Jump to content
Lorenzo03

Soffro la distanza

44 posts in this topic Last Reply

Recommended Posts

Lorenzo03
  • Topic Author
  • 4 hours ago, davydenkovic90 said:

    Secondo, ti ripeto, la tua storia è molto carina, fin troppo ricca di elementi fiabeschi per poter essere credibile. 

    Lo pensavo pure io  mentre scrivevo ...ma giuro che è successo tutto😂

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    davydenkovic90
    Posted (edited)
    13 hours ago, Laen said:

    E' un ragazzino che è stato vittima/protagonista di un "amore estivo" effimero ed intensissimo, è normale che sogni e che si strugga più di quanto razionalmente dovrebbe.

    A tutti sarà capitato, in pienissima acerba gioventù, di divagare troppo...

    Se leggi meglio, anche il 28enne in questione si è comportato esattamente allo stesso modo del ragazzino. Amore dichiarato dopo cinque minuti, viaggio a Parigi, addio strappalacrime all'aeroporto,  e ora progetta pure di andarlo a trovare.  E questo - se i miei studi di letteratura non sono stati vani - mi fa pensare che, più che una cronaca di un avvenimento reale, il ventottenne non sia che un alter ego del nostro topic starter all'interno di una bella storia inventata.

    Seriamente, quale 28enne incontrato per caso in strada a Berlino si comporterebbe così nei riguardi di un 15enne?

    Ripeto quello che ho scritto nel precedente post: sognare e struggersi d'amore per un ragazzo random o per l'idea di un futuro ragazzo, o per un cantante o attore famoso, va bene ed è sano, ma a una certa ora è essenziale anche che uno si crei delle opportunità reali di conoscere e frequentare amici aperti e sinceri, un ragazzo reale con pregi e difetti, e quant'altro.

    La vera sofferenza dei 15 anni non sta nell'avere una relazione a distanza o nel sognare l'amore, direi piuttosto che sta nel sopportare cose tipo andare in vacanza coi genitori (persone molto più grandi, con le quali ti annoi, in genere) sognando invece la libertà, oppure tutti i giorni dover sottostare ai "bioritmi "etero dei compagni di classe etero calciatori e tamarri e delle compagne sciacquette.

    Ecco, questo genere di cose può portare il 15 enne gay alla disperazione o all'idea di sentirsi inadeguato, per non dire di peggio... e il tutto si risolve prima di tutto con la pazienza (arriveranno tempi migliori) e poi impegnandosi attivamente per trovare qualcuno, nel proprio contesto, che sia un pochino più aperto e leale della media e che possibilmente condivida gusti e passioni.  

    Edited by davydenkovic90

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Laen

    Non avevo neanche lontanamente pensato che potesse essere una storia inventata, ed effettivamente è vero: si tratterebbe di un 28enne dal comportamento bizzarro, anche se non del tutto impossibile, dato che non si può per certo escludere che esistano ragazzi dall’età ormai adulta così precipitosi.

    Capisco la delineazione di un trend generale, ma non è detto che sia verità univoca, anche perché io stesso, proprio a 15 anni, ho vissuto un’esperienza del tutto sovrapponibile.

    La differenza forse stava nello squilibrio tra le mie percezioni e quelle dell’altro, di anni 21 è sicuramente più razionale di me, squilibrio che qui in effetti pare mancare nonostante i 13 anni di differenza...

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Lorenzo03
  • Topic Author
  • Ora iniziate a dire pure che è inventata... state iniziando a delirare proprio voi eh...ma secondo voi sono così cretino che mi mento a raccontare balle tanto per sfizio? 

