Jump to content
Sign in to follow this  
leoleo86

Che modelli seguono i giovani d'oggi?

Recommended Posts

leoleo86

[modbreak=yrian]Questo topic prende le mosse dalla diffusa credenza che ai giovani d'oggi lo show business proponga "modelli" violenti. Modifico il titolo in modo che la discussione possa prendere in esame tutti gli effettivi o presunti aspetti negativi della cultura giovanile, per esempio anche l'essitenza di modelli frivoli piuttosto che violenti. Segnalo inoltre i topic correlati: Ieri ed oggi, Il rapporto coi genitori, Come crescono i giovani d’oggi?, Stragi del sabato sera, Autolesionismo, Droghe, Il suicidio[/modbreak]Proprio in questo momento è in onda su rai 2 un commovente servizio a proposito del mondo che sta andando a sfacelo. sisi! Il nostro futuro, ovvero i giovani, saranno sempre di più una massa di assassini sanguinari cannibali coprofili anarchici incestuosi. Tutto questo perché ?Il programma si apre con delle immagini messe a raffronto... vediamo i Beatles nei tempi d'oro, tutti precisi tutti pettinati .... e vediamo Marilyn Manson che si sgola sul palco. Vediamo il tenero Calimero del carosello... e vediamo le scene clou di "End Of Evangelion.". Poi qualche scena presa da Carmageddon, proprio mentre la macchinina sta spiaccicando allegramente un paio di persone. E sotto, una voce che con tono apocalittico sottolinea che i nuovi idoli dei giovani sono sempre più violenti, e porteranno il mondo alla rovina. E subito parte il talk show con le solite oche e i soliti idioti di sempre. E si inizia a dare contro a questi nuovi creatori di mostri, in un modo tale da assomigliare alle deliranti teorie del MOIGE o agli articoletti di Maria Rita Parsi (quelli che in pratica dicono che se un bambino vede un cazzotto in tv corre a suicidarsi..)"poi vennero i manga giapponesi... violenti..."E già mi immagino il branco di quarantenni compiaciuti, seduti in poltrona in fase digestiva, che annuiscono e guardano il/i/le figli/o/e con fare minaccioso indicando la tv e ruggendo digrignando i denti "senti che dice no??"La smetteranno mai? ci si renderà conto prima o poi che dell'educazione dei figli non se ne occupa la tv, buonista o violenta che sia? Cari genitori che sbavate dietro a programmi del genere, volete per una volta smettere di essere così deboli di fronte ai vostri figli e pensare di educarli giusto per evitare che crescano come piccoli FRAGILI stronzetti viziati che si credono tutto permesso? Scusate lo sfogo, ma sto vomitando da mezz'ora. Lo so, sono violento.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Louis

Io so solo che lavorando in un callcenter mi rendo sempre più conto di quanto i miei coetanei siano nettamente più educati dell'over-forty italiano/a medio polemico, incazzoso e indisponente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
George

 

"poi vennero i manga giapponesi... violenti..."

 

E già mi immagino il branco di quarantenni compiaciuti, seduti in poltrona in fase digestiva, che annuiscono e guardano il/i/le figli/o/e con fare minaccioso indicando la tv e ruggendo digrignando i denti "senti che dice no??"

 

Complimenti per questa meravigliosa fotografia della realtà.

 

ci si renderà conto prima o poi che dell'educazione dei figli non se ne occupa la tv, buonista o violenta che sia? Cari genitori che sbavate dietro a programmi del genere, volete per una volta smettere di essere così deboli di fronte ai vostri figli e pensare di educarli giusto per evitare che crescano come piccoli FRAGILI stronzetti viziati che si credono tutto permesso?

 

Mi domando anch'io per quale motivo certe persone decidano di diventare genitori quando non sono minimamente capaci di svolgere in maniera decente un compito di così grande importanza. Riviste come Glamour spiegherebbero che " le donne, ad un certo punto della vita, sentono la mancanza di qualcosa, ovvero di un figlio", mentre Men's health si limiterebbe a dire: "Uomo, accontenta la tua donna e pensa a farti i muscoli".

 

EDIT: Corretto un tag sbagliato :roll:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Lover_Of_Darkness

guarda io ci scommettevo ke si nominava manson...lo sapevo...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sweet

Se ho capito bene su quale genere di programma hanno mandato quel servizio, non mi stupisco di niente... questa fascia oraria è dedicata a casalinghe e pensionate, che probabilmente pensavano già quelle cose perché gliele aveva già messe in testa qualcuno (tipo le sedicenti psicologhe che scrivono sulle riviste per signore, per l'appunto...)

