stesso e con gli altri, in modo da non soffrire più!

 

Un abbraccio!! :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ziguli

Ok. la situazione non è delle migliori. In famiglia sono d'accordo sul fatto di aspettare. E' ormai una prassi andare a vivere da solo e quindi essere autosufficiente prima di un ipotetico CO.

 

I tuoi amici, sono i classici cattolici a mezzo servizio e che purtroppo saranno fissati sul peccato altrui e mai sul loro. Quindi come dice Hinzelmann cambia compagnia o per lo meno trova un nuovo gruppo e frequenta di tanto in tanto i vecchi amici, se proprio non li vuoi perdere.

 

Come vorrei procedere, allora... al momento non sono in cerca e non mi intriga fare la vita gay in locali e discoteche (anche perché dalle mie parti non c'è niente), se però conoscessi un ragazzo a cui io piaccio e che resistesse alle fatidiche 24 ore dopo un rapporto sessuale... Si potrebbe senza problemi andare anche a vivere assieme, sarà l'evidenza dei fatti a concretizzare il CO.

nella presentazione hai scritto che non credi nell'amore e ora dici che non sei neanche in cerca.. poi ti contraddici e dici che vorresti che un ragazzo si invaghisca di te e che potresti valutare l'ipotesi di andare a convivere con lui scegliendo come indice di giudizio il rapporto sessuale consumato col tipo...

Concludi dicendo che in pratica (almeno da come l'ho capita io) questa persona ti servirebbe per far vedere che sei gay e non perché realmente ne sei innamorato/attratto. bhè prima o poi 2 parole le dovrai fare uscire per spiegare la situazione o per lo meno per difenderti

Secondo me non ti è chiaro come muoverti

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sweet

secondo me sbagli a pensare che il giorno che avrai un ragazzo fisso e ci andrai a vivere assieme "i fatti parleranno da sè". Anche se riuscirai a realizzarti in questo modo, ovvero ottenendo indipendenza dalla tua famiglia, e trovandoti una relazione fissa che vuoi portare al livello successivo, per me è sempre meglio dire le cose come stanno invece di lasciare che siano i fatti a parlare. Questo perché non DIRE le cose porta a situazioni assai imbarazzanti di detto/non detto, dove la gente ti fa capire che le cose le sa, ma ci gira attorno, perché hanno tutti troppa paura a pronunciare la fatidica parola GAY. In sostanza, non dicendo, tu staresti facendo un FAVORE sia alla tua famiglia, che ai tuoi amici integralisti cattolici, gli stai evitando di doversi scontrare con la realtà del pronunciare la parola GAY e di avere un amico/figlio/fratello gay.

 

Ora immagino da quello che hai detto che a te non interessi fare il martire e immolarti in vista di una crescita personale di altri. Ovviamente sei libero di fare quello che vuoi, ma per me questo è male. Stai scegliendo di vivere in una vita di ipocrisia e di non detto e io penso che alla lunga la situazione finirebbe col pesarti ugualmente e non sarebbe affatto idilliaca come pensi. Anche qualora ti trovassi una relazione stabile che vale la pena di trasformare in convivenza. Staresti comunque vivendo una vita a metà quindi penso che dopo un po' capiresti che dirlo è sempre e comunque meglio, non si scappa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Fox85
  • Topic Author
  • Mi piacerebbe rispondere a tutti, ma adesso sono proprio in volata  :rotfl:

     

    nella presentazione hai scritto che non credi nell'amore e ora dici che non sei neanche in cerca.. poi ti contraddici e dici che vorresti che un ragazzo si invaghisca di te

     

    Non credo di essermi contraddetto, non essere in cerca non significa che se dovesse arrivare non lo prenderei. Non mi metto a cercare la nutella, ma se me la offrono me la mangio. E non che si invaghisca ma semplicemente una persona a cui io possa piacere con cui avere interessi e dividere momenti, non credo nell'amore perché ritengo che l'amore in realtà sia l'insieme di più emozioni e più stati d'animo: il rispetto, la passione, la fiducia, la compatibilità... Non credo di certo ad una cosa tipo "brokeback mountain" ma né in ambito omo né ambito etero. Sarà che sono stato statisticamente sfortunato sull'argomento non avendo mai conosciuto una coppia felice che sia durata e che mi faccia da termine di paragone.

