Jump to content
Demò

L'Europa contro #metoo: le nuove puritane capitaliste made in USA

75 posts in this topic Last Reply

Recommended Posts

Demò

ohio-amish-stock-photo.jpg.5da574072efb6a90c6255f4cbff87758.jpg

sopra, una famiglia queer

Gli USA lagnano e l'Europa risponde

Venti secoli di civiltà e un oceano di buon senso ci separano dal seno acerbo che nutre il capitalismo queer: finalmente le intellettuali europee si levano contro la crociata sessuofobica che è sorta dal caso Weinstein

Un centinaio di donne, tra le quali l'attrice Catherine Deneuve, hanno difeso in un Manifesto pubblicato dal quotidiano "Le Monde" il "diritto al disturbo" che spetta agli uomini, quale fondamentale strumento per realizzare la libertà sessuale. Naturalmente, sono state subito colpite dagli isterici strali delle sedicenti femministe queer, che pretendono di far vestire a lutto tutti gli ipocriti del pianeta, come sono riuscite ad imporre alla recente cerimonia dei Golden Globe.

Tra le firmatarie e forse autrici del Manifesto, figurano Catherine Robbe-Grillet, devota professionista delle pratiche BDSM e Catherine Millet, autrice nel  2001 del romanzo largamente autobiografico  "La vita sessuale di Catherine M.".

"lo stupro è un crimine - affermano le signore - ma tentare di sedurre qualcuno, anche in modo insistente o maldestro, non è un reato, nè la galanteria può essere considerata un'aggressione da parte di un maschio"

"noi difendiamo la libertà di importunare, indispensabile alla libertà sessuale" e "siamo abbastanza mature per ammettere che la pulsione sessuale è per sua natura offensiva e selvaggia, ma siamo anche sufficientemente accorte per non confondere il corteggiamento maldestro con l'aggressione sessuale".

Tanto premesso, le 100 donne di Francia sfidano  i tribunali mediatici del popolo social ribadendo di "non riconoscersi in questo femminismo che, al di là degli abusi di potere, assume il volto dell'odio verso gli uomini e la sessualità"

Visto che siete tutti anglofili alloglotti, per una volta leggetevi il Manifesto in francese:

Quote

Dans une tribune au « Monde », un collectif de 100 femmes, parmi lesquelles Catherine Millet, Joëlle Losfeld, Ingrid Caven et Catherine Deneuve, affirme son rejet du « puritanisme » apparu avec l’affaire Weinstein et d’un certain féminisme qui exprime une « haine des hommes ».

Le viol est un crime. Mais la drague insistante ou maladroite n’est pas un délit, ni la galanterie une agression machiste.

À la suite de l’affaire Weinstein, a eu lieu une légitime prise de conscience des violences sexuelles exercées sur les femmes, notamment dans le cadre professionnel où certains hommes abusent de leur pouvoir. Elle était nécessaire. Mais cette libération de la parole se retourne aujourd'hui en son contraire : on nous intime de parler comme il faut, de taire ce qui fâche et celles qui refusent de se plier à de telles injonctions sont regardées comme des traîtresses, des complices ! Or c'est là le propre du puritanisme que d’emprunter, au nom d’un prétendu bien général, les arguments de la protection des femmes et de leur émancipation pour mieux les enchaîner à un statut d'éternelles victimes, de pauvres petites choses sous l'emprise de phallocrates démons, comme au bon vieux temps de la sorcellerie. De fait, #metoo a entraîné dans la presse et sur les réseaux sociaux une campagne de délation et de mise en accusation publique d’individus qui, sans qu’on leur laisse la possibilité ni de répondre ni de se défendre, ont été mis exactement sur le même plan que des agresseurs sexuels. Cette justice expéditive a déjà ses victimes, des hommes sanctionnés dans l’exercice de leur métier, contraints à la démission, etc., alors qu’ils n’ont eu pour seul tort que d’avoir touché un genou, tenté de voler un baiser, parlé de choses « intimes » lors d'un dîner professionnel ou d’avoir envoyé des messages à connotation sexuelle à une femme chez qui l'attirance n'était pas réciproque. Cette fièvre à envoyer les « porcs » à l’abattoir, loin d’aider les femmes à s’autonomiser, sert en réalité les intérêts des ennemis de la liberté sexuelle, des extrémistes religieux, des pires réactionnaires et de ceux qui estiment, au nom d’une conception substantielle du bien et de la morale victorienne qui va avec, que les femmes sont des êtres « à part », des enfants à visage d'adulte, réclamant d’être protégées. En face, les hommes sont sommés de battre leur coulpe et de dénicher, au fin fond de leur conscience rétrospective, un « comportement déplacé » qu’ils auraient pu avoir voici dix, vingt, ou trente ans, et dont ils devraient se repentir. La confession publique, l’incursion de procureurs autoproclamés dans la sphère privée, voilà qui installe comme un climat de société totalitaire.

