Jump to content
conrad65

Gli irresponsabili

152 posts in this topic Last Reply

Recommended Posts

Hinzelmann

Una mobilitazione contro la guerra in Siria di cui non si è accorto nessuno

Ciò premesso questa "perla" vale l'articolo

A quanto pare molti non si sono accorti che gli Stati Uniti bombardano la Siria dal 2014. Nella campagna per la liberazione di Raqqa dal gruppo Stato islamico (Is) le norme di diritto internazionale e il principio di proporzionalità sono stati totalmente trascurati. Nel corso di queste operazioni più di mille civili sono stati uccisi. Secondo le stime delle Nazioni Unite, oggi l’80 per cento di Raqqa è inabitabile. Non ci sono state proteste contro quest’intervento, nessun appello alla protezione dei civili e delle infrastrutture non militari. Al contrario la sinistra autoritaria ha accolto le giustificazioni della “guerra al terrorismo” – un tempo appannaggio dei neoconservatori statunitensi – oggi riproposte dal regime siriano, secondo cui tutti gli oppositori sono terroristi jihadisti.

Cioè difende l'Isis...dando la colpa di questo alla Sinistra "cd. autoritaria" invece che agli USA ed ai loro alleati che prima hanno finanziato l'ISIS poi gli hanno mosso guerra bombardando a casaccio ed infine hanno tradito sia i Curdi che gli Sciiti iracheni, che hanno fatto il lavoro sporco coi combattimenti di terra.

Certo sappiamo benissimo che ciò di cui viene accusato Assad, non vale un millesimo di ciò che gli USA hanno fatto

Share this post


Link to post
Share on other sites
Rotwang

TPI

“Dopo tanti anni di professione medica, posso dire di non aver mai assistito un numero così grande di persone bisognose di assistenza psicologica come a Lesbo. La stragrande maggioranza dei pazienti presenta sintomi di psicosi, ha pensieri suicidi o ha già tentato di togliersi la vita. Molti non sono in grado di svolgere nemmeno le più basilari attività quotidiane, come dormire, mangiare o comunicare”. lesbo isola suicidi bambini 

Alessandro Barberio ha lavorato per 14 anni come psichiatra nel dipartimento di salute mentale di Trieste.

È considerato un esperto nella gestione di emergenze di salute mentale avendo assistito persone con dipendenze e morbosità psichiatriche. Cura persone vittime di tratta e fornisce assistenza psicologica ai rifugiati e alle persone in carcere.

Eppure, nel corso della sua professione, racconta di non aver mai assistito un numero così grande di persone con problemi psicologici come a Lesbo, soprattutto bambini.

Come denuncia l’ong Medici Senza Frontiere, nel campo di Moria, in Grecia, è in corso un’emergenza senza precedenti, sia per la salute fisica che psicologica degli uomini, donne e soprattutto dei bambini che vi sono bloccati. 

Solo nelle prime due settimane di settembre, più di 1.500 persone sono arrivate a Lesbo e, senza spazio disponibile, dormono senza alcun riparo, senza cibo sufficiente e con un accesso estremamente limitato alle cure mediche.

Il campo di Moria sta scoppiando: vi sono oltre 9mila persone, un terzo delle quali sono bambini, stipate in uno spazio attrezzato per accoglierne al massimo 3.100.

“Le condizioni di vita spaventose sono alla base del tracollo fisico e psicologico delle persone. Tra i richiedenti asilo ci sono persone vittime di forme estreme di violenza e tortura, subite sia nel loro paese di origine sia durante la fuga. Sono stati gravemente traumatizzati, mentalmente e fisicamente”.

“Nella loro prigionia sull’isola di Lesbo sono costretti a vivere in un contesto che favorisce una violenza costante, inclusa quella sessuale o di genere, che colpisce bambini e adulti.

Questa violenza scatena lo sviluppo di gravi sintomi psichiatrici.

Nell’area principale del campo di Moria e Olive Grove c’è un servizio igienico funzionante ogni 72 persone, una doccia ogni 84. Numeri ben al di sotto degli standard umanitari raccomandati in situazioni di emergenza.

“L’aumento del numero degli arrivi, combinato con il più basso tasso di trasferimenti verso la terraferma, esaspera ulteriormente queste condizioni e contribuisce al crescente aggravamento dei problemi psicologici di queste persone”.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×