Jump to content
Almadel

La nuova generazione

Recommended Posts

Almadel
  • Topic Author
  • 13 minutes ago, LocoEmotivo said:

    Ma perché tu sei probabilmente a cavallo con quella generazione.

    Io ribadisco che non è affatto una questione generazionale e mi dispiace che voi lo pensiate.

    E' proprio un fatto di EDUCAZIONE.

    Tra me e Bloodstar passano 17 anni di differenza, ma avremo avuto più o meno gli stessi genitori.

    E anche per molti ragazzi di oggi il primo contatto con l'omosessualità è la pornografia, come sarà stato per Bloodstar

    o delle seghe in segreto con qualche amico o cugino come è stato per me.

     

    Per questi ragazzi invece l'omosessualità non è solo materiale per le pippe o un mostruoso desiderio da reprimere.

    E' la naturale condizione di vita degli zii o degli amici dei genitori o del proprio insegnante.

    E non devi neppure chiedere su un forum le cose che non sai, perché te le spiega tua madre

    (a cui le ha spiegate Almadel, prima ancora che tu nascessi).

     

    No, la generazione non conta nulla.

    Oggi gli adolescenti gay figli dei leghisti che credono alla "teoria del gender"

    stanno presi anche peggio di quanto potessi essere preso io trenta anni fa.

    Io parlo ESPLICITAMENTE dei figli dei nostri amici che sono cresciuti con noi.

     

    La mamma del mio amico trans con la sorella pansessuale è la segretaria di Alessandro Zan.

    Il nostro era un ambiente distante anni luce da quello in cui siamo cresciuti noi.

    Mio fratello ha trent'anni, ma è cresciuto con una mentalità diversa dalla nostra;

    perché è cresciuto con la MIA mentalità come punto di riferimento:

    se il mio nipotino fosse queer sarebbe in un'altra galassia rispetto a me.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Oscuro
    3 minutes ago, Almadel said:

    E non devi neppure chiedere su un forum le cose che non sai, perché te le spiega tua madre

    (a cui le ha spiegate Almadel, prima ancora che tu nascessi).

    Mia madre e mio padre hanno i capelli ricci, cosi come mio fratello, genitori e parenti da parte di mia madre avevano i capelli ricci, cosi come da parte di mio padre.
    Ora capisco perché sono l'unico dopo oltre due generazioni a non avere i capelli ricci.
    Sono figlio di Almadel.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Bloodstar
    9 minutes ago, Almadel said:

    Io ribadisco che non è affatto una questione generazionale e mi dispiace che voi lo pensiate.

    Si ragiona per generazioni, facendo delle semplificazioni assurde e perdendo di vista il contesto, semplicemente perché nessuno ha avuto un'esperienza di vita simile alla tua.

    Pochi hanno degli amici con dei figli, quasi nessuno ha fatto "l'attivista". Voglio dire, ma chi si è messo a spiegare per anni cosa fossero i gay ai suoi amici etero? 

    Edited by Bloodstar

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
    20 minutes ago, Almadel said:

    anche per molti ragazzi di oggi il primo contatto con l'omosessualità è la pornografia, come sarà stato per Bloodstar

    o delle seghe in segreto con qualche amico o cugino come è stato per me.

    non ne sarei così sicuro: quanto avranno influito sul loro "sentiment" skam e tutte le serie netflix con protagonisti gay? per tacere dei personaggi omoaffettivi dei cartoni, dalla disney in giù.

    insomma, non siamo più gli eccentrici, e le relazioni gaye ormai per loro sono normalissime, come quelle etero.

    e la cosa non mi dispiace affatto

     

    Edited by freedog

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Tyrael
    19 minutes ago, freedog said:

    non ne sarei così sicuro: quanto avranno influito sul loro "sentiment" skam e tutte le serie netflix con protagonisti gay? per tacere dei personaggi omoaffettivi dei cartoni, dalla disney in giù.

    insomma, non siamo più gli eccentrici, e le relazioni gaye ormai per loro sono normalissime, come quelle etero.

    e la cosa non mi dispiace affatto

     

    Quoto :sisi: e aggiungo che programmi come rupaul (ho quasi finito la prima stagione xD) aiutano :sisi:  

    Ora ci serve solo una sana educazione sessuale nelle scuole e più integrazione fra l'orda gay e l'alleanza etero! 