La vague purificatoire ne semble connaître aucune limite. Là, on censure un nu d’Egon Schiele sur une affiche ; ici, on appelle au retrait d’un tableau de Balthus d’un musée au motif qu’il serait une apologie de la pédophilie ; dans la confusion de l’homme et de l’œuvre, on demande l’interdiction de la rétrospective Roman Polanski à la Cinémathèque et on obtient le report de celle consacrée à Jean-Claude Brisseau. Une universitaire juge le film Blow Up de Michelangelo Antonioni « misogyne » et « inacceptable ». À la lumière de ce révisionnisme, John Ford (La Prisonnière du désert), et même Nicolas Poussin (L’Enlèvement des Sabines) n’en mènent pas large. Déjà, des éditeurs demandent à certaines d’entre nous de rendre nos personnages masculins moins « sexistes », de parler de sexualité et d’amour avec moins de démesure ou encore de faire en sorte que les « traumatismes subis par les personnages féminins » soient rendus plus évidents ! Au bord du ridicule, un projet de loi en Suède veut imposer un consentement explicitement notifié à tout candidat à un rapport sexuel ! Encore un effort et deux adultes qui auront envie de coucher ensemble devront au préalable cocher via une « Appli » de leur téléphone portable un document dans lequel les pratiques qu’ils acceptent et celles qu’ils refusent seront dûment listées.

Ruwen Ogien défendait une liberté d'offenser indispensable à la création artistique. De la même manière, nous défendons une liberté d'importuner, indispensable à la liberté sexuelle. Nous sommes aujourd’hui suffisamment averties pour admettre que la pulsion sexuelle est par nature offensive et sauvage, mais nous sommes aussi suffisamment clairvoyantes pour ne pas confondre drague maladroite et agression sexuelle. Surtout, nous sommes conscientes que la personne humaine n’est pas monolithe : une femme peut, dans la même journée, diriger une équipe professionnelle et jouir d’être l’objet sexuel d’un homme, sans être une « salope » ni une vile complice du patriarcat. Elle peut veiller à ce que son salaire soit égal à celui d’un homme, mais ne pas se sentir traumatisée à jamais par un frotteur dans le métro, même si cela est considéré comme un délit. Elle peut même l’envisager comme l’expression d’une grande misère sexuelle voire comme un non-événement.

En tant que femmes, nous ne nous reconnaissons pas dans ce féminisme qui, au-delà de la dénonciation des abus de pouvoir, prend le visage d’une haine des hommes et de la sexualité. Nous pensons que la liberté de dire non à une proposition sexuelle ne va pas sans la liberté d’importuner. Et nous considérons qu’il faut savoir répondre à cette liberté d'importuner autrement qu’en s’enfermant dans le rôle de la proie. Pour celles d'entre nous qui ont choisi d'avoir des enfants, nous estimons qu’il est plus judicieux d’élever nos filles de sorte qu’elles soient suffisamment informées et conscientes pour pouvoir vivre pleinement leur vie sans se laisser intimider ni culpabiliser. Les accidents qui peuvent toucher le corps d'une femme n’atteignent pas nécessairement sa dignité et ne doivent pas, si durs soient-ils parfois, nécessairement faire d’elle une victime perpétuelle. Car nous ne sommes pas réductibles à notre corps. Notre liberté intérieure est inviolable. Et cette liberté que nous chérissons ne va pas sans risques ni sans responsabilités.

