Jump to content
Gay-Forum.It
Sign in to follow this  
Rotwang

Il diavolo buddhista

Recommended Posts

Rotwang   
Rotwang

Una figura simile a Satana nel Buddhismo è Māra (che significa uccisore), il Deva (dio) che cerca di distogliere Gautama Buddha dal raggiungimento del Risveglio, cioè l'illuminazione spirituale, prima cercando di sedurlo con l'apparizione delle sue bellissime tre figlie Bramosia, Noia e Passione, poi cercando di spaventarlo con l'apparizione di dieci eserciti di esseri mostruosi e diabolici, corrispondenti ai dieci tipi di ostacoli di una vita spirituale:

  1. Piacere sensuale
  2. Frustrazione
  3. Fame e sete
  4. Desiderio
  5. Pigrizia
  6. Terrore
  7. Dubbio
  8. Presunzione/Ingratitudine
  9. Guadagno/Fama ingiusti
  10. Esaltazione di se stessi/Denigrazione degli altri

Māra è il tentatore, colui che distrae gli esseri dalla pratica di Liberazione dal Saṃsāra (la dottrina indiana del ciclo di vita, morte e rinascita), rende mondana e seducente la vita e fa sembrare il negativo come positivo. Rappresenta, in modo più generale, la Morte spirituale, tutto ciò che ostacola la via al Risveglio.

 

mara.jpg

 

Vi piace?

Edited by Rotwang

Share this post


Link to post
Share on other sites
Isher   
Isher

Alcuni elementi tentatori sono comuni alle religioni e a certe filosofie, in senso lato, occidentali. Tra le figure di seduzione, Bramosia, Passione e Noia, ci sono arci note le prime due, mentre Noia (che Leopardi considerava, «in certo modo, il più sublime» dei sentimenti umani) è più interessante, e ci fa capire che l'individuo non deve proprio spegnersi, qualcosa deve fare anche per raggiungere il Risveglio. Nell'esercito degli ostacoli la figura che mi colpisce di più è il Dubbio, che da Socrate a Cartesio a in certo modo Popper è il motore della filosofia, dello spirito critico e scientifico. Fame e Sete significa che non bisogna averli? che essi almeno vanno soddisfatto? Se è così, avremmo un elemento di consonanza impressionante con Epicuro. Altro elemento in comune con Epicuro è spegnere il Phobos, la paura o terrore. Il Desiderio - una volta che hai messo in guardia contro i Piaceri e anche altri elementi dell'esercito - non può essere demonizzato, esso che è la base di tutto, a nche del Risveglio, o no? per me e per tutto l'occidente, a parte Schopenhauer, è un positivo. Le coppie 8] e 10] sono senz'altro le più interessanti e belle. Il concetto veramente importante mi sembra la Morte spirituale.

Edited by Isher

Share this post


Link to post
Share on other sites
Carabosse   
Carabosse

sì l'immagine mi piace.

Il buddhismo mi ha sempre affascinato, come tutte le religioni orientali.

A 17 anni, quando volevo darmi alla vita da eremita e alle pratiche ascetiche, probabilmente avevo un buon controllo su bramosia, passione e sui punti 1,2,3,4,9 e 10.

La noia e la pigrizia non le sconfiggerò mai!

Share this post


Link to post
Share on other sites
paperino   
paperino

volevo darmi alla vita da eremita e alle pratiche ascetiche

L'ascetismo eremitico è poco buddhista. :) Vuoi che parliamo un po' degli antidoti alla noia e alla pigrizia?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Carabosse   
Carabosse

L'ascetismo eremitico è poco buddhista. :) Vuoi che parliamo un po' degli antidoti alla noia e alla pigrizia?

Ci sta io del buddhismo non so niente( ma ne sono comunque affascinato) xD!

intendevo solo dire che in quella fase per così dire "spirituale" della mia vita mi sentivo di avere un buon autocontrollo.

beh il punto 1 come antidoto può andare ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
paperino   
paperino

beh il punto 1 come antidoto può andare ;)

Un grossolano errore di traduzione di Rotwang: dovrebbe essere "desiderio sensoriale" e non riguarda la sensualità ma comprende tutto ciò che viene percepito dai sensi. Tra l'altro la lista delle dieci catene è in un ordine diverso da quello che conosco; pare che tale ordine sia usato nella tradizione pāli, da cui presumo sia tratta anche questa versione del racconto simbolico dell'Illuminazione di Gautama Buddha. Edited by paperino

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mellow   
Mellow

Secondo me proprio il concetto diavolo non esiste nel buddismo...e quindi nessun paragone

Edited by Mellow

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pix   
Pix

L'ascetismo eremitico è poco buddhista. :) Vuoi che parliamo un po' degli antidoti alla noia e alla pigrizia?

