Jump to content
freedog

Sputtanare il "sistema"...

Recommended Posts

freedog
  • Topic Author
  • On 5/7/2021 at 3:27 PM, Colt said:

    Ci tenevo solo a precisare il mio punto di vista e prendere le distanze da alcune affermazioni, senza alcun fine polemico.

    tornando a questo e al fatto che persino a destra esiste un'ala liberal,

    Elio Vito (!!) si sta a ricordà di esse stato radicale 30 anni fa e adesso sta alla manifestazione pro-ddl Zan di Milano; se non ho capito male quello che mi stanno a telefonà, è perfino sul palco

    https://www.open.online/2021/05/08/ddl-zan-manifestazione-a-milano/

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Mario1944
    6 hours ago, Tyrael said:

    Mi consenta egregio mario1994

    Egregio Tyrael, La ringrazio in ogni caso per il ringiovanimento che mi concede....

    6 hours ago, Tyrael said:

    in quel caso si usa "amò"

    Eh, ma "tesoro" non dovrebbe indicare un grado maggiore che indichi "amore" nella considerazione dell'amante?

    6 hours ago, Tyrael said:

    farLe notare che usare solo caro non va bene :aha: deve scrivere caro tyrael

    Oh, per me io scriverei pur così, ma dobbiamo prima chiedere licenza al moderatore, che non la giudichi ironia illecita in un sito austero.

     

    7 hours ago, freedog said:

    ti ricordi che fine fece il juste milieu di Guizot?

    Non è che il sito medio salvi dal patibolo:

    anzi, talora vi conduce ad opera congiunta degli estremi.... 😉 

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
  • Topic Author
  • restando sul tema, aggiungo il manifesto del raduno romano pro dll Zan di sabato prossimo a piazza del popolo

