Jump to content
Bloodstar

Centri sociali

Recommended Posts

Bloodstar
Centri sociali

Dei centri sociali non mi è mai importato granché, ho nei loro confronti un superficiale pregiudizio negativo e nulla di più. Oggi, però, di centri sociali, e soprattutto di sgomberi di centri sociali, si parla molto (forse troppo), quindi la questione comincia mio malgrado ad interessarmi.

Il mio fragile pregiudizio, volendo analizzarlo, nasce dal mio insopprimibile fastidio per ogni forma di attivismo, dalla mia disperata sfiducia verso tutto ciò che viene "da sinistra", dalla scarsissima stima che ho verso l'attività fumettistica di Zerocalcare e dalla cordiale,  e ricambiata, antipatia personale che ho per le quattro zecche che ho conosciuto alla Sapienza. 

Avere un pregiudizio in comune con  Salvini  un po' mi atterrisce, questa è la verità. Da qui la mia necessità di informarmi. Essere consapevoli che le basi del pregiudizio fascio-leghista sono ancora più esili e rozze delle mie non mi consola affatto.

Cosa è un centro sociale? Cosa si può definire tale? C'è una defizione? I "centri sociali" sono veramente solo stabili occupati abusivamente da zecche nullafacenti?

Avete mai avuto a che fare con i "centri sociali"? Qual è la vostra esperienza in merito?

 

P.S. A Roma dicesi "zecca"l'alternativo di sinistra che si fa le canne, va per manifestazioni e sostanzialmente non fa un cazzo tutto il giorno. Ovviamente è uno stereotipo.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Almadel

Io credo di averli frequentati un po' tutti, quelli della mia zona.

Più un paio a Bologna, il Leoncavallo a Milano, il Kopi a Berlino e Forte Prenestino a Roma.

Non ne ho un'idea molto precisa.

Spesso si occupano di cose sacrosante: come il dopo-scuola laico per i figli degli immigrati e degli atei

o la distribuzione gratuita di verdura o i corsi di italiano per stranieri.

Altre volte si limitano a essere dei locali che non pagano le tasse,

anche se in alcuni casi reinvestono quei soldi per delle buone attività

o per tenere a prezzi popolari l'ingresso ai concerti o le bevande.

La mia esperienza è - a conti fatti - positiva, ma è difficile generalizzare per ogni collettivo.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bloodstar
  • Topic Author
  • Posted (edited)

    Posso chiedere cosa ti ha spinto, e ti spinge, a frequentarli? 

    Hai una tua idea sulla questione degli sgomberi e delle passerelle connesse agli sgomberi? 

    Edited by Bloodstar

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Almadel

    Mi piace l'ambiente, le canne, i punkabbestia, la musica (rispetto alla merda che devo ascoltare nelle disco gay per accoppiarmi)

    e il fatto che se limono con un ragazzo, e qualcuno mi rompe le palle, i buttafuori menano lui invece di cacciare me.

     

    Su ogni sgombero ho idee differenti e a volte contrastanti.

    Dipende dalla destinazione dello stabile o se era davvero rischioso per chi lo frequentava.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
    Posted (edited)
    3 hours ago, Bloodstar said:

    Avete mai avuto a che fare con i "centri sociali"? Qual è la vostra esperienza in merito?

    1. avoja..
    2. mmhh.. dipende: restando su Roma, posti come il Forte Prenestino o l'ex cinema palazzo a san lorenzo sempre siano lodati per le tante attività che fanno nel e per il quartiere; altri (tipo quello che era dietro il gazometro -adesso sgombrato- o l'ex cinodromo di ponte marconi) sarebbe da mandarci l'ufficio di igiene per come sono tenuti male, oltre che per il nulla cosmico che propongono
    Edited by freedog

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Mario1944
    2 hours ago, Bloodstar said:

    Avere un pregiudizio in comune con  Salvini  un po' mi atterrisce,

    Salvini, dicasi il presente ministro dell'interno, fu un frequentatore non solo assiduo del centro sociale milanese più famigerato, cioè il Leoncavallo, ma anche entusiasta avendo dichiarato che lì si trovava bene e ne condivideva le idee, per tanto il suo non è un pre giudizio, ma un post giudizio:

    che poi quello odierno sia contraddittorio con quello di un tempo probabilmente dipende dalle opportunità elettorali presenti.

