Jump to content
NewMarc

Situazione dei diritti LGBT nel mondo.

321 posts in this topic Last Reply

Recommended Posts

Uncanny

A dir la verità in Australia il mese scorso è diventato primo ministro Turnbull che ha spodestato Abbott con un leadership spill (voto di "sfida").

Pur essendo a capo del Partito Liberale che è di centro-destra, Turnbull, al contrario di Abbott, è favorevole al matrimonio fra persone dello stesso sesso e ha anche detto che la sua introduzione sarà una delle priorità di governo.

Probabilmente lascerà libertà di coscienza nel suo partito e i possibili voti mancanti li troverà fra i partiti d'opposizione (laburisti in primis).

Oppure avevo letto che potrebbe (ma è meno probabile) in alternativa indire un referendum come accaduto in Irlanda; i sondaggi danno i favorevoli al 65-70%.

Edited by Uncanny

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pix

Non date corda ai disturbatori.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rotwang

In Austria, dal 1° gennaio 2016, decadrà il divieto all'adozione per le famiglie formate da persone dello stesso sesso. L'annuncio è giunto dal ministro della Giustizia, il quale spiega anche come non sia necessaria alcuna modifica costituzionale ma solo una revisione del codice civile e del "Eingetragene Partnerschaft-Gesetz" (il registro delle unioni civili).
A gennaio la Corte Costituzionale aveva dichiarato incostituzionale
 il divieto di adozione da parte delle coppie gay, precisando come non vi fosse «alcuna giustificazione oggettiva» per una disparità di trattamento basate sull'orientamento sessuale, dal 2013 era invece possibile adottare il figlio naturale del partner, sopo che la condanna da parte della Corte europea dei diritti dell'uomo portò il governo a legiferare in tal senso nonostante la dura opposizione della Chiesa Cattolica.
La legge sulle unioni registrate è entrata in vigore nel 2010, basandosi sul modello delle Civil Partnership tedesco. Le pressioni del lato conservatore ha portato ad una serie di distinguo che portassero le coppie gay ad avere meno diritti di quelle eterosessuali in una serie di ambiti. In molti casi queste di queste differenze sono state annullate dai tribunali, anche se le associazioni gay chiedono a gran voce di porre fine a questa infinita battaglia legale attraverso l'introduzione del matrimonio egualitario (ossia l'unico istituto che potrebbe finalmente porre fine alle discriminazioni).

Edited by Rotwang

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pix

Ci arriveranno, ormai gli ostacoli maggiori sono stati superati.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rotwang

La municipalità di Shibuya, un quartiere di Tokyo con 217mila abitanti, ha rilasciato dei certificati per riconoscere le unioni tra persone dello stesso sesso per la prima volta in Giappone. La legge giapponese non riconosce le coppie omosessuali e questa iniziativa ha in parte lo scopo di sensibilizzare la cittadinanza sul tema dei diritti della comunità lgbt. I certificati sono stati rilasciati a coppie con età superiore ai 20 anni a cui è stato richiesto di firmare un documento notarile per confermare la natura amorosa della loro relazione. Più tardi nel corso della giornata anche la municipalità di Setagaya, un altro quartiere di Tokyo, ha rilasciato certificati simili.


Hiroko Masuhara, di 37 anni, e la sua compagna Koyuki Higashi, di 30 anni, sono state le prime a registrare la loro unione a Shibuya. Ora, potranno cointestarsi il contratto di affitto e vantare diritti pari a quelli dei familiari nel caso di un ricovero in ospedale. Ma la legge nazionale non garantisce questi diritti. Nel caso in cui una persona o un’ente discrimini le coppie riconosciute, le municipalità ne diffonderanno pubblicamente i nomi come unica misura deterrente.