I social warriors statunitensi, ai quali le loro bevande zuccherine ipercaloriche sono andate di traverso assieme all'hamburger nell'apprendere la novella, si sono lanciati in mille rappresaglie sui loro social media preferiti, pur restando col sederone comodamente fermo sul sofà di casa. Vanno per la maggiore le solite parole d'ordine in voga tra gli ignoranti d'oltre Atlantico: la Deneuve (perchè già sfugge il concetto che la famosa autrice è firmataria, ma non l'autrice dell'articolo incriminato) sarebbe una donna bianca, privilegiata, che difende i potenti e non mostra empatia alle vittime, o alle pretese tali

E intanto il New York Times cita, come molti altri giornali internazionali, la reazione (perdonate, la reaction) di Asia Argento, che a quanto pare ha trovato un metodo più efficace del cinema per diventare famosa

Cattura.PNG

Edited by Demò

Share this post


Link to post
Share on other sites
freedog

e siamo sempre lì:

i confini tra corteggiamento (più o meno pesante, più o meno raffinato/romantico che sia), molestia e stupro penso/spero siano chiari & evidenti.

certo, gli americani, come al solito loro, banalizzano & semplificano tutto alla voce avances; e però anche sbiadire le differenze tra questi tipi di approccio non lo so se sia il max della vita...

insomma, c'è da rifletterci su

Share this post


Link to post
Share on other sites
Saramandasama

Io però più che "interiorized", che non è di per sé un errore, avrei usato "internalized", per rendere più clinica e precisa la reaction. 

In ogni caso brava Asia!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Demò
  • Topic Author
  • 11 minutes ago, Salamandro said:

    brava Asia!

    abFWuJG-64a6LpfAotNNnwt7Alo@500x213.jpg.11c635a0135263c0a6b71eeb6d9ae54a.jpg

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Layer

    Se è utile a frenare un certo fondamentalismo femminista che non guarda a niente e nessuno potrebbe anche condivisibile come una reazione del genere.

    Ma il fatto che venga sottolineata la ''libertà di importunare'' non è che mi suoni proprio ottima come rivendicazione. La linea di demarcazione tra importunare e molestare può essere molto labile.

    E' lecito provarci, ma importunare dovrebbe essere qualcosa di socialmente disdicevole. Da sfigati, ecco.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Demò
  • Topic Author
  • essere sfigati e importuni tanto da venire respinti senza complimenti, non significa essere molestatori

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Layer

    Non l'ho scritto infatti.

    Notavo quanto fosse debole e infelice la formula utilizzata dalle firmatarie in quel passaggio. 

    Non mi sognerei mai di scrivere che si è ''liberi di importunare'', come detto. E' un attimino diverso dal dire ''liberi di provarci''...

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Iron84

    Misogenia interiorizzata.......questa è la risposta che danno i fondamentalisti quando si osa contestare un pensiero.....ahhhh che deja vù!!

    Ad ogni modo mi fa piacere che ci sia in giro ancora un pò di buonsenso e sopratutto che esistano davvero paesi non sessuofobici.
    @rotwang chissà che ne penserà

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Saramandasama

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Demò
  • Topic Author
  • però è una donna forte e volgare, tormentata e inquieta, mi piace

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    davydenkovic90

    Anche Carmen Russo ha dichiarato che Fellini la palpeggiava sempre sul set della città delle donne, lei lo chiamava "maestro" e ne era lusingata, sostenendo che fosse normale che il regista si innamorasse e seducesse l'attrice musa del momento.

    Eva Henger ha dichiarato che fare il porno la annoiava a morte, ma provava grande soddisfazione nel fare spettacoli erotici dal vivo perché godeva del fatto di poter essere ammirata come oggetto del desiderio da parte degli astanti.

    Insomma, non possiamo appiattire qualunque rapporto uomo/donna, o la psicologia e l'intelletto di qualsiasi donna secondo la chiave di lettura bidimensionale e vittimista di Asia Argento, che in ultima analisi vuole solo giustificare la mediocrità della propria carriera e cavalcare l'onda per tentare di avere - oggi - quella popolarità oltreoceano che non ha mai avuto quando scopava con weinstein.

