Jump to content

All Activity

This stream auto-updates     

  1. Past hour
  2. davydenkovic90

    Coming out "post-2016"

    Ho fatto una piccola riflessione, sempre sul coming out. Mi interessava approfondire il concetto del "non essere accettati", perché mi sembra un problema posto male e in modo troppo semplicistico, che in realtà nasconde uno spettro molto vario di questioni che vanno capite e affrontate. L'esempio classico del "non essere accettati" è essere più o meno etichettati, sbeffeggiati, emarginati, allontanati, esclusi da un gruppo, ecc. Però ho notato che ci sono anche casi in cui, dopo aver fatto coming out con determinate persone, queste vivono la cosa quasi come uno smacco. Non la prendono male, solitamente in modo freddo o indifferente, ma in qualche modo si vede che qualcosa si rompe e si sentono costretti a iniziare una specie di gioco psicologico per attaccarti o prenderti in giro per vie traverse. Credo sia una sorta di sentore "puritano", tipo quello di certi adulti che criticano i malcostumi dei giovani, una sorta di "magna come parli" sulla sessualità. Però c'è anche una sfumatura diversa che forse non riesco ad afferrare pienamente. Ci provo: è come se ti volessero a tutti i costi punzecchiare perché ritengono che la dichiarazione di omosessualità sia una sorta di "sponsor", di "vantaggio" nella vita, come se fosse un'arma di cui siamo in possesso e che loro (gli eterosessuali, soprattutto i maschi) non possono utilizzare. E per questo meritiamo di essere continuamente punzecchiati e rintuzzati, dobbiamo pagarla, in qualche modo. Del resto, che l'omosessualità sia una forma di esibizionismo o sponsorizzazione credo sia ancora un pensiero molto comune, seppur completamente folle e sbagliato.
  3. Yesterday
  4. Uncanny

    Una marcia funebre

    Considererò sempre uno stato garantista migliore di uno che ti lapida per il semplice fatto di essere attratto da persone del tuo stesso sesso, su questo sono e rimarrò fieramente irremovibile. Starò sempre dalla parte degli oppressi, anche quelli che tu non consideri tali e ignori in nome del tuo relativismo esasperato al parossismo. Poi magari ti indigni per ogni frasetta che cagano Salvini e la Meloni. Libero comunque di stare con i vari Bin Salman e Khomeini, nessuno te lo vieta, vivi pur sempre in uno stato pluralista e chissà se così non fosse. Ho concluso, qui chiudo.
  5. LocoEmotivo

    Una marcia funebre

    Ma questa è una concezione post-illuminista del menga! E' una posizione che tu vuoi considerare assoluta ma che è più relativa che mai, nella storia dell'umanità! Le cose sono perennemente in evoluzione e, mentre tu parti con la lancia in resta, io me ne sto in tranquillità a guardare le cose che fanno il loro corso senza giudicarle meno o più di quello che sono. Sei convinto che questo garantismo sia il fine ultimo dello Stato? Credi che uno stato garantista sia migliore di uno culturalmente differente? Bella pé te, uomo bianco: continua a pensare e a professare quelle considerazioni indegne, tanto ti sei dimostrato il figlio prediletto di una società che ha basato su questi presupposti gli ultimi centocinquant'anni di politica estera (e con che risultati, poi). Ah, ecco: ora è tutto chiaro. Io sminuisco le tragedie dell'umanità mentre tu sei il Prometeo che dona il fuoco agli uomini. Mi spiace solo non averlo capito prima di innescare questa tua straziante scena madre - ma mi consolo pensando che mi sarei perso vederti aggrappare alle tende, che è invece uno spettacolo alquanto sfizioso.
  6. Mario1944

    Una marcia funebre

    Eh, ma avevi affermato il contrario: affinché tu possa stimare se un governo sia migliore, ti basta che sian salvi da carcere e morte "atei ed omosessuali"....
  7. Mario1944

    Incomunicabilità

    Ma come?: vieni qui a lamentarti dell'incomunicabilità tra le persone e poi confessi che non comunicheresti ad un altro il tuo giudizio sulla sua stupidità, serbandolo in te occultato e dunque indegnamente non comunicato? C'è chi può permettersi l'arroganza 😉
  8. LocoEmotivo

    Cosa significa per voi la parola "casa"?