Nonostante le posizioni contrarie del partito conservatore al governo, il consenso popolare verso il riconoscimento dei diritti civili della comunità lgbt sta crescendo. Un sondaggio realizzato quest’anno dal quotidiano Mainichi Shimbun mostra che il 44 per cento degli intervistati è favorevole ai matrimoni omosessuali. Negli scorsi giorni una società assicurativa, la Lifenet, ha cominciato a riconoscere i partner dello stesso sesso tra i beneficiari delle assicurazioni sulla vita. Due compagnie telefoniche, Ntt docomo e Kddi, hanno annunciato dei piani tariffari familiari anche per i partner omosessuali.


Share this post


Link to post
Share on other sites
Rotwang

Storica rivoluzione in Colombia, un passo avanti senza precedenti sul fronte dei diritti civili. Ieri la Corte Costituzionale della Colombia ha rimosso la restrizione sulle adozioni da parte di coppie gay, ribaltando una sentenza precedente che impediva l’azione da parte di coppie dello stesso sesso a meno che uno dei due non fosse il padre biologico dell’infante.


Ora, invece, con 6 voti a favore e 2 contrari, la Corte Costituzionale ha stabilito che impedire alle coppie omosessuali di diventare genitori adottivi “limita il diritto dei bambini alla famiglia”.


La storica decisione, come era prevedibile, non è stata accolta positivamente da tutti, in una Paese che non è ancora riuscito a legalizzare del tutto il matrimonio gay - esistono delle unioni civili, come in altri Paesi del Mondo - e con una presenza importante della Chiesa, convinta che la maggioranza dei colombiani non sia d’accordo.


Gli oppositori hanno già annunciato che ricorreranno in appello contro la decisione, mentre c’è chi chiede di poter interpellare i cittadini con un referendum e rimettere a loro la decisione. Certo è che una sentenza è arrivata e questo servirà almeno ad aprire una discussione.


Edited by Rotwang

Share this post


Link to post
Share on other sites
Fabius81

A confronto del Giappone noi stiamo procedendo a vele spiegate, il che è tutto dire...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rotwang

Un disegno di legge che darà la possibilità anche alle coppie del medesimo sesso di unirsi civilmente in Grecia è stato presentato per la consultazione pubblica dal ministro della Giustizia del paese ellenico, Nikos Paraskevopoulos. Il progetto di legge elimina un'eccezione introdotta da una legge precedente, che escludeva le coppie dello stesso sesso dall'attuale istituto giuridico delle unioni civili e che ha portato alla condanna della Grecia presso la Corte europea dei diritti dell'uomo. In realtà qualcosa di simile era già stato annunciato durante il primo governo Tsipras, nel febbraio scorso.

 

Il dibattito pubblico sul testo di legge si concluderà il 20 novembre. Secondo il disegno di legge, le unioni civili possono essere siglate da due persone adulte a prescindere dal sesso. Non saranno permesse se una delle due parti è legalmente sposata o ha siglato una partnership civile con una terza persona. Alcune limitazioni sono anche introdotte per evitare unioni civili tra parenti o affini, così come tra genitori adottivi e figli. Le unioni civili nella loro forma attuale concedono alle coppie eterosessuali non sposate diritti simili a quelle che invece lo sono, garantendo anche il medesimo status fiscale favorevole di cui godono i coniugi e pieni diritti di successione. Nel caso dei dipendenti pubblici, si applicano gli stessi benefici concessi alle coppie sposate. Il ministro della Giustizia ha dichiarato che il ministero sta anche esaminando la possibilità di consentire le adozioni da parte del medesimo sesso e che nessuna decisione è stata ancora presa al riguardo.

 

Il disegno di legge presentato dal ministro della Giustizia Nikos Paraskevopoulos comprende anche disposizioni intese a rafforzare la legislazione contro razzismo e omofobia. Secondo la proposta di legge, non solo vi sarebbe un'aggravante per i reati commessi con motivazioni razziste, ma anche per quelli connessi a discriminazioni basate sul sesso, sull'orientamento sessuale o sulla religione.

 

La proposta di legge ha alimentato polemiche ed in particolare una reazione severa della Chiesa greco-ortodossa. Durante l'estate arcivescovo Ieronymos ha definito le unioni civili come un qualcosa che impoverisce il matrimonio e "una gratificante neoliberista dell'irresponsabilità nei rapporti interpersonali."