    Non è certo suo intento quello di aiutare le donne che tentano di far carriera nello spettacolo. Al di là del modo aggressivo in cui si pone, del suo logo col pugno alzato, di questa incomprensibile e inesistente guerra "donne contro uomini",  non mi sembra che stia lanciando messaggi tanto costruttivi  profondi alle donne o alla società.

    3 hours ago, Demò said:

    però è una donna forte e volgare, tormentata e inquieta, mi piace

    Sì, anche secondo me questa è la miglior prova da attrice della sua vita.

    Edited by davydenkovic90

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    davydenkovic90

    Comunque io l'oscar lo darei a Claudia Zanella, la moglie di Brizzi.

    Sarà che è toscana, ma è uno di quei personaggioni folli che inevitabilmente catturano la mia attenzione. Mi ricorda qualche maestra di pianoforte nazista che ho avuto da piccolo.

    E' un' attivista vegana, ho messo un suo video su youtube dove dice: "L'italiano medio si mangia una pasta al pomodoro con una fetta di carne. Hai mangiato il pomodoro stracotto, una carne di un povero animale morto e la pasta sbiancata, va be', cioè allora, come un suicidio "oggi non so che fare, mi ammazzo mangiando queste cose". Non è un nutrimento, un pasto così è come fumarsi dieci sigarette".

    E poi dice anche che al posto della tachipirina. prende l'aglio bollito col limone. E per non puzzare mangia lo zenzero crudo.

    La amo.

    Edited by davydenkovic90

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Saramandasama
    10 hours ago, Demò said:

    però è una donna forte e volgare, tormentata e inquieta, mi piace

    Sì, a differenza dei soliti forumini, che saranno pure tridimensionali, ma inquietano molto più di lei, e non in un senso positivo!

    Asia Argento citata anche dai media francesi. Adoro!

    #misogynie intériorisée

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Iron84

    Io impiccherei tutti quelli che usano parole come ....fobia interiorizzata quando si contesta un'opinione. In un certo qual modo equivale a dire " è inutile parlare con te" tipico di chi sposa in maniera violenta posizioni ideologiche.

    Ovviamente Asia Argento non si smentisce

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Hinzelmann

    Il concetto di omofobia interiorizzata non mi pare sconosciuto, né alla cultura gay, né alle associazioni LGBT

    né a molti di noi, fra cui sicuramente io....preso atto del fatto che arriveresti ad "impiccarmi" non posso che ribadire

    il contentuto intrinsecamente reazionario delle reazioni che suscita un dibattito del genere

    Il tutto poi per ottenere cosa?

    Niente

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Saramandasama

    E un po' come andare ad una conferenza sui diritti umani, dove l'unico oratore fosse Kim Jong Un. Capite bene che le sue opinioni in merito sono irrilevanti a priori. Quindi sì, in alcuni casi è inutile parlare o confrontarsi,  essendo notorio il background dell'altra parte.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Demò
  • Topic Author
  • Ma non é vero. Cioé si, c'é gente qui che da sempre ha la coda di paglia, pure l'Asia ogni due per tre si giustifica e si capisce che del tutto sincera con se stessa non é. Ora, tra le mille volte che si sarà buttata via é saltato fuori che l'esperienza di weinstein le diventa l'occasione postuma di riscatto. 

    Per lei é importante, peró a me inquieta questo approccio di moralismo collettivo alla sessualità, preferirei rimanesse una materia in mano agli specialisti. Perché quella sera che sono uscito con un 17enne e ho provato a baciarlo, di questo passo diventa una molestia e a quel punto mi trovo il mondo contro, non solo un pubblico ministero davanti ad un giudice terzo

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    davydenkovic90

    Comunque ieri sono caduto dalle scale (già, come le presentatrici di Sanremo) e mi sono fracassato tutto, per tirarmi un po' su mi sono messo a vedere spezzoni di uno dei film di Brizzi , "pazze di me", un film corale con 7 donne protagoniste) e li ho trovati a dir poco illuminanti sul modo che questo regista ha di vedere e  rappresentare le donne.  (chiedo scusa per l'OT)

    Povera Catherine Deneuve, mi fa tenerezza anche lei. Si vede benissimo che vorrebbe che qualche uomo la importunasse ancora alla sua età, e invece i tempi d'oro son finiti, temo, per lei. Comunque, mai dire mai.

