Jump to content
Davis

Sto continuando a fare CO e ho scoperto qualcosa di "interessante"

22 posts in this topic Last Reply

Recommended Posts

Davis

Il numero delle persone con le quali ho fatto coming out continua a crescere. L'altro ieri si è aggiunto un altro amico mio come decimo della lista. L'unico problema è che forse ci è rimasto un pò male che altri già lo sapevano e lui no... gli ho comunque spiegato che non c'è un ordine di preferenza e che non ho deciso a priori a chi dirlo prima, semplicemente è andata così.  Comunque siamo amicissimi quanto prima, ma i miei coming out sono stati tutti più o meno così e le reazioni più che altro sono state: "Non potevi dirlo prima così evitavamo figure di ... ?" e alcuni si sono anche scusati, ma non serviva. Eh sì fino ad ora è stato tutto easy.

Il fatto è che con questo ultimo CO ho scoperto che c'è una sorta di falla... per farla breve un mio amico ha fatto outing con 2 suoi amici fidati che conosco anche io e ogni tanto (molto raramente)  vedo la sera quando usciamo e capita che ci sono pure loro. Per carità sono brave persone va bene che lo sappiano e in realtà non me ne frega neanche tanto, però pensare che le ultime volte con cui ci sono uscito loro sapevano di me e io non sapevo questo è un pò fastidioso (forse non è neanche il termine adatto visto che come ho detto me ne frega poco). Inoltre uno di loro è fidanzato e lo ha anche detto alla ragazza (che conosco infatti ogni tanto quando c'è lui c'è anche lei)... e come sono venuto a saperlo? Proprio dall'ultimo amico con cui ho fatto CO che mi ha detto che stava parlando con questa ragazza e sono uscito fuori io nel discorso, che avrà parlato di me dicendo che ero gay e il mio amico ha risposto che si sbagliava perchè ancora non lo sapeva. A quanto pare lei gli ha chiesto anche scusa per questa cosa che ha detto (immagino lo volesse dire a me)... magari pensava che essendo un amico mio abbastanza stretto lo sapeva già. Ad essere sincero mi aspettavo che cose del genere potevano accadere e in realtà non sono nemmeno arrabbiato, però penso che dirò al mio amico che mi ha fatto outing che almeno avrebbe potuto dirmelo.

A parte questa storia, pensavo che i miei coming out sono soltanto un mezzo per rimandare quello che veramente dovrei fare che in sintesi è cominciare a buttarsi nel mondo gay ma per questo, a parte le mie paure, credo che dovrei risolvere alcune cose interiormente e credo che mi aiuterebbe fare coming out in famiglia.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Carota

Non ho idea della tua età ma credo che siamo un po' nella stessa barca.. io sono a quota 6 e suppongo che anche nel mio caso stia per iniziare un po' di passaparola, se già non è partito... sinché non raggiunge i miei genitori onestamente non mi interessa.. ma vivendo lontano ormai è impossibile che si sovrappongano le cerchie di conoscenze..

Se hai voglia di confrontarti a proposito delle questioni da risolvere internamente, io ci sono. Sto vivendo contemporaneamente una fifa assurda e una voglia di lanciarmi e boh, per certi versi sono riconosco di essere ancora un po' bloccato.

Ciao e buona domenica :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
Davis
  • Topic Author
  • Ho 22 anni.

    Sì anche per me il problema principale se non l'unico per il CO sono i genitori, ma sicuramente arriverà il momento. Risolvere i propri problemi sapendo di avere l'appoggio e l'aiuto dei propri genitori semplificherebbe le cose, ma penso anche che a 22 anni non dovrei aver bisogno di loro SE non fossi immaturo.

    8 hours ago, Carota said:

    Se hai voglia di confrontarti a proposito delle questioni da risolvere internamente, io ci sono. Sto vivendo contemporaneamente una fifa assurda e una voglia di lanciarmi e boh, per certi versi sono riconosco di essere ancora un po' bloccato.

    Grazie, però ti avverto che sono sicuramente più bloccato di te al punto che potrei rovinarti confrontandoti con me xD. Ad esempio tu ti vuoi lanciare, invece io non so neanche se effettivamente voglio o non voglio, non è solo questione di paure, almeno credo.