Insomma una cosa così dubito possa fare veramente danni, se una persona ha cervello gli ride in faccia e cambia canale, se si lascia influenzare vuol dire che il cervello non ce l'aveva già da prima.

Share this post


Link to post
Share on other sites
NorwegianWood

Considerazioni vecchie come il cucco, che lasciano il tempo che trovano e, come dice Sweet, alla fin fine sono pure innocue.

 

I Beatles erano perfetti e pulitini? Può darsi, ma sono stati protagoniti e portavoce di una rivoluzione sociale che ai loro tempi fu vista molto di mal occhio dai genitori di allora. E in ogni caso c'erano i loro rivali (non solo musicali): i Rolling Stones. Per non parlare di tutti gli altri. Pulitini anche loro?

 

Marilyn Manson lasciamolo stare. Può piacere o non piacere, ma di sicuro una persona con un po' di sale in zucca non diventa satanista perché ascolta le sue canzoni (che, detto fra noi, non sono neanche loro sataniste)... troppo facile prendersela con lui come se i genitori - come suggerisce George - non avessero delle responsabilità nell'educazione dei figli.

 

Per la serie: "Ho fallito come padre? Come padre? Benissimo, diamo la colpa a Manson, alla televisione e così via... tanto ai tempi miei non c'erano o erano diversi, migliori". Ovvero come diventare molto abili nell'arte di mentire a se stessi.

 

Ah, dimenticavo... ho visto Arancia meccanica, del 1971, e ogni volta che ascolto Beethoven vado in giro a picchiare barboni e stuprare vecchie amanti dei gatti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
LadyVanHelden

anche quei genitori con cervello prenderanno sul serio certe teorie di dubbio senso logico ...e sapete perchè???

perchè i genitori sono convinti che educare i figli sia dargli tutto ( playstation motorino, lettore cd) e non pensano alle cose fondametali come aiutare un anziano se ha bisogno, grazie, per piacere e tutte quelle piccole cose che erano tanto importanti qualche anno fa. Sta di fatto che sono straconvinti di fare un buon lavoro e non riescono a vedere i problemi reali di una famiglia.

Share this post


Link to post
Share on other sites
quint

Boh, avete già detto tutto voi. :salut:

I figli non si educano con quello che guardano/sentono. Un bambino/ragazzo ben seguito dai suoi genitori può cibarsi tutta la violenza del mondo senza subire conseguenze.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Almadel

Quando penso alla mia generazione, non posso che accorgermi che la cosa che la distingue dalle altre è in assoluto la tranquillità, l'educazione, la mancanza di violenza.

 

Lo faccio pensando all'Italia. Sono del 1978 e penso a quello che ho fatto io, additato come appartenente ai più facinorosi della mia classe di età.

 

Penso alla generazione prima della mia: mi vengono in mente gli Anni di Piombo e le stragi nere; i giorni in cui il terrorismo ne ammazzava uno al giorno; e prima c'erano le barricate e le molotov...

 

E penso alla generazione dei miei nonni: le marce fasciste e la seconda guerra mondiale, i crimini più efferati che si possano immaginare; compiuti sempre dai ventenni di allora....

 

Per quanto mi sforzi di tornare indietro, una generazione dopo l'altra senza Ken Shiro ma con miti di violenza su persone reali, non trovo nessun momento storico in cui i giovani siano dolci, pacifici e rispettosi quanto quelli che mi trovo vicino ora.

Share this post


Link to post
Share on other sites
FasH

La nostra generazione (parlo di coloro nati negli anni '80) sono cresciuti sicuramente meglio della nuova generazione (dai '90-'92 in su), e si vede.

Loro si' che hanno idoli scorretti (wrestling e simil-rap italiano).

Share this post


Link to post
Share on other sites
NorwegianWood

Beh, non trovo che il wrestling sia un modello scorretto; e comunque non lo è stato solo per l'ultima generazione... nessuno si ricorda di Antonio Inoki e Hulk Hogan? :rotfl:

Share this post


Link to post
Share on other sites
FasH

E' diverso dal wrestling di una volta, secondo me.

Anche quand'ero piccolo io c'era, pero' non è massificato come oggi.

Mio cugino che ha 3 anni ha menato due bambini al nido emulando Joh Cena -.-

Share this post


Link to post
Share on other sites
NorwegianWood

Sì, capisco. Ma questo non è un problema del wrestling e di John Cena, è un problema dei genitori che non sanno insegnare al bambino che certe cose sono pericolose.