Edited by Rotwang

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rotwang

La Stampa

 

Il parlamento portoghese ha approvato la legge che consentirà alle coppie omosessuali di adottare dei figli. Il voto della camera di Lisbona arriva cinque anni dopo la legalizzazione dei matrimoni tra persone dello stesso sesso. Sulle tribune del parlamento e davanti all’edificio si sono radunate le associazioni gay per festeggiare. A votare a favore è stata tutta la composita sinistra portoghese, Partito socialista, Bloco e Partito Comunista, ma l’appoggio è arrivato anche da gran parte dei deputati del centro destra. La legge dovrà adesso essere promulgata dal presidente della repubblica, Aníbal Cavaco Silva, un atto formale, ma non scontato, visto che lo stesso Cavaco, conservatore di ferro, si è opposto per mesi, nel 2010, alla legislazione sulle nozze gay.  

 

Il Portogallo, paese fortemente cattolico, al di là dei diritti civili, vive giorni storici. Per la prima volta dalla caduta della dittatura (1974), le sinistre tenteranno di governare, superando decenni di divisioni acute. I socialisti formeranno un esecutivo nei prossimi giorni, dopo aver firmato un patto con i comunisti e con il Bloco, una formazione con molti tratti in comune con Syriza. Un governo che dovrà muoversi tra gli stretti dettami della troika, che qui è intervenuta pesantemente, e le istanze di sinistra dei partiti. Una sfida difficile, che parte con un antipasto importante: i diritti civili.  

Share this post


Link to post
Share on other sites
Fabius81

Ma in Grecia ancora nulla? E' da più di un anno che anche loro stanno discutendo e ancora nulla, come si dice "stessa faccia stessa razza"  :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pix

Ma in Grecia ancora nulla? E' da più di un anno che anche loro stanno discutendo e ancora nulla, come si dice "stessa faccia stessa razza" :asd:

Con la sola differenza che loro hanno già le unioni civili e che l'estensione sarà discussa in tempi decisi. Proprio la stessa cosa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Fabius81

Con la sola differenza che loro hanno già le unioni civili e che l'estensione sarà discussa in tempi decisi. Proprio la stessa cosa.

 

La Grecia ha già le unioni civili? Non mi risulta da nessuna parte.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Fabius81

 

Ok, ma solo per le coppie etero, oltretutto quello altro non è che un matrimonio civile. Per la legge greca (fonte un mio amico di padre greco che va quasi tutti gli anni li) il matrimonio è solamente quello religioso.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pix

Ok, ma solo per le coppie etero, oltretutto quello altro non è che un matrimonio civile. Per la legge greca (fonte un mio amico di padre greco che va quasi tutti gli anni li) il matrimonio è solamente quello religioso.

Che vuol dire? Le unioni civili esistono in Grecia dal 2008, adesso vogliono estendere la cosa agli omosessuali. L'Italia attualmente, nel 2016 quasi, non ha alcuna legge sulle unioni civili e si sta pensando di crearne una solo per gli omosessuali, ghettizzandoli. Scopri la differenza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
marco7

Vabbe' pix. Come gay si e' piu' discriminati ad avere matrimonio e unioni civili per etero e nulla per gay che ad avere solo matrimonio per etero.

 

Se i greci vogliono togliere tutte le discriminazioni per gay dovrebbero introdurre pure matrimonio e unioni per gay e non solo le unioni civili. In pratica i gay in grecia restano ancora discriminati.

 

Sul fatto che il matrimonio in grecia sia solo regligioso mi sembra strano che gli etero prima del 2008 in grecia avessero solo il matrimonio religioso a disposizione.

 

Qui

 

www.lettera43.it/stili-vita/guide/quali-sono-documenti-per-matrimonio-civile-in-grecia_133443.htm

 

Ad esempio parlano di matrimoni civili e religiosi in grecia e per civile non credo si intendano le unioni civili.

