Jump to content
Paedicator1987

Santa Sofia e l'omofobia.

Recommended Posts

Prince1999
1 hour ago, IlFinnico said:

[1] Peccato che la destra mette in relazione il fare pochi figli con il presunto aumento dei gay,  quando invece il problema è soprattutto economico. Inutile dilungarsi troppo sul fatto che oggi la durata media di un matrimonio si aggira tra le 6 e le 7 ore; la coppia scoppia o prima di figliare o subito dopo la nascita del primo figlio. 

[2] " Grande difensore dell'orgoglio femminile "; ma chi, l'Italia ? Bah. 

Pure le altre religioni hanno influenzato e influenzano la vita sociale. Qui la libertà di culto è riconosciuta costituzionalmente. È vero che se vengono in Europa, devono adattarsi e integrarsi nel nostro modello di società,  però allo stesso tempo non possono rinunciare a loro stessi (vedi la battaglia fatta in Francia per portare il velo nei luoghi pubblici). Nei Paesi loro fanno quello che vogliono, non vedo perché noi "civilizzati" occidentali dobbiamo sempre considerarci superiori e contaminare le altre culture( mai e poi mai augurerei agli aborigeni di possedere un televisore). "L'italiano tace" non é vero, e comunque non siamo nessuno per dire a loro che devono andar vestite in minigonna; che poi,questi italiani tanto difensori dell'orgoglio femminile sono gli stessi che quando vedono mezza coscia scoperta si sentono legittimati a molestare. Calcola che qualche tempo fa ho visto un' intervista filmata da gente che conosco ad una donna etiope, convintissima che l'infibulazione da lei subita fosse.giusta, tanto da volerla far fare anche alla figlia. Inoltre, ti posso citare il confederazionismo democratico curdo,  che è un modello sperimentale e a suo modo avanzato (sono musulmani pure quelli). Di certo, dipingerli continuamente come terroristi non aiuta a farli integrare. Mi ricordo che nel periodo più intenso degli attentati in Europa, quando prendevo la metro molta gente mi guardava male, tra disprezzo e preoccupazione, perché fino a qualche tempo fa sembravo uno di quei terroristi che si vedono in tv, oggi un po' meno.  Fossi stato veramente un siriano o un palestinese, mi sarei sentito accolto? 

* metta in relazione,  correttore 

Ma infatti l'ipocrisia è bidirezionale...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Paedicator1987
  • Topic Author
  • On 7/27/2020 at 2:10 PM, Hinzelmann said:

    Solo con la politica si può spiegare il fatto che la Turchia è stato il primo paese firmatario della Convenzione di Istanbul sul femminicidio ed ora si appresta forse a seguire la Polonia e l'Ungheria nella denuncia del trattato

    OK, questo spiega le motivazioni di Erdogan. 

    Ma quello che mi chiedo è se l'azione di riconversione di Santa Sofia all'Islam possa favorire (non causare) una deriva di molti islamici vero forme d'obbedienza più stretta ai dettami della religione, saldandosi eventualmente, quanto meno per l'omofobia, con certo cristianesimo di stretta osservanza biblica per i protestanti e vetero cattolica per i cattolici.

    On 7/27/2020 at 2:12 PM, Uncanny said:

    Quasi tutti i paesi europei si stanno allevando la serpe in seno, anche perché le nuove generazioni non sono più integrate rispetto ai loro genitori (spesso sono anzi più conservatrici e rigoriste).

    Ecco... se le nuove leve sono più rigoriste, una <<vittoria>> come quella di Santa Sofia potrebbe essere un importante catalizzatore di consensi verso forme religiose conservatrici e quindi omofobe.

     

    On 8/1/2020 at 4:13 PM, Mario1944 said:

    Se avesse fatto il medesimo il Regno d'Italia dopo l'occupazione di Roma nel 1870, avrebbe annessa anche la basilica di San Pietro e l'avrebbe sconsacrata trasformandola in museo.