     

    e che potresti valutare l'ipotesi di andare a convivere con lui scegliendo come indice di giudizio il rapporto sessuale consumato col tipo...

     

    Non ho detto questo, ho scritto "e che resistesse alle fatidiche 24 ore dopo un rapporto sessuale", visto che generalmente dopo il sesso spariscono nel nulla, come se si fossero spinti troppo oltre per poi tornare dopo due mesi come se nulla fosse. Non faccio selezioni sulle competenze sessuali, anche se in tutta franchezza reputo anche quelle importanti. La compatibilità sessuale è fondamentale ma non discriminante.

     

    Concludi dicendo che in pratica (almeno da come l'ho capita io) questa persona ti servirebbe per far vedere che sei gay e non perché realmente ne sei innamorato/attratto.

     

    Ma assolutamente no, pagherei un escort se mi servisse solo per dichiararmi. Io scelgo le parole sempre con cognizione di causa, mi stupisce che possa dare più interpretazioni.

     

    bhè prima o poi 2 parole le dovrai fare uscire per spiegare la situazione o per lo meno per difenderti

    Secondo me non ti è chiaro come muoverti

     

    Non mi sento attaccato da cosa mi devo difendere? Anche se può sembrare incredibile attualmente vivo con serenità la situazione, nel senso che il problema si verrà a creare quando ci sarà qualcuno che me lo creerà, attualmente non c'è. Dirlo agli amici potrà essere liberatorio ma non potendo prevedere il futuro non so quanto possa migliorare la situazione attuale considerando che con questi amici ci divido l'ufficio 8 ore al giorno... Non mi voglio complicare la vita, non è paura è prudenza.

     

    E per rispondere anche alla domanda in presentazione

     

    non credi nell'amore, non hai il tempo per nuove amicizie.. in cosa credi allora?

     

    Realmente non ho il tempo materiale per nuove amicizie, non ho tempo neanche per me stesso! Ma questo non significa che non possa credere nell'amicizia. Per quanto riguarda l'amore ti ho risposto sopra, in ogni caso io non credo neanche in Dio essendo Ateo razionalista, ma se domani mi sveglio con le stigmate e mi appare la Madonna le cose cambierebbero... Se domani incontro il ragazzo che mi fa battere il cuore come nei film le cose cambierebbero, ma fino ad allora...

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    HaNKy87PaNKY
    se io sono amico di X e allo stesso tempo ritengo che essere omo sia un abominio... E X mi dicesse di essere omo... reagirei in due modi, o lo allontanerei... O farei l'ipocrita per convenienza fingendo che non me ne importi. Quindi visto che non è l'ipocrisia quella che voglio e allo stesso tempo non voglio perderli visto che li conosco da 20 anni, me li devo tenere così come sono.

     

    Guarda, mia mamma è andata in pellegrinaggio a Lourdes, eppure è orgogliosissima di me e adora il mio ragazzo. Non è che siccome sei credente sei necessariamente contro i gay o li ritieni abominevoli. Anzi, scoprire che una persona importante ed amica è omosessuale non può che migliorare la propria opinione verso la categoria...

    Secondo quanto dici allora tutti i tuoi amici dovrebbero aspettare al matrimonio per fare sesso solo al fine del concepimento e non masturbarsi... Mi sembra difficile che sia così!