    MOBILITAZIONE NAZIONALE - 15 MAGGIO
    ROMA, PIAZZA DEL POPOLO, h. 16:00
    E IN TUTTA ITALIA
    PER LA LEGGE ZAN E MOLTO DI PIÙ: NON UN PASSO INDIETRO.
    Il disegno di legge per la prevenzione e il contrasto della discriminazione e della violenza per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità (conosciuto come DDL Zan) è ancora ostaggio della destra in Parlamento e contrastato dalle forze più reazionarie del Paese. Si continua a rimandarne la calendarizzazione in Senato, si inventano tecnicismi assurdi e si raccontano fake news sulla legge. Al centro di questi giochetti politici, come al solito, ci sono le nostre vite e le nostre esistenze, che non trovano però spazio e rappresentazione sui media, sui giornali, nelle discussioni sul DDL Zan.
    Da mesi ci mobilitiamo in tutte le piazze d’Italia, rispettando tutte le misure anti-covid, per dire che è arrivato il momento di ascoltare la voce delle donne, della comunità LGBTQIA+, del mondo trans-femminista e delle persone con disabilità. Siamo stanchə di subire una narrazione violenta condotta da chi vuole avere la libertà di odiarci, di discriminarci, di picchiarci, di ucciderci e di invisibilizzare i nostri corpi e le nostre vite. Lo diciamo chiaramente: la violenza non è un’opinione.
    Pretendiamo che questa legge venga immediatamente calendarizzata e approvata in Senato, senza ulteriori modifiche e senza altri passi indietro, come successo già anni fa con la legge sulle unioni civili (legge Cirinnà) e lo stralcio della stepchild adoption e come accaduto questa volta con l'inserimento di un articolo, il salva-idee, misura giuridica ridondante. Sappiamo quindi bene che questo disegno di legge è già un compromesso al ribasso tra partiti e arriva con un ritardo di trent’anni. Al suo interno si propongono aspetti penali e alcuni provvedimenti nell'ambito delle "azioni positive". Crediamo sia necessaria l'approvazione così com'è del DDL Zan.
    Crediamo anche che non sia sufficiente una sola legge per risolvere problemi radicati profondamente nella cultura e nella società del nostro Paese, dovendo intervenire quindi con più efficacia sugli altri fronti, spesso solo accennati all'interno del DDL, e per i quali serve un lavoro quotidiano e un totale ripensamento del presente, per creare finalmente una cultura del rispetto e della valorizzazione delle diversità.
    Abbiamo un’altra idea di futuro e di società, non abbiamo bisogno di sopravvivere all’interno di un mondo ciseteropatriarcale, razzista, sessista e abilista.
    Durante la pandemia, sono aumentate le richieste di aiuto da parte di persone LGBTQIA+ e donne a causa di soprusi e vessazioni tra le mura domestiche. Conosciamo infatti le radici culturali e sociali di queste violenze strutturali e sistemiche, che non si risolvono solo con una legge.
    Non possiamo per questo rinunciare a porci numerosi altri obiettivi per generare quel cambiamento sociale necessario alle nostra comunità: pretendiamo infatti educazione sessuale, all’affettività, al consenso e alle differenze nelle scuole di ogni ordine e grado, che sia in grado di contrastare anche l'abilismo; vogliamo il pieno riconoscimento della responsabilità genitoriale per tuttə; vogliamo la piena parità e dignità anche per ogni identità di genere fuori dal binarismo uomo-donna e per ogni orientamento sessuale e/o affettivo. Vogliamo servizi pubblici capaci di rispondere alle esigenze della nostra comunità, dalla formazione del personale sanitario e medico a quella di giudicə e avvocatə fino al diritto alla salute e alla sanità pubblica realmente per tuttə; dalle politiche sul lavoro fino all’allargamento del welfare state in grado di garantire la nostra dignità e la nostra piena autodeterminazione.
    Reclamiamo consultori e centri antiviolenza autonomi, autogestiti e transfemministi, per donne e persone LGBTQIA+: andranno per questo monitorati bandi e fondi già messi in campo dalla legge affinché questi siano adeguati alle nostre esigenze e diffusi su tutto il territorio nazionale. Con i nostri corpi, diremo che il sesso non è un destino e che le nostre vite contano, rivendicando la dignità di ogni identità di genere fuori dal binarismo: vogliamo per questo la fine della rettificazione genitale alla nascita per le persone intersex, la piena depatologizzazione dei percorsi di transizione; un ripensamento della legge 164/1982 e la piena applicazione della legge 194/1978 sull’interruzione volontaria di gravidanza, nonché una legge che vieti a chi pretende di curarci di praticare le cosiddette “terapie di riconversione”. Esiste inoltre il problema della sierofobia che allontana le persone della nostra comunità dall'accesso ai servizi sanitari. La pandemia ha evidenziato la necessità di investire sulla medicina territoriale e sulla sussidiarietà: abbiamo già gli strumenti sanitari per sconfiggere l'HIV/AIDS ma questo non sarà possibile senza finanziare opportunamente i checkpoint community-based, investire su tracciamento, trattamento e conoscenza (la cosiddetta strategia 90/90/90) a livello nazionale ma soprattutto rendere gratuito l'accesso alla PrEP (come avviene anche in altri paesi europei).
    Inoltre, per le persone migranti e rifugiate, ad oggi è sempre più difficile richiedere asilo per discriminazione verso minoranze sessuali e di genere. Il razzismo incide in maniera forte su questa mancanza di tutele, che noi invece riteniamo fondamentali: non possiamo e non vogliamo mettere da parte chi subisce omo-lesbo-bi-trans-intersex-afobia e attraversa i confini per salvarsi da quella stessa violenza che questa legge si propone di combattere.
    Vogliamo anche una vera ed effettiva inclusione delle persone con disabilità all'interno della nostra società, che passi da una vera inclusione lavorativa, dalla creazione e il finanziamento di servizi assistenziali che garantiscano una vita indipendente. Vogliamo inoltre il riconoscimento, la tutela e la giusta retribuzione dei caregiver, che non sono né autisti né badanti di chi non è autosufficiente ma sovente parenti, genitori o congiuntə e che sopperiscono alle mancanze dello Stato. Pretendiamo servizi scolastici adeguati, niente più barriere nei luoghi di pubblica fruizione e nelle nostre città. Anche i mass-media devono lasciare spazio alle persone con disabilità, affinché diventino protagoniste del quotidiano e non più ospiti (spesso da compatire o da ammirare) e, con i loro corpi e le loro competenze, possano gettare luce e far chiarezza su un mondo ancora misconosciuto dal "grande pubblico".
    Siamo stanchə di vedere giochi al ribasso sulle nostre vite: il DDL Zan non è che un primo passo e ne esigiamo l'approvazione senza altri compromessi e passi indietro. La nostra presa di parola vale molto di più di chi scende in piazza a difesa del proprio diritto alla violenza che viene spacciata per libertà d’opinione. La nostra presa di parola vale molto di più, perché è di noi che si sta parlando.
    La mobilitazione vedrà una piazza generale a Roma, in Piazza del Popolo, il 15 maggio alle ore 16:00, dove saranno riunite le rappresentanze di tutte le realtà coinvolte, e poi decine di altre piazze su tutto il territorio nazionale. Saranno rispettate le norme anti-covid per la cura di tuttə, pur con una piazza performativa e irriverente.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Mario1944
    13 minutes ago, freedog said:

    persino a destra esiste un'ala liberal

    Ai miei tempi il partito liberale era considerato e si considerava di destra.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
  • Topic Author
  • 1 minute ago, Mario1944 said:

    Ai miei tempi il partito liberale era considerato e si considerava di destra.

    lo era, nel senso conservatore (all'inglese).

    e sicuramente era massonico & anitclericale

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Mario1944

    Eh, ma la parola conservatore è ambigua, perché si vuole conservare ciò che c'è o c'era testé, ma che potrebbe pur essere un ordine politico e sociale marxista o preteso tale e dunque aborrendo dai conservatori quali sono definiti nell'uso corrente dell'Europa occidentale ....

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Colt
    3 hours ago, freedog said:

    tornando a questo e al fatto che persino a destra esiste un'ala liberal,

    Elio Vito (!!) si sta a ricordà di esse stato radicale 30 anni fa e adesso sta alla manifestazione pro-ddl Zan di Milano; se non ho capito male quello che mi stanno a telefonà, è perfino sul palco

    https://www.open.online/2021/05/08/ddl-zan-manifestazione-a-milano/

    C'erano anche esponenti di Forza Italia lì, quando una cosa è giusta, dal mio punto di vista, frega niente chi l'ha proposta, se uno è d'accordo lo è e basta.

    Esiste un'ala laica e liberale della destra che vuole rifondare gli schieramenti, sono un gruppo di persone associate da comuni interessi e ideali che hanno trovato un'alternativa alla morsa stritolatrice di uno spirito conservatore assolutista.

    Sia chiaro che ho il massimo rispetto per chi ha fede ma non possiamo basare le nostre opposizioni su dogmi che non appartengono allo stato che è laico.

    Se sei contro devi trovare un'argomentazione differente, altrimenti io che non sono cattolico non ho la tua stessa visione e di conseguenza non posso oppormi a un qualcosa per mero credo religioso.

    Per una rivoluzione occorrono tempo e persone che hanno in testa un unico programma, il ddl Zan è l'occasione per creare la base per una destra laica e liberale, per questo lì in mezzo ci sono anche alcuni esponenti di quei partiti.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    castello

    @Colt,

    Forza Italia,  al pari di lega e fratelli, è contraria al ddl zan . Punto. Non conta nulla che 1 o 2 parlamentari forzisti votino a favore; in tutte le votazioni qualcuno si dissocia. Forza Italia,  al pari di lega e fratelli, era contraria anche alla legge cirinnà.  Fu contraria perfino ai Dico.  