 

Qui parlano di matrimonio civile in grecia prima del 2008:

 

https://books.google.ch/books?id=T2ieNUrU2AIC&pg=PA361&lpg=PA361&dq=matrimonio+civile+grecia&source=bl&ots=4qnZ47ZRrZ&sig=uswzo8y5yEtIXlJ46qWkyeatZF4&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwiiw-LikqTJAhUJWRQKHe1IB7w4FBDoAQgnMAU#v=onepage&q=matrimonio%20civile%20grecia&f=false

Edited by marco7

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rotwang

ILGA-Europe

 

Il Parlamento cipriota ha votato a favore della proposta di legge sul partenariato civile, il che significa che le coppie dello stesso sesso a Cipro saranno riconosciute legalmente per la prima volta.

 

La legislazione, che ha generato molti dibattiti a livello nazionale, offrirà alle coppie dello stesso sesso gli stessi diritti del matrimonio civile. Tuttavia, l'adozione non è inclusa parte della legge sulle unioni civili. 39 membri del parlamento hanno votato a favore della proposta di legge, 12 contrari e 3 astenuti.

 

Il voto segna la fine di un lungo periodo di dibattito pubblico a Cipro, dove il riconoscimento delle unioni civili era stato promesso nel 2013.

 

La comunità LGBTI, tra cui il noto attivista Alecos Modinos, aveva sperato che i parlamentari approvassero prontamente le unioni civili dopo il richiamo di quest'anno della Corte europea dei diritti dell'uomo, tuttavia gli argomenti sui contenuti della legge hanno ritardato la votazione della data estiva fino a oggi.

Edited by Rotwang

Share this post


Link to post
Share on other sites
Fabius81

E noi?

 

Dovremo approvare qualcosa per forza, ormai è l'Unione Europa che ha "imposto" agli stati di legiferare, il rischio è che si approvi una cosa identica a quella che hanno fatto ieri a Cipro, senza possibilità di adozioni (che era quello che proponevano Ncd, Fi e cattolici Pd).

 

Nel frattempo sembra che l'Ucraina si sia vista allontanare la possibilità di un'adesione alla UE per non voler togliere norme discriminatorie anti-gay https://bedrisga.wordpress.com/2015/11/07/lucraina-rifugge-dal-visto-ue/

Share this post


Link to post
Share on other sites
Uncanny

La situazione in Ucraina si è già risolta con l'approvazione della norma: http://gayburg.blogspot.it/2015/11/ucraina-la-rada-approva-la-legge-contro.html?m=1

 

 

Tra l'altro a breve pure le Isole Fær Øer probabilmente avranno il matrimonio egualitario e le adozioni.

Dal 1° settembre infatti è al governo una coalizione favorevole ad introdurli.

 

Da Wikipedia leggo:

"On 24 September 2015, the Independent member Sonja Jógvansdóttir along with Republic member Bjørt Samuelsen, Social Democratic member Kristianna Winther Poulsen and Progress member Hanna Jensen, submitted a same-sex marriage proposal identical to the 2013 bill to the Parliament Secretariat. The bill was originally expected to enter Parliament in October. On 8 October 2015 the Faroese news portal in.fo asked the director of the Løgting, Jonhard Klettheyggj, when the bill would be processed in the Løgting. Klettheyggj said that it was not that simple, it was not ready yet because the proposal suggests that the Danish authorities should change a Danish law, which is not a common practice for members of the Løgting to do, it happens rarely, but usually it is made by a government minister. The bill entered Parliament on 17 November 2015. If approved, the law would be scheduled to go into effect on 1 July 2016. The first reading of the bill is scheduled for 24 November 2015."

 

Ho cercato di capire se questa votazione c'è stata e com'è andata, ma in inglese non ho trovato nulla, il faroese non lo conosco e neppure Google traduttore mi è d'aiuto.

Edited by Uncanny

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rotwang

il faroese

 

Danese*

Edited by Rotwang

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pix

Dovremo approvare qualcosa per forza, ormai è l'Unione Europa che ha "imposto" agli stati di legiferare, il rischio è che si approvi una cosa identica a quella che hanno fatto ieri a Cipro, senza possibilità di adozioni (che era quello che proponevano Ncd, Fi e cattolici Pd).