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Bttmfrancis9
    53 minutes ago, Almadel said:

    E non devi neppure chiedere su un forum le cose che non sai, perché te le spiega tua madre

    (a cui le ha spiegate Almadel, prima ancora che tu nascessi).

    Sono situazioni abbastanza di nicchia però. Non tutti gli etero 40/50 enni hanno amici gay. Spesso l'educazione parte dai ragazzini, che avendo una visione più normalizzata dell'omosessualità, devono educare i genitori ottusi

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    IlFinnico

    La dinamica da film americano mi nausea. Malgrado ciò, mi fa piacere sentire questa notizia, anche se più volte, @Almadel, hai affermato scherzosamente di vivere nel "ghetto", quindi non so quanto questa esperienza sia rappresentativa dei cambiamenti della società. Se hai amici sinceri che hanno accettato te ed il resto della comitiva significa che sono friendly,  quindi impartiranno una determinata educazione ai propri figli. D'altra parte ci sono anche tredicenni che vanno in giro in branco ad insultare e a scatenare risse. In pratica sì, la società è in parte cambiata, ma l'astronave di cui parli, per ora, mi sembra più simile al pisello volante di Bezos: sembra essersi allontanata chissà dove, ma dieci minuti dopo te la ritrovi giusto un po' più in là.

    P.S.: ah, nel frattempo ho finito di leggermi gli altri interventi, però non mi va di cancellare quello che ho scritto ormai XD. In pratica tu ti riferisci agli attuali genitori che sono in stretto rapporto con i gay. Be', sì , quella può essere una parte di società migliorata(dal nostro punto di vista), ma è ancora una nicchia. Ci si lavorerà. 

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Almadel
  • Topic Author
  • 23 minutes ago, blaabaer said:

    Posso chiederti cosa intendi con questa frase? Io penso che dall'incontro di diverse realtà (per esempio, la generazione tua e quella dei figli dei tuoi coetanei) si possa, se lo si vuole, ottenere uno scambio che è utile a tutte le parti coinvolte, senza che necessariamente ci sia quello scafato che si presenta all'altro come in una relazione di "aiuto".

    Mi stai facendo una domanda molto difficile.

    Da un lato se un nostro caro amico ha un figlio queer io mi sento in dovere di doverci mettere il becco.

    Nel caso specifico sinceramente non ho nulla da dire, se non quello che i suoi genitori gli hanno già consigliato.

    Mi sento come un architetto che voglia dare consigli su una casa a delle persone che l'hanno già tirata sù benissimo.

    No, cazzo: è tutto perfetto. Non so cosa dire, se non "bravi".  🙂

     

     

     

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    blaabaer
    36 minutes ago, Almadel said:

    Nel caso specifico sinceramente non ho nulla da dire, se non quello che i suoi genitori gli hanno già consigliato.

    magari hanno loro dei consigli da dare a te! 🙂

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    MARIO8530

    Un tredicenne è capace di rispettare chi è diverso da sé, oppure sa capire se è fra quelli che hanno un diverso orientamento sessuale (o cit. "Etichettarsi")(complici la visibilità lgbtaia+ nei media e in società, in Italia?)

    Oh mio Dio, @Bloodstar che pessimismo cosmico, noi 20s siamo tipo "il nuovo che spazza via il vecchio", su via. La nuova generazione, il futuro! Se sarai professore e infonderai questa tua diffidenza allora annamo proprio bbene!
    @Bttmfrancis9 ma l'hai mai visto un tredicenne?! Camminano col telefono azzeccato in fronte, è un luogo virtuale comune, un terreno d'incontro fra persone diverse...

    Complimenti Almadel, sei d'esempio :)): :)))))) !

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    prefy

    Ho letto il topic

    mi piace molto questa storia di evoluzione dei costumi

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Almadel
  • Topic Author
  • 36 minutes ago, blaabaer said:

    magari hanno loro dei consigli da dare a te! 🙂

    No, persino sugli anime e sui fumetti giapponesi ne sappiamo molto più di lui 🙂

    Lasciagli qualche anno.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    busdriver

    che dirti almadel. Se hai messo in moto un astronave sulla rotta del cambiamento,bè se hai bisogno di qualcuno in sala radio ci sono!

    Io penso che sia una evoluzione o meglio (volendo essere cattivo) la rivincita contro un mondo bigotto . E la cosa mi fa piacere pure a me

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    nowhere

    Ho notato una progressiva apertura mentale da parte delle generazioni etero più giovani, lo vedo con i miei nipoti.