    1 hour ago, Salamandro said:

    E un po' come andare ad una conferenza sui diritti umani, dove l'unico oratore fosse Kim Jong Un. Capite bene che le sue opinioni in merito sono irrilevanti a priori. Quindi sì, in alcuni casi è inutile parlare o confrontarsi,  essendo notorio il background dell'altra parte.

    Guarda che qui Kim Jong Un è Asia Argento, forse hai perso il filo dei vari post. 

    Ad ogni modo, esistono vari tipi di femminismo, forse Asia Argento non lo sa, ma non c'è solo il femminismo, americano, straightforward e indubbiamente vincente, della guerra delle donne contro gli uomini, delle donne che occupano i posti degli uomini e che, come dice lei, "faranno paura agli uomini come gli uomini hanno fatto paura a noi". Esiste anche un femminismo della differenza, che, in virtù della differenza fra uomini e donne, teorizza che il miglioramento della condizione femminile porti a cambiamenti radicali all'interno della società che vadano in direzione delle donne. 

    Ora, non so quanto possa essere utile, sensato o femminista, nel 2017, combattere una guerra col pugno alzato contro la misoginia, dipingendo un mondo di orchi malvagi e bambole di pezza paralizzate  incapaci per definizione di reagire in alcun modo o di denunciare, seppur residenti non in Burundi, ma in un paese che fornisce loro questi strumenti. Chi non dà ragione ad Asia Argento è una bestia e se per caso succede che Asia venga importunata con domande del tipo "ma, scusi, signora Argento, com'è che per cinque anni ha fatto sesso con Weinstein?" inizia a sbraitare come una matta contro chiunque. A me sembra che la sua posizione sia, effettivamente, frutto di una mentalità fallocratica (oltre che egocentrica, per il proprio tornaconto).

    Ciò che bisogna veramene combattere è la prassi squallida che vede complici attrici disponibili e registi maiali. Sono contento che lo si faccia e che sia stato finalmente aperto il vaso di Pandora e che si parli del mitico "obolo del sofà", anche se trovo che ci siano pochi punti di contatto tra queste vicende elitarie di Hollywood e la maggior parte delle donne comuni che subiscono molestie o violenze sessuali dai mariti o da scnosciuti.  Prassi squallida su cui la giovane Asia ventunenne ha evidentemente provato a giocare. Le è andata male, si è pentita, non ha ottenuto quello che voleva. Ci spiace per lei. Però che la smetta di recitare il ruolo della femminista reazionaria per deformazione professionale, perché non è un film e non le daranno l'Oscar alla fine, purtroppo per lei.

    Edited by davydenkovic90

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Hinzelmann

    I gay il mondo contro - ivi compresi anche altri gay e non solo nel caso di baci a minorenni - ce l'hanno sempre avuto

    Ed è per questo che il concetto di omofobia ed omofobia interiorizzata è stato teorizzato ed è non rinunciabile

    Sul resto non entro neanche nel merito...divertitevi pure a spararle grosse

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Iron84
    Il concetto di omofobia interiorizzata non mi pare sconosciuto, né alla cultura gay, né alle associazioni LGBT

    né a molti di noi, fra cui sicuramente io....preso atto del fatto che arriveresti ad "impiccarmi" non posso che ribadire

    il contentuto intrinsecamente reazionario delle reazioni che suscita un dibattito del genere

    Il tutto poi per ottenere cosa?

    Niente

    Premesso che è un concetto che può appartenere ad una persona ma non ad un'opinione , lo puoi fare se conosci il background di una persona. Ad esempio puoi pensare dal tenore dei miei interventi sul forum che io sia un omofobo interiorizzato. In un certo modo è un'idea rispettabile che chiude, ovvio, qualsiasi dialogo.

