Vai al contenuto

  •  

Benvenuto su Gay-Forum.It

Benvenuto su Gay-Forum.It!
Stai visitando il forum come ospite e per questo la visione e l'uso del forum è limitata, se vuoi avere accesso a tutte le funzionalità basta registrarsi a questa pagina oppure fare login !
  • Aprire nuovi topic e rispondere agli altri
  • Sottoscrivere topic e board per avere le notifiche in tempo reale
  • Creare il tuo profilo
  • Discutere e confrontarti con tutti gli altri :-)
Guest Message
 

Foto

La libertà viaggia in treno


  • Non puoi aprire una nuova discussione
  • Per cortesia connettiti per rispondere
  • Topics List
1 risposta a questa discussione

#1 ONLINE   Rotwang

Rotwang

    Gaysha

  • 6
  • 5664 Messaggi:
  • 618 topics

Current mood: Innocent

Inviato 11 gennaio 2017 - 13:35

testata-LIBERTA-per-tema-HIVE-ALTA-DEFIN

 

La libertà viaggia in treno è un libro di viaggio del 2016 scritto da Federico Pace.

 

Ci sono treni che inseguono l’odore del mare e treni sottosopra. Treni che uniscono città separate da tutto ma che non sanno vivere l’una senza l’altra. Treni a cui basta poco per portarti in un altro mondo e treni che girano su se stessi per farti ritrovare qualcosa che pensavi di aver perduto per sempre. Se si è davvero fortunati potrebbe addirittura capitare di innamorarsi. Perché mentre si sta seduti nel vagone di un treno, con il cuore predisposto ad accogliere la casualità che governa ogni viaggio, gli occhi potrebbero posarsi su un viso speciale, e incontrare altri occhi, proprio quelli per noi necessari e irrinunciabili. Male che vada si potrà comunque lasciare spazio alla meraviglia dei luoghi, ai rumori inediti, alla luce dell’alba o alla profondità impenetrabile della notte, alla sorpresa di un viaggiare veloce che in realtà è l’elogio della lentezza. Accade questo e molto altro nei treni, nelle stazioni e nei lunghi percorsi descritti da Federico Pace nel libro, una raccolta di racconti dedicati a chi si sente davvero un viaggiatore. Treni non come mezzi di trasporto ma come oggetti mitici, in grado di portare il corpo e soprattutto la mente in un altrove impossibile da localizzare ma mai troppo distante da noi: non importa infatti se si va lontano o vicino, se si faccia il giro del mondo o se ci si allontani solo pochi chilometri da casa, quello che conta è avere consapevolezza del viaggio come esperienza da vivere con semplicità ma senza riserve. Accogliere il mistero, lo spaesamento, il senso d’allerta e quella sottile eccitazione verso l’ignoto: questo fa il viaggiatore, quando lascia le proprie comode certezze per incontrare l’inadeguatezza che si prova sul treno. Un treno che dalla trasparenza dei finestrini lascia entrare porzioni di mondo che rimandano ad altre storie, ad altre anime ancora una volta in movimento. Il libro coinvolge emotivamente, oltre a essere una validissima guida lungo le ferrovie di mezzo mondo. La grande capacità descrittiva dell’autore ben si sposa con il linguaggio evocativo e poetico che rende ogni racconto una storia da condividere. Sono tanti e dettagliati i riferimenti geografici (con gli orari, le distanze e le coordinate fedelmente riportati al termine di ogni racconto, così come il nome della compagnia ferroviaria) e numerosi anche quelli letterari. E poi ci sono loro, i veri protagonisti, i viaggiatori, con la bellezza e la bruttezza e tutte le loro unicità e differenze.

Londra-Parigi, Venezia-Atene, Cagliari-Olbia, Porto-Lisbona, Bergen-Oslo, Nizza-Marsiglia… attraverso il Brennero e sull’orlo dell'oceano. Città, mondi e vite che si incontrano sul filo di una ferrovia.
Federico Pace riunisce in ciascun capitolo viaggi in treno che si assomigliano, come possono assomigliarsi i fratelli e le sorelle di una stessa famiglia. Qualcosa li tiene insieme, qualcosa di essenziale, eppure sono diversissimi tra loro. Per le geometrie con cui procedono, per le persone che incontrano e quelle che ti fanno incontrare, per i luoghi in cui ti portano e per i pensieri che ti fanno venire in testa. Racconti per tirare il filo di tante storie e riscoprire il viaggio nella sua forma più sublime, antica e modernissima.
Perché quando si parte in treno, si parte davvero.

Messaggio modificato da Rotwang il 11 gennaio 2017 - 13:37

Come mai sei caduto dal cielo, Rotwang,
astro del mattino, figlio dell'aurora?
Come mai sei stato gettato a terra,
tu che calpestavi le nazioni?
Eppure tu pensavi nel tuo cuore:
«Salirò in cielo,
sopra le stelle di Dio
innalzerò il mio trono,
dimorerò sul monte dell'assemblea,
nella vera dimora divina.
Salirò sulle regioni superiori delle nubi,
mi farò uguale all'Altissimo».
E invece sei stato precipitato negli inferi,
nelle profondità dell'abisso!»
 

 


#2 OFFLINE   Giuca

Giuca

    Attivista

  • 4
  • 160 Messaggi:
  • 6 topics
  • LuogoPalermo

Current mood: Cold

Inviato 11 gennaio 2017 - 14:35

Trama molto carina. Credo che lo leggerò. Grazie!


giphy.gif






Topic simili Comprimi

  Discussione Forum Iniziata da Statistiche Informazioni ultimo messaggio