 

Quante volte, durante il programma, sentiamo ripetere in doppia lingua l'avvertimento "Don't try this at home!" ("Non fatelo a casa vostra!")? Non lo dicono per scherzo... lo dicono perché loro sanno di essere un modello e hanno scelto di non essere imitati.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Wythe

guarda io ci scommettevo ke si nominava manson...lo sapevo...

Eh,si sa che se devono prendere un brutto esempio prendono lui..Nessuno prende Jim Morrison o Kurt Cobain che sarebbe più coerente,vista la fine a cui loro stessi si sono diretti..

Io ascolto Marilyn Manson e mi piace,è un'ottimo animale da palcoscenico,ci sa fare davvero e lo ammiro per questo,nonostante il personaggio che debba impersonare porti ad una serie di cose tipo masturbazione sul palco e via dicendo. Ma sinceramente mi sa di cazz**a dire che se lui o chi altro inciti coi testi al suicidio e al rifiuto della religione automaticamente io mi ammazzo,tant'è che sono ancora viva.

Se uno si fissa su un cantante del genere e poi si suicida per me la colpa è del ragazzo che era debole e dei genitori o chi per lui che si sono accorti del suo malessere(perché parliamoci chiaro,cadere in fissa per un cantante qualsiasi,pure che sia Lee Ryan significa che non hai nient'altro nella vita).

Share this post


Link to post
Share on other sites
FasH

Si', anche questo è vero.

In fin dei conti è sempre colpa dei genitori.

Pero' se ai nostri tempi ci lasciavano davanti alla TV, al massimo avremmo visto appunto degli anime, oppure delle veline ancora vestite di tutto punto.

Ora invece tra wrestling, spettacoli di cattivo gusto e quant'altro, non si sa piu' da che parte andare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Aky_86

ma perchè devono sempre dare la colpa a qualcunaltro.. non è magari che sono i genitori che non sono capaci di fare il loro lavoro.. e no certo i figli sono degli angoletti che a forza di seguire certe star diventano assassini.. ma fatemi il favore..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Daniele987
Off Topic
L'idolo di mio fratellino è Hilary Duff e Totti.
Che strano personaggio..


Concordo con Whyte comunque.. un cantante, un personaggio di per sè non può indurre dei ragazzi alla violenza.
Solo una situazione famigliare e interiore sconvolta e turbata portano il bimbo a diventare violento.

Share this post


Link to post
Share on other sites
darkMM

guarda io ci scommettevo ke si nominava manson...lo sapevo...

si appunto  :D

 

 

beh comunque, molte volte i film e i cartoni coinvolgono i bambini e prendono esempio, i cantanti, c'è chi prende da esempio anche quelli.... però devo dire che se non si ha personalità (secondo me) ci si fa trascinare, se no, guardi e finisce lì, er i bambini è diverso.. i bambini imitano molto... e infatti esistono i bollini prima dei film, ma nessuno li rispetta.... la violenza è però anche causata da ciò che ci circonda non solo dagli idoli

Share this post


Link to post
Share on other sites
Almadel

Scusatemi,

non ho capito da che parte state.

 

Avete mai letto l'Iliade? Sapete cosa fa Achille a Ettore dopo averlo ucciso?

Questi sono stati i miti dei ragazzini per un centinaio di generazioni...

In confronto i wrestler sono dei pagliacci (e SONO dei pagliacci).

 

Quando la televisione chiama "eroi" dei soldati, voi pensate a cosa recepiscono i bambini? Che la televisione e mamma e papà sono contenti se andiamo in un paese straniero a fare strage e moriamo nel tentativo...

Non è un modello violento questo?

 

La letteratura e la storia sono zeppe di modelli violenti spacciati per "positivi": vi immaginate un bambino delle elementari che fa una purga etnica perchè ha studiato Giulio Cesare a scuola?

 

Cerchiamo di non farci prendere la mano e di non dire sempre: "i ragazzini di oggi hanno modelli più violenti di quelli che abbiamo avuto noi".

Non solo perchè non è vero, ma anche perchè non sappiamo chi sia davvero per loro un "modello", nè quanto questo li possa condizionare.

 

Credete che se domani un bambino salva la sorellina da un incendio, qualcuno dirà "lo ha fatto perchè l'ha visto in cartone animato"? Eppure di questi modelli veramente eroici i cartoni animati sono pieni...