    Il problema è quando utilizzi termini simili a priori sull'idea oggetto di discussione, in tal caso questo è a mio avviso un comportamento violento, ideologico che chiude qualsiasi dialogo costruttivo. Ecco questo tipo di persone io le impiccherei ma spesso mi limito solo ad ignorarle.

    Una come Asia Argento bolla come misogina una persona che nemmeno conosce, addirittura interiorizzata cosicchè visto che lo sei ma non se ne rende conto non può nemmeno ribattere.

    Forse se la maggioranza della gente dice che hai torto io un minimo di analisi autocritica me la farei.

    Ah già il mondo è ingiusto e razzista e quindi dobbiamo compiangerla

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    davydenkovic90
    27 minutes ago, Hinzelmann said:

    I gay il mondo contro - ivi compresi anche altri gay e non solo nel caso di baci a minorenni - ce l'hanno sempre avuto

    Ed è per questo che il concetto di omofobia ed omofobia interiorizzata è stato teorizzato ed è non rinunciabile

    Sì Hinz, ma l'omofobia e la misoginia sono concetti che vanno tirati fuori nel momento in cui ha senso farlo, non così a piacere, quando ci fa comodo contestare un'opinione o un fatto che non gioca a nostro favore.

    Io potrei affermare che Salamandro mi lancia frecciatine o mi attacca perché è omofobo? Assolutamente no. (ho fatto un esempio volutamente stupido).

    Dire che le donne hanno un cervello, un raziocinio, una tutela da parte delle autorità giudiziarie, e dire che gli uomini sono liberi di provarci con le donne (qualora questo non sia fatto dietro minacce o promesse di lavoro o violenza fisica), non è misoginia interiorizzata. E' semplicemente un'opinione (legittima)che va contro a quello che sostiene la Argento, che ovviamente deve dire che lei non ha avuto libertà  e che si è dovuta necessariamente comportare come si è comportata.

    Rispondere "è misoginia" è stupido e non costruttivo.

    Edited by davydenkovic90

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Saramandasama
    1 hour ago, Hinzelmann said:

    Sul resto non entro neanche nel merito...divertitevi pure a spararle grosse

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Hinzelmann

    Questi sono gli articoli di Aldo Cazzullo e Pierluigi Battista sul Corriere della Sera che non stanno dalla parte della Deneuve

    ( a dire il vero nessuno sta dalla sua parte eccetto Libero ed Il Giornale...ma tant'è questo non significa si possa dissentire se viene fatto in modo giusto )
     

    http://www.corriere.it/lodicoalcorriere/index/11-01-2018/index.shtml

    http://27esimaora.corriere.it/18_gennaio_10/weinstein-deneuve-molestie-sessuali-noi-maschi-conosciamo-confine-no-no-sappiamo-bene-cafa6422-f642-11e7-9b06-fe054c3be5b2.shtml

    Discutete su queste opinioni e lasciate stare il discorso sulla omofobia interiorizzata, che da un lato è scivoloso ( per noi ) e dall'altro non è necessario per discutere su questo argomento

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
    2 hours ago, davydenkovic90 said:

    ieri sono caduto dalle scale (già, come le presentatrici di Sanremo) e mi sono fracassato tutto

    intanto auguri di pronta guarigione

    -lo so, non c'entra niente colla piega che ha preso il thread, ma mi sembra molto meno noioso dirti di rimetterti as soon as possibile che impelagarmi in questa diatriba dialettica)

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Beppe_89
    3 hours ago, davydenkovic90 said:

    ieri sono caduto dalle scale

    ahahahah devi installare delle cam in casa e fare delle gif  XD 

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    davydenkovic90
    1 hour ago, freedog said:

    intanto auguri di pronta guarigione

    -lo so, non c'entra niente colla piega che ha preso il thread, ma mi sembra molto meno noioso dirti di rimetterti as soon as possibile che impelagarmi in questa diatriba dialettica)

    Grazie, spero di essere come nuovo in una decina di giorni :). Concordo sulla diatriba noiosa.