    Perché esce una nuova ristampa e quindi, forse, sarò buttato fuori di casa.
  9. Uncanny

    Una marcia funebre

    @LocoEmotivo Quello che non capisci è che un governo non può andare bene solo per un gruppo di persone - quelle che appoggiano il regime e da esso non sono colpiti - e di merda per tutte le altre, ma di loro chi se ne frega. Deve garantire i diritti di tutti, di chi la pensa in un modo e di chi la pensa in un altro, di chi è in un modo e di chi è in un altro. Questo può accadere solo quando è garantito pluralismo. E non c'è nessuno stato, neanche il più totalitario, in cui non ci siano persone, molte persone, che la pensano diversamente anche se il più delle volte lo nascondono. Non c'è nessuno stato, neanche il più omofobo e religioso, in cui non esitano omosessuali, checché ne dica Ahmadinejad, e atei. Non mi sto appigliando a tre semplici voci di dissenso, ma a tre persone rappresentative di gruppi sociali molto estesi ma repressi e perseguitati. O crederai davvero che esista un solo omosessuale in tutta l'Arabia Saudita? È vergognoso quanto tu sminuisca e anzi ignori la loro situazione, veramente aberrante. Omosessuali che vengono lapidati o impiccati non ti tangono minimamente. E ripeto, certamente c'è chi si trova bene sotto questi regimi, ma un governo deve garantire i diritti di tutti ed essere pluralistico, non solo di chi si trova bene anche fosse la maggioranza della popolazione e chi se ne frega degli altri.
  10. Mario1944

    Una marcia funebre

    Hitler sarebbe d'accordo.... 😉 Dall'opera "Gli Ebrei e le loro menzogne" di Martin Lutero: "Io voglio dare il mio sincero consiglio. In primo luogo bisogna dare fuoco alle loro sinagoghe o scuole; e ciò che non vuole bruciare deve essere ricoperto di terra e sepolto, in modo che nessuno possa mai più vederne un sasso o un resto. E questo lo si deve fare in onore di nostro Signore e della Cristianità. Secondo: bisogna allo stesso modo distruggere e smantellare anche le loro case. Terzo: bisogna portare via a loro tutti i libri di preghiera e i testi talmudici. Quarto: bisogna proibire ai loro rabbini, pena la morte, di continuare a insegnare. Quinto: bisogna abolire completamente per gli ebrei il salvacondotto per le strade. Sesto: bisogna proibire loro l’usura, confiscare tutto ciò che possiedono in contante e in gioielli d’argento e oro. Settimo: a ebrei ed ebree giovani e forti si diano in mano trebbia, ascia, zappa, vanga, conocchia, fuso, in modo che si guadagnino il loro pane col sudore della fronte. Ai nostri governanti, se hanno ebrei sotto di sé, io auguro, e anzi li prego, di voler esercitare un’aspra misericordia verso questa gente miserabile, come sopra si è detto; e se volessero in qualche modo aiutarli (per quanto sia difficile), dovrebbero fare come i bravi medici: quando la cancrena è arrivata nelle ossa, essi agiscono senza misericordia e tagliano, amputano, bruciano la carne, le vene, le ossa e il midollo. Così si faccia anche in questo caso. Si brucino le loro sinagoghe, si proibisca tutto ciò che ho elencato prima, li si costringa a lavorare, ci si comporti con loro senza alcuna misericordia ". Come metro di giudizio mi sembra un po' difettoso e lo dico da ateo ed omoerotico: dovresti infatti concedere che fosse migliore un governo che facesse perire di fame o di guerra i governati per inettitudine a provvedere al loro benessere materiale, purché non perseguitasse atei ed omoerotici.
  11. LocoEmotivo

    Incomunicabilità

    Che se ne ricorda ancora e che lo stava raccontando proprio al suo ragazzo, l'altro giorno, mentre gli descriveva questo thread
  12. LocoEmotivo

