Jump to content
Serpente

[Film] Io sono l'amore

Recommended Posts

Serpente
Posted (edited)

Io sono l'amore è un film del 2009 di Luca Guadagnino.

Emma è la moglie "straniera" e composta di Tancredi Recchi, influente esponente dell'alta borghesia industriale lombarda. Sposati senza amore, Emma e Tancredi vivono tra agi e ipocrisie in una grande villa nel cuore di Milano insieme ai loro tre figli: Elisabetta, Edoardo e Gianluca. Prossimo al padre per cinismo e concretezza, Gianluca si distingue dai suoi fratelli, sensibili e idealisti come Emma, che veglia amorevole sulla loro felicità precaria. Edoardo, orgoglio della madre, delude invece le aspettative del padre ripiegando sulla gestione di un ristorante bucolico in società con Antonio, un giovane chef di talento e di bassa estrazione sociale. L'ingresso in scena di Antonio sovvertirà equilibri e destini con la forza e la "portata" dell'amore.
L'orrore di molto cinema italiano sta nel mettere frequentemente in scena la borghesia come unica depositaria dell'umano: middle class compiaciuta e paga di sé. Correva questo rischio Io sono l'amore di Luca Guadagnino, invece, pur partendo da quell'angolo limitato di osservazione e attraverso le vicende umane e professionali di una famiglia di industriali milanesi, racconta la borghesia senza assolverla. Il regista palermitano, ben prima della fama di Call Me By Your Name licenzia adolescenti pruriginosi e prove di immaturità, muovendosi con proprietà estetica ed eleganza formale nella Milano decadente degli dèi caduti di Visconti, coperta da una romantica coltre di neve e da un'opulenza che le danno il giusto respiro europeo.

 

Edited by Serpente

Share this post


Link to post
Share on other sites
Serpente
  • Topic Author
  • @SabrinaS fai pubblicità a questa perla poco nota.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    SabrinaS

    che sono Patrizia Rossetti scusa

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
    Posted (edited)

    10 anni fa lo definii claustrofobico, gelido, dal ritmo ecessivamente lento e soporifero, ennesima -e dimenticabile- versione del vecchio detto "vizi privati e pubbliche virtù" dell'alta borghesia lombarda;

    non credo di aver cambiato idea

    Edited by freedog

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    SabrinaS
    3 minutes ago, freedog said:

    10 anni fa lo definii claustrofobico, gelido, dal ritmo ecessivamente lento e soporifero, ennesima -e dimenticabile- versione del vecchio detto "vizi privati e pubbliche virtù" dell'alta borghesia lombarda;

    non credo di aver cambiato idea

    Dove possiamo leggere il tuo articolo choc

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
    Posted (edited)
    59 minutes ago, SabrinaS said:

    Dove possiamo leggere il tuo articolo choc

    sai che non lo so se sia ancora on line l'archivio storico di Aut?

    Edited by freedog

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Serpente
  • Topic Author
  • Film che ho apprezzato molto, molto milanese (meno Roma nei film!) oltretutto e non solo per l'ambientazione. Fin dall'apparire del logo Mikado veniamo introdotti nella magia e nella sensualità di questo bellissimo film di L. Guadagnino per mezzo delle note vorticanti ed aeree di The Chairman Dances del grande John Adams , un presagio e un filo rosso che attraversa tutto Io sono l'amore, tramite l'assemblaggio calibrato e intelligente di altre composizioni dell'autore statunitense.
    La storia è tutto sommato semplice, anche convenzionale, ma la bellezza sta nell'intreccio armonioso che si instaura tra la suddetta colonna sonora, la regia vivace ed emozionante con quei sinuosi movimenti di macchina, quelle inquadrature liriche, l'attenzione ai particolari degli oggetti, degli ambienti, delle architetture, dell'atmosfera e dei corpi, il montaggio sia frammentato che espanso, i rumori, i suoni e le parole ovattati, naturali, volteggianti (nell'aria anche la magnifica e decadente Sinfonia n. 4 di Gustav Mahler, per pochi secondi, all'arrivo dei nonni), i colori caldi, i chiaro-scuri degli interni, le luminescenze attraverso i vetri che risaltano il candore della pelle di Tilda Swinton poco prima che l'eros inondi lo schermo all'aria aperta e che venga aggrovigliata dal corpo flessuoso di Edoardo Gabbriellini, in una sequenza che per freschezza della luce e mosaico di particolari ricorda abbastanza certi idilli alla Walerian Borowczyk. Bravi gli attori, spontanei e del tutto motivati, in particolare, oltre alla Swinton, anche Alba Rohrwacher, che guarda caso interpreta il ruolo d'ideale appoggio per la madre stessa, una figlia artista e lesbica (notevole e ingannevole la somiglianza), mosca bianca che è elemento determinante per la rottura dei cardini della tradizione familiare patriarcale. Certo i legami di una famiglia si spezzano, ma ognuno, come nella vita, fa le proprie scelte, anche dolorose. 