    Sono caduto fuori casa, comunque -_-

    10 minutes ago, Beppe_89 said:
    10 minutes ago, Beppe_89 said:
    Edited by davydenkovic90

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    mirtillamirtilla

    Asia Argento non mi è mai stata simpatica, prima come attrice o pseudo tale, poi come gestiva mediaticamente il rapporto con il padre di sua figlia ecc ecc. Quando parla su metoo e compagnia bella non mi rappresenta per niente, accolgo la posizione di chi dice che è come se fosse Kim il coreano a parlare di diritti umani

    Anch'io sono dell'idea che provarci non debba essere vietato e non di certo per permettere alle donne di avere uno stuolo di zerbini orbitanti ma perché stiamo veramente scadendo nell'eccesso

    Anche perché, come spesso dico, se tutto diventa molestia/violenza, poi alla fine più niente lo è, è sempre la vecchia favoletta di chi urla "Al lupo! Al lupo!" solamente per attirare l'attenzione su di sé, quando poi il lupo arriva veramente più nessuno accorre

    Forse per voi gay le cose vanno meglio e non ci sono tanti froci nel vostro mondo ma vi assicuro che ultimamente l'uomo etero è generalmente frocio all'ennesima potenza. Frocio inteso nel senso che gli uomini sono le nuove donne, cioè senza spina dorsale e soprattutto pare che abbiano dimenticato cosa devono fare per natura

    Disclaimer: non mi permetterei mai di offendere un uomo cui piacciono altri uomini chiamandolo frocio, spero si capisca, e quando penso alla parola frocio mai penso a un sinonimo di gay, omosessuale, sia egli a, p, v, proprio non c'entra

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Saramandasama
    1 minute ago, mirtillamirtilla said:

    Asia Argento non mi è mai stata simpatica, prima come attrice o pseudo tale, poi come gestiva mediaticamente il rapporto con il padre di sua figlia ecc ecc. Quando parla su metoo e compagnia bella non mi rappresenta per niente, accolgo la posizione di chi dice che è come se fosse Kim il coreano a parlare di diritti umani

    Anch'io sono dell'idea che provarci non debba essere vietato e non di certo per permettere alle donne di avere uno stuolo di zerbini orbitanti ma perché stiamo veramente scadendo nell'eccesso

    Anche perché, come spesso dico, se tutto diventa molestia/violenza, poi alla fine più niente lo è, è sempre la vecchia favoletta di chi urla "Al lupo! Al lupo!" solamente per attirare l'attenzione su di sé, quando poi il lupo arriva veramente più nessuno accorre

    Forse per voi gay le cose vanno meglio e non ci sono tanti froci nel vostro mondo ma vi assicuro che ultimamente l'uomo etero è generalmente frocio all'ennesima potenza. Frocio inteso nel senso che gli uomini sono le nuove donne, cioè senza spina dorsale e soprattutto pare che abbiano dimenticato cosa devono fare per natura

    Disclaimer: non mi permetterei mai di offendere un uomo cui piacciono altri uomini chiamandolo frocio, spero si capisca, e quando penso alla parola frocio mai penso a un sinonimo di gay, omosessuale, sia egli a, p, v, proprio non c'entra

    Tesoro, ti ho segnalata. Sei risultata estremamente offensiva. I disclaimer usali per gli altri troll che gestisci.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    R.POST
    2 minutes ago, mirtillamirtilla said:

    Forse per voi gay le cose vanno meglio e non ci sono tanti froci nel vostro mondo

    eh? 

    3 minutes ago, mirtillamirtilla said:

    Frocio inteso nel senso che gli uomini sono le nuove donne, cioè senza spina dorsale e soprattutto pare che abbiano dimenticato cosa devono fare per natura

     non vedo correlazione tra il termine usato e la descrizione al ribasso. forse intendevi "cuck"

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites

    Create an account or sign in to comment

    You need to be a member in order to leave a comment

    Create an account

    Sign up for a new account in our community. It's easy!

    Register a new account

    Sign in

    Already have an account? Sign in here.

    Sign In Now

    • Who Viewed the Topic

      20 members have viewed this topic:
      Sorgesana  Hinzelmann  DoctorNievski  Demò  Skerd  gianduiotto  conrad65  camillomago  andy94  faby91  castello  Paolo91  Syfy  Capricorno57  Saramandasama  marco7  Layer  smile93  freedog  Almadel 
    ×