    E se poi qualcuno l'avesse riconsacrata, non sarebbe stata considerata dai cattolici una vittoria, un segno della protezione divina e quindi non avrebbe favorito posizioni reazionarie in materia dottrinale?

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Almadel
    6 hours ago, Paedicator1987 said:

    E se poi qualcuno l'avesse riconsacrata, non sarebbe stata considerata dai cattolici una vittoria, un segno della protezione divina e quindi non avrebbe favorito posizioni reazionarie in materia dottrinale?

    Di solito non capita il contrario?

    Normalmente si diventa più duri quando si viene colpiti duramente.

     

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Hinzelmann
    12 hours ago, Paedicator1987 said:

    Ma quello che mi chiedo è se l'azione di riconversione di Santa Sofia all'Islam possa favorire (non causare) una deriva di molti islamici vero forme d'obbedienza più stretta ai dettami della religione, saldandosi eventualmente, quanto meno per l'omofobia, con certo cristianesimo di stretta osservanza biblica per i protestanti e vetero cattolica per i cattolici

    Questo ha tutta l'apparenza dello spauracchio, più che di un pericolo reale, certo l'avvento al potere di Nazionalisti favorisce l'adozione di forme di "cattolicesimo nazionale"  ( a prescindere dalla volontà del Papa ) e forme di conflittualità con le istituzioni europee, lo vediamo in Polonia e Ungheria ma "saldature" fra i diversi nazionalismi sono difficili da immaginare.

    Il nazionalismo per sua natura divide, non unisce, perchè gli interessi nazionali sono sempre divergenti e la pretesa leadership turca della fratellanza musulmana è stata in realtà la garanzia del suo fallimento, della pronta reazione Iraniana ( in Siria ) e Saudita ed Egiziana ( in Egitto e Libia ) tutto si è visto....tranne che la "fratellanza"fra gli islamici

    Certo noi preferivamo la turchia secolarizzata di Ataturk, anche se pencolante verso forme autoritarie-militariste di intolleranza, più che altro perchè nella testa abbiamo l'idea che la secolarizzazione sia il presupposto per possibili future evoluzioni laiche, ma la realtà è che il processo di secolarizzazione ha prodotto per lo più dittature militari finalizzate a rafforzare le capacità repressive dello stato

    D'altronde la situazione è la seguente : l'Europa non vuole integrare la Turchia e a maggior ragione la svolta nazionalista di Erdogan ha chiuso questa vicenda, ma gli USA non intendono rinunciare alla Turchia nella NATO perchè l'esercito Turco è di gran lunga il più numeroso ( e l'europa non ha la minima intenzione di crearne uno unico per controbilanciare ) e costituisce il baluardo principale alle ambizioni russe ( nel Caucaso, come nei Balcani, nel Mediterraneo come nel Medio Oriente )

    In questa situazione Erdogan ci sguazza e se c'è uno spauracchio che funziona e condiziona tutto il quadro, è quello russo.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Paedicator1987
  • Topic Author
  • On 8/5/2020 at 12:07 AM, Almadel said:

    Di solito non capita il contrario?

    Normalmente si diventa più duri quando si viene colpiti duramente.

    E' vero.

    Ma è vero anche che fatti che assecondano le nostre convinzioni possono essere letti come segni del favore di Dio (o di Allah o di Yahvè o di altri).

     

    On 8/5/2020 at 6:49 AM, Hinzelmann said:

    Questo ha tutta l'apparenza dello spauracchio, più che di un pericolo reale,

    Non voglio agitare spauracchi.

