Jump to content
Rotwang

Insta-mafia

Recommended Posts

Rotwang

TPI

Secondo una recente indagine della Royal Society for Public Health, Instagram è il social network peggiore per la salute mentale dei ragazzi. Se da una parte la piattaforma creata da Kevin Systrom e Mike Krieger – poi acquisita da Facebook nel 2012 – concede ampia libertà di espressione, dall’altra è origine di ansia, depressione e della “fear of out missing” (la paura di essere tagliati fuori).

È stata proprio la consapevolezza di questi rischi a spingere Sara Melotti, classe 1988, fotografa italiana di viaggi e influencer, ad aprire il cosiddetto vaso di pandora su trucchi e mezzi truffaldini che vengono usati su Instagram, denunciando sul proprio blog un sistema marcio e corrotto, del quale lei stessa ha fatto parte fino a poco tempo fa.

Senza una fissa dimora e perennemente in viaggio, Sara si trova attualmente in Cambogia e noi l’abbiamo intervistata per parlare della sua storia e di cosa si nasconde dietro il successo di molti influencer, diventati ormai le “nuove star” su cui i brand puntano per arrivare ai consumatori.

Partiamo dal principio. Tu hai iniziato come fotografa di moda, giusto?

In realtà, io nasco come ballerina. È per quello che mi sono trasferita in America otto anni fa. Ma dopo aver avuto dei problemi fisici ho deciso di lasciare la danza, avvicinandomi alla fotografia, dopo aver ricevuto in regalo una Canon 60D. Ho iniziato a seguire dei workshop di fotografia di moda e in sei mesi ho costruito un buon portfolio. Poi ho contattato delle piccole riviste che hanno iniziato a pubblicarmi, finché il Professional Photographer Magazine non mi ha dedicato un articolo di sei pagine. Da lì mi son trasferita a Londra e ho cominciato a lavorare con i primi clienti. Dal nulla, in meno di otto mesi, ho fatto della fotografia la mia professione e da Londra mi sono poi spostata a New York.

Perché allora hai deciso di abbandonare il mondo della moda?

Dopo un anno e mezzo ho iniziato ad avere una crisi di coscienza. Ho realizzato che con il mio lavoro facevo star male molte donne, perché anche io contribuivo a proporre degli standard di bellezza irrealistici. Tutti i giorni siamo bombardati da foto di donne con la pelle perfetta, magre etc., che senza rendertene conto ti fanno sentire sbagliata. Le persone non sanno che quelle modelle hanno tratti fisici che appartengono a meno del 2 per cento della popolazione, che arrivano sul set dopo due ore di trucco e parrucco, con un team che le sistema ogni secondo. A tutto ciò si aggiunge poi Photoshop, ma noi guardiamo solo il risultato finale e ci chiediamo: “Perché io non assomiglio a lei?”. Ed è così che iniziano i problemi di autostima, depressione e disordini alimentari.

A quel punto sei passata dalla moda ai viaggi.

Sì, perché non solo non volevo più fare quel lavoro ma volevo cambiare quegli standard. Così ho creato un progetto non profit “Quest For Beauty” e ho deciso di viaggiare e fotografare donne di etnie diverse, di età diverse, per chiedere a loro cosa sia la bellezza. Sono partita dal paese di mio padre, Val Camonica, nell’ottobre 2015, e poi sono andata in Marocco, NY, Hong Kong, Vietnam, poi Cuba, Messico, Francia, Etiopia e Kenya.

All’epoca usavi già Instagram per lavoro?

No, ho iniziato a usarlo per fare business solo da luglio 2016. Qualche mese prima, alcuni instagramers mi avevano dato dei consigli su come usarlo al meglio per il mio progetto, ma si trattava di consigli solo a livello visivo. Poi, con una base di 5mila followers, raggiunti grazie al mio lavoro nella moda, ho iniziato un lavoro più mirato e, col passare del tempo, ho applicato le strategie per incrementare i followers, come commentare e mettere mi piace alle persone. Nel frattempo però [a marzo] era cambiato l’algoritmo di Instagram ed è a quel punto che le cose sono degenerate.