    Comunque ho ancora altri coming out che posso fare con amici, spero di essere capace a farli entro una data decente. Però anche con il CO a me non cambia nulla, diciamo che oltre all'outing la cosa interessante che ho notato è anche questa, cioè che non sento di aver realmente bisogno del coming out con amici.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Carota
    On 11/12/2017 at 11:30 PM, Davis said:

    Grazie, però ti avverto che sono sicuramente più bloccato di te al punto che potrei rovinarti confrontandoti con me xD. Ad esempio tu ti vuoi lanciare, invece io non so neanche se effettivamente voglio o non voglio, non è solo questione di paure, almeno credo.

    Rovinarmi addirittura?! :lol:

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Davis
  • Topic Author
  • Nhaa scherzavo :D, mi piace intimorire la gente. E che intimidazione eh!

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Heltix

    Sono contento che entrambi siate in fase di "uscita" dal famoso armadio, in fondo lo sono pure io che ho iniziato a fare coming out 7 mesi fa. Da allora personalmente l'avrò detto a poco più di 30 persone, praticamente tutti i migliori amici... e anch'io temevo il momento dei miei genitori, che però prima o dopo doveva arrivare, e che per fortuna è arrivato relativamente presto (4 mesi fa).  Con mia madre sapevo sarebbe andata bene, avevo dei dubbi con mio padre, ma non me la sentivo di dirlo prima a uno e poi all'altro, quindi ho colto l'occasione prima di andare in vacanza con degli amici, così da lasciar loro il tempo di pensarci un po'... se avete un'occasione del genere fatelo, secondo me è la cosa migliore :) 

    Comunque anch'io sto notando un po' questa cosa dell'outing da parte di amici, che nel mio caso è anche "misterioso"... un mio amico a cui l'ho detto mi ha riferito che quando si era trovato con altri amici che non dovrebbero saperlo stavano parlando anche di me, e sembrava che anche loro lo sapessero, ma non era chiaro... ho chiesto a un'altra amica a cui ho detto di me se era stata lei, e mi ha detto di no, ma che anche lei aveva le stesse impressioni sul fatto che gli altri amici lo sapessero... mah. Il problema è che ora sono all'estero e non so quando / come potrò rivedere queste persone. Comunque anche a me interessa relativamente poco che lo sappiano oppure no, anzi è meglio se lo sanno già... meno discorsi imbarazzanti

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    lecosechenondici
    2 hours ago, Heltix said:

    Comunque anch'io sto notando un po' questa cosa dell'outing da parte di amici, che nel mio caso è anche "misterioso"... un mio amico a cui l'ho detto mi ha riferito che quando si era trovato con altri amici che non dovrebbero saperlo stavano parlando anche di me, e sembrava che anche loro lo sapessero, ma non era chiaro... ho chiesto a un'altra amica a cui ho detto di me se era stata lei, e mi ha detto di no, ma che anche lei aveva le stesse impressioni sul fatto che gli altri amici lo sapessero... mah. Il problema è che ora sono all'estero e non so quando / come potrò rivedere queste persone. Comunque anche a me interessa relativamente poco che lo sappiano oppure no, anzi è meglio se lo sanno già... meno discorsi imbarazzanti

    Quando non si è pronti a farlo sapere a tanti bisogna dirlo solo a poche persone molto fidate. Altrimenti bisogna esplicitare che non c'è alcun problema nel dirlo ad altre persone. Mi è capitato di avere amici che mi dicevano "Eh sai diceva che secondo lui sei gay e io non sapendo cosa fare ho detto no/non lo so". È una cosa piuttosto imbarazzante e rende l'argomento gossip per ciattelle. Dopo esperienze di quel tipo sono stato molto chiaro, quando facevo coming out (i primi tempi, adesso è cosa risaputa tra i vecchi conoscenti, con i nuovi è immediato e naturale) dicevo chiaramente ai miei amici che se si fossero trovati a parlare di questo potevano tranquillamente dirlo e non nasconderlo. Ovviamente non come news da prima pagina. Poi se la gente deve fingere di non sapere almeno lo faccia senza il neon "SÌ, È FROCIO" sulla fronte. 

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog

    riguardo alle paranoie da outing che vi fate, non dimenticatevi MAI una cosa:

    quando si sta nell'armadio, è SICURO che nel branco/gruppo/classe che frequentate avete già le chiappe molto chiacchierate, ovviamente alle vostre spalle.