    Io non giudico, assolutamente!, le tue idee, ma evita di cadere nella falsificazione politica. Forza Italia,  aldilà dell'adesione al ppe, non ha nulla di liberale. Cominciando dal suo fondatore, uno che si è arricchito in situazioni di oligopolio e concessioni pubbliche. Tutto fuorché un mercato libero e concorrenziale. 

    E sostenere di aderire a una forza politica  e  "essere altro", ti pare cosa seria? Chi vota e, soprattutto, sostiene , a qualsiasi titolo  un partito se ne deve assume la responsabilità . E lo dico da liberale: mai voterò Forza Italia, o fratelli o lega. Non hanno nulla della cultura e dei valori liberali, anzi li contrastano in ogni occasione. Anche in economia: non basta dire meno tasse, se non sai ridurre la spesa pubblica e responsabilizzare la gestione. 

         ☹

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Bloodstar
    16 hours ago, freedog said:

    restando sul tema, aggiungo il manifesto del raduno romano pro dll Zan di sabato prossimo a piazza del popolo

    Ma dove avresti reperito queste informazioni?

    Non c'è alcuna notizia da nessuna parte.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Mario1944
    19 hours ago, Colt said:

    Esiste un'ala laica e liberale della destra che vuole rifondare gli schieramenti,

    Dev'essere un'epidemia quella della rifondazione:

    anche a Sinistra vogliono rifondare il Comunismo.

    Forse potrebbero congiungersi tutti insieme e costituire la Società Rifondata.... ovviamente sulla Luna! 😉 

    19 hours ago, Colt said:

    Sia chiaro che ho il massimo rispetto per chi ha fede ma non possiamo basare le nostre opposizioni su dogmi che non appartengono allo stato che è laico.

    Tranquillo:

    anche lo Stato cosiddetto laico si fonda su dogmi, anche se non sono quelli cattolici o cristiani.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
  • Topic Author
  • 8 hours ago, Bloodstar said:

    Ma dove avresti reperito queste informazioni?

    Non c'è alcuna notizia da nessuna parte.

    io può

    -e cmq non me sò inventato una virgola: ho solo copincollato-

    per cui, tu vedi da venicce e non cacà er k.

    • sabato 15
    • h 16
    • piazza del popolo
    Edited by freedog

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Bloodstar
    18 minutes ago, freedog said:

    io può

    io ci vengo pure, però vorrei capire se si fa veramente e non è una cosa buttata là così. tanto per far vedere che non si è da meno rispetto a Milano.

    Non ho trovato nulla in rete, se mi metti un link funzionante...

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
  • Topic Author
  • 5 minutes ago, Bloodstar said:

    io ci vengo pure, però vorrei capire se si fa veramente e non è una cosa buttata là così. tanto per far vedere che non si è da meno rispetto a Milano.

    Non ho trovato nulla in rete, se mi metti un link funzionante...

    https://www.facebook.com/events/931879554243294/?acontext={"ref"%3A"52"%2C"action_history"%3A"[{\"surface\"%3A\"share_link\"%2C\"mechanism\"%3A\"share_link\"%2C\"extra_data\"%3A{\"invite_link_id\"%3A206627204391430}}]"}

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Bloodstar

    C'est magnifique.

    Nemmeno ti chiedo di venirci con coniuge, ché tanto so che è di turno.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
  • Topic Author
  • 8 minutes ago, Bloodstar said:

    C'est magnifique.

    Nemmeno ti chiedo di venirci con coniuge, ché tanto so che è di turno.

    se per "turno" intendi che dovremo sta pure sto giro in back office lì attorno a evità macelli vari, ok.

    ci tocca

    -è uno sporco lavoro, ma qualcuno deve pur farlo!-

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites

    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Reply to this topic...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


    ×
    ×
    • Create New...