    E non credo che sia merito di queste nuove ideologie che di base predicano intolleranza e divisione, quanto più come dice Almadel ad una visione leggermente diversa dei loro genitori.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Bloodstar
    3 hours ago, MARIO8530 said:

    Oh mio Dio, @Bloodstar che pessimismo cosmico, noi 20s siamo tipo "il nuovo che spazza via il vecchio", su via. La nuova generazione, il futuro! Se sarai professore e infonderai questa tua diffidenza allora annamo proprio bbene!

    Ma infatti sono consapevole che sarei un cattivo professore delle superiori.

    E comunque, io ormai ho 25 anni, ma quale nuovo che avanza? Ormai i giochi son stati fatti e io e quasi tutti i miei coetanei non siamo neppure mai scesi in campo.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    MARIO8530
    5 minutes ago, Bloodstar said:

    Ma infatti sono consapevole che sarei un cattivo professore delle superiori.

    E comunque, io ormai ho 25 anni, ma quale nuovo che avanza? Ormai i giochi son stati fatti e io e quasi tutti i miei coetanei non siamo neppure mai scesi in campo.

    Infatti intendevo twenties (20s da 20-30 anni) cioè, se non mi motiva il fatto che essendo giovane sono il futuro, non so...una scusa per essere positivo :)

     

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    LocoEmotivo
    49 minutes ago, MARIO8530 said:

    una scusa per essere positivo

    L'unica scusa che hai per positivizzare @Bloodstar è porgergli un cavetto collegato ad una batteria e chiudere il contatto :sisi:

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Tyrael
    1 hour ago, Bloodstar said:

    Ma infatti sono consapevole che sarei un cattivo professore delle superiori.

    Occhio che i pischelli te bucano le ruote della  macchina 😆

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Bloodstar
    31 minutes ago, Tyrael said:

    Occhio che i pischelli te bucano le ruote della  macchina 😆

    Ma no, sarei uno di quei cattivi professori che passano inosservati. E poi mica so guidare.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Krad77
    10 hours ago, Almadel said:

    Io ribadisco che non è affatto una questione generazionale e mi dispiace che voi lo pensiate.

    E' proprio un fatto di EDUCAZIONE.

    Vero. Hai cannato completamente il titolo del topic 😄

    però sei stato un po’ ingenuo a trovarti così sorpreso. È sempre stato così, i genitori che sono stati a contatto spesso con amici omosessuali hanno cresciuto i figli per essere open minded, persone che accettano ecc, e hanno imparato anche ad accettare un’ipotetica omosessualità del figlio preventivamente… Vedi per esempio l’artista Roy Lichtenstein, che faceva pop-art, dentro un movimento in cui gay e bisex abbondavano (Warhol, Basquiat, Haring ecc); quando il figlio si dichiarò, venne accettato da tutti come un normale fatto della vita, e ne parlano nelle loro interviste sia il padre che il figlio. Oppure se leggi i libri totalmente autobiografici di Sebastiano Mauri, con una famiglia hippie in cui bazzicavano i personaggi più eccentrici e di sinistra radicale, l’omosessualità non era un problema per nessuno… se non per lui stesso! Non è difficile immaginare milieu artistici o nobiliari talmente a contatto con il mondo gay per cui ci si trovava ad essere controcorrente con l’omofobia largamente diffusa. Sono stati casi purtroppo non frequenti, ma ci sono stati per decenni su decenni ormai.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    lollone

    Le nuove generazioni sono così anche perché quelli che guardano nelle serie TV, netflix, youtube, tiktok è pieno di ragazzi gay, o queer in generale, rappresentati con estrema naturalezza. 

    Mia cugina di 9 anni, amante dei BTS, mi racconta che il suo youtuber preferito è seoul mafia e con estrema naturalezza mi dice "ha un fidanzato cinese".

    Io chiedo conferma anche un po' stranito "fidanzato?"

    Risposta "sì certo, è gay, stanno insieme quindi è il suo fidanzato". 

    Senza batter ciglia, senza vederci il minimo problema. E io che mi faccio degli scrupoli perché pensavo non conoscesse nemmeno l'esistenza della parola gay...

    Iniziate a guardare quello che guardano i ragazzi dai 10 ai 15 anni e capirete come la pensano. 