Il Buddhismo antico, quello Theravada, è basato sull'ascetismo e sull'eremitaggio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
paperino   
paperino

Il Buddhismo antico, quello Theravada, è basato sull'ascetismo e sull'eremitaggio.

Gautama Buddha respinse chiaramente l'ascetismo estremo e, di conseguenza, l'eremitaggio e propose, invece, la "via di mezzo", non ascetica. Una moderata autodisciplina e una vita semplice, senza ricchezze, sono a fondamento della vita monastica dei buddhisti delle principali tradizioni.

 

È vero che pare che, in antichità, ci fosse una certa diffusione dell'ascetismo tra i primi monaci buddhisti, sia della tradizione Pāli sia di quella sanscrita. Così esistono anche oggi alcune piccole sacche buddhiste nel mondo, che si distaccano dalle principali e praticano l'ascetismo, ma di certo oggi la tradizione Pāli no.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pix   
Pix

Gautama Buddha respinse chiaramente l'ascetismo estremo e, di conseguenza, l'eremitaggio e propose, invece, la "via di mezzo", non ascetica. Una moderata autodisciplina e una vita semplice, senza ricchezze, sono a fondamento della vita monastica dei buddhisti delle principali tradizioni.

È vero che pare che, in antichità, ci fosse una certa diffusione dell'ascetismo tra i primi monaci buddhisti, sia della tradizione Pāli sia di quella sanscrita. Così esistono anche oggi alcune piccole sacche buddhiste nel mondo, che si distaccano dalle principali e praticano l'ascetismo, ma di certo oggi la tradizione Pāli no.

Le scuole buddhiste se ne fregano del pensiero di Siddharta Gautama e molte di esse venerano altri Buddha.

Share this post


Link to post
Share on other sites
paperino   
paperino

Le scuole buddhiste se ne fregano del pensiero di Siddharta Gautama e molte di esse venerano altri Buddha.

Può anche darsi che esista qualche piccola branca del buddhismo che non considera il pensiero di Gautama Buddha ma non ne conosco e di certo non lo fanno le più diffuse; è stato il primo, colui che ha girato la ruota del dharma.

 

Sul "venerare" si potrebbe discutere ma di Buddha non ce n'è stato uno solo e direi che tutte le vie del buddhismo tengono in grande considerazione i vari buddha o anche i grandi maestri che si sono susseguiti nel tempo. In ogni caso, come dicono i buddhisti, ci sono 84.000 porte del dharma, ovvero infiniti modi per entrare in contatto con gli insegnamenti di Buddha.

 

Comunque, leggevo i tuoi interventi nel topic sul buddhismo. Hai il dente avvelenato contro questa religione o semplicemente trolli?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pix   
Pix

Può anche darsi che esista qualche piccola branca del buddhismo che non considera il pensiero di Gautama Buddha ma non ne conosco e di certo non lo fanno le più diffuse; è stato il primo, colui che ha girato la ruota del dharma.

Sul "venerare" si potrebbe discutere ma di Buddha non ce n'è stato uno solo e direi che tutte le vie del buddhismo tengono in grande considerazione i vari buddha o anche i grandi maestri che si sono susseguiti nel tempo. In ogni caso, come dicono i buddhisti, ci sono 84.000 porte del dharma, ovvero infiniti modi per entrare in contatto con gli insegnamenti di Buddha.

Comunque, leggevo i tuoi interventi nel topic sul buddhismo. Hai il dente avvelenato contro questa religione o semplicemente trolli?

Senti paperino, vorrei sapere che titoli hai per dire tutte queste inesattezze. Se non hai sostenuto esami universitari sul Buddhismo dimmelo, che evito proprio di dare corda a certi pastrocchi filo new age.

Share this post


Link to post
Share on other sites
paperino   
paperino

Senti paperino, vorrei sapere che titoli hai per dire tutte queste inesattezze.

Ma da quando in qua servono titoli per dire inesattezze?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×