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
    3 minutes ago, Serpente said:

    Film che ho apprezzato molto, molto milanese (meno Roma nei film!) oltretutto e non solo per l'ambientazione. Fin dall'apparire del logo Mikado veniamo introdotti nella magia e nella sensualità di questo bellissimo film di L. Guadagnino per mezzo delle note vorticanti ed aeree di The Chairman Dances del grande John Adams , un presagio e un filo rosso che attraversa tutto Io sono l'amore, tramite l'assemblaggio calibrato e intelligente di altre composizioni dell'autore statunitense.
    La storia è tutto sommato semplice, anche convenzionale, ma la bellezza sta nell'intreccio armonioso che si instaura tra la suddetta colonna sonora, la regia vivace ed emozionante con quei sinuosi movimenti di macchina, quelle inquadrature liriche, l'attenzione ai particolari degli oggetti, degli ambienti, delle architetture, dell'atmosfera e dei corpi, il montaggio sia frammentato che espanso, i rumori, i suoni e le parole ovattati, naturali, volteggianti (nell'aria anche la magnifica e decadente Sinfonia n. 4 di Gustav Mahler, per pochi secondi, all'arrivo dei nonni), i colori caldi, i chiaro-scuri degli interni, le luminescenze attraverso i vetri che risaltano il candore della pelle di Tilda Swinton poco prima che l'eros inondi lo schermo all'aria aperta e che venga aggrovigliata dal corpo flessuoso di Edoardo Gabbriellini, in una sequenza che per freschezza della luce e mosaico di particolari ricorda abbastanza certi idilli alla Walerian Borowczyk. Bravi gli attori, spontanei e del tutto motivati, in particolare, oltre alla Swinton, anche Alba Rohrwacher, che guarda caso interpreta il ruolo d'ideale appoggio per la madre stessa, una figlia artista e lesbica (notevole e ingannevole la somiglianza), mosca bianca che è elemento determinante per la rottura dei cardini della tradizione familiare patriarcale. Certo i legami di una famiglia si spezzano, ma ognuno, come nella vita, fa le proprie scelte, anche dolorose. 

    da chi hai copiato sta marchetta stavolta?

    all'epoca manco l'ufficio stampa arrivò a ste vette di leccaculaggine...

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Serpente
  • Topic Author
  • 2 minutes ago, freedog said:

    da chi hai copiato sta marchetta stavolta?

    all'epoca manco l'ufficio stampa arrivò a ste vette di leccaculaggine...

    Ma dai, è un film stupendo e sottovalutatissimo. Solo un terrone provinciale lo boccerebbe.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    SabrinaS

    sei solo una pizzettara acida freedog 

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
    7 minutes ago, Serpente said:

    Ma dai, è un film stupendo e sottovalutatissimo

    ok,

    fonte della leccaculata, plz?

    così, giusto per sapè chi dovrò spernacchià quando lo rivedo

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Krad77
    3 hours ago, freedog said:

    ok,

    fonte della leccaculata, plz?

    E' una recensione di un utente di FilmTv, nick Kotrab
    https://www.filmtv.it/film/40976/io-sono-l-amore/recensioni/526639/#rfr:none

     

    Quote

     

    Emma è la moglie "straniera" e composta di Tancredi Recchi, influente esponente dell'alta borghesia industriale lombarda. Sposati senza amore, Emma e Tancredi vivono tra agi e ipocrisie in una grande villa nel cuore di Milano insieme ai loro tre figli: Elisabetta, Edoardo e Gianluca. /cut/ Il regista palermitano, ben prima della fama di Call Me By Your Name licenzia adolescenti pruriginosi e prove di immaturità, muovendosi con proprietà estetica ed eleganza formale nella Milano decadente degli dèi caduti di Visconti, coperta da una romantica coltre di neve e da un'opulenza che le danno il giusto respiro europeo.

    questa invece porta la firma Marzia Gandolfi
    http://www.cinemalia.it/commedia/io-sono-lamore-5.html
     

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites

    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Reply to this topic...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


    • Who Viewed the Topic

      93 members have viewed this topic:
      castello  Hinzelmann  prefy  SabrinaS  Isher  Iron84  freedog  Bullfighter4  Mario1944  Bloodstar  Serpente  Silverselfer  Uncanny  schopy  Demò  Duma  Saramandasama  Oscuro  ldvrsp  marce84  Sbuffo  wwspr  conrad65  Prince1999  Tyrael  Krad77  marco7  ALEX1  Secretwindow  ben81  JohnDoo  AndrejMolov89  davydenkovic90  Orfeo87  FreakyFred  Xenon  Beppe_89  Mako  Almadel  CutHere  Luc  lollone  Metamorphoseon90  coeranos  Gondo  Valgilon  fabio88  Atlantide551  Feduz  Marion2189  nayoz  DanCritty009  IlFinnico  Fede94  daydreamer  Paolo91  maxibon85  Culettino  Azotep92  GianniDecameron1300  Filippo B95  Fred  Mercante di Luce  d.gar88  privateuniverse  Dav1de  nowhere  pianist93  Eucalipto86  Flavius  Vagabondo  Cely McFarland  DivoAugusto  SaZiRi  DoctorNievski  gianduiotto  Finrod  colera  JohnBrown  Newgate  Laen  mirtillamirtilla  Liam  Paedicator1987  Hermannchen  JUST THE WAY U ARE  Bosci  Indice  Atlantico  Gilbert  LocoEmotivo  Pix  ashgarti 
    ×
    ×
    • Create New...