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Almadel
  • Topic Author
  • 3 hours ago, Krad77 said:

    Vero. Hai cannato completamente il titolo del topic

    In teoria no, ma in realtà sì.

    Tutti hanno capito una cosa molto diversa 🙂

    3 hours ago, lollone said:

    Iniziate a guardare quello che guardano i ragazzi dai 10 ai 15 anni e capirete come la pensano.

    A me non interessa davvero capire come la pensano loro.

    A questo punto mi interessa capire perché una ragazzina di nove anni con un cugino gay

    debba scoprire su youtube cosa sia l'omosessualità, mentre suo cugino finge di cadere dalle nuvole.

     

    La cultura pop non c'entra una fava: mi spiace contraddirvi.

    Quando i Queen pubblicano Bohemian Rapsody  mia madre aveva 22 anni.

    I finocchi nei video musicali, su youtube, su Netflix, al cinema non contano nulla.

    L'unica differenza la fanno gfli LGBT dichiarati che conosci di persona.

    O pensate davvero che Lady Oscar e Andromeda abbiano davvero reso i quarantenni di oggi più friendly?

     

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    marco7
    1 hour ago, Almadel said:

    A questo punto mi interessa capire perché una ragazzina di nove anni con un cugino gay

    debba scoprire su youtube cosa sia l'omosessualità, mentre suo cugino finge di cadere dalle nuvole.

    Mi sembra semplice la risposta: perche' gli adulti se possono non introducono certi temi ai bambini.

    una volta si diceva ai figli che i bambini li porta la cicogna o che una donna sposata faceva figli perche' l'amore causava la gravidanza mentre era il sesso a causarla. I ragazzini dovevano 'istruirsi' sul sesso guardando la pornografia, il che non e' ideale.

    alla stessa maniera i ragazzini di oggi devono istruirsi sulle persone lgbt guardando youtube o le serie tv, il che non e' pure ottimale.

     

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    schopy
    On 7/21/2021 at 1:08 AM, Almadel said:

    E invece no: ci sono genitori attenti e severi,  ma capaci di trasmettere veri valori e di avere da parte dei figli una vera fiducia.

    Questo è davvero bello 😊 probabilmente (ipotizzo) i nostri genitori nemmeno capivano bene cosa fosse l'omosessualità prima di scoprire d'avere i figli gay, né facevano molta introspezione; di certo meno di quanto faccia un quarantenne oggi. Io so che mio padre, mia madre, zii e zie di certi fenomeni non sapevano realmente cosa pensare, né "perché" avrebbero dovuto manifestare il loro fastidio o dispiacere per l'omosessualità altrui, che pure c'era...credo vi fosse una cappa di conformismo molto pesante.

    On 7/21/2021 at 1:08 AM, Almadel said:

    Mi sento come se avessi contribuito a costruire un'astronave,

    ma questa sia già andata in un posto lontanissimo da me.

    ...una nuova normalità piacevolmente straniante...

    Edited by schopy

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Bloodstar
    5 hours ago, Almadel said:

    A questo punto mi interessa capire perché una ragazzina di nove anni con un cugino gay

    debba scoprire su youtube cosa sia l'omosessualità, mentre suo cugino finge di cadere dalle nuvole.

    Ma è normale: nessuno o quasi ha il tuo impegno divulgativo. A me, ad esempio, risulta più strano pensare a come tu abbia parlato per anni di omosessualità ai tuoi amici etero. 

     

    5 hours ago, Almadel said:

    La cultura pop non c'entra una fava

    Sì e no.

    Sicuramente sono i dichiarati nella vita di tutti i giorni a fare la differenza, su questo non ci piove, però nemmeno si può completamente accantonare tutto il resto.

    Tu dici che io ho scoperto l'omosessualità attraverso la pornografia, e questo è vero ma non del tutto. Quando ho capito razionalmente che mi piaceva il cazzo oltre a sfondarmi di seghe ho cominciato pure a informarmi nel modo che, a 12-13 anni, era per per me il più naturale, cioè mettendomi a leggere. 

    Nel giro di 4-5 anni mi sono sciroppato tutti i capisaldi della narrativa. Non avrò imparato molto sul piano pratico ma, almeno, ho capito che i froci non erano esseri bizzarri ed eccentrici ma gente che era in grado anche di scrivere romanzi molto belli, benché spesso molto deprimenti.