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Ziguli
    Non ho detto questo, ho scritto "e che resistesse alle fatidiche 24 ore dopo un rapporto sessuale", visto che generalmente dopo il sesso spariscono nel nulla, come se si fossero spinti troppo oltre per poi tornare dopo due mesi come se nulla fosse. Non faccio selezioni sulle competenze sessuali, anche se in tutta franchezza reputo anche quelle importanti. La compatibilità sessuale è fondamentale ma non discriminante

    qui avevo frainteso proprio. mi sembrava di aver capito altro.

     

    Non credo di essermi contraddetto, non essere in cerca non significa che se dovesse arrivare non lo prenderei. Non mi metto a cercare la nutella, ma se me la offrono me la mangio. E non che si invaghisca ma semplicemente una persona a cui io possa piacere con cui avere interessi e dividere momenti, non credo nell'amore perché ritengo che l'amore in realtà sia l'insieme di più emozioni e più stati d'animo: il rispetto, la passione, la fiducia, la compatibilità... Non credo di certo ad una cosa tipo "brokeback mountain" ma né in ambito omo né ambito etero. Sarà che sono stato statisticamente sfortunato sull'argomento non avendo mai conosciuto una coppia felice che sia durata e che mi faccia da termine di paragone

    non ho capito tanto. Non credi nell'amore e lo descrivi come un insieme di emozioni. Vorresti dire che non credi che possa esserci tutto questo insieme di emozioni e stati d'animo tra 2 persone?

    A me Brokeback M. non è piaciuto tanto e per buona parte del film non ci ho visto proprio l'amore.. all'inizio sembra una scena di sesso selvaggio che poi si trasforma in una specie di sentimento.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Hinzelmann

    Mi sa Zigulì che tu ed io abbiamo una idea diversa del sesso selvaggio... :rotfl:

     

    Comunque secondo me state consentendo a Fox85 di eludere il punto

    cruciale, che è togliere dalle sue speculazioni il "se" del periodo ipotetico

    - E se domani e sottolineo "se", all'improvviso...  :rotfl:

    e passare ad un impegnativo "farò".

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Ziguli

    Mi sa Zigulì che tu ed io abbiamo una idea diversa del sesso selvaggio... :rotfl:

    OT  :rotfl:

    non è un film hard quindi non si vede cosa fanno, ma diciamo che il primo approccio è abbastanza diretto. uno si mette a pecora e l'altro ci da dentro.

    trovo più carino Shelter dove il primo approccio è un bacio e dopo si passa al sesso

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Fox85
  • Topic Author
  • se al momento quest'idea ti sembra la più confacente alla tua situazione perchè non provi semplicemente a seguirla? Più o meno è quello che, dopo un po' di mazzate sui denti, ho deciso di fare anche io...

    ...Spero di essere stato, almeno un po', utile alle tue riflessioni.

     

    Utilissimo credimi, anche perché sapere di non vivere da soli queste situazioni è confortante. Più ascolto di persone che vivono la mia realtà (o similare) più rientro in un concetto di normalità.

     

    Caro Fox, intanto un abbraccio perché la situazione è pesantina. Mi spiace tanto.

     

    Poi, quanto ti manca per una tua indipendenza economica? Credo che la prima cosa per te sia andare a vivere fuori di casa.

     

    Sei gentilissima  :cry:

    Allora il piano economico... mmm... attualmente guadagno abbastanza bene (per uno che non ha affitto e bollette), il problema è che lo stipendio va via quasi integralmente per spese e pagamenti.

    Oltre a lavorare frequento dei corsi di grafica post-laurea in un'altra città... a pagamento... E tutto ciò (tra rata, treno, colazione, pranzo) fa fuori già i primi 400 euro mensili. Se ci mettiamo le sigarette e tutto quello che non rientra nello shopping (visto che non ricordo più cosa sia), tipo i parcheggi, il cinema una volta al mese... Vanno via altri 150 euro + i 400 = 550

    E' quindi ovvio che prendere una camera in affitto in città (300 euro spese escluse), pagarci le bollette, farci la spesa, è impossibile al momento.