Cosa è successo?

Cambiando l’algoritmo [non più post su ordine cronologico, ma in base alla popolarità e all’interesse], le persone non vedevano più i nostri post. E allora hanno cominciato a comprare mi piace e seguaci, cosa che io non ho mai fatto, così come non ho mai fatto il follow/unfollow [seguire una persona, per fare in modo che ti segua, e scaricarla subito dopo].

Ho usato Instagress [sito chiuso di recente], che ti permette di seguire, commentare e mettere mi piace alle persone in maniera automatica, pagando ovviamente; e a ottobre sono venuta a conoscenza dei “comment pods”, gruppi di 10/15 influencer che si commentano e mettono i like a vicenda. Fu una ragazza a invitarmi nel gruppo.

Ci sono però anche gruppi più grossi, che si accordano…

Io la chiamo “Instagram mafia”, a cui non ho mai preso parte, ma conosco gente che ne fa parte, anche amici. Mentre ero a Bali, lo scorso marzo, ho conosciuto un ragazzino che aveva aperto un account ed era riuscito a giocare talmente bene, da raggiungere in venti giorni 25mila followers. Io credevo comprasse i mi piace, invece mi ha spiegato che usava la stessa dinamica dei “comment pods” ma portata all’estremo. Si tratta di gruppi di oltre 100 persone, di piccoli e grandi influencer, che si mettono d’accordo su Facebook e WhatsApp per mettere i like e commentarsi le foto a vicenda, in modo da arrivare subito nella pagina explorer ed essere visti da tante persone.

Nel tuo articolo hai parlato anche di account collettivi che chiedono soldi.

Bisogna dire che tanti sono onesti e che ci hanno aiutato molto. Quando vieni “ripostato” da questi account c’è una crescita organica, corretta. Purtroppo ci sono alcuni che se ne approfittano, nonostante loro siano nati proprio grazie a noi. Alcuni chiedono anche 100, 500 dollari per post. E questo non è affatto giusto né etico.

I brand ormai investono sugli influencer perché mirano ai loro seguaci. Eppure, quel seguito potrebbe non essere reale. Le aziende sono a conoscenza di come diventate popolari?

No, spesso non lo sanno. E a quel punto, non solo imbrogli il sistema ma truffi anche il brand. La gente non guarda più la televisione, la gente è soprattutto su Instagram e le aziende lo sanno. Siamo diventati canali di advertising. Io lavoro solo con gente che mi piace e mi è capitato di rifiutare offerte di lavoro perché volevano che mettessi il prodotto nella foto. Ma io non voglio tempestare i miei followers con prodotti, le foto che ho sul mio Instagram sono tutte mie e per il mio progetto. Nessuno mi dice cosa mettere nel mio profilo personale. Io voglio “vendere” le mie idee, i miei pensieri, non mi interessa fare soldi. Molti invece lo fanno e non c’è nulla di male, la sponsorizzazione va bene, basta che sia fatta in maniera etica e corretta.

Per sei mesi però anche tu hai usato questi trucchi. Cosa ci hai guadagnato?

In realtà, nulla. Su Instagram si inizia a parlare di soldi sopra i 50mila followers. Io viaggio grazie al mio lavoro di fotografa, non grazie a Instagram. Quando ho deciso di viaggiare, ho investito tutto quello che avevo. I miei primi lavori li ho ottenuti in Etiopia e in Kenya, dopo aver contattato le agenzie, e all’epoca avevo solo 7mila followers. È allora che sono tornata a New York, ho lasciato il mio appartamento e la vigilia di Natale ho donato tutto quello che avevo ai senzatetto, perché ho capito che era questo quello che volevo fare: imparare il più possibile del mondo, delle culture, della loro spiritualità, vedere il più possibile.

Se avevi il tuo lavoro, allora perché sei caduta anche tu nel “lato oscuro”?