    Certo, se ha mutato il giudizio, non ha mutato l'aspetto ed i modi da troglodita che aveva in principio dei suoi fasti, per cui s'è sempre distinto e che del resto pare proprio di gran parte dei capoccioni della Lega, incominciando da Bossi.

    Non si pretende che mangino altro cibo che gli altri, ma che almeno sappiano stare a tavola....  🙂

     

     

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    schopy
    Posted (edited)
    4 hours ago, Bloodstar said:

    Cosa è un centro sociale? Cosa si può definire tale? C'è una definizione? I "centri sociali" sono veramente solo stabili occupati abusivamente da zecche nullafacenti?

    Avete mai avuto a che fare con i "centri sociali"? Qual è la vostra esperienza in merito?

    Ho frequentato un po' il centro sociale Pedro qui a Padova, e per un paio d'anni ho fatto il volontario al Festival di Radio Sherwood (la radio in cui lavorano pressapoco solo ragazze e ragazzi del Pedro), che però è un evento "regolare", che si organizza da ormai più di vent'anni nel parcheggio dello stadio Euganeo di Padova.

    Non direi che chi organizza certe attività sia una "zecca nullafacente", anzi c'è molto da fare e in genere non si viene pagati; la mia esperienza è stata generalmente positiva, non sono mai stato tanto ideologizzato da frequentare i direttivi, quindi ho partecipato sempre da "simpatizzante" e mai da "organico", condividendo alcune attività e snobbandone altre.

    A vent'anni andavo al centro sociale anche un po' per posa, ma in seguito ho frequentato locali talmente tristanzuoli che alcuni centri sociali ne escono davvero vincenti (se parliamo di serate); non si tratta poi sempre di locali occupati abusivamente, negli ultimi anni qui a Padova sono sorte realtà equiparabili ai "vecchi" centri sociali gestite con maggiore attenzione. 

    Edited by schopy

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Iron84

    TUtto il male possibile, come ogni organizzazione che è convinta di fare del bene e di essere superiore agli altri.

    Raramente ho trovato tanta saccenza e presunzione che in determinati ambienti.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    AndrejMolov89

    Io mi sono trovato bene, ma anche male. Cioé, bene perché fanno attivitá alla portata di tutti, e molto varie. Male perché alcune volte volevo ligitare con delle teste di cazzo. Shit happens. In Germania ne sento la mancanza, anche perché non ci sono luoghi totalmente inclusivi, e le conversazioni sono di una noia mortale.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    davydenkovic90

    Io penso di averne frequentati diversi, senza rendermene conto xD

     

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    schopy
    22 hours ago, Iron84 said:

    Tutto il male possibile, come ogni organizzazione che è convinta di fare del bene e di essere superiore agli altri.

    Ma almeno ci provano a far qualcosa, no? 

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Iron84
    52 minutes ago, schopy said:

    Ma almeno ci provano a far qualcosa, no? 

    Cosa? Le cose che fanno a mio avviso sono pericolose e profondamente sbagliate o meglio fanno cose giuste per veicolare messaggi inquietanti, un pò come fa la Chiesa.

    Per carità se ti tratta di promuovere l'impegno politico, allora concordo, ma si può essere politicamente impegnati anche senza menarsela tanto.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    ben81
    On 8/6/2019 at 10:21 PM, Iron84 said:

    TUtto il male possibile, come ogni organizzazione che è convinta di fare del bene e di essere superiore agli altri.

    Raramente ho trovato tanta saccenza e presunzione che in determinati ambienti.

    Concordo...inoltre quelli abusivi li dovrebbero sgomberare tutti, sia che siano di destra che di sinistra.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    schopy
    On 8/7/2019 at 9:59 PM, Iron84 said:

    Cosa? Le cose che fanno a mio avviso sono pericolose e profondamente sbagliate o meglio fanno cose giuste per veicolare messaggi inquietanti, un pò come fa la Chiesa.

    Non ti seguo, o fanno cose pericolose o fanno cose giuste...non colgo comunque quali siano i messaggi inquietanti.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Hinzelmann

    Credo che quel che voglia dire è che sono dei "fanatici"

    In linea generale la galassia dell'estremismo politico è caratterizzata da forti "credenze" politiche, per cui magari la tolleranza laica non è sempre al top e questo tipo di atteggiamento può inquietare un gay.