    Il fatto che nessuno si stupisca dei vostri CO -o almeno così mi pare di capire da quanto scrivete- non vi insospettisce?

    in quanti vi hanno poi detto "ma dai, non me l'aspettavo!!" con faccia super stupita?

    Insomma, lo sanno da prima che glielo diciate ufficialmente; e spesso capita pure che l'abbiano capito anche prima di voi!

    Mettiamola cosi: lo sanno già? Bene! tutta fatica/stress in meno  per voi!

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    faby91

    Quoto fridog. Tutto lavoro risparmiato ahahah

    Se davvero non ti interessa, lascia correre. I primi coming out che ho fatto sono stati subito seguiti da outing a cani a porci (a gente che nemmeno conosco..). Ci restai piuttosto male perché non mi ero accettato ancora del tutto e avevo espressamente chiesto di non dirlo in giro.

    Se succedesse un outing adesso, non me ne fregherebbe nulla, tanto sono già dichiarato con chi interessa a me.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Heltix
    16 hours ago, freedog said:

    Il fatto che nessuno si stupisca dei vostri CO -o almeno così mi pare di capire da quanto scrivete- non vi insospettisce?

    in quanti vi hanno poi detto "ma dai, non me l'aspettavo!!" con faccia super stupita?

    A dire il vero, nel mio caso sono riuscito a far spalancare la bocca a diverse persone, specialmente fra i miei amici più stretti :) di certi non mi dimenticherò mai la faccia ahahahahhaa 

    Anzi, ci rimanevo quasi male quando la reazione era pacata, soprattutto all'inizio che avevo voglia di sfogarmi anche con chi non si stupiva troppo, ma per loro era lo stesso che io raccontassi o no di me... In realtà è questo l'approccio più giusto, però quasi ci rimanevo male io xD 

    Nel caso di quelle poche persone che invece non lo sapevano direttamente da parte mia, sono venute fuori certe storie che hanno stupito me invece... Ma questa è un'altra storia

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Carota
    28 minutes ago, Heltix said:

    Anzi, ci rimanevo quasi male quando la reazione era pacata, soprattutto all'inizio che avevo voglia di sfogarmi anche con chi non si stupiva troppo, ma per loro era lo stesso che io raccontassi o no di me... In realtà è questo l'approccio più giusto, però quasi ci rimanevo male io xD

    Io spiccicato :))

    poi vabbe mia sorella in realtà è rimasta molto stupita.. nonostante tanti segnali, a notarli, ci fossero! E certe occhiatine in spiaggia.. e i pochi apprezzamenti alle donne se non su richiesta di un parere maschile..ecc ecc :)

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Heltix
    On 30/11/2017 at 10:53 AM, Carota said:

    nonostante tanti segnali, a notarli, ci fossero! E certe occhiatine in spiaggia.. e i pochi apprezzamenti alle donne se non su richiesta di un parere maschile..ecc ecc :)

    Idem ahahha anch'io credevo di aver lasciato dei segni ma a quanto pare nessuno li ha colti... Solo a una persona era balenata l'idea che potessi essere gay, altre due ragazze (fidanzate di miei amici) lo sospettavano, anche se non ho capito da cosa, visto che non sono mai uscito molto con loro... Il resto niente, zero proprio!

    Ritornando anche alla questione del topic, una di queste ragazze aveva chiesto al suo fidanzato, cioè al mio amico, se io potevo essere gay (quando a lui l'avevo già detto), e ha dovuto fare il finto tonto con lei... Però era ancora un periodo in cui volevo che la cosa restasse riservata. Ora anche lei lo sa, gliel'ho detto per evitare futuri discorsi imbarazzanti, ma ho apprezzato molto il fatto che il mio amico avesse rispettato la riservatezza che gli avevo chiesto :)

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Davis
  • Topic Author
  • Mah guardate ad essere sincero di paranoie non me ne sono fatte così tante pensando a possibili outing, anzi quando mi hanno raccontato di questo fatto l'unica cosa di cui mi sono preoccupato è che il mio amico non mi aveva avvertito di averlo detto a qualcun altro. Anche se dico sempre di tenerselo per loro lo so che può succedere che prima o poi qualcuno può lasciarselo scappare, ma non è un problema tanto non è che io non mi sia accettato.