Perché credevo sarebbe diventato tutto più semplice, che avrei dovuto fare meno “pitching” cioè propormi meno alle agenzie con il mio portfolio. Ma non è stato così. Per avere questi lavori, io mando almeno 500 email al mese. Purtroppo molti guardano i numeri, ma io all’inizio non li avevo e lavoravo lo stesso. Sono le agenzie che mi commissionano il lavoro a coprire le spese di viaggio. A volte mi capita di svegliarmi in un resort di lusso altre sul pavimento di una capanna, un giorno sono a bordo piscina e quello dopo nel mezzo del nulla, con un fucile puntato in faccia. A volte ho un autista personale altre volte devo fare l’autostop. La mia è una vita fatta di contrasti estremi.

Cosa ti ha spinto a scrivere quell’articolo?

È stato determinante il viaggio a Bali. Un giorno ero con alcuni instagramers e ho capito che a loro non interessava vedere il posto ma fare solo la foto. Si chiamano “Instagram spots”, posti che vengono visitati con lo specifico scopo di creare un’immagine che “funzioni” e che dia molti like. Non a caso, negli account degli influencer di viaggio ci sono sempre le stesse foto. A molti non importa imparare la cultura, interagire con le persone o esplorare il luogo. E questo è davvero assurdo, perché l’immagine di un “travel influencer” è basata proprio sul “vendere” l’amore per il viaggio. Poi ho scoperto della “insta mafia” e lì qualcosa mi si è rotto dentro, sono entrata in crisi.

Forse avevi bisogno di liberarti di questo peso. Volevi espiare le tue colpe in qualche modo?

Si, è così. Lo ammetto, sono colpevole e sono un’ipocrita. Quando usavo Instagress e i “comment pods” mi sentivo sporca. Mi sembrava di sprecare la mia vita, facendo questi giochetti. Dopo Bali ho detto “Basta” e ho iniziato a chiedermi: “Che ca*** stiamo facendo? Dove siamo arrivati?”.

Solo dopo aver scritto il post sul mio blog, ho realizzato che alla fine a spingermi era stato lo stesso motivo che mi aveva fatto lasciare la moda. Anche su Instagram, con le foto di viaggio, contribuiamo a costruire standard di vita irrealistici. Un giorno, sul lago di Braies, avevo la febbre, c’era molto freddo, stavo male. E nel post infatti scrissi: “Questa non è la vita vera”.

Ma se una persona scrive frasi come “I woke up like this” allora inizi a fare dei danni. Sono foto progettate appositamente, dietro ci sono tante ore di lavoro, ma se non lo dici e le fai solo per aumentare il tuo ego si innesca il solito meccanismo. La gente vede delle vite perfette che non esistono e inizia a chiedersi: “Perché la mia vita non è così?”. E si sente uno schifo. Molti degli influencer che ho conosciuto sono infelici, stressati, non si godono il posto che visitano.

A te però non piace essere definita influencer.

Soprattutto in Italia, ho notato che c’è un grande astio nei confronti di questa parola. E da una parte lo capisco, perché è un termine molto egotistico. Per me un influencer è qualcuno che ha fatto davvero qualcosa di rilevante, come Elizabeth Gilbert, Anthony Bourdain o Neil Gaiman. Io preferisco definirmi un’artista, faccio foto, scrivo poesie. È quello che mi rappresenta di più. Le mie sono foto editoriali, un po’ da “fiaba”, alcune bisogna vederle come dei dipinti. È il mio sfogo artistico, per questo nelle didascalie sono stata sempre sincera.

Quali sono state le conseguenze della tua denuncia?

Dopo aver pubblicato l’articolo, c’è stata una reazione incredibile. Ho ricevuto centinaia di messaggi di persone che mi ringraziavano per aver messo in luce queste cose, ma anche per aver fatto capire che in loro non c’era nulla di sbagliato. È assurdo che oggi ci diamo valore guardando i numeri che facciamo su Instagram. Sicuramente alcuni miei amici, che continuano a giocare sporco, non sono felici. Perché portando alla luce queste cose, comunque, rischi di rovinargli il gioco. Ma del resto è quello che voglio fare, perché non è sano far parte di questo gioco. E tanti mi hanno scritto, facendo mea culpae promettendo che non lo avrebbero più fatto.