    Intanto grazie per la fiducia, significa davvero moltissimo per me ....e se non ci credete non ci sto molto a mettere in profilo la foto che ci siamo scattati per ricordo... lasciatemelo dire che siete un pugno di stronzi...ormai l’argomento del topic si è trasformato da Consigliamoci a Critichiamolo....solo alcuni mi hanno dato dei consigli e per questo lo ringrazio....continuo a sentirmi con lui e sono riuscito a superare quel periodo in cui soffrivo la distanza grazie a questo....ieri ha preso i biglietti per venire qui a settembre...detto questo 

    A mai più 👋🏻

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    FreakyFred

    Ricordiamo comunque che l'"adolescenza gay" dura in media 46 anni

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Tex

    @Lorenzo03 non prendertela, i neoiscritti devono sempre affrontare un periodo di diffidenza (se non ci fossero i troll sarebbe tutto più semplice),  e la tua storia sembra veramente una favola :wub: E siccome personalmente tendo a crederti, ti auguro, anzi vi auguro che questa favola abbia un lieto fine - anche se a 15 anni è difficile pensare che tu abbia già trovato il principe azzurro, ma hai visto mai... 😉

    Comunque è positivo che tu stia superando il momento in ci soffrivi così tanto per la distanza ^_^

    In bocca al lupo cucciolo!

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Abrahel21
    Posted (edited)

    Mmmmh...

    Non è una situazione facile. Su molti punti concordo con gli utenti prima di me, ma preferisco non girare il coltello nella piaga, anche perchè già so che non ci ascolteresti...eh, l’amore.... Ti posso solo dire che inizialmente anche la mia storia era a distanza, ma c’erano anche alcune differenze:

    1-Ci separavano “solo” 200 km di distanza, e per me era già difficile così, figuriamoci se si parla di più di mille chilometri. Ad ogni modo, una volta a settimana ci si vedeva sempre.

    2-Tra me e il mio compagno ci sono solo 5 anni di differenza.

    Ai tempi che furono (all’epoca avevo 18 anni), soprattutto i primi mesi,  anche io soffrivo parecchio per la distanza, e cercavo di gestire questa sofferenza impegnandomi al massimo in tutto cià che facevo: scuola, amici, lavoro, ecc. Questo mi consentiva di non pensarci troppo e di “accelerare”i tempi di attesa per il fine settiamana, quando ci vedevamo. Col senno di poi, crescendo e vedendo come la mia relazione si è evoluta, ho capito che i miei erano tutti espedienti completamente inutili, non avevo nulla da “temere”.  Però capisco anche la tua giovane età. Tutto ciò che posso dirti è che la distanza che vi divide è enorme, e il fatto che non vi vediate frequentemente non aiuta...pensaci bene, in fondo sei davvero giovane, cerca di vivere il momento.

    Un saluto.

    Edited by Abrahel21

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Hinzelmann

    Ci stai dicendo - in modo logorroico e poco chiaro - che la tua relazione è finita quando vi siete avvicinati; che cioè il problema vero è iniziato, quando la sofferenza è finita?

    Non è che abbia ben capito

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    davydenkovic90
    On 8/7/2018 at 9:29 AM, Lorenzo03 said:

    Ora iniziate a dire pure che è inventata... state iniziando a delirare proprio voi eh...ma secondo voi sono così cretino che mi mento a raccontare balle tanto per sfizio? 

    Intanto grazie per la fiducia, significa davvero moltissimo per me ....e se non ci credete non ci sto molto a mettere in profilo la foto che ci siamo scattati per ricordo... lasciatemelo dire che siete un pugno di stronzi...ormai l’argomento del topic si è trasformato da Consigliamoci a Critichiamolo....solo alcuni mi hanno dato dei consigli e per questo lo ringrazio....continuo a sentirmi con lui e sono riuscito a superare quel periodo in cui soffrivo la distanza grazie a questo....ieri ha preso i biglietti per venire qui a settembre...detto questo 

    A mai più 👋🏻

    Ma chi ti ha criticato? In realtà il mio intervento era a favore tuo e anche molto ottimista nei riguardi di quello che di bello ti potrà capitare da oggi in poi, ma non pretendo che dalla tua prospettiva tu possa capirlo.