Share this post


Link to post
Share on other sites
NorwegianWood

I punti nevralgici della questione, a mio avviso, sono due:

 

Innanzitutto, qualunque modello andrebbe filtrato. Dovrebbe, cioè, passare attraverso il filtro dell'educazione e dell'esperienza. È inutile scaricare sul modello colpe proprie.

 

Poi, purtroppo, abbiamo spesso la tendenza a puntare il dito contro i modelli negativi senza, per contrappeso, elogiare quelli positivi. Il male fa notizia, il bene è ordinario... anzi, peggio: inflazionato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
darkMM

in fondo avete ragione... sia almadel che norwegian

Share this post


Link to post
Share on other sites
FasH

Beh, ma quelli citati da Almadel sono comunque episodi storici, che non credo qualche ragazzo prenda ad esempio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
NorwegianWood

Per l'Iliade ti do ragione, nel senso che prima di una certa età ben pochi la leggono (e molti non la leggono affatto). Ma Troy?

 

Ciò che i bambini vedono ai TG, invece, lo assorbono. E il modo in cui assorbono dipende in massima parte dal filtro che i genitori e la scuola sono in grado di dare.

 

Perché i bambini, senza un filtro altrui (adulto), non sanno giudicare né distinguono bene e male. In compenso vedono, imparano, imitano. Se nessuno interviene, la colpa è di chi non è intervenuto, non di ciò che hanno visto.

 

Ti faccio un esempio tratto dalla mia esperienza scolastica come insegnante. Tra l'altro i miei ragazzi sono più grandicelli, degli ometti, dato che hanno 14-16 anni... il che farebbe presuporre una maggiore autonomia di giudizio.

 

 

Stavamo affrontando il modo in cui la Germania è diventata una grande potenza nel corso dell'Ottocento.

 

Dapprima ho presentato loro i vantaggi di comportarsi slealmente con falsi dispacci, menzogne, cavilli burocratici e guerre da farsi dichiarare per poi vincerle. Ho mostrato loro tutti i dati da cui si deduce che la violenza paga.

 

Loro ovviamente (eccetto pochissimi) hanno adottato il mio punto di vista e lodato la sfrontatezza del governo tedesco e il suo sapersi districare - politicamente e militarmente - pur di arrivare allo scopo.

 

Poi... poi ho presentato gli altri dati. Il popolo che ci rimetteva, la leva obbligatoria, la repressione nel sangue dei cortei, ragazzi come loro costretti a rinunciare alla loro individualità per il bene superiore dello Stato...

 

E a quel punto si sono ribellati. La sfrontatezza, ai loro occhi, è diventata cinismo nel migliore dei casi, carognaggine nel peggiore.

 

Tuttavia, questa lezione di vita l'hanno imparata perché un adulto ha filtrato la storia e ha presentato loro entrambe le facce. Da soli, probabilmente, ne avrebbero vista una sola... una qualunque delle due (di solito la prima che gli si presenta).

 

Ecco, qualunque cosa può diventare un modello. E qualunque modello, di per sé, è neutro. Sono gli adulti a renderlo benigno o maligno, come un cancro. Quegli stessi adulti che poi se la prendono con Marilyn Manson, Jim Morrison, Sid Vicious e chi più ne ha più ne metta.

 

Ai loro tempi non ebbero un buon nome nemmeno Socrate, Gesù, Gandhi e Oscar Wilde... La lista degli untori è infinita. Quella dei veri colpevoli, stranamente, molto corta e incompleta.

Share this post


Link to post
Share on other sites
/ste/87

solo un altro modo per condannare i nostri miti e/o i programmi ke vediamo..facessero anke una programmazione degna di qsto nome....

Share this post


Link to post
Share on other sites
Aladdinsane87

secondo me i miti di adesso sono solo brutte copie dei miti passati..non dimenticate che marilyn manson si ispira al trucido glam rock anni 70 di alice cooper...ai black sabbath...musicalmente furono loro i primi a schokkare il pubblico con sangue ecc...se si parla di show diseducativi jim morrison e il suo pene sono stati i capostipiti, quindi non è questa generazione che assimila comportamenti negativi derivanti da miti violenti...ma è un qualcosa che risale a molto tempo fa!!!il che non è cmq rassicurante, anzi... :roll:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Alecto

Uff, dissero lo stesso quando scoppiò il fenomeno Eminem...:rotfl:

Povero Em, era (e forse lo è tuttora) incompreso :roll:

Fash, che intendi per simil-rap?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Anubis