    Anche se per il mio futuro professionale si stanno formando due strade importanti che in entrambi i casi potrebbero migliorare di molto le cose, devo aspettare o mi vado a prostituire  :rotfl: non c'è molto altro da scegliere.

     

     

    Il fatto che i tuoi migliori amici siano degli integralisti cattolici :

    Se tu sai che l'alternativa con loro è il rifiuto o l'ipocrisia, il  silenzio tra di

    voi ti evita il rifiuto, ma non l'ipocrisia...che già c'è, visto che al 99,9% lo

    sanno già. Questa situazione di sospensione del giudizio può andare bene

    per loro, che sono etero, perchè è una situazione comoda. Per te, che

    sei gay non è altrettanto comodo. In poche parole devi trovarti altri amici.

     

    Quindi esci dal periodo ipotetico "se conoscessi" ed inizia a programmare

    una serie di scelte funzionali a farti vivere meglio. Trovare un lavoro, se

    possibile lontano da casa, anche a condizione di coabitare per ridurre i costi

    etc. etc. E' dura, ma la strada è questa.

     

    Non quoto tutto il messaggio altrimenti viene fuori un post chilometrico!  :D

    Allora la parte in grassetto la condivido tutta anzi, hai proprio ragione. Cioè anche se vivo una realtà e non faccio nulla per modificarla, sono consapevole che sbaglio, quindi ok. Inerente al lavoro, non posso cambiarlo sarebbe un suicidio, mi imbarazza dirlo, ma per farti rendere conto io lavoro 8 ore al giorno( sabato/domenica esclusi) in un ufficio dietro ad un computer e porto a casa tre zeri con le ferie pagate... Ho lavorato davvero ovunque: in una pizzeria, in una casa di moda, in un call center, etc... mi mancano solo le onoranze funebri, ora che ho trovato un lavoro decente me lo vorrei tenere.

     

    Gli amici, non li posso cambiare. Non solo perché li conosco da 20 anni e perché ci divido l'ufficio, ma anche perché non è semplice uscire, localizzare probabili esponenti del PD e socializzare chiedendo l'ora. Inoltre saranno cattolico-bigotti, ma quando si vive con le stesse persone per anni cmq ci si vuole bene, forse è un bene che può mutare se gli dessi la conferma di essere gay, ma tutto può essere.

     

    Hanno già detto tutto :rotfl:

     

    La situazione è ovviamente non delle migliori, inoltre tu non vivi pienamente la tua omesessualità, dunque e come se continuassi a reprimere tutto. Fatti avanti, e prendi in mano le redini del gioco. Non puoi, come dice Casper, sprecare certe occasioni, sei giovane e dunque vivi da giovane. Appena raggiunta l'indipendenza :D, non è detto che tu debba dirlo per forza, ma almeno vivi questa tua vita, in maniera serena con te stesso e con gli altri, in modo da non soffrire più!

     

    Un abbraccio!! :D

     

    E proprio quello che voglio fare  ;) nel senso che non vedo di buon occhio quelli che restano nell'ombra e finiscono con lo sposarsi ed avere dei figli vivendo nella menzogna.

     

    Stai scegliendo di vivere in una vita di ipocrisia e di non detto e io penso che alla lunga la situazione finirebbe col pesarti ugualmente e non sarebbe affatto idilliaca come pensi. Anche qualora ti trovassi una relazione stabile che vale la pena di trasformare in convivenza. Staresti comunque vivendo una vita a metà quindi penso che dopo un po' capiresti che dirlo è sempre e comunque meglio, non si scappa.

     

    Probabilmente è così, ma la considero una situazione in parte momentanea. Il fatto di essere consapevole di non vivere per sempre così già è una buona cosa credo.