    A dire il vero non è l'unico atteggiamento che può inquietare, anche il maggior tasso di ribellismo e libertà delle zecche a volte infastidisce ( mi riferisco a casi in cui in passato erano loro a venire da noi...)

    A naso direi che, se quanto al primo atteggiamento noi potremmo insegnare a loro, quanto al secondo dovremmo essere disponibili anche ad imparare da loro.

     

     

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    schopy
    8 hours ago, Hinzelmann said:

    In linea generale la galassia dell'estremismo politico è caratterizzata da forti "credenze" politiche, per cui magari la tolleranza laica non è sempre al top e questo tipo di atteggiamento può inquietare un gay.

    Qualche cretino l'ho incontrato anch'io ai centri sociali, che come qualsiasi associazione sono luoghi piuttosto ideologizzati. Ma di qui a spaventarci...l'iniziativa più trasgressiva che mi è stata proposta, una decina d'anni fa, era una cena in un ristorante stellato, cui presentarsi in modo non troppo riconoscibile, per poi andarsene da portoghesi lasciando al maitre un bel biglietto con su scritto "PAGA GALAN"....ho declinato l'invito, anche se l'idea era molto divertente, non avrebbe arrecato danni economici particolari a nessuno e, in effetti, se Galan già pagava coi soldi della comunità le sue spese (come successive vicende giudiziarie hanno accertato), si sarebbe messo in atto un comportamento fondamentalmente giusto. L'idea era di un compagno che, a mio avviso molto intelligentemente, teorizzava l'esproprio proletario del lusso come nuovo orizzonte della redistribuzione :D

    Ma è stato (anche) grazie ai ragazzi dei centri sociali che ho capito cosa significhi "bene comune" e che ho imparato ad apprezzare il lavoro nel sociale.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Hinzelmann

    L'iniziativa paga Galan mi è nota, mi pare qualche ristoratore abbia fatto pagare ad un cameriere può essere?

    Una sorta di rappresaglia padronale contro la goliardata ( tale pare a me...non ci vedo niente di inquietante, semmai è un'azione un po' velleitaria)

    Non so, ovviamente Iron84 preciserà lui ciò a cui intendeva riferirsi, il mio era un discorso del tutto generico.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Mario1944
    2 hours ago, schopy said:

    era una cena in un ristorante stellato, cui presentarsi in modo non troppo riconoscibile, per poi andarsene da portoghesi lasciando al maitre un bel biglietto con su scritto "PAGA GALAN"....ho declinato l'invito, anche se l'idea era molto divertente, non avrebbe arrecato danni economici particolari a nessuno e, in effetti, se Galan già pagava coi soldi della comunità le sue spese (come successive vicende giudiziarie hanno accertato), si sarebbe messo in atto un comportamento fondamentalmente giusto.

    Ah, be' certo, perché era verosimile aspettarsi che Galan o chi per lui avrebbe pagato il conto del ristorante e dunque il ristoratore stellato non sarebbe rimasto a bocca asciutta....

     

    2 hours ago, schopy said:

    Ma è stato (anche) grazie ai ragazzi dei centri sociali che ho capito cosa significhi "bene comune"

    Sarebbe bastato leggere un dizionario d'italiano sub voce repubblica.... 😉

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    LocoEmotivo
    On 8/16/2019 at 7:05 PM, schopy said:

    Ma è stato (anche) grazie ai ragazzi dei centri sociali che ho capito cosa significhi "bene comune" e che ho imparato ad apprezzare il lavoro nel sociale

    Questo è molto, molto bello. 

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Mario1944

    Anche il feroce Salvino apprezzò, comprendendo lì la nozione di bene comune che, essendo ora al governo, s'affatica a perseguire:

    purtroppo sulla nozione leonkavallino-salviniana di bene comune non tutti concordano.... 😉

     

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    schopy
    On 8/16/2019 at 8:00 PM, Hinzelmann said:

    L'iniziativa paga Galan mi è nota, mi pare qualche ristoratore abbia fatto pagare ad un cameriere può essere?

    Una sorta di rappresaglia padronale contro la goliardata ( tale pare a me...non ci vedo niente di inquietante, semmai è un'azione un po' velleitaria)

    Non so come sia finita la cosa, spiace scoprire che avrebbe pagato un cameriere :(

    On 8/16/2019 at 9:48 PM, Mario1944 said:

    Ah, be' certo, perché era verosimile aspettarsi che Galan o chi per lui avrebbe pagato il conto del ristorante e dunque il ristoratore stellato non sarebbe rimasto a bocca asciutta....