Consideriamo i fatti: la violenza è affascinante e rende. In uno stato come l'Oceania di Nineteen Eighty-Four la violenza ha uno scopo ben preciso, perchè per noi no? Aggiungo subito che per me non viviamo e non vivremo in una cacotopia poichè non siamo in una bolla di stasi dove tutte le peggiori profezie di Orwell si possono realizzare. Da sempre la violenza è parte integrante dell'uomo no? è stata citata l'Iliade, ma prendiamo in considerazione anche l'Odissea dove il nostro polutropon Odisseo come fa a liberarsi di Polifemo? Certo l'astuzia centra, ma senza avergli mutilato l'occhio avremmo avuto quella bella storia? La violenza al giorno d'oggi con tutti i suoi "Idoli negativi", che non penso proprio esistano al massimo ci sono "Genitori che NON educano", non fa altro che aumentare la violenza. I genitori non hanno voglia di educare i figli e allora cosa fanno? Se possono li scaricano davanti a una scatola (può essere la Tv come la PS, comunque Abusum non tollit Usum), Alla fine chi gestisce quelle belle scatole? Gli interessi politico-economici, so che può sembrare complottistico quello che dico, ma pensiamo a tutti i ragazzi che sono stati mandati in Iraq, per loro era come essere in un Videogioco, e la colpa alla fine di chi è? Ovviamente io capisco che ci sono famiglie disadagiate che non possono permettersi di dedicare molto tempo hai figli. Ma infatti per me la pedagogia non va migliorata tanto nelle classi basse, che alla fine sono quelle che diventano i "Soldati Migliori" e a cui la violenza "rende" e "fa bene", ma va cambiata nelle persone che devono reggere il mondo, anche se non politicamente. Vi dico io non ho mai avuto esempi grandi nella vita fino ad alcuni anni fa, i miei genitori mi hanno sempre lasciato libero dandomi tutte le versioni e i concetti possibili e mi sono crogiolato in questa indecisione. Poco tempo fa ho scoperto la scienza Iniziatica e tutto è cambiato per me, mi sento Risorto. Ora questo cosa importa, allora io i miei modelli me li sono scelti, io personalmente li ho visti, ammirati e tutt'ora li lodo. I Sole, l'Acqua, la Terra e il Vento. Ecco i miei modelli. I 4 elementi alchemici. Il Sole che ci da tutto e non vuole mai niente, l'Acqua che sebbene sia la più morbida tra gli elementi è quella che scava la dura pietra, la Terra che fa nascera la vita e ci accudisce e il Vento che vaga libero. Datemi pure del pazzo, del coglione, del deficente (anzi se volete mandatemi un messaggio privato vi posso consigliare io stesso degli insulti che mi hanno rivolto) per me se venisse insegnato ciò ai bambini, se si insegnasse loro, come giustamente è stato fatto notare dalla saggia decisione di NorwegianWood a cui invio tutta la mia stima e ammirazione per quel bellissimo gesto di ottima pedagogia, tutta la storia e si lasciasse loro la capacità di scegliere le cose andrebbero in modo diverso.

 

Infine vorrei citare questo famoso epifonema di Wilde:

 

Fino a quando la guerra sarà vista come una cosa crudele, avrà sempre un suo fascino. Quando sarà considerata come volgare, cesserà di essere popolare

 

Ovviamente non mi riferisco solo alla guerra, ma penso sia chiaro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Erz

"Ormai la generazione d'oggi ha idoli sbagliati" classica frase che si sente in giro da un pò...si è vero, in parte, ma perchè non cercano di capire il vero motivo di tutto ciò, invece di puntarci il dito e basta...

Share this post


Link to post
Share on other sites
trollfabri

Beh noi siamo la nuova generazione (parla un 17enne) e quindi dobbiamo convincere gli adulti che su di noi si possono fidare, anche perche se non si fidassero di noi, non esisterebbe alcun futuro!

Purtroppo, la società ci mette davanti agli occhi elementi piuttosto biasimevoli ma non per questo da disprezzare. Sono convinto che nella vita ogni persona può scegliere di essere chi "vuole essere" e le persone (in questo caso in fan) possono di decidere, liberamente, i loro idoli.

Lo è adesso, e sono convinto che lo è stato anche in passato, ed anche il futuro sarà cosi.

Alla fine i beatles, visti ora con gli occhi di persone del 3° millenio, semprano casti e pure...però 50 anni fa, quando la mentalità era completamente differente, anche loro hanno apportato notevole scompiglio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

  • Who Viewed the Topic

    1 member has viewed this topic:
    leoleo86 
×
×
  • Create New...