    Posso dire che pochissimi dei miei amici con cui ho fatto coming out mi hanno detto che il pensiero che mi piacessero gli uomini lo avevano, ma il resto di loro non se lo aspettava molto anzi a qualcuno ho dovuto ripeterlo più volte perchè pensava che lo stessi prendendo per i fondelli. L'ultimo amico con cui ho fatto CO pochi giorni fa mi ha consigliato di dirlo il più presto possibile agli altri del gruppo perchè lui ci era rimasto male per averlo saputo dopo.  Ora è di questo che mi preoccupo perchè lo devo ancora dire ad un amico che si arrabbia spesso se viene a sapere le cose dopo degli altri. Mi sa che mi devo sbrigare :-)

    Ma l'unico vero problema sono i genitori... i miei sono cresciuti in quel tipo di ambiente in paese dove se ti nasceva un figlio gay era una disgrazia, un qualcosa di cui vergognarsi, con quel tipo di mentalità stretta per cui l'uomo deve portare i soldi a casa e la donna deve accudire i figli. Tuttavia io e i miei fratelli fortunatamente siamo l'opposto di questo e con il tempo un pò sono cambiati anche i miei genitori. Però ancora non hanno una mentalità molto aperta e poi ricordo le cose che ha detto mio padre, del tipo "Se uno di voi" rivolgendosi ai figli "è gay lo caccio fuori di casa" o mia madre che mi parla di un ragazzo gay chiamandolo "quello non normale". Quest'ultima cosa è successa da poco e io gli ho risposto di andarsi a far curare la sua malattia e che con ste frasi omofobe ha fracassato i cogl... Mia madre continua anche a chiedermi quando gli porto una ragazza a casa visto che i miei fratelli a 22 anni ne avevano già avute almeno 3, e nonostante gli dicessi che non me ne frega nulla di portare ragazze a casa e di cercarmi ragazze non capisce, lei pensa che dico così perchè sono timido. Se non gli dico "sono gay" non capirà mai. Il problema è che per come sono loro adesso non mi sembra il caso di farlo, però sarebbe bello sapere che i miei genitori stanno dalla mia parte e che loro ci sono sempre e comunque, forse lo troverei rassicurante. Perchè non dovrebbero accettarlo? Sono pur sempre loro figlio.

    Sono abbastanza sicuro però che ho i fratelli dalla mia parte, infatti una volta mi hanno anche detto che se fossi gay non ci sarebbero problemi... però per adesso mi darebbe fastidio farglielo sapere perchè ancora non vivo veramente la mia sessualità ma questi però sono problemi legati alla personalità, poi va a finire che loro si impicciano per aiutarmi e per come sono fatto io mi renderebbe le cose difficili.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    andy94

    Io continuo a non capire tutti questi problemi per il CO. Ok, forse io sarò un po' anomalo e da quando ho 16 anni e mezzo sono legato sentimentalmente ad una persona ( in realtà conviviamo pure), però non mi è mai balenato il pensiero di dichiararmi pubblicamente. La mia vita privata è affar mio. Certo , se qualcuno mi chiede se ho la ragazza con tutta tranquillita' rispondo che ho il ragazzo , ma la cosa termina esattamente lì come è iniziata e mi irritano le persone che infieriscono con " perché?" , " quando è successo? Eccc.

    Ai miei genitori l'ho detto la prima volta che il mio ragazzo mi ha lasciato e così anche al mio migliore amico, ma l'ho fatto perché stavo un male cane , non mangiavo , e quindi a fronte della loro evidente preoccupazione ( sono timido e riservato però tendenzialmente solare) sulla mia mancanza di vita , ho vuotato il sacco.  

    Non credo che il mio migliore amico ai tempi l'abbia detto ad altri, perché non ho mai notato un cambiamento di atteggiamento dei miei vecchi compagni di classe nei miei confronti.. anzi , hanno continuato imperterriti a chiedermi le versioni di latino e gli esercizi di fisica come da 4 anni a quella parte e le ragazze ad inviarmi richieste private di aiuto per qualche materia per poi alla fine provarci spudoratamente ( inviti che puntualmente declinavo). 