    Un 12enne del 2021 che, per sua fortuna, è inserito nella cultura pop può informarsi in maniera molto migliore della mia, reperendo esempi molto più funzionali di Mishima o di André Gide. Ha accesso a un mondo di serie e di musica che raffigura l'omosessualità in maniera non certo esauriente ma almeno sfaccettata, una buona idea può farsela.

    57 minutes ago, schopy said:

    probabilmente (ipotizzo) i nostri genitori nemmeno capivano bene cosa fosse l'omosessualità

    Ma certo. I miei, che pure non sono di mentalità chiusa su tante cose, non avevano proprio idea di cosa fosse un omosessuale concretamente, non si ponevano proprio il problema. Freddy Mercury era uno che andavo cogli uomini (e che è morto di AIDS), però questo non significava nulla ai loro occhi.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    metalheart
    6 hours ago, Almadel said:

    La cultura pop non c'entra una fava: mi spiace contraddirvi.

    Quando i Queen pubblicano Bohemian Rapsody  mia madre aveva 22 anni.

    I finocchi nei video musicali, su youtube, su Netflix, al cinema non contano nulla.

    L'unica differenza la fanno gfli LGBT dichiarati che conosci di persona.

    O pensate davvero che Lady Oscar e Andromeda abbiano davvero reso i quarantenni di oggi più friendly?

    La cultura pop c’entra, ovvio che Lady Oscar, Renato Zero Nannini eccetera non potevano rendere friendly anzi erano solo caricaturali nel nascondere

    Oggi anche nei cartoni animati e nelle fiabe hai il personaggio lgbtq, hai i maneskin che pure se sono etero devono professarsi queer, siamo ovunque e abbiamo un sacco di potere mediatico

    E sì ovviamente vanno ringraziate le persone dichiarate - ma mica l’omosessuale tutto brochure-sull-hiv-tieni-un-preservativo-passa-nel-nostro-nuovo-locale oppure la lesbica aggressiva, va ringraziata la compagna di classe che si dichiara demisessuale 

    Edited by metalheart

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Almadel
  • Topic Author
  • 53 minutes ago, Bloodstar said:

    Un 12enne del 2021 che, per sua fortuna, è inserito nella cultura pop può informarsi in maniera molto migliore della mia, reperendo esempi molto più funzionali di Mishima o di André Gide. Ha accesso a un mondo di serie e di musica che raffigura l'omosessualità in maniera non certo esauriente ma almeno sfaccettata, una buona idea può farsela.

    E una volta che è informatissimo cosa fa?

    Lo dice ai genitori? Ci prova col suo migliore amico?

    Si iscrive a danza e si mette lo smalto sulle unghie?

     

    Quella che si vede tutte le serie LGBT su Netflix è sua madre.

    A lui piacciono gli anime di combattimento.

    Certo, gli piacciono anche i Maneskin; ma David Bowie lo faceva meglio quaranta anni fa.

     

    Voglio dire che la differenza non sta nei ragazzini, ma nei genitori.

    Un ragazzo di oggi può pure sapere di essere pansessuale e genderfluid,

    ma lo scoglio più grande rimarrà sempre dirlo ai genitori

    e sapere fin da subito come la prenderanno i genitori stessi.

     

    Noi siamo abituati - e qui sta la differenza generazionale - a pensare che la scoperta dell'omosessualità

    sia una cosa che i ragazzi devono fare da soli, guardandosi le serie TV e ascoltando Lady Gaga.

    Che l'omosessualità entri nelle loro vite solo quando - e solo se - la vanno a cercare per informarsi

    e che sia sempre e soltanto un prodotto di fiction.

     

    Come sarebbe stata la nostra vita se invece di partire conoscendo Mishima e RuPaul

    fossimo andati all'unione civile di nostro zio a undici anni?

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Bloodstar
    16 minutes ago, Almadel said:

    Come sarebbe stata la nostra vita se invece di partire conoscendo Mishima e RuPaul

    fossimo andati all'unione civile di nostro zio a undici anni?

    Mi piace pensare che avrebbe fatto schifo comunque. Perché le mie inclinazioni sessuali, in fondo, non sono che una piccola porzione nel quadro dello scontro con i miei.

    Detto questo, l'analisi che fai è giusta ma non so quanto possa essere applicabile o significativa. Quanti genitori ci sono come i tuoi amici? Quanti zii uniti civilmente ci stanno in giro?  Sempre di più, ovvio, però ancora pochi secondo me.