Sui social però hai avuto anche delle reazioni negative…

In particolar modo da parte degli italiani. Uno dei commenti più gettonati era: “Vai a lavorare, testa di ca***”. Io un lavoro ce l’ho. Quando sei freelance lavori sette giorni su sette e non ci sono weekend. Ma secondo me è dovuto soprattutto al tipo di mentalità. In America ti spronano a inseguire i tuoi sogni, in Italia i lavori creativi non sono considerati lavori. È per questo motivo che sono scappata dal mio paese: sono sempre stata una sognatrice e tutte le volte che volevo fare qualcosa mi hanno tagliato le gambe, dicendo che non ero normale. Allora, piuttosto che vivere repressa sono andata via.

Secondo te quale può essere una soluzione concreta per scongiurare questo sistema disonesto, se esiste?

Instagram potrebbe tornare al vecchio algoritmo, ma ovviamente non lo farà. Lo hanno fatto apposta per farci pagare. Se io posto e non pago non mi vede nessuno, anche su Facebook. Però, quello che spero, davvero, è che si inizi una discussione su cosa stiamo facendo. Tutta questa falsità e tutto questo ego… ma che valore aggiungiamo alla società? Stiamo rovinando le persone. C’è bisogno di verità oggi, perché stiamo andando nella direzione sbagliata.

Secondo un’ultima indagine, eseguita su 1.500 giovani fra i 14 e i 24 anni, Instagram si attesta come il social più dannoso per la salute mentale.

Perché le foto sono uno strumento potentissimo. E se usato nella maniera sbagliata, è devastante. È evidente che c’è un malessere profondo, lo sto vedendo ora con i miei occhi. Dopo il mio post, ho ricevuto centinaia di messaggi di persone che mi dicono di stare male, che mi raccontano i loro problemi. Non mi era mai capitato. Si parla di danni all’autostima, di depressione per i social.

Secondo me stiamo arrivando a un punto di non ritorno. Se quello che ho detto ha avuto questo impatto, a livello personale, significa che c’è una ferita veramente profonda. E se continuiamo così, si passerà allo stage della disumanizzazione. Però, se tante persone non ce la fanno più, forse è questo il momento di agire. La gente ha bisogno di un aiuto, ma bisogna parlarne.

Prossima tappa dei tuoi viaggi?

Verrò in Italia e starò un po’ a Brescia e Milano. Ora sto lavorando a due libri. Uno riguarda il progetto “Quest For Beauty”, un photo book che raccoglierà foto e interviste; l’altro si chiama “Fuck You. I’am an Artist! – An Anthem to dreams and nonconformity”, che parlerà dell’importanza dei sogni, della creatività e dell’arte. Vorrei far capire che nel sognare e voler realizzare i propri sogni non c’è nulla di male. In tanti cercano di reprimere i sognatori, ma secondo me saranno loro a salvare il mondo.

 

Vi piace Instagram?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Iron84

E' un social che sinceramente detesto e che trovo veramente furviante. Era nato con tutti altri fini, ho una vena da narciso che ho sempre considerato consistente eppure da quando ho bazzicato su quel social ho pensato che ci fosse qualcosa di malato in molti.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Duma

Quando leggo il trafiletto sulla salute mentale e sui giovani depressi per i social mi viene in mente PewDiePie e la discussione che ha generato con il suo video dove parla della "forced positivity" (discorso ripreso da tantissimi videomaker dopo di lui): in soldoni, molti canali su YouTube spingono indirettamente le persone a simulare un atteggiamento costantemente positivo quando sono di fronte alla telecamera.

Questo è alla lunga logorante per chi si sente costretto ad indossare tale maschera, convinto che sia la via più redditizia per le visualizzazioni, insomma il guadagno.