    Ho 23 anni , quindi piu' o meno la tua stessa eta' ( davis) 

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    freedog
    2 hours ago, Davis said:

    l'unico vero problema sono i genitori... i miei sono cresciuti in quel tipo di ambiente in paese dove se ti nasceva un figlio gay era una disgrazia, un qualcosa di cui vergognarsi, con quel tipo di mentalità stretta per cui l'uomo deve portare i soldi a casa e la donna deve accudire i figli. Tuttavia io e i miei fratelli fortunatamente siamo l'opposto di questo e con il tempo un pò sono cambiati anche i miei genitori. Però ancora non hanno una mentalità molto aperta e poi ricordo le cose che ha detto mio padre, del tipo "Se uno di voi" rivolgendosi ai figli "è gay lo caccio fuori di casa" o mia madre che mi parla di un ragazzo gay chiamandolo "quello non normale". Quest'ultima cosa è successa da poco e io gli ho risposto di andarsi a far curare la sua malattia e che con ste frasi omofobe ha fracassato i cogl... Mia madre continua anche a chiedermi quando gli porto una ragazza a casa visto che i miei fratelli a 22 anni ne avevano già avute almeno 3, e nonostante gli dicessi che non me ne frega nulla di portare ragazze a casa e di cercarmi ragazze non capisce, lei pensa che dico così perchè sono timido. Se non gli dico "sono gay" non capirà mai. Il problema è che per come sono loro adesso non mi sembra il caso di farlo, però sarebbe bello sapere che i miei genitori stanno dalla mia parte e che loro ci sono sempre e comunque, forse lo troverei rassicurante. Perchè non dovrebbero accettarlo? Sono pur sempre loro figlio.

    chiedi consiglio all'A.Ge.D.O. per come comportarti con loro

    http://www.agedo.roma.it/     

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Davis
  • Topic Author
  • Onestamente non l'avevo mai considerato, però non credo di non essere in grado di gestirmi la cosa da solo. 

    8 hours ago, andy94 said:

    Io continuo a non capire tutti questi problemi per il CO. Ok, forse io sarò un po' anomalo e da quando ho 16 anni e mezzo sono legato sentimentalmente ad una persona ( in realtà conviviamo pure), però non mi è mai balenato il pensiero di dichiararmi pubblicamente. La mia vita privata è affar mio. Certo , se qualcuno mi chiede se ho la ragazza con tutta tranquillita' rispondo che ho il ragazzo , ma la cosa termina esattamente lì come è iniziata e mi irritano le persone che infieriscono con " perché?" , " quando è successo? Eccc.

    Ma infatti non ci sono problemi con il CO, c'è semplicemente la volontà di farlo con le persone con le quali si sta bene insieme e con le quali si è condiviso molto negli anni. Non è voler raccontare agli altri la tua vita privata, per me è smettere di mentire e farti conoscere di più dai tuoi amici.  

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Davis
  • Topic Author
  • Tanto per completare

    On 4/12/2017 at 1:35 PM, Davis said:

    Ora è di questo che mi preoccupo perchè lo devo ancora dire ad un amico che si arrabbia spesso se viene a sapere le cose dopo degli altri. Mi sa che mi devo sbrigare :-)

    non si è arrabbiato :D

    Però stavo riflettendo... è facile fare coming out con i propri amici, con persone con le quali preferisci passare il tuo tempo e che vedi più spesso. Invece con le persone con le quali ho passato più tempo, vale a dire i miei genitori e i miei fratelli non è facile, ma credo che sia un pò per tutti così. Cosa significa? Che temo di più una reazione negativa da parte loro piuttosto che da parte dei miei amici? è strano perchè dico sempre che non mi interessa nulla di quello che dicono i miei genitori e che io faccio quello che mi pare in qualsiasi caso, e invece questo dimostra che non è proprio così. Questa cosa mi fa sentire poco autonomo e poco responsabile.

    Un'altra cosa che ho da dire è che incomincio a vedere i CO come una sfida. Ad esempio ho il coraggio di dirlo ad amici all'università che però vedo solo lì e non fuori da quel contesto? Ovviamente non intendo di andare a dirgli "sono gay" così a caso... intendo nel discorso, magari si parla di ragazze, magari mi chiedono se mi piace qualcuna e io rispondo che a me non interessano le ragazze. Devo essere sincero ma non credo di essere in grado di farlo con persone che di solito non vedo nel tempo libero, inoltre anche questo mi fa sentire poco autonomo e immaturo perchè è la paura che mi ferma. 

    Qualcuno ha gli stessi blocchi? E le stesse sensazioni?  Chi ha superato queste paure come ci è riuscito?