    Poi metalheart solleva una questione importante: se i genitori contano così tanto, perché sui ragazzini fanno così presa le "nuove definizioni"? Perché, sull'onda dei genitori e degli amici gay dei genitori, non si dichiarano gay e lesbiche? Sarebbe quasi un esito naturale, no?

    (che poi magari non è vero che le nuove etichette abbiano attecchito così tanto, e in quel caso la precisazione di metal è pura polemica)

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Almadel
  • Topic Author
  • 30 minutes ago, metalheart said:

    E sì ovviamente vanno ringraziate le persone dichiarate - ma mica l’omosessuale tutto brochure-sull-hiv-tieni-un-preservativo-passa-nel-nostro-nuovo-locale oppure la lesbica aggressiva, va ringraziata la compagna di classe che si dichiara demisessuale

    Mi è chiarissimo come la pensi.

    Solo che io posso raccontare una storia reale,

    tu puoi solo fare illazioni sull'esistenza di ragazze demisessuali alle medie 🙂

    E manchi comunque il punto.

     

    Lo manchi perché continui a pensare che io parli di una precoce consapevolezza del ragazzino,

    mentre io sto continuando a parlare di come questo ragazzino sia stato educato dai genitori.

    Perché se la tua compagni di banco in seconda media è pansessuale dichiarata

    e tuo padre ti ha detto che gli omosessuali dovrebbero tutti morire di AIDS

    tu crescerai come siamo cresciuti tutti: nascondendoti e mettendo foto decapitate su Grindr,

    dicendo che vai dagli amici a dormire per farti scopare da un quarantenne sposato che ha la casa libera nel weekend

    e facendo tutte le cose che fanno i ragazzi per i quali sia tabù parlare di certi argomenti a casa.

     

    Anche le amichette gender-fluid delle medie - se esistono -

    esistono perché noi LGBT dichiarati siamo amici dei loro padri

    e quindi non hanno la vergogna che avrebbero se vivessero in una famiglia ostile.

    E le famiglie ostili esistono ancora. Eccome se esistono. Forse ancora più che in passato.

     

    Quello che noi persone dichiarate facciamo (e non solo io: tutti voi che avete amici e amiche eterosessuali,

    che hanno e che avranno dei figli LGBT o che avranno figli etero che a loro volta avranno figli LGBT)

    è da un lato normalizzare la nostra condizione e dall'altro mostrare ai bambini che i loro genitori li accetteranno

    in qualunque modo essi siano. 

     

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    metalheart
    12 minutes ago, Almadel said:

    Perché se la tua compagni di banco in seconda media è pansessuale dichiarata

    e tuo padre ti ha detto che gli omosessuali dovrebbero tutti morire di AIDS

    Secondo me se a 13 anni sai di essere gay e trovi il supporto non solo della singola compagna di classe pansessuale con i capelli blu ma pure dei tuoi compagni maschi etero che ti vogliono bene uguale e che ti spronano a fare coming out, magari perché ora perfino a GTA c’è il personaggio gay e per loro è normale, pure se tuo padre è un orco omofobo qualcosa sarà diverso

    Io sottovaluto il potere dei genitori ma tu sottovaluti quello dei bambini di plasmare i genitori

    Ma è vero che probabilmente sto mancando qualcosa perché non capisco bene quale sia la tesi che avanzi con questo topic

    Se è “sono i genitori quelli che maggiormente possono influenzare i bambini/ragazzini in materia di diritti lgbt e accettazione, non la cultura che li circonda e non i loro coetanei” insomma boh… ok… immagino di sî non so

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites

    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Reply to this topic...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


    • Who Viewed the Topic

      49 members have viewed this topic:
      metalheart  Rocco88  Almadel  Krad77  freedog  Bloodstar  Bunny  Oscuro  Saramandasama  schopy  blaabaer  marco7  nowhere  busdriver  MicFrequentFlyer  paraspera  Euterpe  Skerd  gianduiotto  Secretwindow  Sokka99  Capricorno57  Dubbioso94  Bullfighter4  Call911  Kyarushiro  Tyrael  conrad65  MARIO8530  lollone  Mario1944  Iron84  Bttmfrancis9  Uncanny  SINE  ByWord  LocoEmotivo  wwspr  castello  Serpente  prefy  DelorisVanCartier  IlFinnico  cocco9999  Laen  Micioch  Colt  Beppe_89  AndrejMolov89 
    ×
    ×
    • Create New...