     

    Guarda, mia mamma è andata in pellegrinaggio a Lourdes, eppure è orgogliosissima di me e adora il mio ragazzo. Non è che siccome sei credente sei necessariamente contro i gay o li ritieni abominevoli. Anzi, scoprire che una persona importante ed amica è omosessuale non può che migliorare la propria opinione verso la categoria...

    Secondo quanto dici allora tutti i tuoi amici dovrebbero aspettare al matrimonio per fare sesso solo al fine del concepimento e non masturbarsi... Mi sembra difficile che sia così!

     

    Si ma io conosco i miei polli, non lo dico solo perché sono andati a Medjugorie, ma anche perché capita che si fanno discorsi "sociali" e so come la pensano, un loro amico si dichiara gay e loro improvvisamente cambiano idea? E' impossibile e anche se fosse sarebbe ipocrisia. Che poi loro facciano sesso fuori dal matrimonio è una causa persa perché per loro della bibbia ci sono cose che vanno interpretate (come il non dover fare sesso) e cose che devono essere lette così come sono.

     

    non ho capito tanto. Non credi nell'amore e lo descrivi come un insieme di emozioni. Vorresti dire che non credi che possa esserci tutto questo insieme di emozioni e stati d'animo tra 2 persone?

     

    Tutto queste emozioni possono esserci tra due persone, ma il termine "amore" che sul dizionario è indicato come "sentimento di affetto vivo, trasporto dell'animo verso una persona, istinto naturale che lega due persone" non credo che esista.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    michelangelo86

    io ti capisco benissimo anch'io vengo da una famiglia cosi e avendo vissuto molti anni al sud capisco la desolazione(assenza di luoghi dove poter conoscere gente).Anch'io sto cercando qualcuno come te...è che la maggior parte dele volte ti accusano di essere "selettivo" o di "pretendere troppo" quando in realtà cerchi soltanto un rapporto che abbia qualità..insomma non vuoi il cibo da fast food non sogni il caviale e cerchi una normalissima pasta fatta in casa..dai che ce la faremo!! :rotfl:

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    FleurDeLys

    Seguire la Chiesa cristiana cattolica e accettare l'omosessualità è un pò come mangiare carne ed iscriversi alle associazioni vegetariane, ovviamente è un mio punto di vista , ma mi sento coerente con me stesso, quindi queste persone non le capisco e non le capirò mai...  :gha:

    Capisco che tu vuoi bene ai tuoi 'amici', a quanto pare tu lì ami per quello che sono , loro per quello che sembri, è un sentimento a senso unico. Sei comunque libero di vivere il tuo legame con loro come desideri, evidentemente in una situazione del genere ti senti pure appagato, altrimenti lì avresti già abbandonati, no?

    Io non ho amici che non sanno di me , non mi interessa , non lì riterrei amici, essere omosessuali non è un semplice status, è una grande componente di noi stessi, non è come preferire l'altalena allo scivolo.  :rotfl: Se accettasi una situazione così, quante cose dovrei nascondere? O peggio ancora modificare e falsificare? Francamente non ho tempo da perdere con individui tarati! Questo dissi ad una mia compagna di scuola ,alla quale confidai la mia omosessualità , e lei rispose: io non ho problemi con te ,ma per favore non parlare di maschi con me o almeno cerca di evitare. Io allora pensai che era proprio lei che dovevo evitare, e le risposi che la nostra 'amicizia' terminava qui.  :sisi: Ci rimase male, ma io me ne andai a cuor leggero, non avevo perso nulla, lei forse sì..ma chissenefrega!!!

    Tu chiedi consiglio, su cosa fare, come comportarti.... Beh..è difficile, o meglio impossibile risponderti!!! Siamo diversi, le persone si relazionano con gli altri in modi mutevoli e molteplici e ci si accontenta in modi altrettando differenti. Solo tu sai cosa fare , puoi andare avanti una vita così o cambiare radicalmente, potresti essere felice anche in questa situazione portando dei piccoli accorgimenti magari nel tuo quotidiano famigliare, cercare qualche altro amico e tenerti comunque questi due continuando la recita, senza innervosirti più di tanto quando fanno certi discorsi. Ricordati che non tutti sono dotati di QI alto.