    Voglio solo meditare su certe possibilità.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Serpente

    Nel 2019 sono stati registrati 474 femminicidi e tuttora il problema della violenza sulle donne in Turchia resta allarmante. Ma il fronte di politici e religiosi integralisti vuole fare ritirare Ankara dalla Convenzione di Istanbul contro la violenza nei confronti delle donne, seguendo peraltro il processo avviato dalla Polonia nelle settimane scorse. Un tema che ha spaccato la famiglia Erdogan: a schierarsi a favore del protocollo, ratificato nel 2012 dalla Turchia, è la rete filogovernativa Women and Democracy Association (Kadem), di cui è vicepresidente Sümeyye Erdogan Bayraktar, figlia del presidente, e che include familiari di vari alti funzionari del partito Akp al potere. La pensa diversamente suo fratello Bilal, un altro dei quattro figli del capo dello stato, tramite la fondazione giovanile Tugva, cui è legato. Pur sottolineando l’impegno contro la violenza di genere, il gruppo ha espresso la sua opposizione contro diversi articoli del documento, accusato di diffondere valori contrari alla famiglia tradizionale e fare propaganda per la comunità lgbt. Nelle ultime ore, rilevano i media locali, si sarebbe così acceso un dibattito interno alla famiglia Erdogan, su cui il padre-presidente sarà chiamato a mettere la parola fine.

    Il dibattito – In questi giorni si è fatto sempre più acceso, specie dopo e manifestazioni femministe contro le pressioni degli ultraconservatori islamisti, in piazza e sul web: integralisti religiosi dentro e fuori la politica sostengono che i principi a favore dell’uguaglianza di genere, della non discriminazione e del contrasto alla violenza minerebbero la famiglia e aprirebbero al riconoscimento dei diritti delle persone Lgbt+. Inoltre, ad alimentare il dibattito è stato il femminicidio della studentessa universitaria 27enne Pinar Gultekin. In una dichiarazione diffusa il 31 luglio e ripresa da Hurriyet, Kadem – che è una delle principali associazione di donne islamiche – spiega perché appoggia la Convenzione di Istanbul e si oppone alle argomentazioni degli ultra-religiosi. Sottolineando l’importanza della Convenzione nella protezione delle donne contro “ogni tipo di violenza”, Kadem respinge anche le critiche sulle presunte minacce alla famiglia tradizionale turca. “Dire che questa convenzione determina una legittimazione degli orientamenti omosessuali – ha dichiarato l’associazione in un comunicato – mostra per lo meno una malafede”.

    Il comitato esecutivo di Akp dovrebbe esprimersi nei prossimi giorni sul futuro della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica, che fu aperta alla firma a Istanbul nel 2011 e che la Turchia fu il primo Paese a ratificare l’anno successivo. Il mese scorso, il suo vice Numan Kurtulmus ha suggerito un possibile ritiro di Ankara.

    http://ilfattoquotidiano.it/2020/08/04/turchia-la-famiglia-di-erdogan-spaccata-sulla-convenzione-per-i-diritti-delle-donne-la-figlia-a-favore-il-figlio-contro/5889595/

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Mario1944
    On 8/7/2020 at 1:26 PM, Paedicator1987 said:

    Voglio solo meditare su certe possibilità.

    Tutto è possibile.

    Sarebbe tuttavia da considerare quanto sia probabile un evento e quanto sia evitabile, se pur si voglia evitarlo:

    d'altronde la concordanza tra Islamismo, Cristianesimo e Giudaismo nell'abominio dell'omoerotismo non è una novità.

    Certamente oggi l'abominio dottrinale pare albergare soprattutto in ambito islamico, mentre in ambito cristiano, con l'eccezione d'alcune sette ferocemente avverse, si nota una generale tolleranza, seppur con la distinzione, alquanto ambigua, tra peccato e peccatore.

    Sarà da vedere quanto la politica, in senso lato, concederà di spazio, in nome della tolleranza delle diversità, a culture che non hanno ancora attenuata un'antica omofobia.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites

    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Reply to this topic...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


    • Who Viewed the Topic

      8 members have viewed this topic:
      Lor24  Francis  Edoardo567  Luca069  daydreamer  Krad77  Giacmar  Gambit 
    ×
    ×
    • Create New...