    Una marcia funebre

    Possiamo giudicarlo, certo, ma con la consapevolezza che lo stiamo facendo con un metro di valutazione puramente occidentale e posteriore. Vuoi provare un'altra variazione sul tema della reductio ad Hitlerum o cerchiamo di chiudere almeno questa brutta pagina di retorica? Perché è così difficile, per te? Come fai a non capire che MIGLIORE non può esistere perché tu usi la tua prospettiva PARTICOLARE per lanciarti in una valutazione GENERALE? Che non ci sarebbe niente da ridire di fronte ad affermazioni quali "Cavoli, non vorrei davvero vivere sotto una teocrazia!" ma che frasi come "noi stiamo avanti/loro stanno indietro" hanno tutt'altre implicazioni? Cercherò di risponderti nello specifico, comunque, anche se la domanda non lo merita. Una forma di governo in cui gli omosessuali eccetera può essere effettivamente peggiore PER GLI OMOSESSUALI. Per i tizi del Family Day, tanto per dire, POTREBBE NON ESSERLO. Mi sarebbe piaciuto vivere sotto Khomeini? Se fossi stato un determinato tipo di religioso, certo che sì. Se fossi stato un oppositore politico, probabilmente no. Se fossi stato un conservatore moralista di quelli che si sentono assolti anche se sono coinvolti, magari avrei addirittura sostenuto e propagandato che in Iran si stava da favola e che tutto il mondo avrebbe dovuto seguire l'esempio dell'ayatollah - e bada che ti sto facendo un esempio sociologico, nemmeno culturale, o non finiremmo davvero più. Riesci a capire che siamo figli di impostazioni diametralmente opposte e che non può esserci - deo gratias! - un punto di incontro tra le nostre filosofie, così magari finiamo pure questo ridicolo battibecco? Ma che razza di domanda è? Cioè, ti stai veramente appigliando a queste tre voci del dissenso? Possibile che tu sia talmente ideologizzato da non riuscire a considerare anche quanti si trovano bene sotto regimi che noi troveremmo folli e aberranti? Possibile che il tuo tentativo retorico sia così disonesto da puntare sul patetico? Comunque, ti darò la risposta che non meriti. Mi pongo come mi pongo con tutte le rivoluzioni arabe, piazze Tienanmen: ogni popolo e ogni cultura deve trovare la sua strada nella Storia, quale essa sia. Se loro sono interpreti di esigenze condivise e inseguono modelli che ben si attagliano alla loro realtà, allora sono sulla strada giusta. Perché non mi scrivi in privato, se proprio ci tieni a proseguire 'sta pantomima? Non credi che abbiamo rotto abbastanza le palle agli altri utenti?
  13. Uncanny

    Una marcia funebre

    Non cambia niente ai fini del discorso, la mentalità anche qui è cambiata molto dal ventennio ad oggi. Ma comunque prendiamo Pinochet ad esempio, non possiamo giudicare il regime fascista a cui diede vita solo perché stava in Cile? Una forma di governo in cui gli omosessuali vengono lapidati per il solo fatto di essere tali non è peggiore rispetto a una forma di governo in cui questo non accade e in cui magari possono anche sposarsi e costruirsi una famiglia? Gradirei una risposta. Rispetto ad Ahmed, Amina e Jasmine come ti poni, tanto per sapere? Nessuno ad ogni modo ha parlato di esportare democrazia, cosa che fa più danni che altro.
  14. FreakyFred

    Incomunicabilità

  15. Beppe_89

    Incomunicabilità

    Da quei puntini di sospensione non sembra che ti ho convinto XD Comunque no fidati.. Ce n'était pas moi
  16. FreakyFred

    Incomunicabilità

    Non parlo del messenger personale, parlo proprio della chat del forum su IRC. Ma per carità, può comunque essere che mi sbagli...
  17. Beppe_89