    Ok, non l'hai capita. Chiaramente si trattava di un espediente per sollevare una polemica nei confronti dell'ex presidente della Regione (che tanto onesto non s'è rivelato).

    On 8/16/2019 at 9:48 PM, Mario1944 said:

    Sarebbe bastato leggere un dizionario d'italiano sub voce repubblica.... 😉

    E invece è stato più interessante parlarne con Judith Revel (all'Università in effetti, in un incontro promosso anche da dei ragazzi dei centri sociali).

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Aarwangen

    I centri sociali hanno un fascino antropologico per me di tutto rispetto e di interesse, tuttavia, nei loro ambienti "culturali" non si partorisce nulla di eccelso né di intelligente. La cultura no global è per sua linea originaria incultura pura, uno squadrismo rosso che ha snaturato il marxismo e l'antifascismo originari in favore di un libertarismo fintamente antisistema che contesta il mondo attuale ma non ha convenienza reale ad abbatterlo, insomma dei drogati.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    LocoEmotivo
    2 hours ago, Aarwangen said:

    nei loro ambienti "culturali" non si partorisce nulla di eccelso né di intelligente

    Perché infatti Zerocalcare è nato sotto un cavolo :sisi:

    Sei veramente l'ombra inaccurata del brillante polemista che eri un tempo.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Mario1944
    4 hours ago, schopy said:

    Non so come sia finita la cosa, spiace scoprire che avrebbe pagato un cameriere

    Mi pare improbabile:

    la proprietà si sarebbe infilata in una vertenza sindacal giudiziaria memorabile!

     

    4 hours ago, schopy said:

    Ok, non l'hai capita. Chiaramente si trattava di un espediente per sollevare una polemica nei confronti dell'ex presidente della Regione (che tanto onesto non s'è rivelato).

    Be' certo, ma a spese di chi?

    di chi forse neppure era galaniano ed in ogni caso era egli stesso un cittadino onerato dalle spese voluttuarie dei politici.

     

    4 hours ago, schopy said:

    E invece è stato più interessante parlarne con Judith Revel (all'Università in effetti, in un incontro promosso anche da dei ragazzi dei centri sociali).

    Sì, in somma, i centri sociali c'entravano come i cavoli a merenda.... 😉

    Edited by Mario1944

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Bloodstar
  • Topic Author
  • 11 hours ago, LocoEmotivo said:

    Perché infatti Zerocalcare è nato sotto un cavolo :sisi:

    Sei veramente l'ombra inaccurata del brillante polemista che eri un tempo.

    Zerocalcare è l'ombra dei brillanti fumettisti di un tempo.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
    17 minutes ago, Bloodstar said:

    Zerocalcare è l'ombra dei brillanti fumettisti di un tempo.

    nun t'allargà...

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    LocoEmotivo
    1 hour ago, Bloodstar said:

    Zerocalcare è l'ombra dei brillanti fumettisti di un tempo

    Tu, invece, rimani il solito parruccone passatista :sisi:

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Aarwangen
    17 hours ago, LocoEmotivo said:

    Perché infatti Zerocalcare è nato sotto un cavolo :sisi:

    Sei veramente l'ombra inaccurata del brillante polemista che eri un tempo.

    Quanti Zerocalcare sono stati partoriti dai centri sociali? Ma non far ridere, su!

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Almadel
    5 hours ago, Bloodstar said:

    Zerocalcare è l'ombra dei brillanti fumettisti di un tempo.

    Brillanti fumettisti di un tempo che comuque provenivano da quell'ambiente

    che è uno dei più fertili che abbiamo mai avuto.

    Il Male-Frigidaire, Linus, Cuore; erano tutti vicino all'ambiente di Autonomia Operaia.

     

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
    21 minutes ago, Aarwangen said:

    Quanti Zerocalcare sono stati partoriti dai centri sociali? Ma non far ridere, su!

    tutti i fumettisti/disegnatori che non bazzicano chez Bonelli (Silver, Altan, Vauro, Paz, Lillo&Greg, Disegni&Caviglia...)

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites

    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Reply to this topic...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


    ×
    ×
    • Create New...