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    nottelimpida

    Ciao Davis, io ho il problema opposto nel senso che ho fatto CO con i miei genitori, così come ha fatto il mio compagno, ma non ce la sentiamo di dirlo ai nostri amici e parenti. A me peserebbe molto il fatto  di un possibile outing: l ' idea di  parlare con qualcuno che sa di me, ma io non so che lui sa, mi dà molto fastidio.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    lecosechenondici
    3 hours ago, nottelimpida said:

    Ciao Davis, io ho il problema opposto nel senso che ho fatto CO con i miei genitori, così come ha fatto il mio compagno, ma non ce la sentiamo di dirlo ai nostri amici e parenti. A me peserebbe molto il fatto  di un possibile outing: l ' idea di  parlare con qualcuno che sa di me, ma io non so che lui sa, mi dà molto fastidio.

    L'unico modo per far sì che ciò non accada è non nascondersi. Non vedo controindicazioni visto che i tuoi genitori sono al corrente della cosa. C'è qualcosa che ti frena dal coming out a 360°?

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    Davis
  • Topic Author
  • On 12/1/2018 at 6:43 PM, nottelimpida said:

    Ciao Davis, io ho il problema opposto nel senso che ho fatto CO con i miei genitori, così come ha fatto il mio compagno, ma non ce la sentiamo di dirlo ai nostri amici e parenti. A me peserebbe molto il fatto  di un possibile outing: l ' idea di  parlare con qualcuno che sa di me, ma io non so che lui sa, mi dà molto fastidio.

    Ciao :)

    In realtà anche a me darebbe fastidio quello che dici tu, però finchè non lo sai che la persona con cui entri in contatto sa di te non può darti fastidio, invece nel momento in cui lo vieni a sapere diciamo che dà fastidio ma proprio in quell'attimo, poi capisci che non ti interessa nemmeno così tanto... penso che col tempo te ne frega sempre di meno. A me piacerebbe dirlo di persona a tutti ma non mi posso aspettare che sia così, magari con gli amici più intimi che vedo più spesso sì, ma col resto delle persone se lo vengono a sapere da parte di qualcun altro alla fine sti cavoli. Che poi è pure meglio perchè non ti verrebbe in mente di dirlo a persone che non vedi così spesso, perciò ti trovi lavoro fatto da parte di altri e ti togli il pensiero.

    Prima di questo outing anche io avevo abbastanza paura, ora forse è un pò diverso. Il fastidio che viene all'idea di parlare con qualcuno che sa di noi ma non lo sappiamo viene forse dal fatto che non abbiamo capito che non c'è niente di cui preoccuparsi. Perchè questa persona che "sa" di noi, ma che deve sapere? Che siamo gay? Capirai che grande segreto, praticamente sa che andiamo a letto con uomini invece che donne... wow con queste info ha svoltato, sa proprio tutto di noi, speriamo non abbia i dati della carta di credito.

    Per me risulta difficile mettermi nei tuoi panni, ovviamente penso che se i miei genitori lo sapessero starei a posto e non avrei problemi con altre persone, ma non essendo mai stato nella tua situazione non lo posso sapere, magari avrei avuto lo stesso problema tuo... il fatto è che tu hai anche un compagno, questo non dovrebbe rendere le cose più semplici? Iniziate magari da amici più stretti, fatevi forza l'un l'altro e considerate che l'outing può capitare ma se sentite il bisogno di farlo sapere ad amici qualche rischio dovete correrlo. Che poi non è che sia chissà che rischio :)

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    andy94

    La logica dovrebbe indurvi ad  approfittare di  fare CO con tutti nel momento in cui avete un ragazzo. ( Poi capisco bene che non sempre è facile).


    - Non si è soli ad affrontare la questione


    - Gli  amici etero si sentono  più al sicuro (non penseranno che volete provarci con loro)


    - Le amiche etero vi vedono come la coppia dell'anno supportandovi  a spada tratta all'interno della compagnia.


    - I genitori si abituano prima al fatto di avere un figlio gay, e non penseranno che siete facili al sesso promiscuo


    - Non date adito a dubbi riguardo al vostro orientamento sessuale , fermando fin da subito inutili tentativi di redenzione.

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites
    marco7

    Ottimo post andy. :toclue:

    Edited by marco7

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites

    Create an account or sign in to comment

    You need to be a member in order to leave a comment

    Create an account

    Sign up for a new account in our community. It's easy!

    Register a new account

    Sign in

    Already have an account? Sign in here.

    Sign In Now

    ×