 

Nel frattempo sembra che l'Ucraina si sia vista allontanare la possibilità di un'adesione alla UE per non voler togliere norme discriminatorie anti-gay https://bedrisga.wordpress.com/2015/11/07/lucraina-rifugge-dal-visto-ue/

Non lo so, non c'è proprio la volontà politica. Poi se si fa passare questo Governo si ricomincia d'accapo con tutto l'iter, con le destre (ma a quanto pare anche anche alcune sinistre) che rimanderebbero fino a quanto possibile.

Sul modello cipriano ci ho pensato anche io.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Hinzelmann

Beh  è ovvio che l'Italia non è l'Ucraina, lì si doveva essere

coerenti con la propaganda americana che vuole che gli Ucraini

siano democratici ed i russi siano omofobi

 

Ovviamente chiunque sia stato a Kiev ed a Mosca, non avrebbe

dubbi nel preferire Mosca, come città in cui vivere

 

Ad esempio del carattere democratico e tollerante dell'Ucraina:

 

https://it.wikipedia.org/wiki/Battaglione_Azov

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rotwang

Beh  è ovvio che l'Italia non è l'Ucraina, lì si doveva essere

coerenti con la propaganda americana che vuole che gli Ucraini

siano democratici ed i russi siano omofobi

 

La tua propaganda complottara sta diventando stucchevole e snervante. Non è propaganda americana o UE, vai a fare il gay a Mosca o in una qualsiasi città russa o in un Paese ex sovietico e mi dici com'è andata d'accordo tesorino? In Russia è in atto una vera e propria caccia alle streghe contro gli LGBT, solo vent'anni fa non era così, ma ora identificano i diritti gay con l'Occidente secolarizzato che minano le "tradizioni" russe. Oppure chiedi agli omosessuali russi, ah no loro sono pagati dalla CIA, giusto. Per quanto riguarda l'Ucraina ha ottenuto l'indipendenza dai Russi nel 1991 e il signor Putin ha finanziato mercenari ucraini filo-russi per destabilizzare Kiev, questo lo sanno anche i muri, poi che l'Ucraina sia nazionalista è vero, ma tra nazionalismo ucraino e nazismo russo (spacciato per liberatore anti-USA) scelgo il primo.

Edited by Rotwang

Share this post


Link to post
Share on other sites
Hinzelmann

La differenza fra te e me, è che io a Mosca ed a Kiev ci sono stato

veramente...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rotwang

La differenza fra te e me, è che io a Mosca ed a Kiev ci sono stato

veramente...

 

Ah aspetta che un turista riesce a capire al volo come sia la società di un paese hahaha

Share this post


Link to post
Share on other sites
Hinzelmann

Beh è già più delle cose che puoi sapere tu, che neanche sei in grado

di dire quanti locali gay vi siano a Kiev a Mosca e neanche hai mai

parlato con un gay ucraino o russo

 

Ti posso garantire che da omosessuali si vive meglio a Mosca

 

D'altronde non mi risulta che Putin arruoli bande di neonazisti

in una milizia nazionale

 

http://vocidallestero.it/2015/03/29/dove-sono-andati-a-finire-tutti-i-nazisti-ucraini/

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Who Viewed the Topic

    47 members have viewed this topic:
    Hinzelmann  Bullfighter4  Saramandasama  Uncanny  Mario1944  Fabius81  Aarwangen  andy94  Rotwang  Bloodstar  Demò  marco7  Fergus  camillomago  Pix  nayoz  freedog  Abisso  castello  islanda10  AndrejMolov89  MicFrequentFlyer  conrad65  Almadel  Gigiskan  Sbuffo  Calling  Carota  lollone  Majid  Layer  coeranos  FreakyFred  lecosechenondici  Birth  Shell  radioresa  Syfy  prefy  Fantom  Capricorno57  Arrhenius  Duma  Oscuro  Marion2189  Azza09  Gambit 
×