    Che la storia sia vera o inventata non fa poi così tanta differenza, e non c'entra molto col consiglio che ti ho dato per soffrire meno la distanza o in generale il peso che puoi sentire e che ti abbassa l'autostima.

    Ad ogni modo, ritornando al tema generale della distanza, bisogna distinguere tra "relazioni"  a distanza e "conoscenze" a distanza. Purtroppo molto spesso in ambito gay si verificano le seconde, vale a dire che si conosce qualcuno che sta molto lontano (e spesso anche perché non si è dichiarati o risolti nel luogo in cui si vive) e si imbastisce una "relazione" con lui, relazione che poi non è altro che una forzatura di un qualcosa che in realtà è una conoscenza molto superficiale. E se con uno della tua città ci metti tre o quattro uscite in un paio di settimane a dir tanto a capire se era un fuoco di paglia o se realmente ti trovi in sintonia con una certa persona e provi dei sentimenti più profondi, nella relazione a distanza tutto questo richiede sei mesi come minimo. Se due persone che abitano vicine litigano o hanno un prolema, non ci vuole niente a vedersi, chiarirsi e risolvere. Se io, da milano, litigo su whatsapp con un ragazzo di Palermo (città casuali) come minimo mi partono mezzo stipendio e un paio di giornate per andarci a parlare. Sempre ammesso che uno dei due sia disposto a fare questo sforzo e che tutto non finisca con deliri virtuali vari.

    Insomma, una conoscenza a distanza non è certamente la cosa che consiglierei di più, o almeno non consiglierei di investirci troppo in termini emotivi o economici... piuttosto credo invece che sia importante trovare un modo per avere delle occasioni nel proprio contesto, se non di fidanzamento, lo ripeto, anche di semplice amicizia, che per un ragazzo gay non è cosa da poco.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
    3 hours ago, davydenkovic90 said:

    credo invece che sia importante trovare un modo per avere delle occasioni nel proprio contesto, se non di fidanzamento, lo ripeto, anche di semplice amicizia, che per un ragazzo gay non è cosa da poco

    lì però subentra la variabile se si sia fatto CO o si stia ancora nell'armadio

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    davydenkovic90

    Che la vera follia da giovani debba essere dichiararsi con amici e familiari, mettere piede in un'associazione, nessuno ci ha mai pensato? Chattare a vita e poi organizzarsi la vacanzina all'estero per incontrare un ragazzo che ci piace per me è la scelta più comoda di tutte, altro che follia.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
    On 8/7/2018 at 11:07 AM, FreakyFred said:

    Ricordiamo comunque che l'"adolescenza gay" dura in media 46 anni

    che bello!!

    allora pure io sono ancora un ragazzetto!!!

    -e voi invece che mi trattate manco fossi una vecchiah bisbeticah.. sob!!!!-

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    FreakyFred
    1 minute ago, freedog said:

    che bello!!

    allora pure io sono ancora un ragazzetto!!!

    Ma certo che sei giovane, dentro 🙂

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    yalen86

    Allora? 

    Vi siete sposati o vi siete cirinnati? Non sto nella pelle. 

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites

    Create an account or sign in to comment

    You need to be a member in order to leave a comment

    Create an account

    Sign up for a new account in our community. It's easy!

    Register a new account

    Sign in

    Already have an account? Sign in here.

    Sign In Now

    • Who Viewed the Topic

      27 members have viewed this topic:
      qb78  MicFrequentFlyer  Almadel  PiNKs  Krad77  Hinzelmann  freedog  Saramandasama  davydenkovic90  purospirito  Silverselfer  islanda10  Sorgesana  Journey  pianist93  nowhere  schopy  cangrande  Uncanny  Fred  Bloodstar  Duma  Sampei  Dragon Shiryu  Marion2189  Oscuro  Hawk 
    ×