    Incomunicabilità

    No FreakyFred non sono stato io. Non ho quasi mai usato la chat privata da quando sono iscritto.. Uso il forum solo per confrontarmi non per conoscere gente. Credo di avere chattato in privato solo con@Hinzelmann su una questione legata alla "vita come performance" e tra l'altro non mi ha neanche più cagato dando seguito alla discussione.. Con Loco tempo fa.. Yukio perché è di Torino ma non so se frequenta il forum ancora... E boh.. Qualche messaggio di natura "tecnica" a Ghost e Lux.. Ah e Paperino dimenticavo.. Mi scrisse lui perché si era trasferito a Torino. Non ho nulla da nascondere [emoji14] E comunque non direi mai quella frase a nessuno.. A prescindere da cosa penso del "livello intellettuale" dell'altro
  18. FreakyFred

    Incomunicabilità

    Non sono sicuro fossi tu e comunque sono passati cinque-sei anni... Ma mi sa... Poi non ricordo chi avesse scritto all'altro per primo, se lui o me. Avrei potuto sicuramente essere stato io ad avviare la conversazione; come tanti ho una certa passione per gli involucri gradevoli e ne ho anche collezionati un po'. Dovresti sentirti onorato all'idea che fossi attratto, sia pure per pochi picosecondi prima della frase smosciante Vabbe' è più una curiosità, anche fossi tu dopo sei anni comunque un bel po' si cambia. Spero.
  19. LocoEmotivo

    Una marcia funebre

    Cioè, tu stai paragonando il mio passato recente ad un presente lontano? Cosa dicevi poco fa di quelli che fanno accostamenti del ciufolo? Sì, perché continui a parlare di "migliore" e "peggiore". E questo è un ottimo motivo per dire che ti trovi bene in questa specifica realtà, che è una cosa che nessuno potrebbe anche solo pensare di contattare. Ma da qui al ritenere che sia la migliore e che sia quindi auspicabile o inevitabile per tutti, è un po' come parlare di "esportare la democrazia". E fa altrettanto accapponare la pelle.
  20. Beppe_89

    Incomunicabilità

    Io ti ho scritto in chat privata? In quale universo parallelo? XD In ogni caso non penso di essere intellettualmente superiore a nessuno qui dentro.. Anzi.. Altrimenti non aprirei topic per chiedere consigli.
  21. FreakyFred

    Incomunicabilità

    Sto avendo un flash su @Beppe_89... C'era un ragazzo un po' twink che anni fa frequentava la chat che mi colpì perché in una discussione privata mi chiese una cosa tipo se "ritenevo di essere alla sua altezza intellettualmente". Immaginatevi, io così --> Non ricordo chi fosse, ma sospetto fossi tu, Beppe! Ragazzi, se è così non aggiungo più niente xD
  22. Uncanny

    Una marcia funebre

    Quindi perché ti definisci antifascista? Come fai a valutare se il fascismo sia migliore o peggiore rispetto alla democrazia? A me basta anche solo sapere che omosessuali e atei vengano incarcerati o messi a morte sulla base di leggi religiose o non, come strumento per valutare se una forma di governo sia migliore o peggiore. Ti fa davvero così inorridire questo mio metro di valutazione? Terribile, eh, lo ammetto. Sì perché mi consente di vivere la mia vita liberamente. Di poter manifestare le mie idee senza essere sbattuto in carcere, di poter vivere liberamente la mia omosessualità e avere un fidanzato e sposarlo o unirmi civilmente a lui anche se siamo dello stesso sesso, di poter essere dichiaratamente ateo. Questi sono solo alcuni dei motivi, condivisi certamente anche dal povero Ahmed che è gay ma vive a Riyad e rischia la morte, o da Amina che è atea ma vive in Marocco dove rischia il carcere, oppure da Jasmine che è iraniana e non vorrebbe portare il velo e si oppone rischiando la vita a quelle che sono le idee imposte dal regime.
  23. LocoEmotivo