Il risultato è una community che diventa sempre più posticcia, ciò a causa della creazione di contenuti per uno scopo meramente commerciale invece che "for fun".

 

Instagram soffre dello stesso problema: riconosco che abbia la sua utilità per diversi scopi, non riesco a farmelo piacere nel suo insieme visto il modo in cui viene usato ora dalla maggior parte degli utenti. Personalmente non lo uso perché non mi serve, cioé non ritengo possa essermi utile per quello che faccio di solito; come ogni persona in possesso di uno smartphone scatto delle foto ogni tanto, ma non sento il bisogno di schiaffarle su internet tranne in certi casi, più spesso le condivido privatamente con chi voglio io.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Demò

sezione sbagliata, l'argomento è di portata generale e andava su spunti e riflessioni

1 hour ago, Duma said:

dove parla della "forced positivity"

Se si parla di "ottimismo forzato" si tratta sostanzialmente di un comportamento conformista di adattamento sociale, un po' come usare termini in inglese al posto di quelli italiani. Diciamo che non vedo un gran successo di questo atteggiamento nello specifico della realtà italiana, forse perchè il senso del conformismo tra mondo anglosassone e cultura italiana diverge: dopotutto loro sono passati attraverso l'idea calvinista del successo personale come grazia divina, noi abbiamo le chiese piene di santi piagati.

Diverso il discorso se si parla di gay. I gay amano confermarsi dei deviati e se fosse per loro le culture nazionali sparirebbero in un mese e vivremmo tutti a Londra lavando piatti e fingendo di lavorare da Zara.

Tendenzialmente si, per i gay mentire sulla propria immagine è importante. Sono uscito con ragazzi carinissimi con profili facebook e instagram tanto patinati quanto menzogneri. Si tratta essenzialmente di profili-fotocopia, tutti con le stesse foto a tema orgasmo mistico/ sono una zoccola rarefatta nell'empireo, tutti con gli stessi meme di unicorni del cazzo etc.

Provoca sempre sconcerto scoprire che si tratta di gente ben lungi dal coming out con genitori, fratelli e affini.

Share this post


Link to post
Share on other sites
freedog
4 hours ago, Rotwang said:

in Italia i lavori creativi non sono considerati lavori

sad, but true

Share this post


Link to post
Share on other sites
freedog
4 hours ago, Rotwang said:

Vi piace Instagram?

no

Share this post


Link to post
Share on other sites
Beppe_89

Che tra l'altro praticamente è diventata una app sessuale ormai. 

C'è un tipo francese che seguo che ogni tanto nelle storie pubblica gli screen shot dei messaggi che gli mandano le tipe (e a volte anche i tipi) che lo seguono.. e sono tutti del tipo: "show me your dick", "cum on my face", "breed me" ecc ecc.

ahahaha, vabbè

Share this post


Link to post
Share on other sites
Duma
30 minutes ago, Beppe_89 said:

C'è un tipo francese che seguo che ogni tanto nelle storie pubblica gli screen shot dei messaggi che gli mandano le tipe (e a volte anche i tipi) che lo seguono.. e sono tutti del tipo: "show me your dick", "cum on my face", "breed me" ecc ecc.

Che poi se davvero lo volessero dovrebbero dirglielo in privato... O semplicemente anche quello dei commenti è esibizionismo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sampei

La fanciullina ha fatto bene a svelare il retroscena, ma facebook non è affatto diverso, anzi forse è perfino più subdolo e pericoloso perché vi è un'alta diversificazione di contenuti e quindi la manipolazione a fini moltiplicativi può assumere forme incredibilmente sottili ed ambigue, perché diverse o ulteriori rispetto alla semplice foto ritoccata e ai magheggi per aumentarne la visibilità.

Addirittura esistono ormai interi nuovi lavori (di cui alcuni miei amici mi hanno spiegato i retroscena in qualità di "insiders") di social media managing nelle grandi aziende che si basano sulla manipolazione del contatto virtuale: il dipendente è per esempio incaricato e stipendiato per fingere di essere un utente qualunque per consigliare un prodotto alla gente con cui parla, oppure di stilare una intervista con profilazione di mercato diretta mentre pilota il dialogo con un'utenza totalmente ignara di quello che sta accadendo.