    Bacio Pat :bah:

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Fox85
  • Topic Author
  • Seguire la Chiesa cristiana cattolica e accettare l'omosessualità è un pò come mangiare carne ed iscriversi alle associazioni vegetariane, ovviamente è un mio punto di vista , ma mi sento coerente con me stesso, quindi queste persone non le capisco e non le capirò mai...  :rotfl:

     

    Un piccolo OT su questo discorso... Io considero ancora più grave chi è omosessuale e al tempo stesso si dichiara apertamente cattolico praticante, non credo esista incongruenza più grossa di questa. Un gay non può essere cattolico perché anche se la chiesa non giudica lo status di omosessualità in quanto tale (in teoria ovviamente), giudica apertamente lo stile di vita omosessuale, quindi se sei gay e tieni la cintura di castità sei ok, tutti gli altri sono figli di satana. Quindi un conto è dire "sono Cristiano perché credo in Cristo" ok, un'altro è "sono cattolico"...

     

    Capisco ...

     

    Non che io faccia recite, nel senso che appena li vedo inizio a fare commenti sul culo della segretaria, su Angelina Jolie o sul rinomato club Sharon... (  :gha: )... Assolutamente no, anzi se loro mi facessero la fatidica domanda non mentirei.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Mother Fucker

    Non voglio pronunciarmi sulla questione famiglia,perchè anche per me è molto difficile..Però permittimi di dirti la mia sugli amici..

    Secondo me è già ipocrisia la loro,se hanno capito di te,ma fanno finta di nulla..dovresti dirglielo,se ti vogliono bene cercheranno di capire di confrontarsi con una realtà diversa,all'inizio potrà essere difficile,ma migliorerà.Viceversa capirai chi davvero ci tiene a te e ti rispetta.

    Magari inizia col tuo migliore amico o amica,vedi come va.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Spy Waves

    "perché sinceramente non ci riesco e quando sto con loro e ipotizzo un dialogo mi sale il nervoso e rinuncio."

     

    Questa frase sintetizza un pò tutto il tuo post iniziale. Perchè, se sono tuoi amici, dovresti aver paura di dirglielo?

    Perchè se non ho capito male tu non vuoi fare coming out per la loro reazione che potrebbe non essere delle migliori perchè loro sono diventati religiosi. Se tu glielo dicessi, e loro reagissero male, non ti sentiresti di averti prima di tutto tolto un peso dallo stomaco e poi aver fatto una specie di prova della vostra amicizia? Perchè in teoria, e ripeto IN TEORIA, se sono tuoi amici dovrebbero accettarti per quello che sei. Oppure non vuoi dirglielo perchè hai paura della solitudine e quindi vorresti mantenere questa compagnia per non cadere nella solitudine più totale?

     

    Per quanto riguarda la famiglia, se loro sono così, è meglio che non glielo dici. In fin dei conti se il vostro rapporto non è molto idilliaco non sei obbligato a dirgli del tuo orientamento sessuale. Io penso che le rivelazioni debbano essere meritate, non so se mi sono spiegato.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    SabrinaS

    Col senno di poi credi che le prime due righe di questo topic abbiano influito nella tua carriera "panciana" e ideologica contro le "mamme pancine" e "castranti" nei confronti dei loro figli, fenomeno ristretto che pare esagerato dal rimbalzo mediatico social, che potrebbe anche suonare per alcuni anche un tantino misogina? Se mai ti collegherai please risp

    Edited by SabrinaS

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites

    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Reply to this topic...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


    • Who Viewed the Topic

      3 members have viewed this topic:
      stronghold7  panit~  Simoxp 
    ×
    ×
    • Create New...