    Una marcia funebre

    Te l'ho già detto: #SeiMejoTe. Io dico che non ho gli strumenti per valutare se una forma di governo sia "migliore" o "peggiore" della mia per due motivi: 1) perché le mie considerazioni non possono avere valore assoluto essendo figlie di una mentalità occidentale (la mia, per l'appunto); 2) non mi permetto di parlare di cose che non conosco a fondo, preferendo astenermi da ogni valutazione data l'alta probabilità di dire castronerie. Inorridisco di fronte a chi si atteggia buon conoscitore di queste realtà a me ignote e le valuta qualitativamente, occidentalmente e teleologicamente perché mi spaventano le posizioni nette, tagliate con l'accetta: risposte semplici a problemi complessi, di solito, non sono una buona accoppiata. Il punto è: il nostro modello di società è per forza il migliore da un punto di vista evolutivo? Tutte le forme di governo future dovranno passare attraverso l'etica protestante e lo spirito del capitalismo? In quel caso, sarei pronto a darti immediatamente ragione. Ma visto che la realtà è fluida e dinamica (e tutt'altro che teleologica, torno a ripetere), non ne sono affatto persuaso.
  24. Uncanny

    Una marcia funebre

    Certamente, ma era un dibattito molto più acerbo ed embrionale e che non ha dato adito a particolari trasformazioni sul piano sociale. Se la classe borghese era ed è debole questo dipende anche da condizioni culturali. I paesi islamici sono tutt'ora molto scarsamente industrializzati, anche i ricchi paesi della penisola araba basano la loro economia unicamente sul commercio di petrolio che hanno trovato, e questo non ha permesso lo sviluppo e acquisizione di potere della borghesia. Ma se non c'è industrializzazione è perché storicamente manca una forma mentis, determinata dalla cultura, come quella propria dell'etica protestante del lavoro. Se non fossero state affisse le 95 tesi e l'Europa fosse rimasta interamente cattolica, quasi sicuramente non si sarebbe sviluppata molto diversamente rispetto ai paesi islamici. @davydenkovic90 Davvero devo rispondere ad uno che mette sullo stesso piano due politici baciapile e delle teocrazie? Va' a vivere in Arabia Saudita, magari manifestando anche la tua omosessualità, poi dimmi come ti trovi e se è la stessa cosa rispetto all'Italia. È tipico degli imbecilli fare paragoni capziosi e fuori da ogni logica.
  25. LocoEmotivo

    Incomunicabilità

    E infatti ci godiamo molto di più le nostre vittorie, noi mediocri, chiedendoci anche come mai siamo riusciti ad acchiappare una preda di così alto livello rispetto a noi. Finché non ci rendiamo conto che la nostra mediocrità ci ha spinto ad evolverci ad un livello stratosferico e che possiamo permetterci di guardare un sacco di gente dritta negli occhi, alla pari.
  26. davydenkovic90

    Una marcia funebre

    Eccetera eccetera (come direbbe Patty Pravo) Del resto, è tipico degli imbecilli sentirsi sempre dalla parte giusta e al centro dell'universo. P.s. l'Illuminismo in Italia mi risulta che non abbia mai attecchito, a parte fratelli Verri, Beccaria e poca altra roba non certo paragonabile a Inghilterra, Francia, Diderot, Voltaire e Rivoluzione Francese.
  27. Almadel

    Una marcia funebre

    Quando parlo di "sinistra" non intendo Stalin e quando parlo di "destra" non intendo Hitler. Il dibattito filosofico della Grecia classica non appartiene a noi soltato, tanto che agli Arabi e ai Turchi era noto Aristotele meglio che a Dante. Quello che è noto è la debolezza della classe borghese nei Paesi islamici, evidente anche ora. Questa però è una condizione materiale e non culturale, tanto che quando essa era vivace - sotto l'Impero Ottomano - gli Ebrei vi scappavano per godere della "laicità" del Sultano di fronte alle persecuzioni occidentali. Sono queste condizioni materiali che creano il clima politico che oggi consideriamo tipico dell'Occidente ovvero il superamento di una concezione feudale della società, in cui il merito varrà più dell'appartenenza religiosa (come racconta Voltaire sulla Borsa di Londra, ma come si poteva dire anche di Venezia o Istabul o si dirà di New York).
  1. Load more activity
×
×
  • Create New...