Alla base di tutto questo ci sono dei nuovissimi meccanismi economici che alcuni economisti stanno (finalmente!) iniziando a studiare.

Per parte mia non ho Instagram ma da quel che vedo non posso che definirlo di pornografia amatoriale in senso letterale, il livello di censura della nudità è praticamente quello dei porno giapponesi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
SerialHenry

Non metto in dubbio il punto di partenza anche perché non ho i dati per farlo e perché non è difficile credere che il "gioco" di Instagram possa generare stress in molti utenti.

Faccio però alcuni appunti a quanto dice la signorina sotto il profilo di marketing:

 

Un influencer per essere considerato tale da una azienda deve rispettare le tre R: Relevance, Reach e Resonance ovvero essere rilevante per la sua nicchia target, permettere all’azienda di raggiungere quella nicchia e assicurare il livello di engagement/coinvolgimento che è in grado di creare con la nicchia target che sia significativa per quella azienda.

Ergo tutti i trucchi di cui parla questa ragazza non c’entrano nulla con i veri influencer perché l’influencer è chi sa generare contenuti rilevanti per una nicchia di appassionati. Comprare followers o scambiarsi like non serve ad un cazzo perché non conta la quantità di seguaci ma quanto sono affezionati a te e a ciò che gli proponi... e le aziende che assumono scrocconi travestiti da influencer farebbero meglio ad aggiornare il loro reparto di marketing digitale.

Inoltre se c’è un target che non si fida dei brand e sta attento a non farsi fregare è proprio quello dei millennials: se un Instagrammer si mette a fare marchette spudorate ha già perso e verrà probabilmente sfanculato dai suoi followers. Il vero influencer propone un prodotto nel giusto quadro di un’esperienza, di una narrativa, non fa marchette.

Anche i numeri contano poco, sta crescendo tantissimo l’ambito dei micro-influencer, le aziende voglio puntare su soggetti che hanno un seguito non numerosissimo ma incredibilmente affezionato.

Insomma questa ragazza semplicemente non lavorava in un ambito adatto a lei. Concordo sull'idea che in Italia non capiamo cosa sia un influencer.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Dragon Shiryu

io ho instagram, anche se non lo uso spesso XD

 

cmq dipende uno da come lo usa... un po' come tutti i social...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rotwang
  • Topic Author
  • On 18/7/2017 at 8:22 PM, Sampei said:

    facebook non è affatto diverso, anzi forse è perfino più subdolo e pericoloso

    Assolutamente no, Facebook per quanto abbia similarità negative, come tutti i social, con Instagram, è di gran lunga migliore, puoi gestirlo autonomamente, non sei bombardato da quello che non vuoi vedere o non sempre, sei indipendente da influenze esterne o non sempre, hai il tuo profilo che può essere un mondo a se stante, quindi anche se sei brutto, povero e ignorante non sei costretto ad inseguire gli altri per "sopravvivere" sul social. Su Instagram tutto è interconnesso alla radice, si basa solo su immagini e fotografie filtrate, nient'altro, e che spesso fanno vedere cose che non esistono o sono pompate e fanno crescere un senso d'inferiorità in chi non è esperto influencer o non è ricco o esteticamente avvenente

    Edited by Rotwang

    Share this post


    Link to post
    Share on other sites

    Join the conversation

    You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

    Guest
    Reply to this topic...

    ×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

      Only 75 emoji are allowed.

    ×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

    ×   Your previous content has been restored.   Clear editor

    ×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


    • Who Viewed the Topic

      12 members have viewed this topic:
      Yukio_  misterbaby  Tyrael  freedog  Sampei  Wings  Saramandasama  yalen86  Marion2189  Lorenzo  Oscuro  Sbuffo 
    ×
    ×
    • Create New...